Jump to content

MartinM

Inactive
  • Content Count

    578
  • Spam

    484 
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by MartinM

  1. 'Sainz sarà presto campione del mondo. Leclerc può diventare il miglior pilota nella storia della Formula Uno'' sono le previsioni trionfalistiche di Mattia Binotto sui due giovani gioielli di casa Ferrari. Il noto veggente, attuale team principal Ferrari, ha rilasciato queste dichiarazioni al quotidiano spagnolo Marca.
  2. Bellissimo articolo di Nigel Roebuck sulla stagione 1981. Ad onor del vero tutti gli articoli di Roebuck sono fantastici, altro che l'immondizia italiana. Roebuck's legends: Carlos Reutemann by Nigel Roebuck on 23rd August 2013 Taken from the May 1997 issue of Motor Sport In a book shop the other day, I noticed by chance a volume on the life and, for want of a better word, works of Mark Thatcher (no, please, stay tuned, I have a good reason for bringing this up). Any mention of the son of the former PM always puts me in mind of Carlos Reutemann and the 1981 Caesar's Palace Grand Prix. Sad for Carlos, I know, but it can't helped. After that race, Thatcher was at his most self-important, which was very self-important indeed. Earlier in the week I had encountered him one evening in a liquor store, surrounded by the security people for whom I hoped you and I were not paying, and now here he was again, NBC microphone in hand, elbowing ordinary humans out of the way as he sought to get to Alan Jones, who had won. At that point in his life, Thatcher was dabbling with motor racing, and if he invariably came across as a man of quite breathtaking charmlessness, this was no deterrent to certain grandees of the paddock, who fawned over him without shame. Anyway, here was Thatcher, TV crew in tow, fronting up to Jones. “Were tyres very important in the race today?” he gravely intoned, and Alan, God bless him, didn't let us down. “Oh, absolutely,” he replied, deadpan. “They kept the wheels from touching the ground...” It was a sublime end to a perfect day for Jones. Although he later went back on his decision, this was supposedly his last Grand Prix, and everyone dreams of going out a winner. The cherry on the cake was that Reutemann, his Williams team-mate, had lost the World Championship to Brabham's Nelson Piquet. If Alan had little time for Nelson, he had none at all for Carlos. And that afternoon Vegas, where winning is all, preened over one Williams driver, and spat the other away. While Jones took the plaudits, Reutemann quietly packed his gear and slipped away. Carlos had been electrifying in practice, giving free range to that flair and deftness always apparent when the right mood was on him, and setting a time in the opening session which no one was to equal. He exuded confidence and good humour, and evident, too, was that exaggerated languor indicative of Reutemann at his most dangerous. He had a one point lead over Piquet, and thus, to take the title, needed only to finish ahead of him. The exhausting nature of the circuit and the torpid conditions, too, should have worked to his advantage, for his stamina was exceptional, and Nelson, if truth be told, was perilously unfit. “I think Carlos is going to be World Champion,” Gilles Villeneuve commented, “because he's so much stronger than Piquet.” On lap 17, though, the Brabham got ahead of the Williams, and there it stayed. “He made it easy for me,” a bemused Piquet said afterwards. “Braked early, left the door open...” Later Reutemann mumbled about understeer and gearchange problems, but in truth he drove as if in a trance. Whatever may have been awry with the Williams, how could a man on pole position, touching the hem of the title, have been down to fifth after the first lap, to seventh by the third? It was as close to Greek tragedy as I have seen in motor racing. Ultimately Piquet finished fifth, scoring the two points he needed, and Reutemann eighth, but even in the last couple of minutes the championship could have gone Carlos's way, for Nelson was so exhausted he could not have completed another lap. If Reutemann had no one but himself to blame, still I felt sympathy for a driver I had always admired, a man I had always liked. But that evening I encountered for the first time the brutal mentality we now take almost for granted. Why, one of the younger drivers asked, hadn't Reutemann