Jump to content
Buio

Campionato FIA GT

Recommended Posts

FIA GT Zolder - Le prime parole di Biagi da Campione del Mondo

 

"Campioni del Mondo! Campioni del Mondo!" Questo urlava Thomas Biagi dal podio, dopo il terzo posto conquistato a Zolder, nell?ultima gara che gli ha permesso di conquistare per la seconda volta il titolo di campione del mondo FIA GT.

 

Pochi italiani hanno avuto il merito di vincere lo stesso titolo con due vetture prestigiose come Ferrari (nel 2003) e Maserati. "Penso sia un risultato storico, in un campionato cos? competitivo, cos? duro che si ? risolto solo all?ultima giornata."

 

"Ho vinto! Anzi abbiamo vinto, insieme a tutti gli amici, gli sponsor, i tifosi che mi hanno mandato messaggi d?affetto fino in ultimo e che mi hanno dato una grande forza. Ringrazio tutti, la mia squadra in particolare, per questo titolo, che voglio dedicare ad alcune persone speciali: a Michael Bartels, il mio compagno di squadra e mi spiace che non abbia i miei stessi punti a causa di un infortunio e non possa dividere con me questo trofeo. Un pensiero inoltre alla memoria di Gilles Villeneuve che proprio su questo circuito ha perso la vita; ogni volta che passavo in quel tragico punto, su quello scollinamento, provavo un?emozione difficile da descrivere. Ed inoltre, un ricordo speciale ad Alfredo Melandri, uno dei miei migliori amici, scomparso nel ?98 in un test di Formula 3 al Mugello."

 

"La gara di Zolder ? stata veramente dura: l?ho portata a termine con una cintura slacciata, col vero batticuore?Ma credo di aver dimostrato sin dal via, quando ho guadagnato due posizioni, che ero in grande giornata, che mi sarei battuto sino alla fine per portare a casa il titolo. Cos? mi sono limitato a controllare la gara, non ho mai forzato, se non alla fine, quando ho visto arrivare Hezemans e non volevo assolutamente lasciarlo passare. Se penso all?adrenalina in circolo ? stata indubbiamente la gara pi? dura della mia vita, ma ne valeva la pena. Ora mi sento soddisfatto ma continuer? a lavorare con la solita dedizione e mi impegner? ancora di pi?."

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT Zolder - Vittoria e titoli per le Ferrari di AF Corse

 

La Ferrari F430 GT di Dirk Muller e Toni Vilander vince anche a Zolder (Belgio) e conquista il titolo piloti GT2, conquistando cos? l?en-plein stagionale con l?alloro nella classifica Team, costruttori e prima e seconda posizione con quella riservata ai piloti. La coppia Bruni/Ortelli, appesantita da 103 kg di zavorra ? giunta quinta al traguardo conquistando cos? la seconda posizione in campionato. La nona vittoria su dieci gare per il team AF Corse Motorola e la sesta vittoria stagionale per la coppia Muller/Vilander dimostrano l?eccellente lavoro del team di Amato Ferrari, della Ferrari F430 GT sviluppata dal reparto Corse Clienti di Maranello e della Michelin che ha supportato egregiamente le due vetture per tutto il campionato.

 

Dirk Muller: ?Grazie a tutto il team, grazie alla Michelin, grazie alla Ferrari, ma soprattutto grazie a Toni. Questo campionato si vince in due e Toni ? stato il miglior compagno che potessi avere?.

 

Toni Vilander: ?Sono un po? frastornato, non riesco a realizzare quello che ? successo in questo momento cos? pieno di emozione. Mi viene la pelle d?oca. Forse tra qualche giorno inizier? a godermi questa vittoria.?

 

Amato Ferrari: ?Devo ringraziare Ferrari Corse Clienti, Michelotto e la Michelin, ma anche tutti i miei ragazzi. Confermarsi per il secondo anno consecutivo al vertice del campionato Fia Gt mi da grande soddisfazione.?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT Zolder - Playteam chiude con il giro pi? veloce

 

L?attesa finale di Zolder ha decretato il congelamento di una classifica capace di tenere tutti con il fiato sospeso fino all?ultimo appuntamento di campionato. La coppa spetta a Biagi, mentre Bertolini e Piccini si dovranno accontentare della 5? posizione.

