Jump to content
Sign in to follow this  
Astor

Pattinaggio Artistico su Ghiaccio - Stagione 2021-2022

Recommended Posts

maxresdefault.jpg

 

 

 

Con ABOMINEVOLE ritardo, anche quest'anno apro il consueto thread "per pochi intimi" sul pattinaggio di figura.

Lasciatemi ancora un momento per flagellarmi per la mia neghittosità * ...

flagellanti2.jpg
 

* neghittóso agg. [der. del lat. neglectus (v. negletto), attrav. una forma intermedia *neghietto o *negghietto]. – Negligente nei proprî doveri; quindi, inoperoso, pigro, ozioso
(dal Vocabolario Treccani)

Ecco fatto.


Per ora non starò qui a dirvi più molto di questo:
 

- stagione piagata (come tutto il resto) dal COVID-19, che ha già fatto sì che non si sia disputata la finale del Grand Prix.
 

- in questo inizio stagione: Kamila Valieva in grandissimo spolvero (punteggi stellari, da record del mondo) e spettacolo dalle migliori russe: Trusova, Shcherbakova (questa un pò sottotono), Tuktamisheva (purtroppo un pò stoppata dalle prime tre in chiave di scelta olimpica).
Segni di ripresa da Kostornaia ma anche lei fuori dal vertice delle russe.
Si attende tra gli uomini il solito scontro Chen-Hanyu (con quest'ultimo che sembra ostinato a cercare di atterrare un quadruplo Axel!) ma con possibili/probabili inserimenti di nuove leve; tra le coppie è prevista battaglia tra quelle russe e i cinesi Sui-Han; nella danza i francesi Papadakis-Cizeron (favoriti per l'oro olimpico da anni) hanno gareggiato poco (dichiaratamente anche per rischiare meno con il virus) e vedremo a Pechino se qualche altra coppia (russa, americana o ...) potrà approfittare di un loro eventuale passo falso, quantomeno per mettere un pò di pepe ad una gara che da troppi anni ha un vincitore troppo "preventivato" (e non necessariamente in modo giustificato).
 

 

EM-1-1024x768.jpg

 


In questo esatto momento sono in svolgimento i Campionati Europei a Tallinn.

https://en.wikipedia.org/wiki/2022_European_Figure_Skating_Championships

 

Rubo ad OAsport (  https://www.oasport.it/2022/01/pattinaggio-artistico-dove-vedere-gli-europei-in-tv-e-in-chiaro-programma-palinsesto-streaming/  ) gli orari e i palinsesti televisivi:

 

EUROPEI 2022 PATTINAGGIO ARTISTICO: IL PALINSESTO IN TV

Mercoledì 12 gennaio

Short program individuale maschile: dalle 11:30 Eurosport 1; dalle 13:00 RAI Sport HD

Short program coppie d’artistico: dalle 18:50 RAI Sport HD

Giovedì 13 gennaio

Short program individuale femminile: dalle 13:30 RAI SPORT HD

Free program coppie d’artistico: dalle 18:00 Eurosport 2; dalle 18:50 RAI SPORT HD

Venerdì 14 gennaio

Rhythm dance danza sul ghiaccio: dalle 13:30 Eursport 2; dalle 13:45 RAI SPORT HD

Free program individuale maschile: dalle 17:00 Eurosport 2; dalle 17:30 RAI SPORT HD

Sabato 15 gennaio

Free dance danza sul ghiaccio: dalle 13:45 RAI Sport HD

Free program individuale femminile: solo su Eurosport Player/Discovery Plus

EUROPEI 2022 PATTINAGGIO DI FIGURA: IL PALINSESTO IN STREAMING SU EUROSPORT PLAYER/DISCOVERY PLUS (orario italiano)

Mercoledì 12 gennaio

10:50-15:55 Short program individuale maschile
17:45-21:50 Short program coppie d’artistico

Giovedì 13 gennaio

10:15-15:55 Short program individuale femminile
18:00-20:52 Free program coppie d’artistico

Venerdì 14 gennaio

11:00-15:55 Rhythm dance danza sul ghiaccio
17:00-20:55 Free program individuale maschile

Sabato 15 gennaio

12:35-15:54 Free dance danza sul ghiaccio
17:30-21:25 Free program individuale femminile

Domenica 16 gennaio

14:30-17:00 Exhibition Gala

 

 

Per ora mi fermo qui.


5e17066902e8bd32931e3b5d.png


 

Edited by Astor
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

61ca3396b67ac2560c6c3ca1.jpg

 

 

Ad Europei finiti (sui quali qualcosa bisognerà che dica, prossimamente ed almeno pre-Olimpiadi) si può certamente dire che la "star" assoluta sia stata (come peraltro tutti si aspettavano) Kamila Valieva, netta vincitrice dell'oro nonostante il primo free "imperfetto" della stagione.
Questa imperfezione non le ha impedito di vincere l'oro con ben 22 punti di vantaggio sulla seconda, la Shcherbakova, e 25 sulla Trusova.

 

http://www.isuresults.com/results/season2122/ec2022/


La circostanza ha sollevato un argomento che ronzava da un pò di tempo tra gli osservatori, sbalorditi dalla Valieva che continua a battere record a ripetizione (a Tallinn il free non perfetto gli ha impedito di farlo ancora una volta).

L'argomento è: se le migliori donne gareggiassero oggi contro i migliori uomini, e lo facessero a parità di regole di attribuzione dei punteggi, dove si situerebbero?
Tanto per esemplificare: se la Valieva avesse gareggiato a Tallinn nel singolo maschile, a che posizione sarebbe arrivata?
E anche andando al di fuori dell'Europa, come se la caverebbe contro Chen ed altri maschietti al top?

Diciamo che sulla carta se la caverebbe benissimo (e probabilmente non solo sulla carta, credo).

 

 

sportsenators-logo.jpg

 

 

 

Gennaro Bozza di Sportsenators (  http://www.sportsenators.it  , sito di "ex ragazzi, 'firme' della Gazzetta dello Sport", come loro stessi si definiscono) ha approfondito l'argomento in questo suo articolo:

http://www.sportsenators.it/20/01/2022/kamila-e-il-suo-bolero-fanno-saltare-le-quote-azzurre/


E dato che uno dei punti della questione è la fattorizzazione dei PCS (che oggi è diversa tra uomini e donne), valore usato per portare i numeri dei PCS a quote paragonabili a quelle del TES (vedi qui il "Factor":   

    )
la cosa viene immediatamente collegata anche all'annosissima questione del bilanciamento tra TES e PCS e della recente "trasformazione" del pattinaggio di figura da una disciplina equilibrata ad una gara di salti (soprattutto nel femminile).

Su quest'ultima cosa, che è la mia preoccupazione da anni, devo ammettere che (con mio grande sollievo) la Valieva (che a questo punto potrei chiamare "Sollieva" ... :asd: ... vabbè, smetto subito ...) ha al momento, nonostante i suoi soli 15 anni, non solo ottime armi di salto ma pure rispettabili (anche se ancora molto migliorabili) armi interpretative.

Quindi è possibile che le mie previsioni da "pessimismo cosmico", basate su quel pattinaggio "alla Trusova" che due anni fa sembrava l'inevitabile "Santo Graal" da trovare per ogni allenatore e per ogni atleta, possano non verificarsi.

Vedremo a Pechino, per ora leggetevi l'articolo di Bozza.

