Jump to content
Mito Ferrari

SBK World Championship 2013

  

16 members have voted

  1. 1. chi sar? il campione del mondo SBK 2013?

    • Carlos Checa (Ducati Alstare - Ducati 1199 Panigale)
    • Ayrton Badovini (Ducati Alstare - Ducati 1199 Panigale)
    • Tom Sykes (Kawasaki Racing Team - Kawasaki ZX-10R)
    • Marco Melandri (BMW Motorrad Italia - BMW S1000RR)
    • Eugene Laverty (Aprilia Racing Team - Aprilia RSV4 Factory)
    • Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team - Aprilia RSV4 Factory)
    • Leon Haslam (PATA Honda World Superbike - Honda CBR1000RR)
      0
    • Jonathan Rea (PATA Honda World Superbike - Honda CBR1000RR)
    • altro (specificare)


Recommended Posts

Ivan Clementi ha debuttato in Superbike già nel 2002 con la Kawasaki Bertocchi, poi ha corso anche per Pedercini mi sembra, sulla Ducati. Prima della Superbike corse in 250 con Campetella, con un'Aprilia dalla vivace colorazione :asd:

 

Motoivang_1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

ambè un giovine :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo dice anche l'articolo che ha 38 anni eh? :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Jerez, Day 2: esce il sole e Melandri sale al top

Bene anche Giugliano, più veloce delle Aprilia ufficiali (cadute). Kawasaki ancora senza transponder

 

Resta l'incognita dei tempi delle Kawasaki, con Tom Sykes e Loris Baz che hanno girato ancora senza i transponder (il britannico però viene accreditato di un 1'40" basso ufficioso che sarebbe il miglior tempo di giornata), ma il sole arrivato su Jerez de la Frontera ha fatto vedere dei valori più chiari nella seconda e conclusiva giornata dei test delle squadre del Mondiale Superbike a Jerez.

 

Il miglior tempo ufficiale alla fine lo ha ottenuto Marco Melandri, che con la sua BMW S1000RR è riuscito a scendere fino ad un crono di 1'40"758, facendo anche meglio della Ducati di Carlos Checa nella giornata di lunedì. Il ravennate, dunque, sembra aver trovato delle buone risposte sia dalla sua nuova squadra, la BMW Motorrad Italia, che dalle condizioni della spalla infortunata nella parte conclusiva del 2012.

 

Dietro di lui, l'unico in grado di scendere sotto al muro dell'1'41" è stato Davide Giugliano, confermando di aver immediatamente instraurato un ottimo feeling con la Aprilia RSV4 dell'Althea Racing, dopo essere stato il più veloce nella giornata di ieri. L'ex ducatista si è reso anche protagonista di una scivolata senza conseguenze, ma è stato subito più veloce delle quattro cilindri del Factory Team della Casa di Noale.

 

Eugene Laverty, infatti, è terzo con il suo 1'41"043, mentre Sylvain Guintoli è addirittua sesto, distanziato di quasi 1" da Melandri. Entrambi sono stati vittime di cadute spettacolari, ma fortunatamente senza particolari problemi dal punto di vista fisico. Ad avere la peggio è stata però la RSV4 del francese, che è uscita piuttosto malconcia.

 

Tra i due si sono inseriti i due britannici Leon Camier e Jonathan Rea. Il primo ha potuto finalmente ottenere delle indicazioni sul nuovo propulsore realizzato dalla Yoshimura per la sua Suzuki GSX-R1000, sfoderando anche una prestazione interessante in 1'41"183. Più lontano invece il portacolori di casa Honda, che paga mezzo secondo su Camier, ma che a sua volta ha rifilato ben otto decimi alla moto gemella di Leon Haslam, ottavo, che ha chiuso alle spalle anche della BMW di Chaz Davies, ultimo ad essere sceso sotto al muro dell'1'42".

 

La classifica poi si chiude con il rookie Jules Cluzel, ancora impegnato a prendere confidenza con la nuova realtà e con la Suzuki del Team Crescent e con il veterano Ivan Clementi, staccatissimo con la BMW della HMT Racing: il vice-campione tricolore, infatti, si è visto rifilare la bellezza di oltre 4" dai piloti in vetta alla classifica.

 

Ora i motori si spegneranno nuovamente fino al 14 e 15 febbraio, quando è in programma una due giorni di test sul tracciato di Phillip Island, dove pochi giorni più tardi inizierà ufficialmente la stagione con il primo weekend di gara.