 

Nel 10? e ultimo round del Campionato Fia Gt, la prestazione della Scuderia Playteam SaraFree ? stata condizionata da una sorte tutt?altro che favorevole, quasi a voler chiudere il cerchio ricollegandosi al primo appuntamento di campionato a Zhuhai. Con la stessa coerenza di quella gara, entrambe le vetture hanno dovuto chiudere i giochi anticipatamente. A partire dalla coppia Giannoccaro\Pier Guidi, costretti ad un ritiro anticipato, dopo appena 12 giri per un contatto con un avversario, per proseguire qualche giro dopo con un fuori pista della MC12 n.11 che affondava insieme nella sabbia ogni possibile chance di conquista del titolo.

 

?Ringrazio il team e la Pirelli per l?ottimo lavoro. La macchina andava molto bene, non per niente ? ancora segnato sul monitor il mio giro pi? veloce,? ha affermato Alessandro Pier Guidi. ?Per quanto riguarda il contatto con Davis, mi ha chiuso seppure fosse un doppiato e non ci fosse alcun motivo. Mi dispiace che la gara sia finita prima del tempo. Poteva essere sicuramente una bella gara?.

 

?E? stata una gara difficile,? ha affermato Andrea Bertolini. ?Ieri abbiamo riscontrato dei problemi ma siamo riusciti a risolverli in parte, seppure li trasciniamo oramai da alcune gare. La squadra, con tutti ragazzi, ? stata incredibile e anche nei momenti difficili si ? sempre dimostrata pronta e unita. Io ho cercato di spingere come un pazzo ma improvvisamente si sono bloccate in frenata le ruote posteriori e non ho potuto pi? farci niente. Mi riscatter? il prossimo anno, per ora ringrazio il team, Pirelli e tutti coloro che hanno creduto in me.?

 

?Per quanto riguarda la gara sono dispiaciuto per Ale perch? ha fatto una gara fantastica e per tutto il weekend ? stato il pi? veloce in pista. E? un peccato non aver potuto finire la gara perch? poteva essere la sua gara. Berto e Piccini, invece, si sono impegnati al massimo ma un errore ogni tanto ci sta, anche per i grandi campioni,? ha dichiarato Giambattista Giannoccaro. ?Per quanto riguarda invece la squadra sono contentissimo perch? ? stata per tutti noi una bella esperienza in cui abbiamo imparato tantissime cose che torneranno utili nel nostro futuro. Nella curva di esperienza di ogni azienda ci sono i momenti in cui bisogna imparare dagli errori e noi siamo qui quest?anno con l?umilt? di chi ? arrivato nel Fia Gt per la prima volta, con macchine importanti e concorrenti importanti. Credo che la squadra abbia dimostrato in questi 10 eventi di essere cresciuta volta per volta e di essere in grado di stare in questo parterre.?

 

?Forse questo mondiale lo abbiamo buttato via noi,? ha affermato Andrea Piccini. ?Tornando indietro nelle scelte, come abbiamo fatto oggi in gara, la macchina andava veramente forte. Purtroppo avevamo deliberato queste modifiche a Valencia e sembrava che andassero meglio. Forse il miglioramento c?era, anche se solo in determinate situazioni, ma rendevano la macchina instabile. Lavoravamo su un equilibrio realmente precario e bastava un niente per uscire da quelli che erano i settaggi giusti. Forse lo abbiamo capito troppo tardi. Abbiamo comunque fatto una bella gara, io forse ho fatto la pi? bella della stagione. Ci abbiamo provato impegnandoci al massimo ma alla fine non sai mai cosa pu? succedere.?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT Zolder - Terzo posto in campionato per Scuderia Ecosse

 

Scuderia Ecosse conclude l?ultimo appuntamento della stagione con il sesto e il settimo posto degli equipaggi Andrew Kirkaldy/Tim Sugden e Tim Mullen/Darren Turner. Dopo una stagione difficile, la squadra ha conquistato il terzo posto in campionato, alle spalle di BMS e AF Corse.

