Jump to content
Guest Rhobar_III

Il problema dello spettacolo nella F1 2010

Recommended Posts

La madre di tutti i problemi ? la tecnologia iper-sofisticata.

 

La questione non riguarda solo la F1 , ma riguarda la F1 pi? degli altri proprio perch? ha il peggiorativo dell'aereodinamica.

Tra l'altro per la F1 si pu? parlare di automobilismo solo perch? le vetture hanno 4 ruote...

 

Guarda a caso in moto-GP (massima espressione tecnologica nelle 2 ruote, e quindi la F1 delle 2 ruote) si sta avendo pi? o meno lo stesso problema proprio per l'elevatissimo fattore tecnologico e l'uso massiccio dell'elettronica negli ultimi anni. Anche in SuperBike con l'aumento dell'elettronica (seppur con una tecnologia inferiore) negli ultimi anni anche qui ogni tanto si vedono gare noiose...

 

L'esasperazione tecnica porta vicini alla perfezione e quindi quando hai qualche decimo in pi? degli altri ? finita...

 

 

A questo punto per salvare la stagione F1 del 2010 una delle pochissime soluzioni realmente fattibili ? quella di abolire il parco chiuso.

Infatti ad esempio nella motoGp, non essendoci il parco chiuso, ogni tanto capita che un pilota che ha fatto delle qualifiche non eccellenti e non parte in prima fila sulla griglia di partenza, magari con qualche invenzione alla domenica mattina riesce a recuperare facendo dei sorpassi dopo il via. Quello che Meda chiama "ha tirato fuori il coniglio dal cappello"...

 

E poi ci terrei a sottolineare che quando si parla di sorpassi si intendono quelli nelle prime posizioni, cio? quelli importanti e che purtroppo non succedono quasi mai in F1.

Quelli dal decimo in poi non fanno testo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Rhobar_III

La madre di tutti i problemi ? la tecnologia iper-sofisticata.

 

La questione non riguarda solo la F1 , ma riguarda la F1 pi? degli altri proprio perch? ha il peggiorativo dell'aereodinamica.

Tra l'altro per la F1 si pu? parlare di automobilismo solo perch? le vetture hanno 4 ruote...

 

Guarda a caso in moto-GP (massima espressione tecnologica nelle 2 ruote, e quindi la F1 delle 2 ruote) si sta avendo pi? o meno lo stesso problema proprio per l'elevatissimo fattore tecnologico e l'uso massiccio dell'elettronica negli ultimi anni. Anche in SuperBike con l'aumento dell'elettronica (seppur con una tecnologia inferiore) negli ultimi anni anche qui ogni tanto si vedono gare noiose...

 

L'esasperazione tecnica porta vicini alla perfezione e quindi quando hai qualche decimo in pi? degli altri ? finita...

 

 

A questo punto per salvare la stagione F1 del 2010 una delle pochissime soluzioni realmente fattibili ? quella di abolire il parco chiuso.

Infatti ad esempio nella motoGp, non essendoci il parco chiuso, ogni tanto capita che un pilota che ha fatto delle qualifiche non eccellenti e non parte in prima fila sulla griglia di partenza, magari con qualche invenzione alla domenica mattina riesce a recuperare facendo dei sorpassi dopo il via. Quello che Meda chiama "ha tirato fuori il coniglio dal cappello"...

 

E poi ci terrei a sottolineare che quando si parla di sorpassi si intendono quelli nelle prime posizioni, cio? quelli importanti e che purtroppo non succedono quasi mai in F1.

Quelli dal decimo in poi non fanno testo...

 

Per quanto riguarda le moto, non ? soltanto un problema di elettronica.

E' anche e soprattutto un problema di gomme, sia perch? pure l? c'? il monogomma che appiattisce le differenze, sia perch? gli pneumatici delle moto hanno avuto una tale evoluzione negli ultimi anni che hanno innalzato (e di molto) la velocit? in curva.

Perch? se le 800 fanno tempi pi? bassi delle 1000, pur avendo velocit? di punta pi? basse anche di 20 km/h, non pu? che dipendere unicamente dalla velocit? in curva.

 

Certo, l'elettronica aiuta molto a gestire la potenza in uscita di curva, e il freno motore a mantenere la stabilit? in ingresso, permettendo velocit? di ingresso e uscita pi? elevate.

