Vai al contenuto
Timo

SUV WAGON? Mercedes Classe E All Terrain

Messaggi raccomandati

Quando mi è arrivata era già comunque una bomba, ma di classe.

 

Mercedes-E-220-d-4MATIC-All-Terrain-arti

 

Poi ho fatto qualche modifica...

 

A Spielberg vi sarebbe molto utile.

Modificato da crucco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ne avevo provata una prima dell'acquisto, per capirla meglio. Essa aveva però inspiegabilmente una cambio che definirei... legnoso. Non mi piacque, per cui decisi di ordinarla con un cambio UltraAutoSequenZ, comodissimo: fa tutto lui, puoi cambiarne i rapporti via Siri, Cortana, Alexa ecc... e reagisce anche all'umore ed alla stanchezza. Te lo consiglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Notizia dell'ultim'ora, ancora da verificare completamente: sembra che negli Stati Uniti sia in atto un richiamo per tutte le Classe E All Terrain, a causa del cambio piuttosto legnoso. Appena avremo notizie più dettagliate le riporteremo qui.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comprensibile, negli states ci sono un sacco di castori: con un cambio legnoso ci sarebbe il rischio di rosikamento.

Nessun problema invece per le popolazioni nomadi in Europa, li abbiamo sterminati tutti. Trainare roulotte sarà facilissimo con questo gioiello di ingeignieria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alfa ci era arrivata anni e anni fa... 2004, Alfa Crosswagon basata sulla 156 SW.

4-00022646.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vabbè ma si sa che se è italiano deve far schifo. Al contrario se è crucco è figo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non è questione di essere figo, crucco o italiano, ma di creare un prodotto valido e di saperlo vendere. La 156 Crosswagon non è - tra l‘altro - nemmeno stata la prima auto di questo genere. Ben prima sono arrivate sul mercato la Volvo V70 XC (1997) e l‘Audi A6 Allroad (1999).

 

La storia si è ripetuta con la Croma td id, messa sul mercato prima del tdi VW, ma questo vantaggio non è stato sfruttato, per un mitivo o per l‘altro.

 

Certamente anche i marchi tedeschi hanno i propri difetti e non è tutt‘oro ciò che sfornano.

 

Ma liquidare il tutto con „si sa: crucco fa figo e italiano fa schifo“ è semplicistico e sbagliato. Vi sono dei motivi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il 18/10/2018 Alle 21:55, crucco ha scritto:

Non è questione di essere figo, crucco o italiano, ma di creare un prodotto valido e di saperlo vendere. La 156 Crosswagon non è - tra l‘altro - nemmeno stata la prima auto di questo genere. Ben prima sono arrivate sul mercato la Volvo V70 XC (1997) e l‘Audi A6 Allroad (1999).

 

La storia si è ripetuta con la Croma td id, messa sul mercato prima del tdi VW, ma questo vantaggio non è stato sfruttato, per un mitivo o per l‘altro.

 

Certamente anche i marchi tedeschi hanno i propri difetti e non è tutt‘oro ciò che sfornano.

 

Ma liquidare il tutto con „si sa: crucco fa figo e italiano fa schifo“ è semplicistico e sbagliato. Vi sono dei motivi.

In realtà pensavo che la prima XC70 e la A6 Avant fossero dello stesso anno della Crosswagon. Errore mio, capita.

Eccovi la V70XC del 1998 

Volvo-XC70-2.4-1998-8.jpg

E la A6 Allroad 

Audi_allroad_quattro_2.5_TDI_C5-problemi

PS ci tengo a sottolineare che quello detto da Ferrarì poco fa non è del tutto sbagliato. Nel mondo automobilistico  moltissima gente preferisce acquistare tedesco perchè "solo loro sanno fare le auto" mentre le italiane, eccezion fatta per Ferrari e in parte Maserati(Lamborghini è mezza tedesca, non la considero patrimonio italiano), sono delle "schifezze" a loro modo di vedere.

Modificato da PheelD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Confermo, la percezione da noi è quella, la qualità non conta basta sia tedesca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 hours ago, F.126ck said:

Confermo, la percezione da noi è quella, la qualità non conta basta sia tedesca.

 

Se da noi è quella, figurati in Germania. Un po' di tempo fa si parlava con un amico siciliano che vive in Germania della nuova (era uscita da poco) Giulia. Sua risposta: "min**ia, figa questa Giulia, peccato che sia italiana e che sia Alfa Romeo, sarà sicuramente una m***a".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non lo metto in dubbio. Ma non è sempre e solo così. Da sempre vengono vendute NEL MONDO anche moltissime auto giapponesi (da anni pure coreane) e nessuno si scandalizza. Lo si fa solo con le tedesche. Secondo me i motivi sono principalmente tre: i crucchi non sono simpatici, le loro auto non sono economiche (soprattutto le premium, ma non solo) —> rapporto qualità/prezzo non sempre buono e - anche se non lo si ammette - c‘è anche un briciolo di invidia per il loro successo (che non esiste solo in Italia) mentre noi eliminiamo uno dopo l’altro i nostri marchi, gloriosi e storici. Senza nemmeno sapere perché.

