Jump to content

tigre

Premium
  • Content Count

    4,853
  • Spam

    145 
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

Posts posted by tigre


  1. Tralasciando fine anni 60 inzio anni 70 con la rivoluzione tecnica e le Lotus velocissime mi pare doi potrer dire che gli anni bui sono sempre stati quando mancava qualcuno di importante ai vertici della scuderia, vedi l'addio di Fiorio e la scomparsa di Marchionne, questo Cammilleri sta cercamndo di dare stabilità giustamente ma non mi sembra molto carismatoico


  2. Si saranno articoli riciclati è anche vero che io non lo compro più da diverso tempo per diversi motivi, tempo hobby lavoro ecc... per qualcuno è un doppione. Della Nascar non ricordo nemmeno perchè seguo già diverse categorie(quando posso) comunque anche la Indycar si limitava a 2-3 paginette a centro rivista. Ma io ci metterei il fatto che tutte ste manifestazioni non sono in chiaro non darei la colpa ad AS e poi è di la dall'oceano. Anch'io sono un grande estimatore della Nascar ma diventa difficile seguirla in ogni caso


  3. leggendo molto su tale vicenda è quasi sicuro che fu un'insieme di lamentele e comportamenti non ortodossi di Arnouz.

    Un altro video interessante semnpre di Bobbiese con Ciccarone con retroscena sulla morte di Senna. A quanto ho capito su un video per il 26° annale ritiene che se anche Ayrton fosse stato colpito nel casco non sarebbe sopravvissuto, anch'io ritengo lo stesso

     

     


  4. Bell'intervista a Cantù, DS Dallara-Scuderia Italia con aneddoti anche sulla F1. Interessanti riguardo Fittipaldi grande creatore di testate di motori per il mondo delle corse oltre che grandissimo pilota.

    Cpon quel poco a disposizione la Scuderia Italia ha fatto cose incvredibili, podi con de Cesaris Caffi e JJ Lehto; Caffi si è bruciato con la Footwoork Porsche

     

     


  5. Bell'intervusta di motorsport magazine a Head. facile con i sottotitoli. Dice alcune cose che non sapevo, per sempio che per l'88 avevano un contratto con Honda ma gli avevano imposto di tenere Piquet e Nakajima che poi finirono alla Lotus.

    Riassumo per chi non sa l'inglese:; Alan jones era un gran pilota ma non molto professionale, si allenava pochissimo, si vede infatti era un po' sovrappeso soprattutto negli anni che seguirono al 1980, ma aveva una grande resistenza fisica. Per il 1980 cedettero regazzoni in quanto non veloce abbastanza nelle qualifiche sebbene in gara spesso finivca davanti a Jones.

    Derek Daly era uno molto nervoso alla guida, invece Keke guidava rilasato anche quando girava al massimo; tra tutti  prost era quello più meticoloso; di Boutsen dice che guidava un auto rigidissima cosa che aveva imparato alla benetton e dalla cui abiitudine non era in grado di discostarsi; quando ritornò Mansell nel 1991 provando la macchina disse a Head: " ma che cosa avete fatto questa macchina è inguidabile, dividete per tre la rigidezza della vettura!" sembra abbiano guadagnato un paio di secondi rispetto all'anno prima al Paul Ricard.

    Poi dice che la Williams degli ultimi anni  perde in prestazioni perchè hanno sempre preso 2 piloti giovani i quali sentono la pressione e non danno indicazioni sicura; poi afferma delle altre cose tecniche che è difficile da capire ma ha riportato che i motoroi judd prima di passare alla Honda furono sviluppati dalla williams senza l'aiuto Cosworth.

    Un altro aneddoto simpatico è che Nelson dopo essere stato battuto spesso da Mansell andò da frank mentre era tutto intubato dopo il grave incidente a dirgli: "Sono io la prima guida" ma non c'era sul contratto però gli affidarono il muletto che come disse Mansell in evenienza poteva essere subito riportato al suo tipo di assetto.

    Ahha Frank che annuiva a  Nelson moribondo

     

     

    • Like 3

  6. Il 20/6/2020 Alle 09:38, chatruc ha scritto:

    Però dal punto di vista legale, Frank aveva ragione.