 

WORLD SUPERBIKE, Jerez de la Frontera, 23/01/2013

Seconda giornata di test

1. Marco Melandri - BMW S1000RR - 1'40"758

2. Davide Giugliano - Aprilia RSV4 - 1'40"862

3. Eugene Laverty - Aprilia RSV4 - 1'41"043

4. Leon Camier - Suzuki GSX-R1000 - 1'41"183

5. Jonathan Rea - Honda CBR1000RR - 1'41"641

6. Sylvain Guintoli - Aprilia RSV4 - 1'41"683

7. Chaz Davies - BMW S1000RR - 1'41"727

8. Leon Haslam - Honda CBR1000RE - 1'42"410

9. Jules Cluzel - Suzuki GSX-R1000 - 1'42"636

10. Ivan Clementi - BMW S1000RR - 1'44"857

* Le Kawasaki di Tom Sykes e Loris Baz hanno girato senza transponder

 

24406_jerez,_day_2__esce_il_sole_e_melandri_sale_al_top.jpg

 

http://www.****/magazine/24406/world-superbike-test-jerez-day-2-esce-il-sole-e-melandri-sale-al-top

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sykes più veloce di Melandri nei test di Jerez

Il tempo ufficioso del pilota della Kawasaki è il migliore in assoluto. La ZX-10R cresce ancora

 

Ancora una volta la Kawasaki ha scelto di non montare i transponder sulle sue ZX-10R anche in occasione dei test andati in scena negli ultimi due giorni a Jerez de la Frontera. Nel suo comunicato stampa di fine prove però ha divulgato i tempi ufficiosi ottenuti dai suoi piloti, accreditando Tom Sykes di un crono di 1'40"5 che sarebbe la miglior prestazione assoluta, migliore dell'1'40"7 realizzato da Marco Melandri. Più lento invece Loris Baz, che si è fermato a 1'41"6, rimanendo anche vittima di una scivolata alla curva 2.

 

"Dobbiamo essere felici dopo questo test. Martedì abbiamo girato soprattutto sul bagnato, condizione che non hanno gradito in molti, ma che credo ci sia stata utile. Anche perchè poi ieri abbiamo avuto modo di lavorare anche sull'asciutto, completando due giorni di lavoro proficuo" ha detto il vice-campione del mondo.

 

Passando ad analizzare le prestazioni ha poi aggiunto: "Con la gomma da gara abbiamo fatto un buon long run e sono riuscito a girare ancora in 1'41"7 con una gomma morbida che ormai aveva 14 giri. Per questo sono molto contento dei risultati che abbiamo ottenuto e sono impaziente di disputare la prima gara a Phillip Island".

 

Nonostante una scivolata, sembra piuttosto soddisfatto anche Loris Baz: "E' stato un buon test, anche se abbiamo perso un paio d'ore a causa di una scivolata. E' un peccato perchè avevamo ancora diverse cose da provare e potevamo fare un ulteriore passo avanti. In ogni caso sono contento perchè mi sono trovato bene sia con la gomma da gara che con quella da qualifica, anche se non sono riuscito a sfruttare quella morbida da gara, con la quale credo che mi sarei potuto avvicinare a Tom e ora non vedo l'ora di andare a Phillip Island".

 

 

 

http://www.omnicorse...i-test-di-jerez

Share this post


Link to post
Share on other sites

Honda un po' indietro con lo sviluppo della CBR

 

 

 

Rea ed Haslam hanno incontrato più problemi del previsto nei test di Jerez

 

 

Tra le squadra che hanno reso un po' al di sotto delle aspettative nella due giorni di test delMondiale Superbike a Jerez de la Frontera c'è senza ombra di dubbio il Team Pata Honda World Superbike. Jonathan Rea e Leon Haslam non sono riusciti a tirare fuori prestazioni particolarmente esaltanti dalle loro CBR1000RR, anche se è vero che avevano parecchie cose da provare.

 

Principalmente i due piloti britannici si sono concentrati sul nuovo pacchetto elettronico, sviluppato direttamente dalla HRC per la CBR1000RR, ma non si sono limitati a questo: al vaglio c'era anche un forcellone fortemente rivisto ed un nuovo impianto di scarico dellaTermignoni.