 
Diapositiva13.BMP

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

3de30-arca-polemiche.jpg

 

 

Commento flash (quest'anno va così, sorry ...) sullo short delle donne nel Team Event olimpico a Pechino.

Programmone di Valieva, vicinissimo al suo record del mondo e primo posto che probabilmente varrà alla Russia ... pardon ... al Comitato Olimpico Russo :D la vittoria finale (complice anche la brutta prestazione dell'americana Karen Chen).

La cosa inconsueta non è il punteggione di Valieva, è che si è sentita in televisione una voce "dissidente" sulle lodi incondizionate alla giovane russa.
Si tratta di Angelo Dolfini, che commentando su Eurosport ha sottolineato le (effettivamente enormi, almeno stavolta) prerotazioni dei salti puntati di Kamila, tali che sarebbe stato forse possibile degradarli o, comunque, non certo dare loro grandi GOE e non certo far ritenere questo un programma da 90 punti (come invece è stato).
 

Con conseguente e altrettanto inconsueta polemichetta in diretta tra lui ed Ambesi (ricordo che per anni Dolfini ha commentato assieme ad Ambesi, venendo sostituito nelle ultime stagioni da Dario Puppo; Dolfini ora è nel team di Shoma Uno, credo proprio come coach dei salti).
Non che Ambesi non riconosca la cosa, che è un tema che lui stesso (gli deve essere riconosciuto) ha posto all'attenzione già da tempo, è che dice che è un modo di giudicare così consolidato da anni che ormai le prerotazioni sono state "sdoganate" e pertanto quella tecnica viene ormai addirittura insegnata, dato che non viene penalizzata (e figuriamoci, aggiungo io, se in particolare la Tutberizde, famelica di vittorie, non glie la vorrebbe insegnare).
Per cui, anche un Technical Specialist che deve giudicare (al volo ed ad occhio nudo, con atlete estremamente veloci) l'eventuale prerotazione, come potrebbe cominciare ad andare contro un metro di giudizio che è tale "de facto" e non da ieri?
Dolfini ribatte che quando "rubi" mezzo giro o addirittura 3/4 di giro, allora lo si può vedere anche ad occhio nudo e quel triplo potrebbe e dovrebbe essere chiamato doppio.

L'inizio (e solo l'inizio) dello scambio di battute, che è interessante, lo si sente qui in fondo al filmato Youtube del programma.

Segue una versione un pò più completa, che è stata pubblicata sui social (FB e Reddit).

E, a proposito di FB, su quel social (ma anche su altri forum specializzati) ho visto grandi applausi per Dolfini e biasimo/sarcasmo per Ambesi (che non è molto amato in diversi gruppi FB e altri social, per vicende annose, sgradevoli e più o meno sempre uguali tra loro, che hanno coinvolto pure il sottoscritto).

 

 

 

E questa è la versione un pò più completa (niente affatto totale, però, è stata decisamente più lunga) della discussione:
 

 

 

 

Il tema (non nuovo) merita di essere affrontato.
 

Per ora dico solo che (contrariamente a quanto credo alcuni si aspetterebbero ;-) ) io ritengo che Dolfini abbia ragione ma che Ambesi non abbia torto.

Detto qui in quattro parole: ci sono casi assolutamente "eccessivi" come certi salti di ieri di Kamila.
Per esempio, nel filmato YouTube qui sopra mettete la velocità a 0.25 e guardate la puntata al minuto 2.05, che effettivamentre meritava il degrado del salto.
Poi però riguardatelo a velocità normale e chiedetevi quanti Technical Specialist gli darebbero a cuor leggero un degrado.
Marika Poli, anche lei ieri al commento su Eurosport, sottolineava proprio la difficoltà di questi giudici nel valutare in un lampo l'entità della pre-rotazione .
E, aggiungo io, quando poi ormai tutta l'attenzione è focalizzata sul completamento delle rotazioni, compreso il regolamento che oltre al classico "sottoruotato" (in atterraggio) dal 2020 codifica anche il "q" come un quarto di giro mancante sempre all'atterraggio.
E' come se anche chi ha scritto il regolamento abbia volutamente e ripetutamente puntato l'attenzione sul completamento dei salti e non sulla loro partenza.

Ma se questo è l'andazzo ormai da anni (e lo è) è impensabile che chi giudica cambi di botto, su iniziativa personale, il metro di giudizio (facendo almeno altrettanto danni dei benefici, perchè l'uniformità nel metro di giudizio è forse più importante di un pur corretto "purismo" tecnico, IMHO).
Perciò, parliamone e cerchiamo (ovvero, cerchino) di cambiare le cose, ma non si può pensare di farlo all'improvviso.
Si, almeno certi eccessi andrebbero penalizzati e almeno come GOE, ma temo che ormai ci voglia un intervento dell'ISU, più che iniziative personali dei giudici.

 

E anche sulla Valieva concordo con Ambesi che lei abbia effettivamente il "pacchetto completo", tecnica ed interpretazione.
Perchè la tecnica ce l'ha (ottimo triplo Axel, i quadrupli, le trottole ...) e pure un'interpretazione tutt'altro che disprezzabile.
Ad oggi, con l'involuzione della Kostornaia, è certamente la migliore in circolazione come, appunto, completezza unita a grande prestazione.
Se anche le venissero penalizzate le pre-rotazioni e non arrivasse ai 90 in uno short, credo che in un giudizio corretto sarebbe prima comunque.

E, lo devo dire, più che le pre-rotazioni della Valieva (e di altre ed altri, c'è sui social italiani chi punta il dito su quelle di Grassl, per esempio) continuano a scandalizzarmi molto di più certi PCS dati alla Trusova (perfino quando sbaglia i quadrupli).
 

Alla prossima.



 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

orson-welles-quarto-potere-citizen-kane.



Fermate le rotative!

 

Oggi c'è una notizia clamorosa e pessima da qualsiasi parte la si guardi, perchè qualcuno di colpevole c'è sicuramente, ma non è detto che sia chi parebbe essere imputato.

La premiazione del Team Event è stata rimandata perchè ci sono "problemi legali" e la voce che sta girando sui social è che ci sia almeno un atleta, nella squadra russa vincente, che sia stato trovato positivo all'antidoping (si dice,  da un esame pre-olimpiadi).

E si dice che sia Kamila Valieva.

 

https://www.insidethegames.biz/articles/1119043/valieva-legal-problem-beijing-2022


https://www.espn.com/olympics/story/_/id/33254263/russian-figure-skater-kamila-valieva-tested-positive-banned-drug-according-reports


Come si vede, per adesso sono tutti "si dice", manca una dichiarazione ufficiale da una qualsiasi parte (CIO, WADA, Federazione Russa ...).

Se fosse vero, sarebbe gravissimo.
Se non fosse vero, lo stesso.
 

Aspettando conferme o smentite, faccio fatica a pensare che la Russia abbia persistito in tecniche di doping sapendo di essere, appunto, nel mirino della WADA da tempo.
E se non sono stati beccati negli ultimi 3 anni, dove comunque si è gareggiato in tutto il mondo, escluderei che il doping sia la chiave dei loro successi (a meno che abbiano "menti dopanti" così geniali da essere state in grado di essere andati tanto in vantaggio sull'antidoping, salvo farsi beccare proprio prima dell'evento più importante).

Poi spero vivamente che non siamo ad una ripetizione di quella storia assurda del Meldonium, un prodotto che scriteriatamente alcuni allenatori russi hanno continuato a prescrivere per qualche mese dopo la sua messa al bando ma del quale non credo sia mai stata inequiviocabilmente dimostrata la capacità dopante.