simply put Piquet in the wall? I argued that Carlos would never contemplate anything of the kind, that this was someone who had integrity. “Who'll remember that?” the brat scoffed. “Piquet had to get past him – all he had to do was put him off, and he was World Champion! No one could have proved anything.” When next I saw Reutemann, I mentioned it to him, and he, too, was shocked. To win a title like that, he said, wouldn't have been winning anything. No one would have known, the other driver had said. “I would have known,” said Carlos. Through most of that 1981 season, he had driven wonderfully, and I thought him well worthy of the World Championship. By the time of the British GP, he had 17 points over anyone else, yet it was at Silverstone that I began to detect the return of the flawed confidence that was always Carlos's major shortcoming. “Six races left,” he mused. “A long way to go...” But everything, I pointed out, was going well for him. “Hmmm, I know. Too well, in fact, and that worries me. To be honest, I feel a little bit alone.” The Williams motorhome was not a place of calm that summer. It was rare to find Jones and Reutemann in there together, and if you did, chances were they were sitting far apart. This had its roots in a rainy day in Rio at the beginning of the season. Carlos had joined Williams as the number two, but in Brazil he had led all the way, Alan awaiting an invitation to pass which never came. Afterwards Jones was livid, and, given the terms of Reutemann's contract, he had good cause. “Jones had reason to be upset,” Carlos agreed. “I saw the pit signal three laps from the end, and I knew the terms of the contract. But I always started every race with the intention of winning it and now I was being asked to give it away. ‘If I do that,’ I thought to myself, ‘I stop the car here and now, and leave immediately for my farm in Argentina. Finish’.” You could see his point, but you could see Alan's, too. And if you liked both men, as I did, your predicament was very real when you braved the icy portals of the motorhome. “In terms of equipment we gave Carlos exactly the same as Alan,” Frank Williams says now. “But Carlos needed more psychological support than most drivers, and I'll admit that we didn't appreciate that sufficiently.” After Silverstone, Reutemann's season began to unravel. At Monza, he qualified over a second faster than Jones, but in the race it rained, and he trailed in well adrift of his team-mate. In Montreal, also wet, he was nowhere, and thus we came to Vegas. Such a complex and enigmatic man, Carlos. On his day, he was as good in a racing car as anyone I have ever seen, but too often he squandered his gift, fell prey to the mind games he played with himself. Perhaps his happiest season was with Ferrari in 1978, when Villeneuve was his team-mate. “I like Gilles, and I envy him so much,” he once said to me, “because he really belongs here, in a Formula 1 paddock.” Two years ago, before practice for the Argentine GP, Reutemann, now 53, took to the track once more, in a Ferrari 412T. It was a demonstration, nothing more, but his best lap was actually the 11th fastest of the day. “Amazing, isn't it?” murmured John Watson. “Same style, same timing, same flair. It's all there still.” “Give him a bit of time and he'd qualify in the top 10, no problem,” said Bernie Ecclestone. “It's the old thing: if you can do it, you never lose it. And he really could do it.” So he undoubtedly could. When the mood took him.
  3. Mercoledì 5 febbraio non prendete impegni, i superospiti saranno loro! Io ho tutta la discografia, e non scherzo.
  4. Come mai quello che, dati alla mano, si sta rivelando il miglior presidente USA degli ultimi decenni è così detestato in Italia? Secondo un sondaggio (non so quanto affidabile) di Repubblica, è il personaggio pubblico peggiore del 2019, superando di molto tutti gli altri leader mondiali e italiani.
  5. Qualcuno sa chi sono esattamente questi froci nel cervello?
  6. I piloti più veloci nella storia della formula 1 dal 1983 ad oggi secondo il sito ufficiale F1, che afferma di aver condotto una approfondita ricerca scientifica per compilare questa classifica. Senna Schumacher Hamilton Verstappen Alonso Rosberg (Nico) Leclerc Kovalainen Trulli Vettel Barrichello Hulkenberg Bottas Sainz Norris Ricciardo Button Kubica Fisichella Prost
  7. MartinM

