Jump to content
L.Costigan

Fernando Alonso lascia la F1

Recommended Posts

allora: il GP di Suzuka lo registrai al pomeriggio e va dalla partenza al podio con tanto di inno brasiliano oscurato da Claudia Peroni che intervista Barrichello felice per i suoi primi punti, augurandogli un giorno di diventare campione del mondo come il suo mito Senna :asd:

però la qualità è quella che è, visto che c'era l'analogico...

 

Per quanto riguarda l'Australia, mi alzai alle 4 del mattino e registrai tutto il pre-gara con tanto di bella intervista di Zermiani a Senna sull'addio alla McLaren.

La qualità è ottima ma non feci bene i calcoli e la vhs finì a 6-7 giri dalla fine :smile2:

 

Ovviamente però non dicevo sul serio, è un ricordo a cui tengo troppo :asd:

E poi fra qualche anno potrebbe valere chissà quanto...

 

€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€ :asd:

 

 

Però potresti rippare quantomeno la gara e donare a chi non era uso registrare tutto in VHS (o aveva già finito le VHS "vergini" la sera prima con Colpo Grosso)

 

Edited by Sennaesque

Share this post


Link to post
Share on other sites

Senna è Senna, ed è intoccabile, solo oggi.

All'epoca c'era chi lo considerava inferiore a Prost, altri a Mansell, chi lo considerava un pazzo, chi un pilota scorretto che doveva ricorrere a mezzucci per stare davanti, uno che usava la politica, faceva giochetti.

Non io, che l'ho sempre amato alla follia (come pilota, fuori dalla macchina per nulla), ma le scuole di pensiero non erano soltanto quelle che si leggono oggi.

 

Fare paragoni è impossibile, all'epoca gli afecionados di Clark si indignavano perchè paragonavano Senna al campione inglese.

 

Quindi i paragoni con Alonso sono inutili, lo spagnolo è ancora in attività e, peggio, è ancora vivo.

 

L'unica cosa che si puo dire è che sia stato il migliore, o tra i migliori, della sua epoca.

Come Senna e Prost, e altri campioni per ogni epoca.

 

Qui però si parlava di carisma e personalità.

E, al di là della qualifica di intoccabile o meno, è incontestabile che Senna ne avesse da vendere. In una maniera neppure minimamente avvicinabile ad Alonso o altro pilota attuale.

La riprova sta nel fatto che, se si vuole parlare di una certa epoca della F1, è impossibile non parlare di Senna. E non solo per quello fatto in pista ma anche per un sacco di cose oltre e fuori la pista. Non mi sembra si possa dire la stessa cosa di Alonso. Siamo sicuri che fra vent'anni la figura dello spagnolo sarà così centrale nel racconto di quest'epoca di F1, al di là della citazione d'obbligo delle statistiche? Io non lo sono per nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E tu pensi che tra 20 anni quando si parlerà di questa epoca della F1 non si parlerà inevitabilmente di Alonso?

Ha segnato e sta segnando la sua epoca in F1, è considerato da anni, a torto o a ragione, il miglior pilota in attività, e tu pensi che non sarà il centro di milioni di discorsi su chi fosse il migliore in questi anni, come accade oggi per Senna?

Ti sbagli, ed è gia oggi un fatto, non un opinione :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diciamo che non si parlerà solo di lui. Tanti discorsi che si stanno facendo già oggi e che fanno rientrare anche gli altri nomi della sua era.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Al solo pensiero di trovarmi tra 20 anni a discutere le stesse cose di cui si parla ormai da anni ancora e ancora mi viene voglia di cambiare sport. :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diciamo che non si parlerà solo di lui. Tanti discorsi che si stanno facendo già oggi e che fanno rientrare anche gli altri nomi della sua era.

 

Esattamente come per Senna, con Prost e Mansell.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sinceramente ho come l'impressione che fra 20 anni si parlerà ancora di Senna e Prost

Se ci fate caso già oggi non si parla più di Schumacher, Hakkinen, Villeneuve, Coulthard, Frentzen, Hill... anzi, come ha detto Jacques l'altro giorno in risposta alla Masolin:

"Se Rosberg sarà orgoglioso di aver raggiunto le pole di Graham Hill? Tu pensi che lo conosca"

"Beh, è il padre di Damon!"

"Ah perchè secondo te i piloti della nuova generazione sanno chi era Damon Hill?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se ci fate caso già oggi non si parla più di Schumacher, Hakkinen, Villeneuve, Coulthard, Frentzen, Hill

 

eh? ma quando mai?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Diciamo che non si parlerà solo di lui. Tanti discorsi che si stanno facendo già oggi e che fanno rientrare anche gli altri nomi della sua era.

 

Esattamente come per Senna, con Prost e Mansell.

 

 

I protagonisti di quel periodo. Magari per chi non segue lo sport assiduamente risulterà magari più difficile ricordarsi di qualcuno come Patrese, Boutsen, Brundle, o altri piloti che non sono stati al centro della ribalta. Quei nomi che gireranno nei discorsi saranno quei 4-5 al massimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si parlava di Alonso, non di Hulkemberg che, come per Brundle, si ricorderanno solo gli appassionati.

