Jump to content
Sign in to follow this  
chatruc

Ma quanto guadagna la gente?

Recommended Posts

Vedremo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 ore fa, Ferrarista ha scritto:

Mi ricorderò solo di quelli che mi hanno votato all'ultimo PB.

 

Noi ti abbiamo sempre seguito, confidiamo in te.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto a proposito di stipendi, proprio oggi è stato siglato l'accordo tra aziende e sindacato per il rinnovo del contratto collettivo (che ho io). Per contrastare l'inflazione riceveremo un bonus di 3000 euro completamente esentasse (diviso in due pagamenti tra inizio 2023 e inizio 2024) ed un aumento di tutti i salari del 8.5% diviso in due tranche, una da 5.2% a marzo 2023 e una da 3,3% a maggio 2024. Certo è meglio di niente, però in sostanza da questa inflazione folle al 12% ne usciamo comunque con grosse perdite.

 

Da notare che la trattativa era iniziata a fine settembre con una richiesta di un aumento dei salari da subito dell'8%. Poi è seguita una settimana di scioperi finché le aziende hanno ceduto su questo compromesso di aumento in due fasi più bonus una tantum.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E noi in Italia anche stavolta caleremo le braghe 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ognuno ha in mano il proprio destino. Il diritto di sciopero sta là proprio per permettere ai dipendenti di far valere le proprie ragioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 18/11/2022 Alle 18:01, Ferrarista ha scritto:

 Certo è meglio di niente, però in sostanza da questa inflazione folle al 12% ne usciamo comunque con grosse perdite.

 

Pensa in Italia, dove non solo gli stipendi sono di per sé bassi ma gli aumenti salariali sono un miraggio :shock:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 24/11/2022 Alle 11:47, Red 5 ha scritto:

 

Pensa in Italia, dove non solo gli stipendi sono di per sé bassi ma gli aumenti salariali sono un miraggio :shock:

Io consiglio a tutti di lavorare sodo perchè oggi come oggi manca tanta manodopera e le persone brave vanno premiate.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, chatruc ha scritto:

Io consiglio a tutti di lavorare sodo perchè oggi come oggi manca tanta manodopera e le persone brave vanno premiate.

 

in italia proprio è difficile essere premiati se lavori sodo, a meno di non avere spiccate qualità sopra la media o far carriera lato dirigenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 30/11/2022 Alle 12:55, Beyond ha scritto:

 

in italia proprio è difficile essere premiati se lavori sodo, a meno di non avere spiccate qualità sopra la media o far carriera lato dirigenza.

Allora, vediamo più che altro cosa si intende per "guadagnare bene" e "guadagnare tanto".

 

Io ho notato che in aziende piccole, circa 30 dipendenti, si riesce ad arrivare a 2k netti al mese dopo 10 anni. Parlo non solo di laureati ma di personale tecnico con un minimo di intraprendenza. Vedo pure che certa manovalanza professionale (elettricisti, meccanici, ecc.) guadagnano pure di più.

 

La questione è sempre la stessa: cosa farebbe l'azienda se vado via? Se la tua capacità è pregiata per l'azienda, ti pagano. Se invece sei sostituibile come un cameriere, un addetto al fast food, uno che pulisce bagni, commesso, ecc. ti pagano poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, chatruc ha scritto:

Allora, vediamo più che altro cosa si intende per "guadagnare bene" e "guadagnare tanto".

 

Io ho notato che in aziende piccole, circa 30 dipendenti, si riesce ad arrivare a 2k netti al mese dopo 10 anni. Parlo non solo di laureati ma di personale tecnico con un minimo di intraprendenza. Vedo pure che certa manovalanza professionale (elettricisti, meccanici, ecc.) guadagnano pure di più.

 

La questione è sempre la stessa: cosa farebbe l'azienda se vado via? Se la tua capacità è pregiata per l'azienda, ti pagano. Se invece sei sostituibile come un cameriere, un addetto al fast food, uno che pulisce bagni, commesso, ecc. ti pagano poco.

Sono tutti sostituibili (così dicono da noi)

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, chatruc ha scritto:

Allora, vediamo più che altro cosa si intende per "guadagnare bene" e "guadagnare tanto".