Ma la fase centrale della curva ? comunque delegata interamente ed esclusivamente alle gomme.

 

Se oggi le moto fanno angoli di piega da 60?/70?, ? perch? sono le gomme che permettono queste inclinazioni, non l'elettronica.

Maggiore inclinazione significa maggior velocit? in curva.

E maggiore velocit? in curva significa minor necessit? di frenare in staccata, spazi di frenata pi? brevi, traiettorie obbligate, maggiore difficolt? di sorpasso.

 

Nella MotoGp ? ancora relativamente semplice rispetto alla F1 perch? l'aerodinamica non ha l'influenza che c'? in F1, eppure rispetto a qualche anno fa ? pi? complicato proprio per via della velocit? in curva che ? aumentata.

Dato che comunque rimane molto inferiore rispetto alla F1, qualche sorpasso si vede ugualmente.

 

Ma in generale, c'? un impoverimento pure l?.

 

Inoltre, il monogomma, come detto, appiattisce e livella le prestazioni in tutte le categorie, sia auto che moto.

Una volta era possibile vedere un gommista competitivo in qualifica ma non in gara, e viceversa, e questo creava maggiore "scompiglio" e pi? diversit? prestazionale.

Con il monogomma questa variabile non c'? pi?.

E' fortemente voluto solo perch? in questo modo non ? possibile accusare il gommista della scarsa competitivit? del proprio mezzo.

Per? ? sbagliato, perch? porta uniformit? che non ? sinonimo di diversit?, e quindi di lotta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me sarebbe giusto tornare a vedere i duelli tra gommisti, ma questo sar? ben difficile per i prossimi 5 anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La velocit? di punta non aumenta con il kers, perch? il kers aumenta solo l'accelerazione.

Una volta arrivato al massimo dei giri, il motore non ? in grado di dare maggiore spinta.

 

Eppoi se fosse liberalizzato, finirebbe che tutti premerebbero il kers dall'inizio alla fine di ogni rettilineo, in ogni giro.

Col risultato che tutti avrebbero la potenza extra in ogni momento.

Non cambierebbe in sostanza niente rispetto ad oggi.

 

Il vero problema non ? solo il fornire uno strumento tecnico, ma allo stesso tempo deve anche essere tattico.

Il power to pass lo ?, perch? va racimolato per tutta la gara, come ho spiegato in qualche post fa.

I motori attuali sono limitati a 18 krpm, ci sono dei camera car prima del congelamento nella quale si arrivava a 22 krpm. Io dico che la velocita massima aumenta, e in ogni caso anche se aumentasse solo l accelerazione si avrebbero sicuramente gare con sorpassi e piu spettacolari. E cosa poi ti fa pensare che non sia tattico il kers, secondo me lo ? dato che lo puoi usare per un tot di tempo in un giro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda le moto, non ? soltanto un problema di elettronica.

E' anche e soprattutto un problema di gomme, sia perch? pure l? c'? il monogomma che appiattisce le differenze, sia perch? gli pneumatici delle moto hanno avuto una tale evoluzione negli ultimi anni che hanno innalzato (e di molto) la velocit? in curva.

Perch? se le 800 fanno tempi pi? bassi delle 1000, pur avendo velocit? di punta pi? basse anche di 20 km/h, non pu? che dipendere unicamente dalla velocit? in curva.

 

Certo, l'elettronica aiuta molto a gestire la potenza in uscita di curva, e il freno motore a mantenere la stabilit? in ingresso, permettendo velocit? di ingresso e uscita pi? elevate.

Ma la fase centrale della curva ? comunque delegata interamente ed esclusivamente alle gomme.

 

Se oggi le moto fanno angoli di piega da 60?/70?, ? perch? sono le gomme che permettono queste inclinazioni, non l'elettronica.

Maggiore inclinazione significa maggior velocit? in curva.

E maggiore velocit? in curva significa minor necessit? di frenare in staccata, spazi di frenata pi? brevi, traiettorie obbligate, maggiore difficolt? di sorpasso.

 

Nella MotoGp ? ancora relativamente semplice rispetto alla F1 perch? l'aerodinamica non ha l'influenza che c'? in F1, eppure rispetto a qualche anno fa ? pi? complicato proprio per via della velocit? in curva che ? aumentata.