 

"Non abbiamo raggiunto un livello consono alle nostre aspettative, in quanto non siamo riusciti ad ottenere il massimo da queste due giornate. Alcune questioni non possono essere sistemate in loco, ad esempio i problemi a livello di elettronica. Il taglio di potenza era eccessivo ed avremmo avuto bisogno di più tempo in pista per poter risolvere il problema. Ad ogni modo ho anche riscontrato aspetti positivi, tra i quali la possibilità di recuperare in modo più agevole il controllo del mezzo nell'eventualità di una perdita di aderenza, e questo è incoraggiante. E' stato un test frustrante che ha reso evidente il bisogno di maggior tempo in pista prima del round di debutto, il fatto che lo avremo a disposizione in Australia fa ben sperare" ha detto Jonathan Rea.

 

"Sono state due giornate lunghe e difficili, per molteplici ragioni. Abbiamo avuto problemi di natura elettronica e pensavamo fossero relativi al freno motore. Alla fine si è scoperto che si trattava di un problema ai freni. Abbiamo cambiato le pastiglie, utilizzato un pacchetto elettronico a caso e verso fine giornata sono riuscito a compiere quattro o cinque giri. Ad un inconveniente ne è seguito subito un altro, ma gli ultimi giri di ieri hanno comunque mostrato le potenzialità della moto. Era un test fondamentale che si è però rivelato parecchio frustrante, quindi non vedo l'ora di tornare in sella in Australia" ha aggiunto Leon Haslam.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' fatta: Max Biaggi sarà la voce tecnica della SBK!

C'è l'accordo tra Mediaset e il "Corsaro": l'annuncio ufficiale dovrebbe arrivare domani

 

Anche se manca ancora la conferma ufficiale, stando a quanto riferisce questa mattina la Gazzetta dello Sport, l'impegno di Max Biaggi con Mediaset per la stagione 2013 è ormai cosa fatta: il campione del mondo in carica della Superbike passerà dall'altra parte della barricata, andando a sedersi in cabina di commento, dove durante le gare della SBK si occuperà degli aspetti tecnici, affiancando Giulio Rangheri.

 

Mediaset, che da quest'anno ha acquisito anche i diritti della Superbike, dovrebbe fare un annuncio in merito nella giornata di domani (il "Corsaro" ha parlato su Twitter di importanti novità per lunedì), nella quale dovrebbe confermare anche la formazione delle sue squadre (per il 2013 Italia 1 ed Italia 2 seguiranno ancora anche la MotoGp, prima che questa passi su Sky).

 

Il "team" SBK sarà completato da Alberto Porta, che si occuperà dei collegamenti dalla pit lane. Il suo posto nel paddock del Motomondiale sarà invece preso da Luca Budel, che andrà ad affiancare il confermato Paolo Beltramo. Non ci sono ancora novità invece per quanto riguarda il nome del commentatore tecnico che farà compagnia a Guido Meda durante le gare della MotoGp.

 

http://www.****/magazine/24465/max-biaggi-si-accorda-con-mediaset-per-fare-il-commento-tecnico-delle-gare-della-superbike

Share this post


Link to post
Share on other sites

HTM Racing conferma l'impegno nel Mondiale SBK

Schiererà una BMW S1000RR che sarà affidata all'esperto Ivan Clementi

 

Giunti a poche settimane dai primi impegni ufficiali in pista della stagione 2013, la neonata squadra corse HTM Racing guidata dal team manager Dario Zanella annuncia in veste ufficiale la sua partecipazione al prossimo Campionato Mondiale Superbike.

 

E’ stato siglato infatti l’accordo che sancisce la collaborazione tra la squadra corse veneta e il pilota marchigiano Ivan Clementi, che affronterà il prossimo Mondiale SBK in sella alla BMW S1000RR del Team HTM Racing, sotto la supervisione di Marco Frison, responsabile tecnico.

 

Unione già collaudata quella tra il Team veneto gestito da Zanella e il pilota di Montegiorgio, volta a ripetere anche in ambito internazionale i risultati di rilievo ottenuti negli ultimi anni nel Campionato Italiano Velocità nel quale Clementi ha collaborato con Zanella e Frison nel 2011 nella categoria Stock 1000 e nel 2012 nella categoria Superbike, chiudendo entrambe le stagioni al secondo posto della classifica generale.