 

Io ho notato che in aziende piccole, circa 30 dipendenti, si riesce ad arrivare a 2k netti al mese dopo 10 anni. Parlo non solo di laureati ma di personale tecnico con un minimo di intraprendenza. Vedo pure che certa manovalanza professionale (elettricisti, meccanici, ecc.) guadagnano pure di più.

 

La questione è sempre la stessa: cosa farebbe l'azienda se vado via? Se la tua capacità è pregiata per l'azienda, ti pagano. Se invece sei sostituibile come un cameriere, un addetto al fast food, uno che pulisce bagni, commesso, ecc. ti pagano poco.

 

Non funziona così, sia nelle grandi che nelle piccole aziende spesso si lascia andare persone competenti per non pagarle abbastanza. Visto di persona.

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 ore fa, chatruc ha scritto:

Allora, vediamo più che altro cosa si intende per "guadagnare bene" e "guadagnare tanto".

 

Io ho notato che in aziende piccole, circa 30 dipendenti, si riesce ad arrivare a 2k netti al mese dopo 10 anni. Parlo non solo di laureati ma di personale tecnico con un minimo di intraprendenza. Vedo pure che certa manovalanza professionale (elettricisti, meccanici, ecc.) guadagnano pure di più.

 

La questione è sempre la stessa: cosa farebbe l'azienda se vado via? Se la tua capacità è pregiata per l'azienda, ti pagano. Se invece sei sostituibile come un cameriere, un addetto al fast food, uno che pulisce bagni, commesso, ecc. ti pagano poco.

 

 

Tutti sono importanti, nessuno è indispensabile.

Nelle piccole aziende funziona che le paghe, a più di tot, non arrivano, perché il costo del personale è molto molto elevato. Se si vuole di più bisogna andare su aziende grandi, ma la bisogna essere sgamati, oltre che bravi e non tutti lo sono.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, Beyond ha scritto:

 

Non funziona così, sia nelle grandi che nelle piccole aziende spesso si lascia andare persone competenti per non pagarle abbastanza. Visto di persona.

 

This is it. Vero che ultimamente con la difficoltà a trovare personale - sia qualificato che non - le cose stanno un po' cambiando, ma fino a un anno fa la situazione era esattamente questa 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessuno è insostituibile. Se le aziende possono cambiare CEO, non vedo perché non possano cambiare dipendenti molto meno importanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Aviatore_Gilles ha scritto:

 

 

Tutti sono importanti, nessuno è indispensabile.

Nelle piccole aziende funziona che le paghe, a più di tot, non arrivano, perché il costo del personale è molto molto elevato. Se si vuole di più bisogna andare su aziende grandi, ma la bisogna essere sgamati, oltre che bravi e non tutti lo sono.

 

guarda che il costo sia molto elevato vale fino a un certo punto. nel mio ramo è pieno di aziende di consulenza e come penso sai i consulenti vengono venduti ai clienti a peso d'oro spesso e volentieri, migliaia di euro al mese. un'azienda che guarda ai bruscolini invece che in grande preferisce perdere un valido dipendente per non pagarlo qualcosa in più. qualche anno fa alla mia prima esperienza ho visto la mia azienda, che contava poche decine di dipendenti, non far nulla di serio per trattenere il mio responsabile, un ragazzo mio coetaneo molto in gamba e gran lavoratore, per non dargli un giusto aumento. risultato alla prima offerta rilevante se n'è andato, l'azienda così ci ha solo perso. questa cosa di nicchiare sulle richieste di aumenti, bonus e benefit la fanno in tanti ed è fonte di insoddisfazione che poi ti porta a cercare altro. questo ragionamento vale per tutte le azienda ma soprattutto penso per quelle piccole, dove certe qualifiche non sono coperte che da una persona. nelle aziende molto grandi e strutturate chiaramente ci sono altri discorsi in gioco.

 

 

18 minuti fa, ClaudioMuse ha scritto:

Nessuno è insostituibile. Se le aziende possono cambiare CEO, non vedo perché non possano cambiare dipendenti molto meno importanti.

assolutamente

Share this post


Link to post
Share on other sites
32 minuti fa, ClaudioMuse ha scritto:

Nessuno è insostituibile. Se le aziende possono cambiare CEO, non vedo perché non possano cambiare dipendenti molto meno importanti.