Dato che comunque rimane molto inferiore rispetto alla F1, qualche sorpasso si vede ugualmente.

 

Ma in generale, c'? un impoverimento pure l?.

 

Inoltre, il monogomma, come detto, appiattisce e livella le prestazioni in tutte le categorie, sia auto che moto.

Una volta era possibile vedere un gommista competitivo in qualifica ma non in gara, e viceversa, e questo creava maggiore "scompiglio" e pi? diversit? prestazionale.

Con il monogomma questa variabile non c'? pi?.

E' fortemente voluto solo perch? in questo modo non ? possibile accusare il gommista della scarsa competitivit? del proprio mezzo.

Per? ? sbagliato, perch? porta uniformit? che non ? sinonimo di diversit?, e quindi di lotta.

 

Cioe anche non avendo il monogomma tu dislivelli le prestazioni delle moto non per motivi di moto,ma per diversita dei gommisti. e non ha senso le moto cosi come le macchine devono essere diverse proprio per avere diverse soluzioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

State sviando troppo.

 

Il format delle gare non deve cambiare.

 

1)Tornassero a delle macchine un minimo guardabili.Ora sembrano dei paracarri che si aggirano per la pista a velocità elevate.

 

2) Via tutti quei manettini dal volante che regolano le mappature,QUELLI SONO IL VERO MALE.

 

3) Parco chiuso eliminato/disintegrato assieme a quelli che hanno approvato sta cagata.

 

4)Via quei cacchio di diffusori a doppio piano.Mi son rivisto la gara di Melburne dell'anno scorso e le vetture riuscivano a rimanere in scia tranquillamente.

 

Per i motori non mi preoccupo,tanto fra un paio d'anni si scongelano.

Edited by Vic Vega

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema sono i piloti. Gente come Alonso, Massa, Vettel e Hamilton sanno dare emozioni a prescindere. Sono invece i piloti come Webber e Button che rendono questo sport il trionfo della mediocrit

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Rhobar_III

I motori attuali sono limitati a 18 krpm, ci sono dei camera car prima del congelamento nella quale si arrivava a 22 krpm. Io dico che la velocita massima aumenta, e in ogni caso anche se aumentasse solo l accelerazione si avrebbero sicuramente gare con sorpassi e piu spettacolari. E cosa poi ti fa pensare che non sia tattico il kers, secondo me lo ? dato che lo puoi usare per un tot di tempo in un giro

 

Io ricordo dei camera car in cui i motori V8 raggiungevano al massimo i 20000 giri (nel 2006, ultimo anno dei motori semi-liberi prima del congelamento); non ho mai visto punte superiori... quindi posta pure qualche link se ne hai qualcuno dove si vedono limiti superiori ai 20000, perch? la cosa mi incuriosisce.

 

Ad ogni modo, ti ripeto che il kers ti fa ottenere una sola cosa: aiutare il motore a raggiungere il regime massimo di giri in un tempo inferiore. Niente di pi?.

In parole povere, ti migliora l'accelerazione, e ti fa raggiungere prima le velocit? di punta in rettilineo.

Al massimo, ti costringe a variare l'ultima marcia di qualche dente, giusto per non restare al limitatore per gli ultimi metri del rettilineo, appunto perch? raggiungi prima del previsto la velocit? massima che la vettura riesce a sviluppare.

Ma anche allungando l'ultima marcia, la velocit? massima migliora di massimo 3/4 km/h, perch? la punta in realt? ? regolata dall'incidenza degli alettoni. E se il kers lo hanno tutti, l'incremento avviene su tutte le vetture ed ? in sostanza impercettibile, inutile ai fini del sorpasso.

 

Altro punto fondamentale, ? il fatto che il kers si carica di continuo a ogni frenata, quindi ? sufficiente premere il pulsante in accelerazione per impedire a chi sta dietro di trarne vantaggio.

Perch? se accelerano entrambi con la stessa potenza, si ha la stessa situazione di un'accelerazione tra due vetture non dotate di kers che si seguono.

L'unica cosa che camnbierebbe ? che accelerano pi? forte entrambe, ma nello stesso modo.

