Jump to content

Recommended Posts

Il progetto di estendere il blocco dei licenziamenti fino al 31 dicembre è criminale.

Un governo che pensa solo a nullafacenti e lavoratori dipendenti, che rappresentano la stragrande maggioranza della popolazione in età lavorativa, meriterebbe di essere processato (cosa impossibile in Italia vista la tara ideologica della magistratura) e condannato complessivamente (ministri, viceministri e sottosegretari) al carcere e all'infamia imperitura.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Senza i lavoratori dipendenti a pagare le tasse (stando ai dati ufficiali, pochissimi dichiarano più di uno stipendio medio da lavoratore dipendente) il governo dove dovrebbe prendere i soldi per finanziare anche il supporto alle imprese?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Ferrarista ha scritto:

Senza i lavoratori dipendenti a pagare le tasse (stando ai dati ufficiali, pochissimi dichiarano più di uno stipendio medio da lavoratore dipendente) il governo dove dovrebbe prendere i soldi per finanziare anche il supporto alle imprese?

 

Ma poi vorrei capire, senza una domanda di prodotti, a chi dovrebbero vendere le povere imprese maltrattate?

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Ferrarista ha scritto:

Senza i lavoratori dipendenti a pagare le tasse (stando ai dati ufficiali, pochissimi dichiarano più di uno stipendio medio da lavoratore dipendente) il governo dove dovrebbe prendere i soldi per finanziare anche il supporto alle imprese?

 

Vabbé ma gli rispondi ancora?  :asd:

Sono provocazioni

  • Lewisito 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il prelievo medio dell'Irpef sui lavoratori autonomi è nettamente superiore a quello in capo ai dipendenti.  Secondo i dati relativi alle dichiarazioni dei redditi del 2018, infatti, l'Irpef media versata dai lavoratori autonomi è di 5.091 euro, quella dai lavoratori dipendenti di 3.927.

 

I lavoratori dipendenti e i pensionati in Italia sono oltre 36 milioni: assieme costituiscono l' 88,2% dei contribuenti Irpef e versano al fisco quasi 130 miliardi di euro (l'82,5% del totale). Gli autonomi, invece, sono poco più di 4,3 milioni (il 10,5% del totale contribuenti Irpef) e danno al fisco 22 miliardi di euro di Irpef (14% gettito Irpef totale).

 

Questi sono i numeri, il resto sono chiacchiere da osteria, ovvero esternazioni di chi il lavoro (per lavoro si intende qui lavoro autonomo) lo conosce solo per sentito dire.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Bene, sarebbe interessante capire come dovrebbero finanziare le imprese in difficoltà senza l'82.5% del gettito fiscale.

 

In più aggiungerei: non eri tu che ti dicevi in favore della libertà totale dell'imprenditore e di lasciarlo libero di fare quello che gli pare? Ora invece ti lamenti che lo stato si focalizzi di più sui lavoratori dipendenti? Quindi ora pretendi che lo stato pensi a salvare gli imprenditori? Secondo la tua logica, l'imprenditore dovrebbe pensare a salvarsi da solo.

 

E tutto questo senza neanche menzionare il fatto che il grosso delle partite iva dichiara meno o quanto un lavoratore dipendente medio, mentendo palesemente. Quel 14% di gettito dalle partite IVA dovrebbe essere magari il doppio o anche più proprio perché la vera ricchiezza dovrebbe venire dalle imprese e non dal lavoro dipendente (in un paese sano, non in un paese dove c'è un sommerso da far paura).

Edited by Ferrarista

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'IRPEF è pagata dai dipendenti solo sulla carta, ma viene comunque versata dai datori di lavoro. Se l'IRPEF non viene pagata non è che ADE va a cercare il dipendente, a risponderne è comunque il datore di lavoro, che ogni mese deve trovare i soldi per pagare la sua IRPEF e quella dei suoi dipendenti (oltre a Inps, Inail e ritenute locali). Il dipendente non deve fare assolutamente nulla, tranne lavorare (o fare finta di lavorare) e prendere i soldi a fine mese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non sono molto sveglio, ma questo che significa?

 

(copia / incolla)

 

Le ritenute fiscali rappresentano:

 

l’IRPEF (Imposta sul Reddito delle PErsone Fisiche) che il datore di lavoro, in qualità di sostituto di imposta, trattiene dalla retribuzione e versa all’Erario per conto del dipendente

 

...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il sostituito non è responsabile in solido con il sostituto lo ha stabilito la Cassazione di recente.

Il sostituito ha il solo compito, invero non particolarmente oneroso, di prendere i soldi a fine mese. Poi che abbia lavorato 22 giorni o zero giorni non cambia assolutamente nulla. Il sostituto continuerà a pagare stipendii ritenute e contributi per tutti i dipendenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Non trovo errore né problema, onestamente.

Edited by crucco

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, MartinM ha scritto:

L'IRPEF è pagata dai dipendenti solo sulla carta, ma viene comunque versata dai datori di lavoro. Se l'IRPEF non viene pagata non è che ADE va a cercare il dipendente, a risponderne è comunque il datore di lavoro, che ogni mese deve trovare i soldi per pagare la sua IRPEF e quella dei suoi dipendenti (oltre a Inps, Inail e ritenute locali). Il dipendente non deve fare assolutamente nulla, tranne lavorare (o fare finta di lavorare) e prendere i soldi a fine mese.

 

Ma sei serio o che? Dai non puoi pensare queste cose. L'IRPEF viene pagata dal dipendente ed il datore di lavoro trattiene quei soldi dalla busta paga e li versa. Infatti quando si contratta uno stipendio non si parla di netto ma di lordo, perché è quello che il datore di lavoro paga al dipendente. Che poi sia il datore di lavoro stesso a versare fisicamente l'imposta non significa una mazza. è come se io dovessi pagare le bollette e ti chiedessi di farlo al posto mio dandoti anche i soldi.

Tra l'altro è da notare che il fisco chiede al datore di lavoro di fungere da sostituto d'imposta per evitare che il dipendente possa fare anch'egli quello che fa (in molti casi ma non sempre per fortuna) il datore di lavoro: non dichiarare gli introiti e pagare meno tasse.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mammamia @MartinM in cattedra col pettine in mano :sweat:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

:asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

di nuovo con sta storia ridicola dell'irpef nel topic del virus?

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, crucco ha scritto:

Io non sono molto sveglio, ma questo che significa?

 

(copia / incolla)

 

Le ritenute fiscali rappresentano:

 

l’IRPEF (Imposta sul Reddito delle PErsone Fisiche) che il datore di lavoro, in qualità di sostituto di imposta, trattiene dalla retribuzione e versa all’Erario per conto del dipendente

 

...

 

E sì che non è neanche così difficile come testo da comprendere :asd::asd:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il virus è il governo.

Non si è, quindi, off topic.

Share this post


Link to post
Share on other sites

basta off topic politici grazie 

Share this post


Link to post
Share on other sites
59 minuti fa, MartinM ha scritto:

Il virus è il governo.

Non si è, quindi, off topic.

 

se vuoi parlare del governo c'è un topic apposta in area spam, qua piantala

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Si vogliono aumentare le pene per i negazionisti.

 

E testare gratuitamente in aeroporti, stazioni, autostrade. Chi rientra e chi lo desidera.

Edited by crucco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×