 

Tim Mullen: ?La macchina all?inizio era molto buona e sono riuscito a raggiungere Collard senza difficolt?. C?? stata una bella lotta tra noi. La Porsche era pi? veloce nei rettilinei ma noi recuperavamo nel misto, cos? ho continuato a pressarlo, in attesa che commettesse un errore. Una volta superato sono riuscito a raggiungere Lieb, ma anche con lui sono dovuto rimanere dietro per 25 minuti. All?ultimo stint la macchina era fantastica, sembrava di volare. Sono arrivato alle spalle di Bruni ma all?improvviso abbiamo avuto una piccola foratura che ha causato un calo nelle performance della nostra vettura. Siamo delusi di essere arrivati solo settimi?.

 

Darren Turner: ?Tim ha fatto un ottimo lavoro nella prima parte di gara. La macchina era molto competitiva all?inizio e sono stato in grado di girare su ottimi tempi e di avvicinarmi a Rui Aguas. Verso la fine abbiamo fatto i conti con un problema a una gomma. Di certo non possiamo dichiararci soddisfatti del risultato ottenuto?.

 

Tim Sugden: ?All?inizio le cose sono andate subito bene per noi, con Andrew (Kirkaldy) che ha fatto un?ottima partenza. Dopo avermi ceduto il posto, ho dovuto lottare con i freni ? per il fatto che gli altri piloti preferiscono un diverso set up dei freni rispetto a me ? Cos? non sono riuscito a essere veloce come avrei voluto. A parte questo sono rimasto soddisfatto della macchina e delle gomme, anche se siamo un po? delusi dal fatto che non siamo riusciti a ottenere un risultato migliore?.

 

Andrew Kirkaldy: ?Per quanto riguarda il primo stint di gara, sono contento perch? eravamo sugli stessi tempi del leader. Ero tranquillamente in seconda posizione, quando una Maserati mi ha spinto sullo sporco, facendomi scivolare in terza piazza. Abbiamo perso tempo nella parte centrale, ma all?ultimo stint la macchina era buona. E? stato un vero peccato non aver finito la gara sul podio?.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT - Le novit? dal Consiglio Mondiale: GT1 Mondiale dal 2010

 

Ha discusso anche del futuro del campionato FIA GT il Consiglio Mondiale della Federazione che si ? riunito oggi. A partire dal 2010, la serie ha in programma importanti cambiamenti: da questa data, infatti, il FIA GT si divider? in due serie separate, con un campionato mondiale GT1 e un campionato europeo GT2. Queste due categorie seguiranno i nuovi regolamenti, che saranno resi noti in occasione del prossimo consiglio mondiale, a dicembre.

 

Dal punto di vista tecnico le vetture saranno pi? pesanti ma pi? potenti, con motori di produzione, che avranno prestazioni livellate con l?aiuto di alcuni provvedimenti come l?utilizzo di una centralina standard. Le nuove specifiche avranno come obiettivo principale quello di ridurre i costi. Il resto del regolamento tecnico sar? basato su quello attuale della GT2, con alcune modifiche aerodinamiche permesse nella categoria GT1. Il regolamento del Campionato Europeo GT3 rimarr? invariato.

 

In conclusione, ? stato definito il calendario degli appuntamenti per la prossima stagione: come annunciato, non ci sar? Zhuhai, quest?anno gara di apertura del campionato. La novit? per la prossima stagione ? l?introduzione del circuito di San Luis, in Argentina, che ospiter? la gara conclusiva.