 

In attesa della prima gara del Campionato Mondiale SBK che si disputerà il 24 febbraio nella cornice del magnifico tracciato australiano di Phillip Island, la squadra corse veneta ha partecipato con la BMW S1000RR e il pilota marchigiano a una due giorni di test a Jerez de la Frontera, serviti ad Ivan Clementi per testare il nuovo materiale e gli pneumatici Pirelli da 17 pollici con i quali non aveva mai girato.

 

Purtroppo le condizioni meteo non sono state favorevoli durante la prima giornata delle due in programma, il tempo utile si è quindi ridotto a un solo giorno di prove durante il quale il Team HTM Racing si è messo al lavoro per trovare il miglior assetto e costruire una base solida con la quale partire dal round australiano in programma il prossimo mese.

 

Ivan Clementi:: "Sono molto soddisfatto di questa grande opportunità che mi viene data dal Team HTM Racing. Il mio obiettivo è ovviamente quello di fare del mio meglio, dimostrando il mio potenziale e puntando alla top-ten. In questa due giorni di test ho provato il nuovo materiale BMW e gli pneumatici Pirelli che non avevo mai utilizzato. Mi sono impegnato per creare una buona base di partenza e arrivare al meglio al primo appuntamento a Phillip Island. Confido di fare una bella stagione e di crescere già da subito, forte anche della buona sintonia che ho con i componenti della mia squadra, con i quali ho collaborato in passato. Non vedo l’ora di tornare in sella e affrontare questo Mondiale".

 

Dario Zanella – Team Manager: "Per la stagione 2013 la squadra corse HTM Racing ha deciso di puntare su un binomio già collaudato confermando Ivan Clementi tra le sue fila e raggiungere attraverso questa collaborazione risultati di rilievo nel Mondiale Superbike, confidando di mettere il pilota in condizione di far bene e di esprimere tutto il suo potenziale. Sono ovviamente soddisfatto di aver siglato anche quest’anno l’accordo con Ivan che ci da la possibilità di presentarci sulle scene mondiali con la nostra nuova struttura e grazie all’ indispensabile supporto fornitoci da Feel Racing. Siamo tornati da Jerez con una solida base di partenza, abbiamo testato materiale nuovo e stabilito un buon feeling con il mezzo. Continueremo a lavorare in queste settimane che ci separano dal primo appuntamento ufficiale della stagione così da essere competitivi già dalla gara in Australia. Colgo l’occasione per ringraziare Feel Racing e tutti i partner tecnici per la fiducia e il supporto che hanno deciso di fornirci per la stagione 2013".

 

24484_htm_racing_annuncia_il_suo_impegno_nel_mondiale_sbk.jpg

 

http://www.****/magazine/24484/htm-racing-annuncia-il-suo-impegno-nel-mondiale-sbk-con-clementi-e-una-bmw-s1000-rr

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cambia la collaborazione tra Crescent e Yoshimura: http://www.omnicorse...ent-e-yoshimura

 

 

 

Mediaset ufficializza Biaggi: commenterà la SBK!: http://www.omnicorse...diale-superbike

 

 

Quindi come prime voci si alterneranno Meda e Rangheri?

Edited by Fede

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oddio,Budel come inviato dai box...perchè proprio lui?!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meda si affiancherà a Rangheri e Biaggi quando non ci saranno concomitanze con la MotoGP. Per quanto riguarda il commentatore tecnico della MotoGP si torna a parlare di Sanchini oppure si pensa ad una soluzione tipo Italia2 prove libere/warm up 2012 con Temporali affiancato sempre da ospiti diversi( Pernat, Pasini, De Angelis, Suppo, Uccio, Davide Brivio, ...alla fine sono arrivati a 100 ospiti diversi).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Presentato il BMW Motorrad GoldBet SBK Team

 

Sotto una fitta nevicata siamo volati a Monaco di Baviera stamattina per assistere alla conferenza stampa di presentazione del “rinnovato” team BMW Motorrad GoldBet SBK Team. Scriviamo rinnovato proprio perchè non si tratta di una squadra nuova, ma perchè è cambiato l’approccio di BMW al Mondiale Superbike. Come sappiamo, infatti, da quest’anno niente più due squadre distinte, una ufficiale e una semiufficiale, bensì un’unico team che unisce le migliori risorse che la Casa di Monaco aveva a disposizione.