Infine, il momento geopolitico è tale che la possibilità che ci sia il tentativo di usare lo sport come arma per far aumentare la tensione tra Occidente e Russia mi sembra non sia da trascurare. Vorrei anche capire quando sarebbe stato fatto quel famoso esame (e a chi, con certezza) e se non è un test olimpico perchè l'esito non è arrivato prima delle Olimpiadi.

La vedo veramente bruttissima, ma la sporcizia potrebbe non essere (o non essere solo) dove si sta presumendo che sia.

Ricordo che alla Simone Biles prescrivevano allegramente "ricette" di anfetamine, che aumentano la concentrazione e la prestazione, di uso quotidiano e di durata quadriennale.
Cosa che, già di per sè stessa, se la propongo al mio medico di famiglia mi strangola con lo stetoscopio.

https://ricerca.repubblica.it/repubblica/a...-vincere12.html

 


E' comunque tristissimo che in questa faccenda sia coinvolta una quindicenne, che è comunque vittima di qualcuno molto più grande e con molto più potere di lei.

Tristissimo se è vero che l'hanno dopata.
Tristissimo se non l'hanno dopata ed è rimasta in mezzo ad una polemica politica che la sta già danneggiando sui social (sbeffeggiata, idioti che le danno nomignoli o che la raffigurano come una siringa ecc.).

:angry:


Stay tuned.



 

Kamila+Valieva+Beijing+2022.jpg



 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

?appId=21791a8992982cd8da851550a453bd7f&

 



Ancora aggiornamenti.

Questo è un comunicato della ITA (International Testing Agency), che da anche un timing della vicenda (i russi si sono apertamente lamentati del fatto che l'esito del test fatto dalla WADA a Stoccolma, su un campione del 25 dicembre, sia arrivato solo l'8 febbraio, oltretutto ad Olimpiadi già iniziate):

https://ita.sport/news/beijing-2022-the-ita-informs-on-figure-skater-kamila-valieva/

 

 

Poi il CAS (Court Arbitration for Sport, altresì detto TAS, Tribunal Arbitral du Sport) ha comunicato che la questione sarà esaminata domenica 13 febbraio e la decisione sarà comunicata alle parti il pomeriggio del 14 febbraio:

https://www.eurosport.com/figure-skating/beijing-2022/2022/kamila-valieva-doping-scandal-cas-set-date-for-sunday-verdict-due-on-monday-in-beijing-olympics-cont_sto8783288/story.shtml

 

Quindi prima dello short delle donne ci dovrebbe essere una decisione.

Fatto salvo poi ulteriori ricorsi della Russia, perchè pare che la situazione sia terribilmente intricata dal punto di vista legale, si legga qui l'articolo "Cio sotto scacco - Valieva positiva ma può gareggiare" di Marco Bonarrigo sul Corriere della Sera:

https://www.federvolley.it/sites/default/files/rassegnastampa/files/12022022.pdf


 

 

Valieva-shame.jpg


 

 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

olimpiadi-invernali-pechino-2022-logo.jp


Per non stare tristemente a rimuginare solo su storiacce di doping e di qualche oggettivo bullismo verso una minorenne, segnalo questo interessante articolo "dietro le quinte" di Gennaro Bozza, inviato di Sportsenators a Pechino 2022.

Dove c'è anche spazio per qualche riflessione per certe federazioni italiane di sport invernali.


http://www.sportsenators.it/11/02/2022/dietro-le-quinte-dei-giochi-invernali-dai-cibi-piccanti-ai-tram-ai-gialli-azzurri/

Pensando che due ragazzi hanno vinto un oro olimpico, stracciando tutto il resto del mondo, essendo 2 dei 333 (trecentotrentatre) tesserati della disciplina in Italia, non ci dobbiamo troppo abituare a questi "miracoli".

 


image.jpg&w=660&h=368

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

AFP_9ZJ4RK-kuxG-U33201030740244KpF-593x4

 

 

Un articolo del New York Times che spiega come si svolgerà l'audizione di domenica per decidere il futuro immediato della Valieva (bisogna aprire un account, anche attraverso FB o Google, per leggerlo):

 

https://www.nytimes.com/live/2022/02/12/sports/olympics-medals-winter#kamila-valievas-cas-hearing-doping

 

 

Ne riporto l'ultima parte, che è la più interessante:

"The stakes of its decision for the Olympics and the global fight against doping could not be higher. As a Russian, Valieva is competing for a nation that is not able to compete under its own name or flag as part of a multiyear ban related to a state-led doping scheme that sought to corrupt results at the 2014 Sochi Olympics.

But none of that will be part of Sunday’s discussion. There also will be little discussion about how the banned heart medication, trimetazidine, ended up in Valieva’s system, or why it took more than six weeks for the results of a test submitted in December to be confirmed.

Instead, Sunday’s hearing will focus on process and proportionality, with the arbitrators asked to weigh a largely philosophical argument pitting the damage of enforcing an immediate ban on a 15-year-old girl — and blocking her from the biggest competition of her life — against the potential damage to the integrity of the competition if she is allowed to compete.

As a minor, Valieva enjoys a different status to older athletes, meaning any punishment that may eventually be meted out to her is likely to be lower than typically issued for a similar failed test. But that is a conversation for another day, and for another hearing that is likely to be months away."

 


Messa così, ovvero se veramente non si parlerà della realtà o meno del doping della Valieva, ovvero il referto non sarà considerato già come prova accertata di doping, ma solo della "giustezza" di penalizzarla immediatamente oppure no, credo che la russa abbia buone possibilità di poter gareggiare martedi.

Questo almeno se il giornalista del NYT sa quello che dice!


 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

chinese.png_1718483346.png

 


Non avendo parlato della gara degli uomini, non ho neppure parlato di un evento "epocale" che è accaduto a Pechino, ovvero il primo quadruplo Axel atterrato in una competizione internazionale.

Sottoruotato e con caduta, ma pur sempre un 4A completato.

Chi ha fatto l'impresa è Yuzuru Hanyu, che da tempo stava tentando questo salto. Non è bastato a mandarlo sul podio, ma per restare nella Storia del pattinaggio di figura, si.

Qui un articolo che sviscera tutto ciò che c'è da sviscerare sulla questione 4A ma anche sull'evoluzione/involuzione di un grande atleta che è visibilmente a fine carriera.

http://www.sportsenators.it/13/02/2022/hanyu-nella-storia-ha-chiuso-il-quadruplo-axel-chen-raccoglie-la-sfida/

 

 

E qui un video decisamente "celebrativo":

 

 

 

 

 

E qui un'analisi del perchè "un quadruplo Axel è quasi impossibile da portare a termine":

 

https://www.popsci.com/science/quadruple-axel-figure-skating-impossible/

 

 

 

 


Nel frattempo, l'audizione per il caso Valieva è finita ma nulla trapela.
Bisognerà aspettare domani per sapere cosa hanno deciso.

 

flat,750x1000,075,f.u3.jpg

 

 

 



 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

LAPR0925-0028-kPcE--1081x611@Gazzetta-We

 

 

Il TAS/CAS, ovvero il Tribunale Arbitrale dello Sport, ha deciso: Kamila Valieva potrà gareggiare nel singolo femminile (lo short program martedi 15 mattina, dalle 11 ora italiana).