 

FIA GT - Il Calendario 2008

 

20 aprile - Silverstone (Gran Bretagna

18 maggio - Monza (Italia)

21 giugno - Adria (Italia)

6 luglio - Oschersleben (Germania)

3 agosto - 24 Ore di Spa (Belgio)

31 agosto - Bucarest Challenge (Romania)

14 settembre - Brno (Repubblica Ceca)

28 settembre - Nogaro (Francia)

19 ottobre - Zolder (Belgio)

23 novembre - San Luis (Argentina)

Share this post


Link to post
Share on other sites
FIA GT - Le novit? dal Consiglio Mondiale: GT1 Mondiale dal 2010

 

Ha discusso anche del futuro del campionato FIA GT il Consiglio Mondiale della Federazione che si ? riunito oggi. A partire dal 2010, la serie ha in programma importanti cambiamenti: da questa data, infatti, il FIA GT si divider? in due serie separate, con un campionato mondiale GT1 e un campionato europeo GT2. Queste due categorie seguiranno i nuovi regolamenti, che saranno resi noti in occasione del prossimo consiglio mondiale, a dicembre.

 

Dal punto di vista tecnico le vetture saranno pi? pesanti ma pi? potenti, con motori di produzione, che avranno prestazioni livellate con l?aiuto di alcuni provvedimenti come l?utilizzo di una centralina standard. Le nuove specifiche avranno come obiettivo principale quello di ridurre i costi. Il resto del regolamento tecnico sar? basato su quello attuale della GT2, con alcune modifiche aerodinamiche permesse nella categoria GT1. Il regolamento del Campionato Europeo GT3 rimarr? invariato.

 

In conclusione, ? stato definito il calendario degli appuntamenti per la prossima stagione: come annunciato, non ci sar? Zhuhai, quest?anno gara di apertura del campionato. La novit? per la prossima stagione ? l?introduzione del circuito di San Luis, in Argentina, che ospiter? la gara conclusiva.

 

FIA GT - Il Calendario 2008

 

20 aprile - Silverstone (Gran Bretagna

18 maggio - Monza (Italia)

21 giugno - Adria (Italia)

6 luglio - Oschersleben (Germania)

3 agosto - 24 Ore di Spa (Belgio)

31 agosto - Bucarest Challenge (Romania)

14 settembre - Brno (Repubblica Ceca)

28 settembre - Nogaro (Francia)

19 ottobre - Zolder (Belgio)

23 novembre - San Luis (Argentina)

 

 

Spero che ci sara' la possibilita' di vedere sia Ferrari che Porsche combattere per il successo assoluto con questi nuovi regolamenti.

Comunque non mi piace affatto l'andazzo che sta prendendo il FIA GT,che da serie endurance si sta convertendo a gare sprint.Ho letto che a Bucarest l'anno prossimo si fara' una prova disputando la gara in due manche distinte di un'ora ciascuna e mi da parecchio fastidio il fatto che i team stiano cercando di far fuori la 24 ore di Spa.Sarebbe bello che l'ACO avesse la forza di lanciare un vero campionato del mondo Endurance (anche se non titolato FIA,penso si potrebbe fare) a cui possano partecipare sia le GT che i prototipi.La base (LMS e ALMS)ci sarebbe gia' ma non nego che ci sarebbero anche tante difficolta' :( .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo so, purtroppo stanno rovinando questo campionato :( Gi? quest'anno hanno fatto danni, riducendo le gare a due ore

La divisione in due gare del GP della Romania ? solo l'inizio, perch? probabilmente in futuro questo format verr? adottato in tutte le gare del mondiale.

 

Togliere la 24 ore sarebbe veramente l'ultima goccia <_<

 

PS.