 

Il tuo amico siciliano purtroppo ha vissuto il periodo della ruggine nelle automobili italiane (è esistito davvero) e ne è rimasto scottato.

 

Fatto sta che non possiamo riversare sui marchi tedeschi il nostro rancore per l’autodistruzione delle nostre GRANDISSIME opere ingegneristiche e di design.

 

Si dovrebbe imparare dai tedeschi, che sanno vendere anche cose normali senza perderci (almeno rispetto a noi).

 

Guardate che non ho scritto che le auto tedesche siano le migliori... però credo pure che non debbano nascondersi, nemmeno quelle con un rapporto qualità prezzo non buono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che l'industria automobilistica italiana (praticamente FIAT) abbia prodotto negli anni 90 e 2000 parecchi catorci è fuori di dubbio, ma questo non vuol dire che le tedesche abbiano prodotto gioielli di design ed ingegneria al punto da giustificare il loro successo. Semplicemente sono sempre stati più bravi a vendere, aiutati dall'alto. Prima del dieselgate, Volkswagen spacciava di essere una delle case più green e col reparto di ricerca e sviluppo più grande al mondo (tra le industrie automobilistiche). Poi si è visto...

 

Per me il dieselgate è stata la prova provata che una serie di politiche industriali europee abbiano pompato in modo ingiustificato una industria automobilistica (quella tedesca) per niente superiore alle altre (direi in particolare a quella giapponese).

 

Purtroppo, da questo pompaggio, ci hanno rimesso molto le aziende italiane, anche quelle che hanno continuato a produrre prodotti validi (le Alfa ed alcune Lancia degli anni 90-2000 non sono poi così male come le rispettive sorelle Fiat). Ed ora che un marchio come Alfa ha ricominciato a produrre roba di qualità, paga ancora questo rimbambimento messo in atto dal mercato tedesco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perché devi sempre spudoratamente rosicare, Ferrarista?

 

È così difficile ammettere che l‘industria automobilistica tedesca è, alla prova dei fatti, superiore a quella italiana (quasi scomparsa)?

 

Con aiuti „dall‘alto“ che intendi? Divini? O esistono in ogni paese leggi che costringono la gente a comprare tedesco, altrimenti verranno rapiti per ogni auto diversa dalle crucche venduta, 10 bambini indigeni?

 

Ma il mercato non ha alcun potere decisionale, nella cernita di prodotti validi e neno validi?

 

ASD, anche se ora arriverai a portarmi le prove della congiura teutonica contro il resto del mondo, sostenuta dalla UE e forse anche dall‘Opus Dei...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
53 minutes ago, crucco said:

Perché devi sempre spudoratamente rosicare, Ferrarista?

 

È così difficile ammettere che l‘industria automobilistica tedesca è, alla prova dei fatti, superiore a quella italiana (quasi scomparsa)?

 

 

 

Dov'è che ho detto il contrario? Ho detto che l'industria dell'auto italiana degli anni 90-2000 ha prodotto tanti catorci e qualcosa di buono/decente. Come termine di paragone prenderei più le aziende giapponesi che quelle italiane.

Poi penso che gli scandali emersi sull'industria tedesca parlino da soli, non c'è neanche bisogno che io mi metta a spulciare e cercare prove di un governo con 2 occhi chiusi.

E sì, il libero mercato si può pilotare, non è una entità astratta governata da regole pure e leali, ma è quanto di più sporco si sia inventato il mondo occidentale.

Modificato da Ferrarista

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma guardate che l'industria tedesca automobilistica attuale non è mica sto granché come qualità. Le Mercedes sono ancora molto comode, ma la Volvo è al suo livello e costa meno. Ringrazio Lewis, FIA e Pirelli, perchè senza la pubblicità della F1 avrebbero iniziato a perdere tante quote di mercato... Il gruppo Volkswagen, al netto dello scandalo, sta facendo prodotti mica così validi ora. La Golf vende più per l'ufficio marketing che per la sostanza...

Le uniche che salvo sono Opel(già detto prima il perchè) e BMW(fa auto veramente di livello). Il resto è fuffa...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:up: Concordo. Anche per me si salva solo BMW tra le tedesche (Opel neanche la considero visto che non è più tedesca).

Ovviamente non conto Porsche che fa auto di nicchia, parlo di marchi generalisti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×