FLccAbtXEAoROlI?format=jpg&name=900x900



Il TAS/CAS ha deliberato non sul doping in sè ma in modo da non causare un "danno irreparabile" alla Valieva, che è una minorenne.

Sottolineando anche i "very limited facts of this case" e le "serious issues of untimely notification of the results"  legate a questa vicenda.

https://www.tas-cas.org/fileadmin/user_upload/CAS_Ad_Hoc_Media_Release_Beijing_8.pdf

 

Mi sembra una decisione giusta, perchè non si può penalizzare un'atleta, impedendole in modo irrimediabile di partecipare ad una gara, sulla base della positività dell'esame su un campione A ma senza aver ancora fatto la controanalisi sul campione B.
 

E qui nasce il guaio, ovvero che l'esito del campione A è arrivato un mese e mezzo dopo l'esame, e ad Olimpiadi già iniziate.

Oggi la WADA si difende dicendo che la RUSADA (l'agenzia antidoping russa) non aveva indicato che era un campione da esaminare con priorità.

FLixzveaMAEOJKl?format=png&name=large

 

Magari formalmente è così però era un campione di sangue che veniva dai Nazionali Russi e quanti atleti russi di quei nazionali si sapeva che sarebbero andati alle Olimpiadi con concrete possibilità di medaglia?
Immagino, anzi, che certamente saranno stati presi campioni soprattutto e sicuramente dai medagliati ai Nazionali, quindi quasi certi medagliati alle Olimpiadi (tranne per il settore uomini).


Ancora più assurdo il ritardo considerando che assume che la WADA "si fidasse" ciecamente della RUSADA, anche sulle indicazioni sulla priorità, cosa difficile da credere.
Quindi avrebbero dovuto comunque elaborare i campioni il più presto possibile, soprattutto prima di un "major event"!
Scaricano sulla RUSADA e sulla burocrazia dell'antidoping un comportamento da burocrazia italiana (sempre assumendo la buona fede).

 

La decisione del CAS solleva anche la questione del differente trattamento su eventuali sospensioni tra minorenni e maggiorenni alla luce del fatto che "the RUSADA Anti-Doping Rules and the WADC are silent with respect to provisional suspension imposed on protected persons".
Perciò, si è scoperto che mancano le regole.
 

Non è certamente finita qui, anche se mi chiedo se fra due o tre mesi avrebbero il coraggio di togliere una medaglia alla Valieva, probabilmente si (anche perchè si tratta dei russi, recidivi) ma ciò susciterebbe un secondo putiferio dopo quello che questa decisione già sta scatenando.

Penso che sarà comunque un'ulteriore spinta all'aumento dell'età minima per le Senior.


A corollario di tutto ciò, il CIO ha deciso che se la Valieva finisse sul podio del singolo femminile, non si terrà la cerimonia di premiazione delle medaglie.
Decisione secondo me deprimente ma accettabile (anche se sembra un pò una ripicca dopo il pronunciamento del TAS) e che fa il paio con la sospensione della premiazione del Team Event, che però era stata quella un chiaro danno fatto alla Valieva in quanto aveva fatto scoprire ciò che stava avvenendo ed aveva fatto venire fuori il nome dell'atleta, violando il principio di "protezione della minore".


GettyImages-1369056854.jpg



 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

papadakis-cizeron-3.jpg



Nel frattempo, è stata assegnata la medaglia d'oro più prevista e prevedibile, e non da mesi ma da quattro anni.

 

Oro nella Danza ovviamente (e ovviamente con nuovo "record del mondo") ai soporiferi francesi Papadakis/Cizeron, che hanno preceduto Sinitsina/Katsalapov e terzi Hubbell/Donohue (secondo me il miglior programma visto nel free, maestoso, e gran rammarico che siano prossimi al ritiro).

Fuori dal podio gli ottimi Chock/Bates (con un free ben cresciuto nel corso della stagione) e i nostri Guignard/Fabbri (che hanno recuperato due posizioni dopo la parzialmente deludente Rhythm Dance).

Delusione per Stepanova/Bukin, sesti, coppia splendida sul ghiaccio e dalle grandi potenzialità ma che o per guai fisici o forse perchè considerati dei "figliastri" in Russia al confronto con Sinitsina/Katsalapov, riesce raramente ad avere un guizzo vincente.
E forse potevano aspettarsi di più anche Gilles/Poirier, canadesi di buon livello (forse un pò troppo sopravvalutati sui social, mi permetto di dire).

 

 

madison-hubbell-and-zachary-donohue-skat

 

 


Ora, io spero davvero che Papadakis/Cizeron, ottenuto l'oro olimpico che avevano prenotato e blindato dal notaio da 4 anni (dopo aver incredibilmente rischiato di vincerlo già a Pyeongchang, che sarebbe stato un vergognoso furto ai danni dei canadesi, fortunatamente ci ha pensato "santa spallina"), si vogliano ritirare "in bellezza".

Perchè sono quattro anni che beneficiano di un "doping giudicante" che ha abbassato il livello tecnico della Danza, senza neanche innalzare il livello dei components perchè loro più che un "bel pattinaggio" fanno un pattinaggio "ruffiano" e per gusti semplici.

Sentire Pedrazzini in telecronaca affermare, adorante come sempre, che "loro hanno cambiato la danza su ghiaccio!" mi ha fatto vomitare.
Perchè è vero, l'hanno cambiata ma in peggio.
E perchè anche altri, a cominciare da Sinitsina/Katsalapov, hanno cominciato a copiarli (ma è difficile copiare bene l'originale, anche quando è fuffa).
Adesso, se si ritirassero non sarebbero più dei "cattivi maestri".
E sarebbe ora.

Resterebbe "solo" il danno che, fra qualche anno o decennio, ci sarà gente che racconterà ai propri figli di aver visto a suo tempo una "coppia francese favolosa,", il che sarebbe nè più nè meno che uno stravolgimento della Storia della Danza su Ghiaccio.
Cosa che per me è inconcepibile che possa dire chiunque abbia assistito alle battaglie tra Virtue/Moir e Davis/White.
Stiamo parlando di categorie diverse, diamanti nordamericani contro vetro francese.

E forse con il loro ritiro ricominceremmo ad avere più programmi come quello splendido di Hubbell/Donohue o quello di Chock/Bates.

 

 

PUMJKZSG55IWBEY6CWIM5WG4WI.jpg

 

 

 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

apre-ambesi-marchei-990x743.jpg


Ben difficilmente mi capita di essere tanto d'accordo con Massimiliano Ambesi, ma stavolta lo sono.

https://www.eurosport.it/pattinaggio-di-figura/pechino-2022/2022/olimpiadi-invernali-valieva-dobbiamo-essere-garantisti-e-non-forcaioli-massimiliano-ambesi_vid1632732/video.shtml

 

Non che dica cose clamorose, però è buon senso e ricostruzione dello stato dei fatti, oltre che garantismo.

E sono più che d'accordo anche con il biasimo verso certo "giornalismo" ma anche verso un certo andazzo sui social che mi è parso spesso eccessivo, tra il furente verso i russi e in particolare verso la Tutberizde (che ci può anche stare, fatto salvo che non si possono equiparare certi metodi di allenamento e mantenimento del peso-forma con il doping, dei primi c'è certezza, del secondo per ora no) all'irridente stile ultrà di calcio (a volte irridente-festante pure verso la Valieva, malamente mascherato da alcuni con la frase standard "però lo so benissimo che lei è una vittima, ci mancherebbe") .
La maggioranza degli utenti dei social direi che è ancora equilibrata, ma c'è una minoranza (rumorosa e spesso sguaiata) che mi pare non abbia neppure capito bene ciò che sta succedendo.