Vi consiglio di leggere questo bellissimo articolo del mio socio Giacomo, che celebra la vittoria del nostro connazionale Biagi :)

 

FIA GT - Il ruggito del leone

 

Fedro, in una sua favola, parlava di un leone che, nonostante si fosse messo in societ? con altri animali, al momento di dividere la preda, prendeva il bottino tutto per s?, lasciando agli altri le briciole. Una favola che si impara sui libri di latino, sui banchi di scuola. Ma se si vuole avere una descrizione pi? diretta, se si volesse avere una visione pi? reale dell?accaduto, basta vedere la gara di domenica a Zolder. Tanti erano i pretendenti ad una parte di preda, ma nessuno ? riuscito a togliere dalle zanne del re della savana l?ambito trofeo. Solo i giochi di squadra, con gli avversari, aiutati dai loro alleati, che come accade in ogni branco diventano i principali pretendenti al posto di capo, avrebbero potuto spazzare dal trono il re, ma cos? non ? stato.

 

Thomas Biagi, il leone, la ?belva mansueta?- scusate l?ossimoro - capace di spazzare via come una fredda bora tutti gli altri, andando a prendersi un successo sudato sulle piste di mezzo mondo. Mansueto, capace di togliersi la maschera del cattivo per mettersi quella di un uomo, appassionato e sensibile, memore di ci? che ha fatto, capace di piangere, di farsi prendere dall?emozione per aver raggiunto un traguardo, un obiettivo, con la semplicit? di una persona comune, cresciuto a benzina e pistoni.

 

La carriera di Thomas Biagi ? qualcosa di eccezionale. Inizi? nell?87 col kart, i primi successi e le prime delusioni di uno sport spietato. Il salto nelle monoposto, con il campionato Formula Boxer, per poi passare dalla F3, nella quale si tolse grandi soddisfazioni, fino ad arrivare all?apice della sua carriera a ruote scoperte: quel 2001 in Euroseries, passato a duellare fianco a fianco con un ragazzino brasiliano, gi? presente sul taccuino di molti team manager in Formula 1: Felipe Massa, pilota eccellete nel giro singolo. Ma Biagi non ci sta, rende dura la vita al sudamericano, togliendosi pure lo sfizio di batterlo in quella che poi diventer? la specialit? di Felipe: la pole position.

 

Thomas ? un pilota veloce e pulito, capace di non stressare troppo la meccanica, il sogno di ogni talent scout, ma il grande salto in Formula 1 non arriva, nemmeno dopo un 2002 passato sotto l?ala protettrice di Ghinzani. L?anno della svolta rimane comunque il 2003. Da prima la chiamata della tanto sognata Ferrari: un'auto desiderata da tanti, affidata al bolognese che, col Team BMS, si lancia nella conquista di un titolo con una facilit? da fare invidia a tanti altri piloti. Un'annata che proietta Thomas ad un test con la Ferrari F2002, un'opportunit? che capita a pochi piloti, prima di affrontare un campionato LMS sempre ?in rosso?, che porter? alcune piccole soddisfazioni per la carriera di un pilota, come l?arrivo al secondo posto in due gare mitiche: la 1000 km di Monza e la 12 ore di Sebring, senza scordare la buona presenza alla 24 ore di Le Mans, gara regina dell?endurance per eccellenza.

 

Nel 2005 l?avventura in Maserati, una macchina nuova, la MC12, frutto di un progetto avveniristico per far tornare al ruolo che gli compete un marchio che dagli anni 50 aveva chiuso con le corse. Purtroppo, per Biagi non arriva il titolo, ma il suo apporto sar? fondamentale per la conquista del titolo costruttori e squadre, con l?opportunit? a fine anno di salire ancora a bordo di un auto da Formula 1: la Jordan, che saluta l?avventura nella massima serie al Motorshow di Bologna, affidando nelle sapienti mani dell?italiano l?EJ15, che da l? a poco tempo avrebbe lasciato strada al team russo Midland, il quale chiamer? proprio Biagi per un test vero a Barcellona prima dell?inizio del campionato.