    Jody Scheckter

    Questo è sicuramente uno dei piloti più sottovalutati nella storia della F1, probabilmente per due motivi: l'immagine di Villeneuve come compagno di squadra, che ne ha offuscato i meriti e lo stesso mondiale, e la disastrosa stagione 1980 che segnò la fine della sua carriera. In sette anni di formula 1 (tra il 72 e 73 corse 5 o 6 gare, quindi non è possibile calcolare quelle annate nel computo) si è aggiudicato in maniera brillante il mondiale con la ferrari, ha fatto un secondo posto contro il super lauda del 1977 - che comunque dominò il mondiale - e due terzi posti). da notare anche la vittoria sulla tyrrel a sei ruote (unico successo di quella vettura) a anderstop. Questi risultati furono ottenuti con tyrrel e walter wolf, non esattamente due superpotenze della f1, sicché l'unico top team in cui corse fu la ferrari, e con quella vinse il titolo. dopdiché è vero che non era un drago nella gestione del mezzo (ma nel 1979 smentì tutti) e non era esente da errori, basti ricordare lo scontro con fittipaldi in francia e il testacoda dopo la woodcote che rischiò di fare fuori mezzo schieramento. si tratta comunque di episodi di inizio carriera, nel 1979 la maturazione era completa e, checché se ne dica, quell'anno vinse il pilota migliore.
  8. Senza riforma costituzionale creerebbe più problemi che altro. Idea di diminuire il numero dei parlamentari e subito dopo metterci la pezza di una legge elettorale ordinaria (che quindi può essere votata e cambiata a maggioranza semplice ad ogni cambio di maggioranza) dà il senso della inettitudine di questi gaglioffi (che poi voler reintrodurre il proporzionale dopo che per decenni si sono tutti dichiarati per il maggioritario è semplicemente indecente). Ovviamente nel calderone degli inetti inserisco anche la Meloni e Salvini che hanno votato sì a scatola chiusa a questa proposta dei 5 stelle. Incidentalmente faccio notare che gli inutili operai forestali della Calabria solo per citare una regione e una categoria professionale, costano in un anno circa 250 milioni. Ovvero costano in un anno grosso modo la cifra che si risparmierebbe in 5 anni dalla riduzione del numero dei parlamentari. Quindi l'azione portata avanti dai 5stelle, e seguita dagli altri, è puramente propagandistica e strumentale, coerentemente con il loro stile. Il PD come sempre fa la figura peggiore, perché in aula ha votato tre volte no, poi una volta sì, e adesso non si pronuncia né per il no né e per il sì.
  9. Molte persone avevano riposto la loro fiducia in Vettel, che è andata delusa. Si può dire che Vettel è il Di Maio della Formula 1.
  10. la cosa non mi stupisce. Vettel l'ho sempre messo più o meno sullo stesso piano di Rosberg, che in effetti è stato un ottimo pilota.
  11. Questa statistica chiude il discorso definitivamente. Non mi viene in mente un altro top driver che non abbia vinto almeno una gara partendo dalla quarta posizione o oltre.
  12. Questi sono gli stessi che oggi si scagliano contro chi non ha le mascherine o chi va in discoteca. “La mascherina non è necessaria per la popolazione generale in assenza di sintomi da malattie respiratorie”, scrive il 25 febbraio il ministero della Salute. “Indossarle è una stupidaggine”, ribadisce il viceministro Sileri. E sempre il 25 febbraio, durante la sua prima uscita pubblica da consulente del ministro Speranza, il consigliere dell’Oms professor Walter Ricciardi spiega: “Le mascherine per le persone sane non servono a niente”.
  13. Ho letto ora una statistica interessante, che se trovasse conferma sarebbe abbastanza rivelatrice: Vettel non è ha mai vinto una gara quando è partito oltre la terza posizione in griglia.
  14. Il caldo fa brutti scherzi https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3433022370094405&id=100001600276535