 

Infine, il kers non ? tattico, perch? ? conveniente usarlo solo in alcuni punti del tracciato, in particolare prima di un lungo rettilineo.

Ci? significa che se lo avessero tutti, tutti quanti lo userebbero nello stesso punto in ogni giro, perch? lo hai a disposizione per ogni tornata.

Non ha nessun fine tattico a quel punto.

 

Un power to pass invece ? ben diverso, sia tatticamente che tecnicamente.

 

Tecnicamente, perch? aumenta il regime del motore e quindi sviluppi pi? cavalli anche a fine rettilineo, e quindi non migliori solo l'accelerazione ma anche la velocit? massima.

L'unica similitudine col kers, ? che dovresti aumentare l'ultima marcia anche in questo caso.

Ma l'incremento di velocit? sarebbe molto superiore, anche pi? di 10 km/h a fine rettilineo e 15/20 a met? rettilineo.

 

Tatticamente, perch? di fatto ? limitato per un tempo massimo di un minuto nell'arco dell'intera gara.

E quindi il pilota ha molto pi? margine per decidere se e quando usarlo; e magari anche sprecarlo se l'attacco o la difesa non vanno a buon fine.

Il kers, invece, si usa e basta, senza ragionarci sopra. Il PtP invece andrebbe ragionato molto di pi?, perch? magari non ? conveniente usarlo in questo giro, ma fra uno o due... e c'? il margine e il tempo per studiare l'avversario e capire in quale punto ? conveniente sfruttare la potenza extra per avvantaggiarsi, cosa che con il kers non avresti perch? lo usi troppo spesso e di continuo.

 

Cioe anche non avendo il monogomma tu dislivelli le prestazioni delle moto non per motivi di moto,ma per diversita dei gommisti. e non ha senso le moto cosi come le macchine devono essere diverse proprio per avere diverse soluzioni.

 

La competizione c'? sempre stata nel motorsport, anche tra gommisti.

Dovessimo seguire il tuo ragionamento alla lettera, tutti dovrebbero usare allora stessi lubrificanti, stesse benzine, stessi impianti frenanti ecc...

Io penso che ci sia gi? troppo livellamento tecnico per colpa delle regole tecniche.

Se aggiungiamo anche un limite sportivo come quello del monogomma, livelliamo ancora di pi? le prestazioni dal punto di vista tecnico.

E non solo: con il monogomma, la gomma resta quella per tutta la stagione, e i team devono costruire la vettura attorno a quella gomma.

Per farla andare forte si deve andare unicamente in una direzione, e quindi tutti usano la stessa soluzione, diminuendo di fatto la differenza di soluzioni che chiedi giustamente anche tu.

 

Nell'epoca Michelin-Bridgestone, le Bridgestone sembravano funzionare solo sulla Ferrari, ma in realt? le altre squadre erano Minardi, Jordan e Sauber, ovvero piccole squadre.

Quando nel 2006 si sono aggiunte Williams e Toyota, abbiamo visto a volte belle prestazioni dell'una o dell'altra squadra magari in qualifica o anche in gara (mi viene in mente Webber a Monaco o Ralf Schumacher in prova a Suzuka).

Con il monogomma, ? tutto piatto, pure le qualifiche, perch? non hai mai soprese dal punto di vista tecnico.

Restando a Suzuka 2006, il giorno della gara bast? semplicemente una variazione di 8 gradi della temperatura ambientale, e la situazione si spost? completamente a favore delle Michelin, tant'? che Alonso press? Schumi fino a costringerlo a rompere il motore; mentre Ralf fin? nell'anonimato, anche perch? la Toyota aveva una finestra di funzionamento per le gomme molto pi? ristretta della Ferrari.

 

Riprendendo il discorso sul confronto Michelin-Bridgestone, le squadre Michelin erano pi? "equilibrate" come prestazioni: ? evidente che la costruzione era fatta per lo pi? per adattarsi alla Renault, ma in ralt? le gomme venivano poi addattate in funzione di ogni vettura, e non il contrario.

 

Infine, anche con il bagnato le gare erano pi? spettacolari: ricordo Cina 2006, dove all'inzio le squadre Michelin avevano un vantaggio prestazionale con molta acqua sull'asfalto... ma in seguito con meno acqua le Bridgestone erano molto pi? competitive.