     

    Merzario era sotto contratto dalla Frank Williams Cars, che fu venduta a inizio 1976 a Walter Wolf. Quindi, Merzario avrebbe dovuto far indirizzare alla Wolf una lettera dal suo legale (quando compri una società, compri asset, crediti e debiti).

     

    Invece Merzario chiese i soldi personalmente a Frank, che al tempo era cotitolare della Williams Grand Prix Engineering.

     

    Un aneddo raccontò Merzario sul canale di Boibbiese. doisse di essere rimasto contento della sua scuderia F1 perchè a volte battagliava con scuderie più grandi ma di aver accumulato un sacco di debiti. quindi faceva garette di contorno anche dela F1, una di queste a monaco quando incontrò per caso frank, glli disse "Allora frank, mi vuoi dare questi benedetti soldi, guarda che il mondo gira eh..." e lui "Ormai quell,a williams non c'è più"...... dopo pochi giorni ebbe l'incidnte in cui rimase paralizzato, gli tirò la macumba


  7. Che gran video questo, peccato corto della L72 sulle strade di san  Paolo, che macchina e che motore; su quella macchina Emmo era uno dei pochi ad avere le pèalle di montarci

     

     

     


  8. Non c'è da rimproveragli poimolto, la maggior parte delle vittorie erano sue; piuttosto ho notato che Prost in quell'anno aveva cambiato trattica, partiva forte invece di aspettare per scrollarsi il cpmpagno di dosso cosa che qualche volta gli era riuscita; stava per riuscirgli anche a Suzuka poii senna  recuperò come un forsennato, forse in altre gare quest'ultimo ebbe problemi di benzina ma non ne sono poi cosi sicuro.

    In questo video dedicato a senna pirro racconta un po' di questa macchina

     

     


  9. Certo Christian bale pè dimagritissimo in questo film per interpretare il secco ken miles, tantoi di cappello come attore e uomo. remo girone nella parte di enzo ferrari direi che è erfetto forse iun po' troppo rude la caratterizzazione. L'unica pecca di stogfilm è che non si capisce bene chi abbia inventato da zero il GT40, va bene che lo hanno sviluppato Miles  e Shelby dopo il ritiro per cardiopatia, una macchina leggendaria


  10. Anche a me è piaciuto. Magari la figura di Enzo Ferrari poteva essere un po' attenuata  rguarrdo alle trattive co n Fprd è solo parzialmente vera quella  scena, non riguardava la presenza a Le Mans la clausola ma il budget sulla scuderia; vero è l'aneddoto di aver detto a Gozzi, andiamo a magna; riportato anche su questa ricostruzione della vicenda

     

     


  11. A leggere alcune interviste del 2000 mi pare che non fosse già troppo sicuro di se stesso, che poi anche la figuraccia di Imola dell'anno prima sta un po' a dimostrarlo; un talento purissimo comunque; anche nel DTM è stato un top driver e io assistetti alla sua ultima vittoria al Mugello nel 2007


  12. 1 ora fa, chatruc ha scritto:

    Prima ancora Giunti, Bandini, Baghetti e poi la miriade di italiani anni '80. Poi ci sono stati Regazzoni (italico) e i vari inviti a Cheever e De Angelis, nonchè la terza Ferrari del team Everest (Minardi) per Giancarlo Martini. Ho letto diversi Autosprint degli anni '70 e già al tempo si era creato il mito che "la Ferrari non vuole gli italiani" e Ferrari si sforzava di smentire citando i casi reali di piloti italiani su Ferrari.

     

    Si lo ricordò infatti anche Minardi sul canale youtuibe di Bobbiese. Inoltre Ferrari lo faceva venire in fabbrica per prendere le turbine tedesche perchè luoi si era impunhtato su quelle Garrett americane ben sapendo che erabno peggiori ma ormai il drake non poteva far altro e Minardi sceglieva tra quelle tedesche anche quelle migliori


  13. Interessante anche sto canale Motor1. la storia di jackie Stewart, sul tubo si trova anche la ricostruzione di Stewart del suo incidente di spa 66, sembrava a quei tempi come il TT dell'isola di Man delle moto

     

    Interessante anche sto canale Motor1. la storia di jackie Stewart, sul tubo si trova anche la ricostruzione di Stewart del suo incidente di spa 66, sembrava a quei tempi come il TT dell'isola di Man delle moto

     

    https://www.youtube.com/watch?v=I3buBRd7J94


  14. Il 11/9/2019 Alle 00:05, chatruc ha scritto:

     

    Piloti mediocri campioni del mondo non sono mai esistiti.

