Jump to content

Recommended Posts

Posted (edited)

Un nostro professore per dirla in modo elegante era decisamente fuori posto, la sua fama lo precedeva e dopo qualche mese abbiamo notato che non c'era verso di vedere un voto sopra il 6, ma avevamo notato che ormai la memoria gli faceva brutti scherzi. All'inizio cambiavamo i voti sul foglio del compito, ma solo quando non era troppo evidente come ad esempio un 6 in un 8, ma ovviamente non si poteva fare sempre.

Allora abbiamo provato a fare in un altro modo: i suoi compiti scritti erano domande aperte che si inventava sul momento quindi abbiamo deciso di preparacele noi a casa il giorno prima, così arrivavamo in classe con il foglio protocollo già fornito di domande e risposte copiate dal libro. Appunti suoi non ne avevamo dato che non spiegava mai e le sue lezioni corrispondevano solo a leggere il libro, un grande insomma.

Lui non si accorgeva di nulla ma nonostante ciò i voti rimanevano molto bassi e si dimostrava capace di dare voti molto diversi anche a compiti perfettamente uguali.

A quel punto ci siamo sentiti in dovere di cercare un'altra soluzione: verso la fine dell'anno mentre eravamo nell'aula multimediale a guardare un film alcuni di noi con la scusa di andare in bagno sono andati in classe dove il professore aveva lasciato il registro e hanno cambiato i voti un po' a tutti. Dopo qualche giorno, nel classico riepilogo dei voti che lui faceva ogni tanto leggendoli ad alta voce in classe, non sospettò di nulla, ci fu solo qualche "non ricordo di averti dato questo voto" alternato ad un "sì è vero qui si vedeva che avevi studiato" quando in realtà i voti erano stati tutti modificati, risultato: a fine anno in filosofia avevamo tutti voti dall'8 in sù.

Edited by Alex_Ferrari
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Alex_Ferrari ha scritto:

Un nostro professore per dirla in modo elegante era decisamente fuori posto, la sua fama lo precedeva e dopo qualche mese abbiamo notato che non c'era verso di vedere un voto sopra il 6, ma avevamo notato che ormai la memoria gli faceva brutti scherzi. All'inizio cambiavamo i voti sul foglio del compito, ma solo quando non era troppo evidente come ad esempio un 6 in un 8, ma ovviamente non si poteva fare sempre.

Allora abbiamo provato a fare in un altro modo: i suoi compiti scritti erano domande aperte che si inventava sul momento quindi abbiamo deciso di preparacele noi a casa il giorno prima, così arrivavamo in classe con il foglio a protocollo già fornito di domande e risposte copiate dal libro. Appunti suoi non ne avevamo dato che non spiegava mai e le sue lezioni corrispondevano solo a leggere il libro, un grande insomma.

Lui non si accorgeva di nulla ma nonostante ciò i voti rimanevano molto bassi e si dimostrava capace di dare voti molto diversi anche a compiti perfettamente uguali.

A quel punto ci siamo sentiti in dovere di cercare un'altra soluzione: verso la fine dell'anno mentre eravamo nell'aula multimediale a guardare un film alcuni di noi con la scusa di andare in bagno sono andati in classe dove il professore aveva lasciato il registro e hanno cambiato i voti un po' a tutti. Dopo qualche giorno, nel classico riepilogo dei voti che lui faceva ogni tanto leggendoli ad alta voce in classe, non sospettò di nulla, ci fu solo qualche "non ricordo di averti dato questo voto" alternato ad un "sì è vero qui si vedeva che avevi studiato" quando in realtà i voti erano stati tutti modificati, risultato: a fine anno a filosofia avevamo tutti voti dall'8 in sù.

ora quel prof è a capo della Ferrari

  • Lewisito 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una volta presi un 8 in un‘interrogazione di italiano. Il professore era un supplente che chiedeva di parlare per mezz‘ora ininterrottamente di un argomento a propria scelta. Scelsi di parlare di F1.

 

Ora non potrei più farlo, si sa che è morta da tempo.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Alex_Ferrari ha scritto:

a protocollo

a filosofia

 

@ClaudioMuse

  • Lewisito 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, crucco ha scritto:

perchè editi i miei messaggi? non è educato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un altro ricordo: seconda superiore, inizio dell'anno scolastico, leggo la lista dei nomi nel registro di classe e mi rivolgo ad un compagno (tale Mario, il cognome ovviamente l‘ho scordato, da buon vecio) dicendo: "Ehi Mario, hanno sbagliato a scrivere il tuo nome, qui è scritto Dario... ah ah ah!". E lui tranquillo: "Ma io mi chiamo Dario."

 

Il bello è che noi l‘avevamo chiamato Mario per un anno senza che lui battesse ciglio...

 

 

3 minuti fa, Alex_Ferrari ha scritto:

perchè editi i miei messaggi? non è educato

 

Scusami, era troppo lungo e non volevo intasare la pagina.

  • Lewisito 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, crucco ha scritto:

Una volta presi un 8 in un‘interrogazione di italiano. Il professore era un supplente che chiedeva di parlare per mezz‘ora ininterrottamente di un argomento a propria scelta. Scelsi di parlare di F1.