E questo ha contribuito a fare di quella gara una delle pi? spettacolari degli ultimi 10 anni, me la ricordo ancora oggi come fosse l'altroieri.

Ci fosse stato il monogomma, avremmo visto una gara identica a quella sempre a Shanghai del 2007, che ? famosa solo per l'insabbiamento di Hamilton ai box.

 

Infine, anche a Budapest nel 2006 abbiamo visto una situazione identica, dove con gomme intermedie Schumacher era il pi? veloce in pista, prima di fare a ruotate con gli altri quando aveva gomme finite sull'asciutto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema sono i piloti. Gente come Alonso, Massa, Vettel e Hamilton sanno dare emozioni a prescindere. Sono invece i piloti come Webber e Button che rendono questo sport il trionfo della mediocrit?.

questa mi mancava

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi scusino piloti come Schumacher, Rosberg, Sutil e altri per averli omessi, ma insomma l'elenco era esemplificativo. Di certo, la pochezza in pista di Webber e Button ? una mazzata nello stomaco per lo spettatore, gi? costretto a fare i conti con uno spettacolo di per s? poco emozionante. C'? da dire che almeno Webber cerca di guidare una f1 come andrebbe guidata. In ogni caso, penso che diamo troppo colpa ai regolamenti quando l'emozione ce la devono dare i protagonisti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema sono i piloti. Gente come Alonso, Massa, Vettel e Hamilton sanno dare emozioni a prescindere. Sono invece i piloti come Webber e Button che rendono questo sport il trionfo della mediocrit?.

trova l'errore :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per migliorare lo spettacolo io proporrei anche vietare le dichiarazioni dei piloti prima dei GP

 

 

"Mi piace questo circuito" , "È sempre bello tornare" "È un circuito piuttosto tecnico" "Questa città è meravigliosa" " Sono sempre benvenutto quà" "È un circuito da pilota" "Qualsiasi pilota vorrebbe vincere in questo mitico GP" "Bisogna dare il massimo" ...

 

 

 

Preferisco digerirmi in un solo giorno e mezzo tutta la stagione 2009 registrata in VHS dalla TV del Turkistan che sentire una sola conferenza stampa dei nostri carissimi piloti, ... pippe o fuoriclasse, esordienti o veterani.

Edited by mongo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per migliorare lo spettacolo io proporrei anche vietare le dichiarazioni dei piloti prima dei GP

 

 

"Mi piace questo circuito" , "È sempre bello tornare" "È un circuito piuttosto tecnico" "Questa città è meravigliosa" " Sono sempre benvenutto quà" "È un circuito da pilota" "Qualsiasi pilota vorrebbe vincere in questo mitico GP" "Bisogna dare il massimo" ...

 

Qualcuno le avrebbe abolite in quanto inutili perdita di tempo.....non fu capito, come tutti i geni :asd:

 

il primo che dice "vengono pagati per farlo, lo sponsor vuole...." ha colto nel segno il vero male della F.1.

Edited by Finnish

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno le avrebbe abolite in quanto inutili perdita di tempo.....non fu capito, come tutti i geni :asd:

 

il primo che dice "vengono pagati per farlo, lo sponsor vuole...." ha colto nel segno il vero male della F.1.

Senza dubbio la F1 ha perso un pezzo di spettacolo con la mancanza di Raikkonen :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ricordo dei camera car in cui i motori V8 raggiungevano al massimo i 20000 giri (nel 2006, ultimo anno dei motori semi-liberi prima del congelamento); non ho mai visto punte superiori... quindi posta pure qualche link se ne hai qualcuno dove si vedono limiti superiori ai 20000, perch? la cosa mi incuriosisce.

 

Raikkonen a Imola raggiungeva i 22000, ma credo abbiano rimosso il video...

Share this post


Link to post
Share on other sites

R?ikk?nen ha sempre raggiunto i 22.000. OVUNQUE, in un modo o nell'altro. :zizi:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Articolo interessante.

 

Anche se del 2009.