  15. Incapacità e arroganza, il marchio di fabbrica del PD. Ovviamente Zingaretti e i suoi accoliti non fanno eccezione. Soprattutto nelle brutte figure. Il Lazio teme un incremento dei contagi di rientro da rientro dalla Sardegna. L’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato ha lanciato un appello “al rispetto degli isolamenti e a non frequentare altre persone”. “C’è stato un abbassamento dei livelli di prevenzione impressionante. Ci aspettiamo un notevole incremento dei casi legato ai rientri soprattutto dalla Sardegna - ha affermato -. Ribadisco la necessità di fare i test rapidi antigenici agli imbarchi dalla Sardegna. I positivi asintomatici non devono essere imbarcati per ridurre la propagazione del virus”. Di tutta risposta, dalla Sardegna gli mandano a dire: “Forse, sarebbe il caso che facessero loro i tamponi agli imbarchi da Civitavecchia per la Sardegna e non il contrario, perchè la nostra Isola era ‘pulita’”. Questa la replica, fatta all’Agi, dell’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu. “Ricordo anche all’onorevole Zingaretti - aggiunge Nieddu - che i ragazzi romani che sono ritornati positivi nel Lazio, non si sono sicuramente infettati in Sardegna, ma probabilmente prima di arrivare qui si sono girati mezza Europa, in posti a rischio. Sono loro che hanno portato nell’Isola in virus e non il contrario”. L’assessore regionale della Sanità sottolinea, inoltre, che “quando noi avevamo chiesto di fare quest’operazione ci hanno presi in giro, a cominciare dai ‘compagni’ di Zingaretti, ma anche illustri e autorevoli esponenti del governo. Adesso che, invece, lo propongo loro, pensano che sia una genialata. Come se le proposte siano buone o cattive a seconda di chi le propone e non della sostanza”.Nieddu, ribadisce, infine, che “in ogni caso, i nostri numeri continuano a essere bassissimi rispetto ai loro. Vuol dire che il virus circola nel Lazio, non da noi. Noi siamo bravi a tracciare e a contenere i contagi, non so quanto lo siano loro. Lo vedremo”.
  16. Questa tabella è interessante, vengono indicati in linea di massima i privilegi dei dipendenti, dalle 15 mensilità, alle ferie, alle malattie, etc., ma manca ad esempio il privilegio dei permessi. Inoltre si dice che i dipendenti pagano l'Irpef, ma in realtà l'Irpef, come l'INPS, viene pagata dal datore di lavoro. Inoltre non si fa alcun riferimento all'orario di lavoro, che per i dipendenti è ridicolo rispetto agli autonomi, e nemmeno agli straordinari, ovviamente retribuiti, per non parlare del sussidio di disoccupazione, ovvero stare a casa per non fare nulla o anche della cassa integrazione. Quindi la tabella può essere considerata un discreto punto di partenza per chiarire le idee a chi non ha mai lavorato, ma andrebbe integrata.
  17. Comunque rivedendo questo video, che mostra solo gli errori delle stagioni 2018 e 2019, e nemmeno tutti, bisogna ammettere che siamo stati tutti fin troppo comprensivi.
  18. C'è chi dice che ci sono uno o più utenti che godono di ingiustificata protezione da parte della moderazione.
  19. MartinM

    Fastest drivers

    Raikkonen ha fatto poche pole ma tanti giri veloci. Se la domanda riguarda la velocità sul giro secco, Raikkonen dovrebbe essere in classifica e anche in una posizione molto alta. Se invece riguarda il giro di qualifica allora è un altro discorso, anche se secondo me il discorso delle qualifiche conta poco perché l'unico giorno in cui si assegnano i punti è la domenica ovvero quello che la gara.
  20. Questo video è altamente istruttivo. Borghezio fa le sue considerazioni citando nomi e documenti, e per tutta risposta riceve sorrisini, interruzioni, attacchi personali. Tradizionale modalità di azione della sinistra e dei suoi servi.
  21. Il veicolo eventualmente sarà per i nonni che sono quelli più indicati a schiattare. Comunque confido nel fatto che il virus possa diventare una normale influenza. Nel frattempo dopo tante ironie anche l'Europa si sta interessando al vaccino russo.
  22. Ma si potrebbe anche dire che tirare fuori Vettel è un punto di vista assai originale per insultare Biaggi.
×