Ed Alonso sarà ricordato, ovviamente, anche da quelli che guardano solo la partenza e se non ci sono incidenti cambiano.

Come sarà per Hamilton e Vettel, e come prima di loro Schumacher, Senna e Prost.

Siamo partiti parlando di Alonso e poi mi dici che la gente non si ricorda Patrese?

A parte il fatto che, oltretutto, la gente si ricorda anche di Patrese o DeAngelis.

Ma qui stavamo parlando del top della F1 attuale, non dei comprimari.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il punto del discorso è che tutte le varie discussioni verteranno sui 4-5 più famosi. Semplicemente confermavo quello che stavi dicendo. Tra dieci anni i nomi che si sentiranno nei discorsi saranno quelli: Alonso, Vettel, Hamilton, Raikkonen, Button, non i comprimari. Difficilmente appunto ci si ricorderà di altri, almeno il tifoso più occasionale. Ma è vero anche che i discorsi non si incentrano su uno solo, ma sempre su più piloti, in ogni periodo storico. Anche con Schumacher, anche con Senna, anche con Lauda, anche con Clark, anche con Fangio (andando per decenni), idem con Alonso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando si parlava di "fra 20 anni" intendevate "noi fra 20 anni" o le future generazioni che questi anni non li hanno vissuti?

Perchè se prendete i ragazzi che oggi hanno 16 anni non possono sapere nè ora nè mai chi era Hakkinen per il semplice motivo che nessuno ne parla più attualmente, e se nessuno ne parla a te neanche viene lo sfizio di andarti a documentare.

Diverso è per chi quelle gare le ha viste o per chi ha festeggiato i mondiali della Ferrari: si ricorderà sempre non solo di Schumacher e Hakkinen ma anche dei comprimari come Irvine e Coulthard...

 

Per fare un esempio: della tanto reclamizzata rivalità fra Lauda e Hunt io, che seguo la F1 da secoli, non avevo mai sentito parlare prima che tutti ne parlassero per via del film.

Ora potrete dire che sono un ignorantone :asd: ma non è che il pubblico in generale sapesse nulla di Hunt...

Per Alonso è diverso perchè ha corso per la Ferrari, ma se fosse rimasto in McLaren senza più vincere Mondiali, dubito che fra 20 anni si parlerebbe ancora di lui...

Edited by Supernova

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo nella odierna f1 conta solo vincere e saperci fare con la stampa, solo se vinci e fai lo spaccone sei considerato e sei sulla bocca di tutti, nel passato i piloti erano più veri e spontanei e c'erano meno soldi... fangio chi se lo ricorda? (5 titoli)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando si parlava di "fra 20 anni" intendevate "noi fra 20 anni" o le future generazioni che questi anni non li hanno vissuti?

Perchè se prendete i ragazzi che oggi hanno 16 anni non possono sapere nè ora nè mai chi era Hakkinen per il semplice motivo che nessuno ne parla più attualmente, e se nessuno ne parla a te neanche viene lo sfizio di andarti a documentare.

Diverso è per chi quelle gare le ha viste o per chi ha festeggiato i mondiali della Ferrari: si ricorderà sempre non solo di Schumacher e Hakkinen ma anche dei comprimari come Irvine e Coulthard...

 

Per fare un esempio: della tanto reclamizzata rivalità fra Lauda e Hunt io, che seguo la F1 da secoli, non avevo mai sentito parlare prima che tutti ne parlassero per via del film.

Ora potrete dire che sono un ignorantone :asd: ma non è che il pubblico in generale sapesse nulla di Hunt...

Per Alonso è diverso perchè ha corso per la Ferrari, ma se fosse rimasto in McLaren senza più vincere Mondiali, dubito che fra 20 anni si parlerebbe ancora di lui...

 

No, no... lasciatelo dire: sei un ignorantone (:asd:)

 

Io non ho mai visto correre Rindt, Clark, il Fittipaldi dei mondiali, Surtees, Moss, Ickx, Peterson (vidi solo il suo ultimo start, al primo GP che seguii in tv) Brabham, e moltissimi altri. Ma sapevo chi erano. Perchè avevo una grande passione ed andai a cercare il maggior numero possibile di informazioni sulla F1 che mi ero "perso", appassionandomi solamente a 13-14 anni.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per fare un esempio: della tanto reclamizzata rivalità fra Lauda e Hunt io, che seguo la F1 da secoli, non avevo mai sentito parlare prima che tutti ne parlassero per via del film.

 

E ci credo, non è mai esistita (se non nel film). Ma Hunt è pur sempre un campione del mondo, l'appassionato di F1 sa bene chi è.

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, attenzione.

Io sapevo che Hunt fosse un campione ma l'avevo bollato come classica "botta di c*lo alla Keke Rosberg", cioè un lentone che vinse immeritatamente un Mondiale grazie alle disgrazie altrui.

Ma l'appassionato medio che segue le gare di Hunt non sapeva neanche quello, sicuro come la morte!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×