     

    Casomai si potrebbe parlare dei piloti meno buoni campioni del mondo.

     

    Nico Rosberg è stato campione di GP2 e ha tenuto testa a Hamilton (un fuoriclasse assoluto tra i migliori 8/10 della storia) per vari anni (non considero lo Schumacher post pensionamento come rivale di alto livello). Definirlo mediocre non ha senso.

     

    Damon Hill, considerando che ha cominciato tardi con le macchine, non era poi così scarso. La Brabham allo sbando la portò due volte a qualificarsi. Poi fece fare un salto di qualità all'Arrows così come con la Jordan fu il primo a vincere. Solo nel 1999 ebbe un calo di prestazioni. Certo che la Williams era insuperabile, ma lui il titolo lo vinse. Inoltre, battersi contro Schumacher fa sembrare scarso chiunque.

     

    ......

    Io citerei più scarsi quelli con meno abilità di guida. Tra quelli citati Damon probabilmnente era quello con meno capacità rispetto ad altroi vedi il figlio di Rosberg o J Villeneuve. Nel 95 fece tanti errori per reggere il passo di Scvhumy, a volte finivano fuori entrambi per colpa sua, ricordo anche la guida con diversi errori a Bercellona nel 96 sotto l'acqua ma nell'insieme era bravo come mettere al posto la macchina ad esempio. J Villeneuve non mi ha mai impressionato come Nico Rosberg come abilità di guida era inferiore al padre.

    Button invece è un pilota che ho sempre apprezzato, non ha mai sfigurato anche di fronte ad Alonso e Hamilton e secondo me ha chiuso la carriera troppo presto. Alan jones un altro di cui si portrebbe parlare ma non ho vissuto quegli anni.

    Se andiamo indietro nel tempo poi reputo gli anni 70 come quelli più abbomndanti di talenti non vedo nessuno che ha vinto il titolo per caso, quella era una grande azienda di talenti


  15. Recentemente ho visto il GP del messico 1987 che non ero stato in grado di vedere allora causa differenza orario allora ma lessi il resoconto di scalera mi pare sul corriere; gara veramente bella con gli Ita.liani in Brabham Patrese e de Cesaris vicini ai top driver, fu la corsa in cui Mansell rietntrò per il titolo ma venne svantaggiato dal fatto che la gara venna riavviata permetytendo a Piquet di riavvicinarsi e andare in testa ma limare soltantoil distacco di Nigel. Parole sante di Poltronieri: questi due della williams nonb si discutono

     

     

    • Like 1

  16. Non ento nel merito di chi fosse più forte, a quei tempi se fossi stato F. Williams avrei preso Alboreto, guardando indieto alle loro carriere ora invece non saprei; entrambi hanno fatto cose incredibili con macchine non al top, Patrese con la Arrows e Alboreto con la Tyrrell.

    Sentendo l'intevista certo ferrari teneva davvero ai piloti Italiani tutto il conrtrario della gestione Montezemolo secondo me giustamente tirata giù da Marchionne. Solo pe citarne alcuni tenuti in conto da Ferrari o arrivati:

     

    _ Merzario che fece discretamente

    - Regazzoni quasi iridato

    - Giacomelli a cui voleva offrire un sedile ma non ben definito

    - Patrese che doveva venire nel 79

    - de Cesaris ma poi sostuito da Alboreto

    • Like 1

  17. secondo me invece era alla pari con Alboreto, come velocità lo uguagliuava sicuramente, forse sbagliava leggermente di più, de Angelis andava forte se ben suppoortato ,  nel 1986 fino al momento dell'incidente non era in palla.

    Sentendo quest'intervista mi pare di capire che ebbe l'opportynità di essere titolare Williams perchè ben supportato da bernie Ecclestrone, suo stimatore ai danni di Alboreto, infatti quest'ultimo era sul punto di firrnare con Frank

     

     

×