Jump to content
Sign in to follow this  
Illy

11 Settembre - Tutto un complotto?

Recommended Posts

4 minuti fa, crucco ha scritto:

Inoltre tutti sanno che:

 la capacità di resistere al fuoco ed agli incendi è maggiore per gli edifici in legno piuttosto che per quelli realizzati in cemento armato o in acciaio

 

Per cui lasciamo perdere l'acciaio allo stato fuso, le trombe dell‘inferno, fiumi di lava ecc...

 

 

Grazie, sei molto gentile. :zizi:

Ma sei sicuro? A me sembra una cagata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si continua a parlare di 700°gradi. Temperatura mai raggiunta in quell’ora.

 

24 minuti fa, crucco ha scritto:

Per cui lasciamo perdere l'acciaio allo stato fuso, le trombe dell‘inferno, fiumi di lava ecc...

 

Ma come lasciamo perdere ahahah

 

Seriamente lo dici sul serio?

Non scherziamo per favore!

Nessun edificio in acciaio è crollato dopo 50 minuti per il fuoco, polverizzandosi cadendo a velocità di caduta libera. 

 

Caduta libera, polverizzazione, temperature folli a tre mesi dai crolli con anche incendi, acciaio fuso... ancora nessuna risposta

Edited by VincenzoFerrari

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, Illy ha scritto:

Ma sei sicuro? A me sembra una cagata

Non è una cagata ma non è nemmeno esatto.  

Il legno a differenza da quanto si pensi non è un buon combustibile, ci mette tanto a prendere fuoco e soprattutto una volta che ha preso fuoco ci mette molto a raggiungere lo stato limite per cui la struttura non resiste più ai carichi. Sostanzialmente se ti metti con un accendino vicino ad una trave di legno non riuscirai mai a dargli fuoco e anche se ci riuscissi, avresti molto tempo per lasciare l'edificio e metterti in salvo. 

Al contrario l'acciaio ovviamente non prenderà mai fuoco, ma una volta che viene esposto a certe temperature, si scioglie e perde molto rapidamente la capacità di reggere il carico.  Cosa che nelle strutture in acciaio è palese perchè porta al crollo, nelle strutture in calcestruzzo armato invece può anche darsi che la struttura regga ad un incendio, ma poi non si è più sicuri delle condizioni dell'acciaio delle armature, obbligando per forza la demolizione. (se l'incendio dura molto ed è molto esteso, se va a fuoco una cucina, lo strato di cemento è sufficientemente spesso da ipotizzare che il calore non sia arrivato in maniera così elevata e la struttura si sarà conservata. 

Quindi effettivamente il legno resiste agli incendi meglio dell'acciaio nel breve periodo, ma alla fine entrambe le strutture saranno collassate o distrutte. 
 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sontuoso Illy, ci è riuscito a mettere su il miliardesimo scontro sull'11 settembre. E come ci si buttano a pesce!

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
51 minuti fa, Illy ha scritto:

Ma sei sicuro? A me sembra una cagata

 

:asd: 

 

Tu che dici?

Share this post


Link to post
Share on other sites
28 minuti fa, Bigmeu ha scritto:

Al contrario l'acciaio ovviamente non prenderà mai fuoco, ma una volta che viene esposto a certe temperature, si scioglie e perde molto rapidamente la capacità di reggere il carico.  Cosa che nelle strutture in acciaio è palese perchè porta al crollo, nelle strutture in calcestruzzo armato invece può anche darsi che la struttura regga ad un incendio, ma poi non si è più sicuri delle condizioni dell'acciaio delle armature, obbligando per forza la demolizione. (se l'incendio dura molto ed è molto esteso, se va a fuoco una cucina, lo strato di cemento è sufficientemente spesso da ipotizzare che il calore non sia arrivato in maniera così elevata e la struttura si sarà conservata. 

 

Ciò comunque non è riconducibile alle torri gemelle che non arrivarono a certe temperature. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le temperature raggiunte dalla struttura delle torri gemelle fu sufficiente a farla collassare, come in effetti è accaduto.

 

Un solaio in cemento armato, comunque (per rispondere ad un altro quesito) collassa prima di uno in legno, a parità di condizioni. Il caso del legno di Notre Dame, molto vecchio e secco, è ovviamente diverso.