 

Cosa cambia, in pratica? La squadra gestita in via semiufficiale da BMW Italia fino al 2012 si veste a tutti gli effetti con i galloni del Team ufficiale e diventa l’unica squadra di BMW, impegnata nel mondiale delle derivate di serie.

 

CUORE ITALIANO, MENTE TEDESCA

 

La squadra BMW Motorrad GoldBet SBK Team 2013 si presenta quindi con un nuovo assetto. Come già nelle scorse stagioni, a capo del progetto è Andrea Buzzoni, il Direttore di BMW Motorrad Italia, mentre il direttore tecnico è il tedesco Stephan Fischer. La parte operativa della squadra è quella che già tutti conosciamo, che fa capo all’immancabile Serafino Foti, con la qualifica di direttore sportivo, e a Andrea Dosoli che come sempre ricopre il ruolo di direttore tecnico del team.

 

In pratica la squadra è quella che gli italiani conoscono bene e che ha già vinto due Mondiali Superstock con Ayrton Badovini e Sylvain Barrier. Le competenze del gruppo che fa capo a Serafino Foti sono ben note, e ad esse si aggiunge ora il supporto diretto della Casa madre al 100%.

 

Un dato che è subito emerso appena arrivati a Monaco è che le moto perdono la livrea classica di BMW Racing per rifarsi a quella del Team GoldBet 2012, visto che il Title Sponsor è confermato.

 

Ha aperto la conferenza Stephan Schaller il presidente di BMW, che ha ricordato che il 2012 è stato un anno moolto importante sia per le vendite che per le corse: ”Lo scorso hanno abbiamo lottato per il titolo e per quest’anno abbiamo deciso di unire le forze mettendo il meglio dei due team insieme. Quindi avremo cuore italiano in pista e ingegneri tedeschi”.

 

La parola poi passa ad Andrea Buzzoni che si ha dichiarato di essere: ”soddisfatto perchè le due parti, italiane e tedesche, si sono subito trovate bene e in sintonia tra loro. Durante i mesi scorsi abbiamo provato tanto e la moto e migliorata ma sappiamo di avere ancora un del margine di miglioramento da sfruttare”.

 

Immancabile una battuta sui piloti: “Di Marco Melandri apprezzo particolarmente la sua capacita di comprendere a livello tecnico i problemi - ha detto Buzzoni - e poi Marco ha una dote che abbiamo scoperto solo conoscendolo meglio. Ha una carica motivazionale incredibile e quindi è lui stesso di grandissimo stimolo per tutta la squadra. Su Chaz pensiamo tutti che abbia un grandissimo potenziale e potra diventare sempre piu veloce gara dopo gara”.

 

Interessante il commento di Andrea Dosoli, al quale il commentatore inglese Toby Moody ha chiesto quale sarà il suo compito nel 2013. Il tecnico italiano ha risposto: ”Vogliamo e dobbiamo migliorare le performance ad ogni gara ed essere più costanti. Nei test che abbiamo condotto fin’ora abbiamo lavorato per adattare ciclistica e motore alle nuove gomme da 17” pollici e siamo sicuri che già da Phillip Island saremo tra i primi”.

 

Il mio compito è di pormi a metà tra le due strutture, italiana e tedesca, e far sì che tra le due realtà ci sia un costante flusso di informazioni. Noi abbiamo la responsabilità di capire di cosa hanno bisogno i piloti e cosa, eventualmente, manca alla moto. Ecco io devo raccogliere questi dati da dare al reparto R&D a Monaco e poi definire la strategia con cui affrontare i lavori e dare le giuste priorità a ciascuna attività.”

 

Ora vi lasciamo con le prime fotografie dal BMW Welt di Monaco. Appuntamento a tra poco con le prime impressioni dei piloti.

 

http://www.****/magazine/24651/world-superbike-presentato-a-monaco-il-bmw-motorrad-goldbet-sbk-team

 

24651_presentato_il_bmw_motorrad_goldbet_sbk_team.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

19 moto nella entry list ufficiale del 2013

 

 

 

Importante la pattuglia italiana con ben 7 piloti. Ci sono solo piloti provenienti dall'Europa

 

 

Non ha riservato sorprese la entry list ufficiale del Mondiale Superbike che è stata divulgata questa mattina dalla FIM. L'elenco comprende 19 piloti, in rappresentanza di sei differenti costruttori.

