Jump to content
Inaki Rueda

La SF 24 EVO Ferrari HP

Come si piazzerà nel campionato costruttori?   

56 members have voted

This poll is closed to new votes
  1. 1. Come si piazzerà nel campionato costruttori?

    • Campioni del mondo
    • Secondo posto
    • Terzo posto
    • Quarto posto o peggio
  2. 2. Quante gare vincerà?



Recommended Posts

3 minuti fa, Kimired ha scritto:

Un po’ la solita tendenza Ferrari degli ultimi anni: la macchina è carente in un’area l’anno prima, con il nuovo progetto cercano di migliorare l’area debole compromettendo però troppo quella che prima era buona.

Secondo me il male di questa Ferrari sta nei cambi di direzione.

 

Sainz con mezzo sorriso ha anche ammesso che durante i long run non avevano poi così tanta benzina. :asd:
 

 

 

Ecco, adesso è più credibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perché la capra, è il miglior animale che c'è, dopo la donna.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
5 minuti fa, be_on_edge_84 ha scritto:

Insomma prima Vasseur si e poi Vasseur no. Eheh. 

Bisogna sviluppare la vettura, la base è migliore del 2023.


Non credo che in questo discorso c’entri Vasseur, che come tp sta per ora facendo un buon lavoro. È un discorso di vettura. Su questa pista la Ferrari non è stata buona, almeno oggi in qualifica.

Edited by Kimired

Share this post


Link to post
Share on other sites

Strana comunque la prestazione nei settori, perché se prendiamo i migliori assoluti di Max e dei Ferrari per l'ideal lap, nel T1 la Ferrari paga poco meno di due decimi, nel T2 è l'unica con le RB sotto i 40 netti, mentre perde più di due decimi nel T3, segno che la chicane ha rappresentato un problema. Comunque la seconda fila di Sainz conforta e credo che la McLaren possa essere battuta sul degrado, ma non sarà facile. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Obiettivo realistico: 

3° Sainz

5° Leclerc 

Questo è il miglior risultato auspicabile se non ci sono cose particolari in gara, ma non sarà facile.

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

image.png



strana velocità in fondo al rettilineo per leclerc, deve aver sbagliato l'uscita della chicane quando si è lanciato

Edited by mircocatta

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, mircocatta ha scritto:

image.png



strana velocità in fondo al rettilineo per leclerc, deve aver sbagliato l'uscita della chicane quando si è lanciato

E l'ha sbagliata anche nel giro lanciato..

Share this post


Link to post
Share on other sites

RB dominante dappertutto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se mettiamo insieme i migliori intertempi per team, ottenendo il giro ideale assoluto per team, questa è la situazione

 

Red Bull 1:28.043

McLaren 1:28.473  +0.430

Ferrari 1:28.556 +0.507

Mercedes1:28.618 +0.575

Aston Martin 1:28.686 +0.643

Share this post


Link to post
Share on other sites

3-4 è fattibile secondo me, anche con questa qualifica di Leclerc.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, KimiSanton ha scritto:

3-4 è fattibile secondo me, anche con questa qualifica di Leclerc.


Fattore aria sporca + velocità non stellare sul rettilineo. Ribadisco, domani finiscono 3º-7º, forse Leclerc puó anche arrivare 6º ma vediamo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, KimiSanton ha scritto:

3-4 è fattibile secondo me, anche con questa qualifica di Leclerc.

Secondo me più probabile 3 e 5 , e Sainz dovrà fare una gara super su Norris per la terza piazza. Leclerc dovrebbe recuperare subito in partenza e li non la vedo bene. poi spero che ci prendi tu col pronostico o magari… 😀

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Purtroppo era probabile che in questa pista la Ferrari sarebbe stata più in difficoltà.
Non hanno portato praticamente nulla o quasi mentre gli altri si, oltre il fatto che le caratteristiche del tracciato sono esattamente quelle per le quali questa monoposto soffre, almeno sul giro secco.

Cambi di direzione, chicane, curve veloci.