 

Nonostante le voci dei media che ipotizzano un dolce ritorno alle monoposto, nel 2006 Thomas si presenta ancora al volante della Maserati MC12, con la quale si ripeter? per il secondo anno consecutivo nella conquista del titolo squadre. Un anno travagliato, con molti guai che condizioneranno pesantemente la stagione. Infine il 2007, anno di riscossa dalle critiche, rispondendo in ogni gara attaccando, senza mai avere l?idea di ?conservare il risultato?. Dimostrando di non essere un pilota che si accontenta, ma che si difende attaccando, sudandosi ogni punto fino all?ultima gara, in un campionato ricco di colpi di scena, giochi di squadra spesso oltre i limiti del lecito e una competitivit? mai vista, creata dalle sapienti menti della FIA, ideatrici di un regolamento pro spettacolo, come poi si ? dimostrato, quando a Zolder i piloti in lotta per il successo erano nove.

 

Possiamo tranquillamente dire che Biagi ha avuto la freddezza di non commettere errori, rischiando, ma senza spingersi oltre i limiti fisici e naturali. Un'annata perfetta, che purtroppo non potr? essere festeggiata con il compagno Bartels, al quale vanno altrettanti complimenti per l?altruismo dimostrato nei confronti del pilota italiano, quando la classifica si faceva sempre pi? stretta e le prestazioni del compagno diventavano fondamentali per la conquista del titolo. Biagi ? qualcosa di pi? di un pilota da corsa: ma, come direbbe un giornalista inglese del quale non ricordo il nome, ? uno di quei malati ricoverati in quel manicomio nel quale siamo tutti noi. Che ci scanniamo nei forum, leggiamo libri su libri e passiamo le domeniche davanti alla tv, affetti da una malattia incurabile che si chiama ?voglia di corse?: abbiamo bisogno di esse per sopravvivere, e da loro traiamo forza vitale.

 

Potremmo scrivere ancora pagine e pagine sulla figura di un ?uomo innamorato? come Thomas, ma ci fermiamo qua, ricordando un piccolo aneddoto. In pochi infatti sanno che il campione bolognese all?esame della patente venne bocciato perch? all?esaminatore non piaceva il modo con cui impugnava il volante: uno sgarbo non da poco per uno come lui, che col tempo risponder? a quell?esaminatore con i fatti (e che fatti?). Un po? come Nuvolari, che durante la guerra aveva come desiderio la guida delle ambulanze, ma il generale non era d?accordo e gli disse:?tu non sei capace di guidare, vai a fare altro?. Tazio si mise il cuore in pace. E il resto di questa storia lo conoscete?

 

Giacomo Sgarbossa

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT - Belgian Racing commenta la stagione appena conclusa

 

Il team Belgian Racing si ? dichiarato soddisfatto dei risultati ottenuti in questa stagione. Rispetto al 2006, la Gillet Vertigo ha fatto notevoli passi avanti in termini di affidabilit? e prestazioni: quattro podi e tre successi nella categoria G2, un undicesimo posto a Bucarest e un ritardo di soli due secondi sulle GT2 pi? veloci.

 

Tony Gillet: ?E? solo la seconda volta che partecipiamo al campionato FIA GT. Abbiamo imparato molto e ci stiamo gi? preparando per il 2008. Vorrei ringraziare tutto il team per il loro impegno, i piloti per la loro professionalit? e tutti gli sponsor, perch? senza di loro niente sarebbe possibile?.

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT - I due top team di GT1 e GT2 nella entry list di Le Mans 2008

 

L?Automobile Club dell?Ouest ha pubblicato la lista dei team che hanno ottenuto l?iscrizione per la prossima 24 ore di Le Mans, in virt? dei risultati conseguiti nei rispettivi campionati. I primi due classificati nella GT1 (Vitaphone Racing e Scuderia Playteam) e nella GT2 (AF Corse e BMS) sono entrati di diritto nella entry list della 24 ore del 2008. Resta da vedere se la MC12 venga considerata in regola dall?ACO: per la Maserati sarebbe la dodicesima partecipazione assoluta alla gara francese, l?ultima risalente al lontano 1973.