Per parlare chiaro, come mi piace fare.

Ti sta antipatica la Tutberizde, anzi ritieni che sia "il diavolo"? Ammesso, ma ricordati che per ora c'è una positività (la primissima, dopo anni di dominio della scuola Sambo!) ancora senza controprova ed emersa con tempistiche di comunicazione a dir poco discutibili. Forse varrebbe la pena attendere i successivi riscontri, immagino poche settimane e dovremmo conoscerli.

Ti sta antipatico Ambesi che ritieni troppo "filorusso" o ti stanno antipatici i russi o l'ambiente del pattinaggio russo? Ok, ma non  è che l'antipatia verso uno sia una sentenza di colpevolezza che ti è concesso di emettere verso terzi.
Sei tifoso/a contro le "bambine russe"? E vabbè, anch'io tifo "contro" la Trusova, ma se mi venisse detto che si dopa: 1) avrei dei dubbi almeno fino all'accertamento 2) non ne sarei affatto contento.

Perchè, caro utente social, c'è poco da stare allegri: questa vicenda, anche per come è venuta avanti, danneggia la credibilità del pattinaggio in ogni caso, sia che ci sia colpevolezza oppure innocenza.
E se ami il pattinaggio, potresti (dovresti) evitare di esaltarti troppo perchè un altro utente/un commentatore/una federazione ecc. sono in difficoltà (dialettica, giornalistica, politica ecc.).
Perchè le bombe non stanno cadendo solo su casa sua, ma anche sulla tua.

 

Si può vedere il video di Ambesi anche partendo da questo articolo che contiene un'intervista a Valentina Marchei, sulla stessa vicenda:

https://www.sciaremag.it/notiziesci/caso-kamila-valieva-il-commento-di-valentina-marchei-e-massimiliano-ambesi/



Grande è la confusione sotto il cielo, ma non mi sembra che la situazione sia eccellente.
 

Io comunque domani mattina lo short delle donne lo guarderò con grande interesse.

Non farò come quelli che dicono già "con questo scandalo, il pattinaggio ha perso interesse per me".
Come Mitridate, ho già "assunto veleno" con le donne a Sochi 2014, quasi altrettanto a Pyeonchang 2018 e sono quattro anni filati che "mi faccio" di Papadakis-Cizeron (sostanza che la WADA dovrebbe rendere illegale, mettendola nella categoria ZZZZZ - Induttori della Narcolessia), quindi sento di poter ormai sopportare anche questo.

 

 

escher-napoli-relativity.jpg

 

 



 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

3317334-67826948-2560-1440.jpg


 

 

Kamila Valieva ha vinto, con margine decisamente più ridotto del solito, lo Short donne di Pechino.

 

Questo il PDF dei risultati:

http://results.isu.org/results/season2122/owg2022/FSKWSINGLES-----------QUAL000100--_JudgesDetailsperSkater.pdf

 

 

(e qui due link alle pagine ISU generali su risultati e schedulazione degli eventi olimpici del pattinaggio di figura:

http://results.isu.org/results/season2122/owg2022/

 

http://results.isu.org/events/fsevent00111038.htm

)

 

 




Peccato per il 3A con step-out, ma se doveva sbagliare qualcosa quel difficile elemento è il più "giustificato".

Mi ero chiesto però se non sarebbe stato meglio non metterlo come primissimo elemento, per esempio usando il 3F per "scaldarsi" (soprattutto psicologicamente)  prima dell'Axel.

Ma io non sono nè lei nè la Tutberizde, avranno pensato bene di fare così. Magari sbagliando subito il salto più difficile si è "perdonata" di più che non se avesse sbagliato il più facile 3F e oggi la psicologia contava eccome per perdonarsi "in corso d'opera" errori e imperfezioni e limitare i danni.

 

Poi ha perso qualcosina qui è là, ma nel complesso se l'è cavata piuttosto bene, pur molto tesa come era (e alla fine in lacrime).

Però quei 6 punti lasciati indietro sul 3A non le hanno consentito di scavare un solco così profondo sulle inseguitrici, e io penso soprattutto alla Trusova che se imbrocca tutti i quadrupli può fare una gran rimonta (anche se è vero che non ricordo sia mai riuscita a fare un free con tutti i quad atterrati e bene).

 

 

 

 

orig-346-1644942939.jpeg

Seconda un'ottima Anna Shcherbakova, che con una strategia prudente (invece del 3Lz+3Lo che aveva sbagliato agli Europei ha ripiegato su una meno rischiosa combinazione 3Lz+3T) è riuscita a portare a casa un programma pulito (in pratica, tra le prime 10 è l'unica ad aver fatto un programma pulito assieme alla Sakamoto) e si ripropone quindi come quella pattinatrice senza punte estreme di qualità ma abbastanza buona (anzi, decisamente buona) da azzannare i polpacci, e magari alla fine superare, altre che hanno armi più potenti ma che potrebbero sbagliare.

 

Qui un link al video della sua prestazione:

https://www.eurosport.de/eiskunstlauf/olympia-eiskunstlauf/2022/olympia-2022-roc-eiskunstlauferin-anna-shcherbakova-zeigt-tolles-kurzprogramm-in-peking_vid1634100/video.shtml

 

 

 

 

oly22_fswom_4462_sakamotoshortpgm_hlf_22


Terza Kaori Sakamoto, con un ottimo programma, che pare oggi essere diventata per alcuni "l'unica pattinatrice che valga la pena di guardare questa gara" (perchè mica tutti pensano che la Valieva sia l'unica dopata tra le russe, quindi anche tifare per Trusova o Shcherbakova è diventato di colpo "demodè" sui social ...).

 

Qui un link al video della sua prestazione (nella terza parte del video, che riassume i primi tre posti):

https://www.eurosport.it/pattinaggio-di-figura/pechino-2022/2022/220215-hl-fsk-shortprogramok_vid1634153/video.shtml

 

 

 

 

oly22_fswom_4437_trusovashortpgm_hlf_220

Quarta Alexandra Trusova, russissima e rossissima, che ha sbagliato il 3A che aveva messo ad inizio programma e che se le fosse riuscito le avrebbe consentito di ridurre parecchio il distacco dalla Valieva (la quale il suo triplo Axel altamente imperfetto l'aveva già fatto poco prima, ma la Trusova non ne ha approfittato).
E' stata la solita Trusova, certo esteticamente meglio nello short, dove a differenza del free non deve pensare ai quadrupli e può sforzarsi di "interpretare" almeno un pò, cosa che le riesce un pò meglio degli spettacoli deprimenti che dava due stagioni fa (ma tranquilli: nel free tornerà ad essere la solita salterina che amiamo ... no ... che amate! :D ).
E' stata la solita Trusova anche nei PCS eccessivamente pagati, ovviamente, ma la cosa è nota da tempo.
Caso mai, lo ammetto, essendo uno di quelli che lo dicono "da tempi non sospetti" (l'ho addirittura presa ad archetipo  del perverso fenomeno dei "PCS trascinati dal TES", e stiamo parlando già di un paio di stagioni fa) mi indispettisce un pò l'impressione (forse solo un impressione ...) che oggi, 15 febbraio, ci sia diversa gente che è saltata su puntando il dito verso quei PCS soprattutto perchè, appunto, "oggi fa figo sparare sulle russe".
Anche la Shcherbakova, per la cronaca, è stata criticata da diversi sui social, nonostante abbia fatto un bel programma (ma, a quanto pare, ha soprattutto la "colpa" di essere stata posta davanti alla Sakamoto).
Ma sarò io che mi sbaglio e che penso male ...