 

Possono cambiarli se trovano chi li sostituisce però e ultimamente non è più così facile

Share this post


Link to post
Share on other sites
57 minuti fa, Beyond ha scritto:

guarda che il costo sia molto elevato vale fino a un certo punto. nel mio ramo è pieno di aziende di consulenza e come penso sai i consulenti vengono venduti ai clienti a peso d'oro spesso e volentieri, migliaia di euro al mese. un'azienda che guarda ai bruscolini invece che in grande preferisce perdere un valido dipendente per non pagarlo qualcosa in più. qualche anno fa alla mia prima esperienza ho visto la mia azienda, che contava poche decine di dipendenti, non far nulla di serio per trattenere il mio responsabile, un ragazzo mio coetaneo molto in gamba e gran lavoratore, per non dargli un giusto aumento. risultato alla prima offerta rilevante se n'è andato, l'azienda così ci ha solo perso. questa cosa di nicchiare sulle richieste di aumenti, bonus e benefit la fanno in tanti ed è fonte di insoddisfazione che poi ti porta a cercare altro. questo ragionamento vale per tutte le azienda ma soprattutto penso per quelle piccole, dove certe qualifiche non sono coperte che da una persona. nelle aziende molto grandi e strutturate chiaramente ci sono altri discorsi in gioco.

 

 

Fidati che vale e non parlo a caso, visto che l'azienda è la mia, quindi ho accesso a tutto.

Noi siamo in 8 e le paghe sono buone, anche se non elevatissime in senso assoluto. Con il tempo abbiamo perso alcuni dipendenti e fortunatamente nessuno per compenso basso. Noi abbiamo concesso aumenti, come giusto che sia, ma con un freno, perché i margini non sono tantissimi e dobbiamo avere un cuscinetto da usare nei periodi bui, come quello che stiamo vivendo ora.

Se c'è un problema si discute e si fa il possibile. Però non pensiate che la fuori sia tutto un paradiso.

Con me lavorava un ragazzo, che ormai era un fratello per me. Per contrasti interni è andato via, passando ad un'azienda concorrente, che dai discorsi che faceva gli aveva promesso mari e monti. Morale dopo poco più di 2 anni è andato via, perché tutto quello che gli era stato promesso non era stato mantenuto.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
32 minuti fa, Aviatore_Gilles ha scritto:

 

Fidati che vale e non parlo a caso, visto che l'azienda è la mia, quindi ho accesso a tutto.

Noi siamo in 8 e le paghe sono buone, anche se non elevatissime in senso assoluto. Con il tempo abbiamo perso alcuni dipendenti e fortunatamente nessuno per compenso basso. Noi abbiamo concesso aumenti, come giusto che sia, ma con un freno, perché i margini non sono tantissimi e dobbiamo avere un cuscinetto da usare nei periodi bui, come quello che stiamo vivendo ora.

Se c'è un problema si discute e si fa il possibile. Però non pensiate che la fuori sia tutto un paradiso.

Con me lavorava un ragazzo, che ormai era un fratello per me. Per contrasti interni è andato via, passando ad un'azienda concorrente, che dai discorsi che faceva gli aveva promesso mari e monti. Morale dopo poco più di 2 anni è andato via, perché tutto quello che gli era stato promesso non era stato mantenuto.

 

 

 

ok però nel tuo caso parliamo quasi di una azienda familiare visto che parli di 8 persone compreso il titolare, il discorso in questi casi dipende da tantissime variabili. riguardo l'ultimo punto, se c'è una cosa ingenua da fare nel mondo del lavoro è cambiare in base a promesse. quelle sono belle e stimolanti ma poi la base deve essere sicura, chi cambia su base di futuri possibili miglioramenti economici ad esempio è abbastanza pollo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Red 5 ha scritto:

 

Possono cambiarli se trovano chi li sostituisce però e ultimamente non è più così facile

Ma dipende. Da noi sono andate via persone brave, ma ne sono arrivate altre altrettanto se non ancora di più brave. E infatti la ditta ora va ancora meglio di prima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

da me (parliamo di multinazionale settore informatico) esiste un budget (ciao Mattia) esclusivamente dedicato alla retention, se arrivi con un'offerta di un'altra azienda e vogliono tenerti ti aumentano lo stipendio (visto di persona)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×