Domani l’unica cosa è limitare i danni.

Edited by Kimired

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leggevo un thread che spiegava come con queste vetture la differenza di prestazioni sul giro si ha non tanto nei picchi di carico che si riesce a generare, ma nella capacità di mantenerlo costante in tutte le condizioni. Le vetture ad effetto suolo sono molto sensibili e il carico portato a terra può variare molto a seconda delle condizioni del vento, dell'altezza da terra, nell'angolo sterzo, se si è in aria pulita o sporca. Questo spiega anche perché in qualifica quando la performance delle gomme è al top le distanze sono molto ridotte per poi ampliarsi in gara.

 

Quando si fanno le analisi in galleria del vento si testa la vettura solamente in condizioni ideali col vento perfettamente perpendicolare, altezza da terra minima fissa e angolo sterzo neutro. L'errore dei tecnici FIA e quello di molte altre squadre è stato quello di sottovalutare invece la sensibilità di queste vetture ad effetto suolo al variare delle condizioni, soprattutto considerando la rimozione di tutte quelle appendici aerodinamiche che aiutavano a gestire i flussi. Il porpoising ad esempio ha fatto perdere mesi se non anni di sviluppo ad alcune squadre, che erano rimaste ingannate invece dai dati in galleria del vento. Secondo questo tizio la Ferrari nel 2022 aveva di gran lunga il carico aereodinamico maggiore e quasi tutti i tecnici si erano convinti che la soluzione delle vasche fosse la più efficiente aereodinamicamente, poi è bastato modificare un minimo l'altezza da terra per rendere la vettura più "peaky", ossia con dei picchi di carico in alcune curve rimasto invariato e crollo in altre. Questo comportamento imprevedibile della vettura ha reso la vita difficile per i piloti nel capire il comportamento dell'auto e per i tecnici nello svilupparla.

 

Sempre secondo questo tizio la Red Bull avrebbe deliberatamente scelto ad inizio 2022 di partire in sovrappeso applicando anche della zavorre per capire meglio il comportamento della vettura e cercare di rendere i livelli di carico al variare delle condizioni il più costante possibile, per capire come sviluppare al meglio e poi recuperare velocemente performance. Quando i tecnici Red Bull hanno visto la soluzione Mercedes hanno sostanzialmente festeggiato perché era una soluzione immaginata anche da loro in fase di progettazione ma avevano capito subito che "il fondo non poteva reggere" e che lo spostamento orizzontale delle masse composte da motore, cambio e radiatori avrebbe reso ingestibile il bilanciamento della vettura.

 

In più sempre secondo lui il famoso vantaggio DRS della Red Bull non dipende da altro che da una gestione dei flussi al diffusore che funzionano molto efficacemente in condizioni di aria sporca, e poi ha spiegato che Newey ha ripreso una vecchia soluzione della McLaren 2011 per sporcare i flussi invece alle macchine che seguono in scia, immaginando appunto gruppi più compatti dopo il cambio regolamentare.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, SebMat ha scritto:

Leggevo un thread che spiegava come con queste vetture la differenza di prestazioni sul giro si ha non tanto nei picchi di carico che si riesce a generare, ma nella capacità di mantenerlo costante in tutte le condizioni. Le vetture ad effetto suolo sono molto sensibili e il carico portato a terra può variare molto a seconda delle condizioni del vento, dell'altezza da terra, nell'angolo sterzo, se si è in aria pulita o sporca. Questo spiega anche perché in qualifica quando la performance delle gomme è al top le distanze sono molto ridotte per poi ampliarsi in gara.