L'anno scorso, durante il lockdown, la Prof di Educazione Fisica ci chiese di realizzare un Power Point su uno sport a piacere. Io riuscì a convincere i miei amici a farlo sull'automobilismo (incentrato fortemente sulla F1), ovviamente l'ho fatto solo io ma almeno mi sono divertito:asd:.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I primi tre anni e mezzo, prima che fossero completati i nuovi plessi per noi e il "gemello diverso" istituto tecnico, la sede del liceo era all'interno di un palazzo di 6 piani. Ovviamente non c'era la palestra: per fare educazione fisica dovevamo uscire dall'edificio e raggiungere a piedi una palestra all'interno di una scuola elementare lì vicino. Quando ci trasferimmo credo che quello che vendeva i cornetti si sia messo in lutto :asd:.

 

Mio padre insegnava Elettrotecnica, quando era all'istituto professionale spesso mi portava con lui e mi lasciava a smanettare giocare a GP2 con i PC della scuola. I computer erano "ingabbiati" in una metà dell'aula mentre dall'altra c'erano i banchi: immaginatevi me, ragazzino delle medie, chiuso nella gabbia con i PC e le bestie fuori... :schumi1m:

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 hours ago, ForzaFerrari said:

@ClaudioMuse posta la pagella del V anno

PS

Italiano 9

Latino 9

Storia 9

Filosofia 8

Matematica 7

Fisica 6

Inglese 8

Disegno 8

Geografia generale 8

Disegno 9

 

La pagella del V anno.

 

Come al solito le tue offese ti qualificano per quello che sei.

  • Lewisito 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, ClaudioMuse ha scritto:

Disegno 8

 

Disegno 9

qui c'è di mezzo il prof di Alex_Ferrari

  • Lewisito 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Più che altro, dopo tanti anni e centinaia di volte che ho ripostato sta cosa, mi sono accorto che disegno compare due volte con voti diversi

Share this post


Link to post
Share on other sites

urge indagare sul disegno

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Beyond ha scritto:

urge indagare sul disegno

 

Cla, facci un disegno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei sapere se alla scuola di @Kimimathiassi dava fuoco al tricolore?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 7/5/2021 Alle 13:14, Aviatore_Gilles ha scritto:

 

Io presi un 2 in informatica. Il che fa sorridere a pensare che oggi lavoro nel settore informatico :asd:

 

2 in informatica? L'occasione perfetta per farsi scrivere il voto in binario. :whistling:

 

Il 7/5/2021 Alle 14:16, Ruberekus ha scritto:

tutti dilettanti, ora ve ne racconto io una :binotto2:

 

marzo 2009, gita a Praga, giusto in quella settimana ho la fortuna (o sfortuna, dipende dai punti di vista) di compiere 18 anni; il giorno del mio compleanno i miei compagni di classe hanno l'ottima idea di organizzarmi una festa alcolica a sorpresa in camera, quindi fanno il pieno di vodka e rum

 

sarà che non ero abituato a bere, sarà che comunque mi sono scolato mezza bottiglia di rum (o almeno ho ricordi fino a metà bottiglia), fatto sta che sto malissimo e devono portarmi in ospedale, dove (credo) mi fanno la lavanda gastrica, mentre il test dell'alcol dà 1.2/1.3

 

io mi sveglio il giorno dopo in camera chiuso a chiave e senza occhiali, non mi ricordo assolutamente nulla di quello che è successo (nei giorni seguenti mi racconteranno cose che è meglio non divulgare), noto solo che sul comodino c'è una bottiglia di vodka vuota; chiamo qualche compagno, vengono ad aprirmi e mi ridanno gli occhiali, c'è anche il prof che mi aveva accompagnato in ospedale, a quel punto prendo la bottiglia vuota e gli dico scherzando "prof facciamo un brindisi ?" quello a momenti muore sul colpo

 

naturalmente tutta la vicenda è stata insabbiata ed è rimasta sulle rive della Moldava, mica i professori potevano fare la figura di quelli che si fanno organizzare una festa clandestina finita in ospedale proprio sotto il naso :troll:

 

Stessa città, stessa età, ma io anzichè finire in ospedale ho riversato il tutto su letto e pavimento, provato pateticamente a lavare le lenzuola nella doccia per nascondere le prove e ricevuto vagonate di insulti dai compagni in coma etilico e dalle cameriere chiamate a notte fonda a sistemare il tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come siete morigerati bimbi belli. Da nessuno di voi è mai arrivata la polizia in classe durante l'orario di lezione?

 

Invece fu molto bello il mio orale della maturità in data 10 Luglio 2006. I prof (maschi) erano più devastati di me

  • Trottolino 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ricordo che in prima superiore avevamo una prof di matematica molto emotiva e quando quasi sempre in classe facevamo dei casini esagerati, lei si mise a piangere. anche perché non sapeva cosa fare. :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/5/2021 Alle 23:35, Hunaudieres ha scritto:

Tristessa di scuola moderna :sad_smile:

 

Belli i tempi quando arrivavi la mattina davanti alla scuola e ti accorgevi che non avevi voglia di fare un casso (specie il sabato), e allora partiva la contrattazione con più compagni possibili per far saltare la giornata.

 

Solitamente ci ritrovavamo i soliti 3 o 4 e andavamo a giocare a bowling, oppur prendevamo l'autobus e ce ne andavamo a Napoli. Alla fine ero un marinatore reo-confesso e i miei non hanno mai rotto troppo le palle.

Anche io facevo così. 

BOWLING di Fuorigrotta. 

Il quarto anno, dopo le feste Natalizie, invece di rientrare a scuola il 7 Gennaio, io ed altri 4 amici rientrammo a scuola il 19 Gennaio :asd:.

Andavamo tutti i giorni al Bowling  :lol2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beati voi, io in 3 anni di liceo ho fatto 5 assenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites

che vita di m***a :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×