 

Ecco un estratto:

 

Le contraddizioni non si contano. La delicatissima ala anteriore creerà non pochi problemi in fase di duello ravvicinato e in caso di "scordolate" violente. La FIA vuole più lotta ma, allo stesso tempo, progetta un'ala che al minimo contatto può rompersi, poiché larga quanto l'intera vettura! Non solo. L'aerodinamica 2009 (dice la FIA) è studiata per diminuire il carico aerodinamico (di circa il 50% rispetto al 2008) e, quindi, ridurre drasticamente gli effetti nocivi della scia, consentendo alla vettura inseguitrice di stare incollata alla vettura che precede. Tuttavia, se la storia non è una opinione, la FIA aveva promosso le vecchie vesti aerodinamiche degli Anni 2000 (ala anteriore molto alta e stretta, poi munita di "cucchiaio", ala posteriore bassa e larga e con flap limitati nel numero e nella loro superficie, ma possibilità di sbizzarrirsi nelle appendici, e così via) per lo stesso motivo!! Insomma, la FIA ha le idee poco chiare. Contraddizioni che si rispecchiano anche nella limitazione dell'estrattore: invece di potenziarlo, la FIA lo ha ridotto! E dire che già i diffusori in configurazione 2008 erano quanto di più limitante ci fosse nel panorama delle monoposto!! Ora, pertanto, le F1 sfoggiano un diffusore posteriore ridicolo, meno esasperato di quello delle F3! Chissà perché le vetture Indy, le GP2, le WSR o le Superleague (tutte provviste di ampi diffusori e tunnel Venturi) stanno in scia a 300Km\h come nulla fosse.... Si chiama effetto suolo, signori, il demone contro il quale la F1 ha compiuto un autentico esorcismo! E va da sé che ridurre il carico aerodinamico non è l'unica ricetta per far stare le vetture in scia, anzi: le F1 Anni 70, 80 e 90 stavano in scia senza problemi, eppure avevano un carico aerodinamico assai elevato...!
Edited by Vic Vega

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi scusino piloti come Schumacher, Rosberg, Sutil e altri per averli omessi, ma insomma l'elenco era esemplificativo. Di certo, la pochezza in pista di Webber e Button ? una mazzata nello stomaco per lo spettatore, gi? costretto a fare i conti con uno spettacolo di per s? poco emozionante. C'? da dire che almeno Webber cerca di guidare una f1 come andrebbe guidata. In ogni caso, penso che diamo troppo colpa ai regolamenti quando l'emozione ce la devono dare i protagonisti.

 

Molto obiettivo!!!! :superlol:

Sutil e Rosberg sono dei gran talenti, come no. Infatti Sutil ? una grande nel gestire le gare, bravo nel giro veloce ma in gara ne combina sempre qualcuna. Poi si ? fatto battere anche dal pensionato Fisichella. Rosberg le ha prese da Webber al suo primo anno. Nel secondo, nonostante era favorito dal materiale e dal peso rispetto a Wurz, i migliori risultati li ha portati l'austriaco ( non dico Canada, ma Nurburgring). Nel 2008 il deb Kazzuko ha fatto anche gare migliori. Poi lo scorso hanno ? stato un grande a Singapore, gettando la vittoria per aver oltre passato la linea bianca all'uscita del box.

Se prendiamo Barrichello come riferimento, Button lo ha devastato con la Brawn come faceva Schumacher ai tempi del missile rosso. Se Vettel ? un gran talento, mi spieghi come mai la POCHEZZA (???) di Webber gli ha fatto fare meglio lo scorso hanno in Malesia, Spagna, Montecarlo, Germania, Ungheria e Brasile (soprattutto in qualifica)? E diciamo che non ha stonato nei confronti del talento tedesco in Turchia, Gran Bretagna ed Abu Dahbi.

 

Lodi Massa, ma vedrai che lo scontro Alonso-Massa sar? uguale a quello di Vettel-Webber. Poi Massa .... lasciamo stare.

 

Sono certo che Button e Webber meritano la F1 pi? di altri: io avrei detto Kovalainen che in McLaren ha fatto letteralmente piet? (Button ? gi? meglio), Chandock, de la Rosa

 

Se vuoi scrivere opinioni almeno cerca di farlo con un minino di senso......

La pochezza..... ? quella che hai

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque se non si capir? che il problema sono i circuiti e non LA POCHEZZA dei piloti o le vetture c'? poco da fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×