 

Quando si fanno le analisi in galleria del vento si testa la vettura solamente in condizioni ideali col vento perfettamente perpendicolare, altezza da terra minima fissa e angolo sterzo neutro. L'errore dei tecnici FIA e quello di molte altre squadre è stato quello di sottovalutare invece la sensibilità di queste vetture ad effetto suolo al variare delle condizioni, soprattutto considerando la rimozione di tutte quelle appendici aerodinamiche che aiutavano a gestire i flussi. Il porpoising ad esempio ha fatto perdere mesi se non anni di sviluppo ad alcune squadre, che erano rimaste ingannate invece dai dati in galleria del vento. Secondo questo tizio la Ferrari nel 2022 aveva di gran lunga il carico aereodinamico maggiore e quasi tutti i tecnici si erano convinti che la soluzione delle vasche fosse la più efficiente aereodinamicamente, poi è bastato modificare un minimo l'altezza da terra per rendere la vettura più "peaky", ossia con dei picchi di carico in alcune curve rimasto invariato e crollo in altre. Questo comportamento imprevedibile della vettura ha reso la vita difficile per i piloti nel capire il comportamento dell'auto e per i tecnici nello svilupparla.

 

Sempre secondo questo tizio la Red Bull avrebbe deliberatamente scelto ad inizio 2022 di partire in sovrappeso applicando anche della zavorre per capire meglio il comportamento della vettura e cercare di rendere i livelli di carico al variare delle condizioni il più costante possibile, per capire come sviluppare al meglio e poi recuperare velocemente performance. Quando i tecnici Red Bull hanno visto la soluzione Mercedes hanno sostanzialmente festeggiato perché era una soluzione immaginata anche da loro in fase di progettazione ma avevano capito subito che "il fondo non poteva reggere" e che lo spostamento orizzontale delle masse composte da motore, cambio e radiatori avrebbe reso ingestibile il bilanciamento della vettura.

 

In più sempre secondo lui il famoso vantaggio DRS della Red Bull non dipende da altro che da una gestione dei flussi al diffusore che funzionano molto efficacemente in condizioni di aria sporca, e poi ha spiegato che Newey ha ripreso una vecchia soluzione della McLaren 2011 per sporcare i flussi invece alle macchine che seguono in scia, immaginando appunto gruppi più compatti dopo il cambio regolamentare.

Molto interessante, grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 minuti fa, SebMat ha scritto:

Leggevo un thread che spiegava come con queste vetture la differenza di prestazioni sul giro si ha non tanto nei picchi di carico che si riesce a generare, ma nella capacità di mantenerlo costante in tutte le condizioni. Le vetture ad effetto suolo sono molto sensibili e il carico portato a terra può variare molto a seconda delle condizioni del vento, dell'altezza da terra, nell'angolo sterzo, se si è in aria pulita o sporca. Questo spiega anche perché in qualifica quando la performance delle gomme è al top le distanze sono molto ridotte per poi ampliarsi in gara.

 

Quando si fanno le analisi in galleria del vento si testa la vettura solamente in condizioni ideali col vento perfettamente perpendicolare, altezza da terra minima fissa e angolo sterzo neutro. L'errore dei tecnici FIA e quello di molte altre squadre è stato quello di sottovalutare invece la sensibilità di queste vetture ad effetto suolo al variare delle condizioni, soprattutto considerando la rimozione di tutte quelle appendici aerodinamiche che aiutavano a gestire i flussi. Il porpoising ad esempio ha fatto perdere mesi se non anni di sviluppo ad alcune squadre, che erano rimaste ingannate invece dai dati in galleria del vento. Secondo questo tizio la Ferrari nel 2022 aveva di gran lunga il carico aereodinamico maggiore e quasi tutti i tecnici si erano convinti che la soluzione delle vasche fosse la più efficiente aereodinamicamente, poi è bastato modificare un minimo l'altezza da terra per rendere la vettura più "peaky", ossia con dei picchi di carico in alcune curve rimasto invariato e crollo in altre. Questo comportamento imprevedibile della vettura ha reso la vita difficile per i piloti nel capire il comportamento dell'auto e per i tecnici nello svilupparla.