 

Le Case rappresentate maggioramente sono BMW, Kawasaki ed Aprilia, che come nel 2012 porteranno in pista quattro moto a testa (due ufficiali e due private), mentre le nuove 1199 Panigale della Ducati saranno tre, due delle quali ufficiali. Restano solamente due invece leSuzuki e le Honda.

 

C'è poi una curiosità piuttosto interessante: sulla griglia di partenza ci saranno solamente piloti provenienti dall'Europa e questo è sorprendente se si pensa alla lunga tradizione australiana della SBK. L'Italia è il paese più rappresentato, con la bellezza di ben sette esponenti: Ivan Clementi, Federico Sandi, Vittorio Iannuzzo, Marco Melandri, Davide Giugliano, Michel Fabrizio ed Ayrton Badovini.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che pena, porca miseria.

 

All'inizio degli anni '90 c'erano più di 40 moto iscritte ad ogni weekend e dovevano lasciarne fuori 10-15 con le qualifiche, adesso a malapena riempiono la zona punti. Certo, il livello si è alzato ed ora sono tutti vicinissimi, ma a che costo...

Edited by Fede

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Crescent Suzuki svela la sua livrea 2013

 

Quella di oggi è stata una giornata di presentazioni per il Mondiale Superbike: oltre a quella della nuova squadra ufficiale BMW a Monaco, anche la Crescent Suzuki ha svelato i colori delle sue GSX-R1000 per la stagione 2013, mostando alcune immagini tramite il suo sito ufficiale.

 

Nei test di Jerez de la Frontera, infatti, le due moto di Leon Camier e Jules Cluzel erano scese in pista con delle carene color carbonio, in attesa di svelare la nuova colorazione che farà il suo esordio in pista in occasione dei test privati previsti il 14-15 febbraio a Phillip Island.

 

Successivamente le due GSX-R1000, dotate dei motori sviluppate dai giapponesi dellaYoshimura, scenderanno in pista nei test collettivi del 18-19 febbraio, sempre sul tracciato australiano, dove il 24 si aprirà il Mondiale con le prime due gare.

 

http://www.****/magazine/24658/world-superbike-la-crescent-suzuki-svela-la-sua-livrea-2013

 

24658_la_crescent_suzuki_svela_la_sua_livrea_2013.jpg

 

 

 

 

19 e basta?ragazzi,sono pochi eh

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui ci sono tutte le varie entry list dei GP Superbike degli anni '90, notare la differenza nella quantità (e, a volere essere maligni, nella qualità) di piloti presenti alle gare.

 

A quei tempi c'erano valanghe di privati che riempivano la griglia fino all'orlo, ora i soldi per correre ce li hanno a malapena i team ufficiali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

la livrea della Ducati Alstare

 

la-nuova-livrea-del-team-ducati-alstare-21304.jpg

la-nuova-livrea-del-team-ducati-alstare-21305.jpg

la-nuova-livrea-del-team-ducati-alstare-21303.jpg

 

io la trovo molto bella

 

 

 

FIAMM nuovo sponsor del Team Ducati Alstare http://www.****/magazine/24744/world-superbike-fiamm-nuovo-sponsor-del-team-ducati-alstare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fede se ti sembra un "brutto" elenco cosa devo dire della moto Gp? lo so che in passato erano meglio, ma la crisi ha ristretto un po tutte le serie mondiali al giorno d'oggi. Inoltre in gp assisti a 3 categorie delle quali ti puoi scordare spettacolo dalla regina (lo garantisco dopo il gp del mugello dell'anno scorso), mentre in sbk hai 4 categorie con gare doppie e il tutto ad un prezzo decisamente accessibile rispetto alla gp.

 

A me l'elenco 2013 non dispiace. l'unico rammarico è che non ci siano yamaha, altrimenti i costruttori c'erano tutti :o

 

ps. anche le livree sono migliori per me :lol2:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma infatti il livello sostanzialmente è molto buono, ma la quantità è decisamente scarsa, le Case ufficiali non si vogliono impegnare e i privati non hanno soldi, questa è la dura realtà.

 

Ad Albacete nel 1992 c'erano 72 iscritti, quest'anno 19, ma ci si adatta lo stesso, quel geniaccio di don Carmelo ora metterà delle CRT anche qui, delle Superbike col motore Stock magari :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×