 

Del resto la terra è piatta e la luna si trova in un deserto degli Stati Uniti d'America.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@VincenzoFerrari Non vedo così improbabile che un ambiente chiuso, pieno di materiale infiammabile come moquette, scrivanie e tutto ciò che sta in un ufficio, riempito pure con combustibile d'aeroplano, raggiunga una temperatura sufficiente a far indebolire anche solo una colonna di acciaio.
Secondo i vigili del fuoco queste sono le temperature della fiamma in base al colore http://www.vigilfuoco.it/aspx/Page.aspx?IdPage=4134 e la Norma UNI 9503 già a 450° gradi considera la temperatura può essere critica per l'acciaio. 

Aggiungiamo il fatto che una temperatura X può anche non essere materialmente sufficiente a indebolire una colonna, ma dal momento che si è persa pure la ridondanza strutturale con la perdita nell'impatto di alcune colonne, uno sforzo maggiore può anche causare una fase plastica che porta al collasso delle strutture senza necessità di esposizione al fuoco. 
Sostanzialmente se già ti sei rotto una caviglia e io ti faccio lo sgambetto sulla gamba buona, è molto molto probabile che ti vedrò finire a terra. 

La caduta dei piani al di sopra della parte lesa poi può aver innescato un effetto catena che ha portato al cedimento di colonne anche molto più in basso a causa del peso che sono state indotte a supportare carichi per cui non erano state pensate. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 ore fa, Aviatore_Gilles ha scritto:

Posso farti una domanda, perché sarebbe stato fatto tutto questo?

 

Non è stata data risposta alla mia domanda.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho seguto la vicenda per anni e l'unica cosa che non mi ha lasciato dubbi è che la versione ufficiale è poco credibile.

Parlate di fusione del metallo quando io, nella mia ignoranza, mi limito a guardare "come" sono venuti giu quei palazzi. Ed i conti non tornano, così come tante, troppe, altre cose.

Leno chiedeva il perché. Beh, da quel giorno è cambiato il mondo. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intendo perché farlo in quel modo.

Se già le hai imbottite di esplosivo perché prendersi la briga di fare anche tutto il numero con gli aerei

Le fai esplodere e hai già il tuo attentato bello e pronto mi sembra, idem con gli edifici intorno, a che scopo minare e far saltare pure dei palazzi più piccoli intorno?

E farli pure saltare dopo le torri che tanto non se li caga nessuno? E poi anche prendendo per un attimo in considerazione un piano così assurdo, ci sarebbero voluti qualche camion di esplosivo per metterlo in pratica ma nei giorni precedenti non risulta alcun movimento sospetto attorno agli edifici.

Quindi ripeto sul chi e sul perché i dubbi sono più che legittimi ma sulla dinamica no, le torri son venute giù perché colpite dagli aerei, il resto non sta proprio in piedi a livello logico.

Edited by Leno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che poi se fai saltare le fondamenta, qualcuno mi spiega perché il crollo è iniziato dall'alto? Seconda domanda, alla quale nessuno risponde mai, perché sarebbe stato inscenato tutto? Il motivo intendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, effe ha scritto:

Ho seguto la vicenda per anni e l'unica cosa che non mi ha lasciato dubbi è che la versione ufficiale è poco credibile.

Parlate di fusione del metallo quando io, nella mia ignoranza, mi limito a guardare "come" sono venuti giu quei palazzi. Ed i conti non tornano, così come tante, troppe, altre cose.

Leno chiedeva il perché. Beh, da quel giorno è cambiato il mondo. 

Il problema è che le torri gemelle rappresentano un inedito senza precedenti nelle dinamiche... ricordiamo la mole di quei grattacieli e ditemi avete mai visto crollare palazzi così grandi dopo un incidente aereo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vero, ma penso che sia quantomeno singolare il fatto che siano venuti giu esattamente come nelle demolizioni controllate. Magari è possibile, puo succedere, ma entrambe nello stesso modo? E così anche gli edifici vicini?

Lo trovo improbabile. Leno poi aggiunge che sarebbe stato piu comodo mettere le cariche senza tirare in ballo gli aerei, ed è vero, ma credo che l'individuazione del colpevole nei turbantati e l'effetto sulle persone sia stato molto piu efficace così.

Gli attentati alla metro di londra e tokyo vengono ricordati a malapena, non hanno cambiato il mondo. E non solo perché morti e feriti sono stati molti di meno.

Nin si spiega poi come sia stato possibile che dopo il primo aereo anche il secondo sia potuto arrivare indisturbato. Non si spiega come quegli arabi pilotassero meglio delle frecce tricolore, non si spiega dove sia finito l'aereo che avrebbe colpito il pentagono.