 

GT - Triplice impegno per Edil Cris

 

Dopo una stagione ricca di soddisfazioni in campo nazionale ed internazionale, prosegue il programma di sviluppo della struttura del Racing Team Edil Cris. A breve ? attesa la consegna del quarto esemplare di Ferrari F430 GT2, che permetter? alla squadra guidata da Giancristiano Cavalleri di competere contemporaneamente in tre campionati, il FIA GT, l?International GT Open e il Campionato Italiano GT. La factory di Seriate (Bergamo) ? in corso di ampliamento per offrire ai tecnici un ambiente di lavoro funzionale alle nuove esigenze del team, mentre in pista verr? inaugurata una nuova struttura di hospitality che assicurer? un trattamento di primo livello agli ospiti della squadra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT - Matech Racing presenta una versione ''GT1'' della Ford GT

 

In occasione del Motorshow internazionale di Lussemburgo, Matech Racing ha presentato in anteprima una versione della Ford GT, che risponder? al futuro regolamento 2009 della categoria GT1 del campionato FIA GT. Questo prototipo parteciper? al prossimo Langstreckenmeisterschaft N?rburgring (VLN), campionato che si disputa proprio sul lungo circuito del Nordschleife, con l?obiettivo di sperimentare diverse soluzioni tecniche. Attualmente la scuderia Matech Racing corre nel Campionato Europeo GT3, schierando tre modelli della casa di Detroit.

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT - Biagi festeggia il titolo mondiale... e premia RaceGarage.it

 

Fine anno: momento di bilanci, di inventari, ma anche di feste e ringraziamenti. E il momento, finalmente, di gridare tutti insieme "Campione del mondo!" Per festeggiare la vittoria del Campionato FIA GT, si ? tenuta ieri sera a Modena la serata organizzata da Thomas Biagi, nella quale il campione emiliano ha reso omaggio a tutti gli amici che, direttamente ed indirettamente, lo hanno assistito nel corso di quest?anno fantastico.

 

Una cena, della buona musica live, la ?sua? MC12 in bella mostra e poi ancora visite inaspettate, gag divertenti, un libro da presentare, riconoscimenti, ma soprattutto un'asta benefica capace di mostrare ancora una volta l?umanit? di un uomo che col tempo, la fama e la gloria ? rimasto coi piedi per terra.

 

Nel corso della serata RaceGarage.it, insieme ad altri media presenti alla festa, ? stato premiato per la copertura assicurata al FIA GT nel corso della stagione e, in particolare, per l'articolo "Il ruggito del leone" pubblicato subito dopo la vittoria del titolo da parte di Thomas.

 

Da tutta la redazione di RaceGarage.it vanno a Thomas i ringraziamenti, con i quali desideriamo apporre la frase ?The end? a questo libro di un'annata da mandare negli archivi - purtroppo - pronti a consumarci i polpastrelli per raccontare questo 2008 che bussa alle porte. Con l?augurio di vedere ancora l?Italia che vince, quella costituita soprattutto dai piloti, sul gradino pi? alto del podio. Nell?attesa, per?, godiamoci questo inverno. Senza abbandonarci troppo nella nostalgia canaglia.

 

Giacomo Sgarbossa

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT - Nasce la Scuderia CR

 

La stagione motoristica del 2008 vedr? la nascita di un nuovo team: la CR Scuderia. La squadra parteciper? nel FIA GT e nel British GT con le Ferrari F430, oltre al campionato britannico di Formula Renault. Sebbene il nome suoni nuovo nell?universo del motorismo sportivo, il team ha profonde radici nell?industria dell?automobile. CR Scuderia ? nata da un?idea di Chris Niarchos, presidente del Cobra Group.

 

Il Team Director del CRS sar? Andrew Kirkaldy, ex vincitore del ?McLaren Autosport BRDC Young Driver of the Year?. Malcolm Swetnam, con oltre vent?anni di esperienza in case come Ferrari, Ford, Honda e Seat, coprir? il ruolo di Team Manager.

 

Il team disporr? di ingegneri qualificati, come Steve Bunkhall, Eddie Hinckley e Lee Penn, oltre a meccanici e esperti di marketing con una lunga carriera in Formula 1 e nelle vetture turismo.