 

Sempre secondo questo tizio la Red Bull avrebbe deliberatamente scelto ad inizio 2022 di partire in sovrappeso applicando anche della zavorre per capire meglio il comportamento della vettura e cercare di rendere i livelli di carico al variare delle condizioni il più costante possibile, per capire come sviluppare al meglio e poi recuperare velocemente performance. Quando i tecnici Red Bull hanno visto la soluzione Mercedes hanno sostanzialmente festeggiato perché era una soluzione immaginata anche da loro in fase di progettazione ma avevano capito subito che "il fondo non poteva reggere" e che lo spostamento orizzontale delle masse composte da motore, cambio e radiatori avrebbe reso ingestibile il bilanciamento della vettura.

 

In più sempre secondo lui il famoso vantaggio DRS della Red Bull non dipende da altro che da una gestione dei flussi al diffusore che funzionano molto efficacemente in condizioni di aria sporca, e poi ha spiegato che Newey ha ripreso una vecchia soluzione della McLaren 2011 per sporcare i flussi invece alle macchine che seguono in scia, immaginando appunto gruppi più compatti dopo il cambio regolamentare.


sembra interessante, passi il link del thread se lo ritrovi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Kimired ha scritto:

Purtroppo era probabile che in questa pista la Ferrari sarebbe stata più in difficoltà.
Non hanno portato praticamente nulla o quasi mentre gli altri si, oltre il fatto che le caratteristiche del tracciato sono esattamente quelle per le quali questa monoposto soffre, almeno sul giro secco.

Cambi di direzione, chicane, curve veloci.

Domani l’unica cosa è limitare i danni.

Si non è che ora si ritrovano per magia 2-3 decimi di vantaggio sul passo gara su McLaren e Mercedes, sarei molto sorpreso, anche se voglio analizzare i tempi delle fp3.

Sainz era molto contento (anche perché il compagno è ottavo e lui quarto, secondo :asd:), perché dice che han migliorato rispetto a un anno fa e questo è vero nel primo settore, il problema più grosso secondo me è rappresentato dall'ultima chicane dove la sf24 non va proprio, non so se in inserimento, percorrenza o trazione, o tutte e tre...

Share this post


Link to post
Share on other sites
36 minuti fa, be_on_edge_84 ha scritto:

Si non è che ora si ritrovano per magia 2-3 decimi di vantaggio sul passo gara su McLaren e Mercedes, sarei molto sorpreso, anche se voglio analizzare i tempi delle fp3.

Sainz era molto contento (anche perché il compagno è ottavo e lui quarto, secondo :asd:), perché dice che han migliorato rispetto a un anno fa e questo è vero nel primo settore, il problema più grosso secondo me è rappresentato dall'ultima chicane dove la sf24 non va proprio, non so se in inserimento, percorrenza o trazione, o tutte e tre...


Vabe han migliorato tutti, tranne forse Mercedes e ovviamente Alpine.

È dai test invernali che la macchina non va benissimo nei cambi di direzione veloci.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembrava che fosse debole in trazione.

Da capire se è in parte dovuto a un setup costruito per proteggere le gomme, che poi ti toglie prestazione in trazione sul giro secco.

Comunque un bilancio sulla prestazione Ferrari si potrà fare domani, un distacco di 4-5 decimi al giro sarebbe positivo per me. Sarebbe un distacco medio in gara dimezzato in pochi mesi, e con un importante sviluppo ancora da portare.

Ovviamente il distacco sarà valutabile se le Ferrari non si troveranno in traffico, cosa quasi certa per Charles.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Prestazione semplicemente vergognosa oggi.

Migliorare solo di 9 decimi rispetto a quel bidone della SF 23 nel circuito forse più critico per quella macchina richiedeva un capolavoro al contrario e ci sono riusciti.

Terz'ultima forza nel terzo settore, a metà classifica nel primo. IMBARAZZANTE

 

Verstappen che ha anche detto di non essere contento della macchina ha migliorato di 7 decimi rispetto alla RB 19 che a Suzuka volava.

 

Questa è una delle peggiori performance in qualifica (anche rispetto alle attese) da un bel po' di tempo.

Edited by Bombarolo di Torino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×