 

Qui un link al video della sua prestazione:

https://www.eurosport.it/pattinaggio-di-figura/pechino-2022/2022/giochi-olimpici-alexandra-trusova-s-inguaia-da-sola-errori-in-axel-e-flip_vid1634114/video.shtml



 

A proposito di video, temo che su YouTube sia in atto, immagino per problemi di diritti televisivi, una "stretta" sui video olimpici registrati dagli utenti, almeno sul pattinaggio di figura ho visto che ce ne sono pochissimi che non siano slides commentate.
Per cui, a differenza di altre occasioni, mi devo barcamenare un pò per trovare i video.

 


Per oggi chiudo qui, ricordando che il Free delle donne sarà giovedi 17 mattina, dalle 11 ora italiana .

E vedremo quali saranno gli sviluppi di questo "drama" ...
 


kamila-hands_hpEmbed_20220212-221845_3x2

 

 

 

 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

5df81a45ae5ac935c323fec5.jpg

 

 

Da ieri, stanno circolando (nel mondo, non solo in Italia) articoli come questi qui:


https://www.msn.com/it-it/notizie/mondo/kamila-valieva-e-il-doping-alle-olimpiadi-tre-farmaci-trovati-nelle-urine-della-pattinatrice-uno-proibito-gli-altri-due-border-line/ar-AATV99D?li=AAL2Bz4

 

https://www.fanpage.it/sport/sport-invernali/la-regina-bambina-in-mano-allapparato-russo-doping-valieva-ha-scambiato-un-bicchiere-col-nonno/

 

 

Quando ho letto la notizia delle "altre sostanze" (legalissime, altro che "border line"!) assunte dalla Valieva mi è venuto da vomitare per la scorrettezza di questo tipo di propaganda.
 
 

 

 

032595-una-scena-del-film-di-animazione.

 

Prima considerazione:
ma chi è che crede che QUALUNQUE atleta di alto livello di QUALUNQUE nazione non utilizzi TUTTI gli aiuti legali e non dopanti che ha a disposizione per migliorare le proprie prestazioni?
C'è qualche Alice nel Paese delle Meraviglie?

 
 
 

 

volpe_il_viandante_e_la_volpe.jpg

 

Seconda considerazione:
i russi non sanno gestire affatto bene le questioni di doping dal punto di vista mediatico, soprattutto a fronte della spregiudicatezza dei media occidentali.

La questione del Vastarel (a base di Trimetazidina), che sarebbe stato usato dal nonno (oppure dal papà come altri articoli affermano, tanto per dire la spazzatura incerta che gira, fra un pò scriveranno dello "zio" ...), su cui i social italiani stanno comprensibilmente ironizzando sul nonno che "sputa nel bicchiere dove poi beve Kamila".
Beh, questa i russi potevano davvero evitare di tirarla fuori adesso e pubblicamente.

Perchè anche se fosse vera (se ...) appare comunque come un tentativo di difesa "ridicolo per la sua improbabilità".
Secondo voi russi è così, c'è davvero il sospetto che quella sia la ragione?
Allora fatelo presente solo nelle sedi opportune, agganciandola all'esiguità delle tracce rilevate, e non tirate fuori pubblicamente la questione ad Olimpiadi in corso, perché sembrate quelli che, presi con le mani nel sacco, cercano di trovare scuse inverosimili.
Piuttosto avrei capito che la buttassero sulla denuncia di un generico "complotto", vero o falso che fosse era comunque più "credibile".
 
E poi, d'altra parte, se qualcuno mi tira fuori le legalissime carnitina o l'Hypoxen (soprattutto un media USA!) io ci metterei sei secondi e tre decimi massimo per ribattere (stavolta pubblicamente!) con le ANFETAMINE della Biles e gli STEROIDI delle sorelle Williams, allegramente assunti per "ragioni mediche" e, guarda caso, perfettamente funzionali per ottenere consistenti vantaggi nei relativi sport.
No, i russi non sono molto "хитрость" (furbi) nella gestione mediatica degli scandali doping.
Il che non vuol dire che non si dopino, purtroppo, ma certo che "gli altri" che si dopano lo fanno solitamente in modo più "smart".

 
 
 
4.jpg

 

Terza considerazione:
io non sono un medico ma vedo che lo Hypoxen è un "potente farmaco antiossidante" (ed è usato anche per curare, oltre ad altre patologie, l'angina e l'insufficienza cardiaca, come la proibita trimetazidina).
Considerando che Valieva già assumeva questa "POTENTE SOSTANZA" LEGALE, oltre alla carnitina, aveva davvero bisogno di prendere anche una sostanza ILLEGALE per vincere? Tutto è possibile ma ...

Per inciso, in un "sito anglofono" (come dice Ambesi in senso critico, e in questo caso mi trova d'accordo) è stato scritto che la Valieva si farebbe pure (orrore!) di Supradyn, definito come "a supplement that boosts blood circulation in your body".

Ehi, il Supradyn è un (ovviamente lecitissimo) INTEGRATORE ALIMENTARE! :D

supradyn-ricarica-compresse-IT935662611-

 
Gli americani si, che invece sono furbi, si fanno PRESCRIVERE le sostanze (veramente) dopanti!
Se i russi si fossero inventati "qualche problemino di cuore" per la Valieva avrebbero potuto darle la trimetazidina "LEGALMENTE".
Anche la constatazione che non l'abbiano fatto mi fa pensare che effettivamente non glie l'abbiano somministrata volutamente.
Anche qui, tutto è possibile e magari si scoprirà con ragionevole certezza che si dopava. Ma tuttora mi sembra improbabile.

 
 

 

wada-komt-samen-in-lausanne-wordt-ruslan

 

Quarta considerazione:
la WADA è ridicola ed ipocrita quando cerca di scaricare la colpa sulla RUSADA perchè quest'ultima non avrebbe indicato la priorità nel campione da esaminare e questa sarebbe la colpa del ritardo (un mese e mezzo!) nel consegnare l'esito.

Ma quale "priorità"! :D
Tu, WADA, sai benissimo che quei campioni di sangue, per quanto anonimi, vengono dai Campionati Nazionali Russi (!!!), che sono di fatto una bella fetta di un Campionato del Mondo
E tu, WADA, sai benissimo che, a parte il settore maschile, tutti coloro arrivati nei primi posti di quei campionati sono possibili e probabili medagliati alla imminenti Olimpiadi (che tu, WADA, sai benissimo che sono imminenti).
E tu, WADA, non verifichi subito quei campioni, che in gran parte vengono certamente da atleti russi di primissimo piano?
E tu, WADA, che affermi (forse con ragione) che c'è "un grosso problema di cultura negli sport russi", ci stai anche dicendo che "ti sei fidata" della RUSADA?   :asd: 
Via, raccontatene un'altra ...
 