Io non sono un complottista, mi ci creo barzellette homemade con le scie chimiche e la terra piatta, però nel casino dell'11 settembre ci vedo piu ombre che chiarezza.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, effe ha scritto:

. Beh, da quel giorno è cambiato il mondo. 

esattamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
51 minuti fa, effe ha scritto:

Nin si spiega poi come sia stato possibile che dopo il primo aereo anche il secondo sia potuto arrivare indisturbato. Non si spiega come quegli arabi pilotassero meglio delle frecce tricolore, non si spiega dove sia finito l'aereo che avrebbe colpito il pentagono.

Io non sono un complottista, mi ci creo barzellette homemade con le scie chimiche e la terra piatta, però nel casino dell'11 settembre ci vedo piu ombre che chiarezza.

concordo su tutto.

L’immobilismo della difesa è stato inquietante. 

Ripeto che quel giorno furono organizzati così tante esercitazioni, da non avere praticamente nessun caccia disponibile.

Inoltre, dopo il primo attacco, non sono stati richiamati.

Il ministro della difesa si è reso conto che la sua Nazione fosse in pericolo 1 ora e mezza dopo praticamente tutti i maggiori attacchi. 

Ci sono stati personaggi con cariche importanti che quella mattina furono irreperibili.

Scatole nere mai trovate 

Zero video per il pentagono con danni alla facciata incompatibili con un boeng di quelle dimensioni. Nel pentagono poi c’è quel foro di uscita che rimane inspiegabile (o spiegabile dicendo che nessun aereo ha colpito l’edificio). Inoltre, c’è la testimonianza del corrispondente della NBC al Pentagono, Jim Miklaszewski, che fu avvertito in anticipo da un ufficiale dell’intelligence che gli avrebbe detto: "Se fossi in lei me ne starei al di fuori dell'anello E (quello esterno, dove si trovavano gli uffici della NBC) per tutta la giornata, perché siamo i prossimi." 

La buca rinchiusa su se stessa con sotto terra l’aereo

 

Tutte queste domande rimangono senza risposte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 ore fa, Illy ha scritto:

Ma sei sicuro? A me sembra una cagata

 

Ovviamente dipende dalla struttura, ma in taluni casi è proprio così, il legno può reggere agli incendi meglio dell'acciaio e del cemento.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Aviatore_Gilles ha scritto:

Che poi se fai saltare le fondamenta, qualcuno mi spiega perché il crollo è iniziato dall'alto?

 

Non vedo il problema. Spesso iniziano dall’alto, anzi molte demolizioni iniziate dal basso non sono andate a buon fine.

Inoltre per l’altezza e grandezza delle torri, sarebbe stato sicuramente meglio così. 

Anzi proprio per questo, non è possibile che sia stato un cedimento strutturale

@chatruc gli sbuffi alle finestre sono iniziati a 30-40-50 piani sotto.

 

6 ore fa, Aerozack ha scritto:

Il problema è che le torri gemelle rappresentano un inedito senza precedenti nelle dinamiche... ricordiamo la mole di quei grattacieli e ditemi avete mai visto crollare palazzi così grandi dopo un incidente aereo...

 

Sugli aerei c’è anche un problema relativo alle velocità, assolutamente assurde visto che ci si trovava vicino al livello del mare.

 

8 ore fa, Leno ha scritto:

ma nei giorni precedenti non risulta alcun movimento sospetto attorno agli edifici.

In realtà sì. 

Nel week end prima dell’11 settembre, ci fu un distacco della corrente elettrica che disabilitò tutti i sistemi di sorveglianza e sicurezza. Si poteva andare e venire anche in zone riservate. Testimoni che hanno visto squadre in tuta. Questo per oltre 48 ore, e per due notti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi, tutti a concentrarsi sulle torri gemelle, ma ci sono episodi molto più evidenti del fatto che la versione ufficiale non sta in piedi.

 

 Su tutte:

- Il terzo edificio crollato senza essere stato colpito da aerei

- L'aereo precipitato in Pennsylvania e scomparso in una buca di 3 metri per 5

- L'aereo che avrebbe colpito il Pentagono, mai ripreso da nessuna videocamera (se non un video pubblicato anni dopo da cui non si capisce nulla).

- Il fatto che 4 sfigati che avevano provato a prendere il brevetto di volo, ma bocciati perché definiti degli incapaci, avrebbero pilotato i Boeing come manco dei Top Gun

 

Avevo seguito tempo fa la vicenda, e non mi ricordo tutti i dettagli, ma diverse spiegazioni erano davvero delle farloccate.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×