La sfida pi? impegnativa del CRS ne? 2008 sar? il campionato FIA GT. Il team schierer? due Ferrari F430 nella categoria GT2, formate da un equipaggio di assoluto rilievo: il primo equipaggio sar? formato dalla coppia Andrew Kirkaldy/Rob Bell, quest?ultimo vincitore GT2 della Le Mans Series; Chris Niarchos e Tim Mullen correranno nella vettura gemella.

 

?Abbiamo avuto occasione di parlare con le persone giuste per creare un team dalla mentalit? vincente,? ha spiegato Chris Niarchos. ?Sono felice della nostra line-up per il mondiale FIA GT del prossimo anno, penso che abbiamo creato qualcosa di davvero speciale. Dobbiamo ancora decidere i piloti che schiereremo nel British GT e nella Formula Renault. Non vedo l?ora di svelare i nostri sponsor e partners all?Autosport International a gennaio."

 

Come anticipato, CRS correr? nel British GT con tre Ferrari F430. Per quanto riguarda la Formula Renault britannica, AKA Cobra Formula Renault, di propriet? di Chris Niarchos, Andrew Kirkaldy e Paul Jackson, doventer? la CRS Formula Renault team.

Share this post


Link to post
Share on other sites

FIA GT - Biagi correr? la 24 Ore di Daytona con Ferrari

Il Campione del FIA GT 2007, Thomas Biagi, vincitore al volante della Maserati MC12 che ha celebrato la vittoria al Motor Show, nelle giornate di venerd? e sabato, ha annunciato in anteprima nel corso dell'incontro con tifosi e giornalisti organizzato dalla "Gazzetta dello Sport" a margine della fiera bolognese che correr? la prossima 24 Ore di Daytona sulla Ferrari F430.

 

“Due giorni fa sono stato contattato dal team manager Mario Prugnola per disputare la prossima 24 Ore di Daytona al volante di una Ferrari F430," ha detto Biagi. "Non correr? nella classe regina, ma ? una grande gratificazione correre una corsa cos? prestigiosa con una vettura italiana. Sono molto legato alle vetture di casa nostra, spero infatti, di poter continuare ancora a lungo a correre con macchine italiane. Non ho mai corso su piste con curve paraboliche ed in particolare a Daytona, non conosco il circuito. Mi piace per? l’atmosfera, in America le gare si vivono con meno pressione rispetto alle nostre, il clima per i piloti ? pi? sereno. I miei compagni di squadra saranno l’italiano Franco Scarpini, pilota con trascorsi in F1 ed uno spagnolo. La Ferrari F430 ? una vettura GT2 adattata ai regolamenti americani. Svolgeremo dei test il 5 e 6 gennaio, poi la gara sar? dal 25 al 27.”

 

 

 

 

FIA GT - Primo test per la CR Scuderia

Per la prima volta la CR Scuderia ? scesa in pista, precisamente sul circuito di Donington Park, per una sessione di test con la line-up di piloti del 2008. Il Team Director Andrew Kirkaldy ? stato il primo a girare con la Ferrari 430 GT3, compiendo un paio di giri d?installazione. La vettura ? stata quindi affidata al campione della Porsche Carrera Cup GB, James Sutton; anche i piloti di Formula Renault, Dean Smith e Jeremy Metcalfe, e quelli del British GT, Ben de Zille Butler, Tom Alexander e Michael Bentwood, hanno avuto occasione di provare sulla pista inglese.

 

Il Team Manager Malcolm Swetnam ha commentato: "E? stata una giornata positiva e molto produttiva; la vettura ? stata impeccabile e tutti i piloti si sono divertiti a guidare questa Ferrari."

 

La prossima sessione di test della CRS avr? luogo a Fiorano il prossimo martedi, con una Ferrari GT2.

Share this post


Link to post
Share on other sites

entusiasmante 24 ore di daytona con thomas.Mi chiedo perche la maserati non faccia una grand am per vincere la 24 ore.Sarebbe strabellissimo davvero!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×