 
 

 

FancyBears-WADA2.png

 

Quinta considerazione:
temo che WADA e CIO abbiano ora giurato vendetta contro la Valieva e i russi, perché se Valieva venisse scagionata allora ne andrebbe ancor di più della credibilità della WADA (che già non sta messa bene) e pure del CIO che ha gestito la cosa in modo pessimo, facendo inutilmente (o volutamente?) scoppiare il caso in piena Olimpiade con la decisione di non fare la premiazione del Team Event.
Quando avrebbero invece potuto e dovuto cercare di rendere nota l'indagine in corso solo ad Olimpiadi concluse ("proteggendo l'atleta minorenne" e tanto non c'era comunque il tempo per fare le controanalisi e prendere la decisione definitiva sulla positività prima della gara femminile).
Perciò, non è più una questione di principio, per WADA e CIO è diventata una questione di non perdere la FACCIA e forse le POLTRONE.
Per questo motivo, temo che una medaglia conquistata dalla Valieva le sarà comunque tolta a tavolino, fra qualche settimana o qualche mese, a meno che la controanalisi sul campione B non rilevi proprio nulla, neanche le "minime tracce", o ci sia una concreta possibilità di dimostrare una contaminazione.
 
 
 
giustizia.jpg
 
Sesta considerazione:
questa non riguarda il doping in sè, ma una questione di metodo, giustizia, ragione e buon senso.
Vedo che c'è gente che dice che la Valieva "non doveva gareggiare, perchè ciò danneggia le altre".
Scusate, quali danni?
Quello di arrivare quarta ed avere una buona probabilità di essere medaglia di bronzo fra due o tre mesi?
Quello che, accidenti, non posso salire sul podio se c'è la Valieva (cosa che probabilmente accadrà ad altre russe!) e ciò mi rovinerà psicologicamente l'Olimpiade?

Ma come giustifichereste una squalifica anticipata della Valieva, per evitare i "drammi" di cui sopra, basata su un campione di sangue (con "tracce minime", pare) non ancora controperiziato, oltretutto refertato con tempistica assurda e di un'atleta che non è mai stata trovata positiva in tutte le altre competizioni internazionali, passate e presenti, alle quali ha partecipato (come nessuna delle altre atlete della sua dominante scuola)?
Io sono basito ...

E qui non c'entra neppure la minore età dell'atleta, sarebbe lo stesso per una maggiorenne.
 
Se Valieva è colpevole, statene certi, la medaglia gliela toglieranno.
A tavolino, come già successo tante volte.
Si tratta di aspettare al massimo pochi mesi.

E, temo, se non è colpevole ... forse lo stesso! :zizi:
Finirà COMUNQUE con dei dubbi.

Ad altre, invece ...

 
simone-biles-1526056.jpg
 
 
 
Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

clava.jpg

 

 

Commenterò il free femminile più avanti.

 

Ora dico solo che SPERO che le controanalisi della Valieva CONFERMINO la sua positività, perchè altrimenti c'è da prendere un NODOSO BASTONE e dirigersi verso la sede della WADA e poi verso quella del CIO, con intenzioni "molto decise".

 

Lascio perdere invece cosa si meriterebbero, soprattutto nel caso di innocenza (ma anche no), certi commentatori e giornalisti, perchè mi verrebbe in mente questo:

 

An_A-10_from_the_81st_Fighter_Squadron_f
 

 

 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

dc6479bd630d42f1b26f31d7738b4343-k9rG-U3

 


In questi giorni ho tante di quelle cose per la testa, compresa e forse soprattutto la situazione in Ucraina, che mi sembra perfino strano commentare sul pattinaggio di figura.
E la foto che ho messo nel post precedente, di un aereo carico di bombe, beh ... vista adesso sembra uno sfregio al sangue ed al dolore portato dalla guerra in quel paese (ma non da 6 giorni fa, da otto anni fa, solo che prima "non ci importava" ...).
Ma due settimane fa non avrei mai pensato che ci saremmo trovati a questo punto.

Per ora mi limito a linkare un articolo appena uscito su Sportsenators, a firma di Gennaro Bozza, lo specialista di pattinaggio di figura di quella testata, sul "caso Valieva" (ancora un caso di "Occidente vs Russia", ma fortunatamente  senza spari ...):

http://www.sportsenators.it/28/02/2022/povera-valieva-vaso-di-coccio-nella-guerra-tra-potenti/

 

Articolo corposo e pieno di riferimenti e riflessioni, e pure del racconto di poco edificanti eventi passati (si veda per esempio il paragrafo "IL VALZER DEGLI IMPUNITI").

Ci sentiamo appena mi riprendo.




st,small,845x845-pad,1000x1000,f8f8f8.jp



 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Mi sto lentamente riprendendo dallo shock per la vergognosa aggressione alla mia dolcissima sorellina Kamila (che volete, i nostri genitori non hanno avuto molta fantasia nello scegliere i nomi), ma il senso di nausea non mi abbandona ancora. :verymad:

Ma che bravi, tutti uniti contro questa piccola strega, il presidente del Cio, Bach, la Wada, gli Stati Uniti, i giornalisti coraggiosi di tutto il mondo, i marziani, c’è qualcun altro che si vuole accodare? Io resterò dalla parte della mia sorellina, anche se questo rapporto di parentela, lo confesso, è solo ideale, ma molto più concreto delle lodi sperticate per lei poi trasformatesi vigliaccamente in critiche, i soliti topi (senza offesa ai topi veri, che hanno una loro dignità) che abbandonano la nave quando è in pericolo. :angry2::angry2::angry2:

Beh, cerco di andare sul concreto e di mettere in risalto alcune cose che mi hanno indignato non solo umanamente ma anche dal punto di vista delle più elementari regole del discorso logico, della correttezza e dell’onestà. Nel merito delle considerazioni di Astor sulla vicenda doping le ritengo chiare, giuste ed esaustive. Vorrei solo aggiungere una cosa che per me è inquietante.   

Il New York Times ha diffuso la notizia che, insieme alla Trimetazidina, elemento riconosciuto come doping, sono stati trovati nel flacone del prelievo alla Valieva altri due elementi (L-Carinitina e Hypoxen) che doping non sono e che quindi non potrebbero essere resi pubblici. Quindi, se questi altri due elementi non dopanti sono venuti a conoscenza del New York Times, il primo a renderli noti, significa che al giornale sono stati passati dal Cio, dalla Wada o dal laboratorio che ha effettuato l’analisi, o da tutti e tre. Non riesco a vedere altra spiegazione. Ma in questo caso è sempre più evidente che il Cio e la Wada hanno voluto farlo sapere per mettere sotto maggiore pressione la Valieva, esporla al ludibrio di tutto il mondo e sperare che alla fine crollasse, come purtroppo è stato, fregandosene del fatto che si tratta di una 15enne. Siamo di fronte a persone spietate che nella guerra contro la Russia del doping non esitano a sacrificare anche gli innocenti, perché la Valieva è innocente anche se risulterà che nel suo corpo c’è davvero quella sostanza dopante.

Ma davvero vogliono far credere che tutto quello che lei ha fatto sia dipeso da quell’infinitesima traccia di doping che le hanno trovato nel sangue? Che le prodezze da lei mostrate sin dagli anni precedenti, a 13 e 14 anni, fossero già allora viziate? In proposito, faccio notare solo una cosa, accaduta nel programma libero della gara a squadre.

Valieva apre la seconda parte del programma col quadruplo Toeloop-Euler, triplo Salchow. Stavolta, mentre è in aria sul Toeloop si vede già che è sbilanciata in avanti, tant’è che cade, la combinazione salta. Immediatamente dopo ha in programma due elementi consecutivi di salto: la combinazione triplo Flip-triplo Toeloop e poi un triplo Lutz, ma lei cosa fa? Triplo Flip-Euler-triplo Salchow e subito dopo triplo Lutz-triplo Toeloop!!! E tutti con Goe dal 3 al 4, un solo 2 e un 5. Quindi, non solo ha recuperato la combinazione perduta, fra l’altro immediatamente dopo una caduta, ma in un paio di secondi ha realizzato di recuperare l’Euler cambiando il Toeloop in Salchow e poi cambiando il singolo triplo Lutz in combinazione tripli Lutz-Toeloop. Non ho mai visto una cosa simile nella storia del pattinaggio. Qui non è più questione di prerotazioni, di bambine-macchine e quant’altro, un robot non sarebbe capace di fare un ragionamento del genere, questa ragazza non è solo una grandissima pattinatrice, ma un fenomenale cervello. E anche la sostanza dopante più potente che ci sia al mondo non può aiutare l’atleta a comportarsi in questa maniera. O magari Bach e la Wada se ne usciranno con l’ipotesi che i russi hanno messo nel suo cervello qualche cellula superbionica che le permette di essere più veloce di un computer!    

Ma figuriamoci se lo sciacallaggio si ferma davanti a queste bazzecole! Interessanti in proposito le dichiarazioni di Adam Rippon, coach della statunitense Mariah Bell, a Eurosport international. Lui si era già distinto per attacchi al Cio per aver assegnato a Pechino l'Olimpiade invernale e poi a tutta la squadra russa di pattinaggio, con allusioni al fatto che anche Trusova e Scherbakova potrebbero essere dopate. Ma per Valieva lui assume un tono commosso: "La situazione in cui si trova è straziante, non riesco a immaginare cosa provi una 15enne in questo momento. Mi fa pensare che gli adulti attorno a lei l'abbiano completamente delusa. Penso che Kamila sia una vittima, ma penso che ogni altra ragazza sia una vittima".

Ogni altra ragazza chi? Russa ovviamente. Ma poi c'è la genialata finale: "Nessuno saprà quanto avrebbe potuto essere brava". E lo dice quasi piangendo!  :sweat::porcoquiporcola:

Quindi, in una sola frase racchiude due gemme di ipocrisia. La prima: è stata dopata sin da quando era più piccola, quindi nessuno saprà cosa avrebbe potuto fare senza il doping. La seconda: è un'atleta finita che non potrà mai più riprendersi, quindi non sapremo mai cosa avrebbe potuto fare.

Insomma, dopata da quando era bambina, poi già morta e sepolta. Secondo Rippon lei non potrà mai più tornare in pista. E tutto quello che ha già mostrato, a prescindere dai record di punteggio, con le prodezze sia nei salti sia nell'esercizio globale, non esiste.

Beh, ho fiducia nella mia sorellina spirituale, aspetto il suo ritorno anche dopo una eventuale squalifica (che sarebbe illegale in base alle regole attuali riguardanti i minorenni) proprio per vedere la faccia di Rippon (e di tutti gli altri maramaldi che hanno mostrato i muscoli contro una bambina) nell’assistere alle sue nuove prodezze. Io però non ho finito, ci sono tante altre cose da dire. Con calma, poco alla volta.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

131158278-30cd1659-d075-45fa-b8d1-6fdc9f


Ciao Kamilo (a proposito: per chi tifi? perchè non l'ho capito :D) e benvenuto.

Sono d'accordo praticamente su tutto.

Interessante questa considerazione: "Il New York Times ha diffuso la notizia che, insieme alla Trimetazidina, elemento riconosciuto come doping, sono stati trovati nel flacone del prelievo alla Valieva altri due elementi (L-Carinitina e Hypoxen) che doping non sono e che quindi non potrebbero essere resi pubblici. Quindi, se questi altri due elementi non dopanti sono venuti a conoscenza del New York Times, il primo a renderli noti, significa che al giornale sono stati passati dal Cio, dalla Wada o dal laboratorio che ha effettuato l’analisi, o da tutti e tre".

Effettivamente non ci avevo pensato.
Trovavo grottesco e vergognoso "aggiungere" sui media alla Trimetazidina anche "altro", perfettamente legale e che useranno centinaia di atleti, come a dire "vedete quante cose doveva ingurgitare la 'povera bambina'?".
Ma non avevo fatto il passo successivo, ovvero "chi ha dato a quei 'giornalisti' (tra virgolette) quelle informazioni?".
Eh, si, solo qualcuno che ha avuto accesso al referto dell'analisi del sangue della Valieva.
E io non sono stato, giuro!  :asd:

Ed effettivamente ci sono state lacrime di coccodrillo vomitevoli su questa faccenda (sui social e, peggio, da certi atleti tipo il citato Rippon):
"ah, povera bambina, dopatissima ma, certo, non è colpa sua ... (sigh! sigh!) ... :piango: ... ma dopatissima, eh? sicuro. ... eh, chissà cosa avrebbe potuto fare ... (sigh! sigh!) ... se avesse potuto farlo ... se non l'avessero riempita di doping ... che vergogna i russi ... povera Kamila ... (sigh! sigh!) ... dopatissima, eh? ... e stava vincendo tanto, beh, è ovvio il perchè  :diavoletto: ... peccato, forse poteva essere una buona atleta anche senza doparsi ... ma l'hanno rovinata ed adesso è finita ... (sigh! sigh!) ... :piango: ... (vai Kaori, che anche la Sherby e la Trusy fra poco le becca l'antidoping! :yahoo:) ... ooops! ... dicevo ... (sigh! sigh!)  ..."


E vabbè, nessuno ha mai detto che il pattinaggio sia uno sport "per signorine" (chiedere ad Harding e Kerrigan).
Però, un pò meno di condanne preventive, di approssimazione, di maldicenze e di ipocrisia, e magari anche un pò meno di "hooligan in doppiopetto" (o in tailleur), speravo che si potessero avere.
 

 

HOOLIGANS-1.jpg



Chiudo avanzando qualche domanda (riprendendo da considerazioni viste sui social).
 

Ho letto che la trimetazidina resta nel corpo solo per poche ore.

E quindi non ha senso assumerla in occasione di una gara, dove una campionessa e pressochè certa medagliata come la Valieva sapeva che sicuramente sarebbe stata controllata!
Però ci viene detto che l'avrebbe fatto in occasione dei Nazionali Russi ...
No comment.

Sembrerebbe avere senso solo usarla lontano dalle gare, per migliorare la resistenza durante gli allenamenti.
Questa sarebbe la "ratio" della vicenda, secondo alcuni utenti sui social: non serviva per le gare ma serviva durante i lunghi mesi di duro allenamento, consentendo al fisico della Valieva di fortificarsi, potendo sopportare carichi di lavoro maggiori.

Ok, ammettiamolo.
Però ogni atleta professionista deve aspettarsi anche dei controlli a sorpresa, anche lontano dalle gare (vedi il dopatissimo Schwazer e la vicenda che ha coinvolto l'"ingenua" Carolina ...).
Possibile che con tante atlete di punta, tante da poter riempire due podii mondiali, la perfida Eteri De Mon sia riuscita a schivare per anni ogni controllo al momento "sbagliato", su ognuna delle sue pattinatrici?

La RUSADA i controlli a sorpresa non li faceva? E la WADA le consentiva di non farli?

Mah ...



Crudelia_De_Mon.png



 

Edited by Astor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho seguito superficialmente la vicenda, l'assunzione è ritenuta volontaria?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×