Jump to content

tigre

Premium
  • Content Count

    4,857
  • Spam

    145 
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

Posts posted by tigre


  1. Certo che Trulli non mi ha mai convinto fin da quando era alla Prost; tra Fisichella e lui prenderei sicuramente il primo perch? nettamente pi? concreto, i due titoli costruttori Renault sono anche merito suo; una volta Alonso se ne ? andato in cLaren potr? fare veramente bene alla renault anche se ormai va verso i trentaquattro anni, Liuzzi ha tuitte le capacit? per emergere secondo me, non sono d'accordo con che lo vuole subito in altri team deve farsi le ossa e poi puntare in grande in Top Tem come Ferrari e Renault.


  2. Nell'86 a Monza ricordo di avere visto per la prima volta una Ligier forse di laffite nel Warm up e poi di averne anche toccata una al momento della premiazione del podio, era una Benetton, quella di Berger con le gomme slick incredibilmente distrutte; quasi non credevo a quel frastuono dei motori turbo.


  3. Si ? affermato come uno dei migliori giovani all'inizio degli anni 80 ben supportato dalla Renault, per la quale ha ottenuto anche diverse vittorie, credo che i migliori anni li abbia vissuti a cavallo degli anni 80 dove sembrava vioncesse con la regolarit? ma questo era solo in parte vero, anche nell'85 vinse cinque gare ovvero pi? del doppio di qualunque altro pilota in quell'anno, quando ha combattuto contro Ayrton Senna secondo me aveva gi? espresso suoi anni migliori, questro nessuno mai lo nota, che aveva gi? oltre 33 anni.


  4. Ho scelto Alboreto tra i tre perch? ha puntato con maggior decisione verso il titolo, le cause che portarono al fallimento della Ferrari quell'anno sono probabilmente molteplici, andrebbe aperto un topic apposito per discuterci sopra, certo anche de Angelis nell'85 era in testa al mondiale e anche Patrese in un certo senso fu sempre tra i protagonisti nel mondiale ma quest'ultimi due non riuscirono a puntare verso questop obiettivo con decisione come fece Alboreto, tra l'altro Michele l'avrebbe sicuramente vinto se non avesse scelto la Ferrari per questioni di cuore quando si trovo' a scegliere tra quest'ultima e la McLaren, ricordiamo cosa fece questo team nell'84 con Lauda anche, un campione, un campione vero secondo me, al livello di Senna e schumacher oramai non pi? quello di un tempo. Allo stato attuale il maggior candidato per percorrerne le orme ? Tonio Liuzzi, chiaramente prima dovr? maturare sia in Red Bull che in team di media grandezza.


  5. B? signori come bruttezza questa qui non la batteva nessuno, ma era una perla di ingegneria meccanica concepita da Peter wright, per chi non lo sapesse costui dopo aver lavorato in Lotus ? diventato consulente dei responsabili della F1 mettendo fuori legge il mass damper della renault quest'anno.

     

    IPB Image

     

    Ho notato che c'? un post su questa sezione riguardo a questa macchina incredibile.


  6. Se si guarda il filmato RAI, appena dopo l'incidente dal box Williams i meccanici quasi piangono e si disperano. Forse avevano visto il tutto dal camera car? E' plausibile che non esista il filmato completo del camera car con la telemetria?

     

    B? la telemetria c?? e ha confermato che ? avvenuta una frenata da parte del pilota che ha rallentato la maccghina e di parecchio, per il camera car anche al processo ci sono state delle versioni diverse sulla lunghezza che del filmato, in ogni modo ? difficile ipotizzare che vi sia realmente un filmato completo fino al momento dell'impatto, infatti secondo me i registi hanno pensato di toglierlo proprio nel momento dell'uscita dal tamburello per la visuale intera inconsapevolmente proprio nel momento in cui Ayrton perdeva il controllo della vettura.


  7. Il contraccolpo e la decompressione causata dalla sospensione potrebbero essere anche la causa delle fratture letali alla base cranica secondo me, ma come ho detto non fidatevi mai di certi giornalisti che vorrebbero sminuirvi la pericolosit? delle corse; tra l'altro vado in OT ho il video della gara, e sembra anzi non sembra dall'alto si vede che la testa di Ayrton ? deformata, lo stesso Poltronieri durante la corsa disse che non aveva voluto dire niente riguardo alle condizioni di Ayrton perch? pensava che stesse per morire quando dall'ospedale giunse la notizia di una flebile speranza.

     

     

    tu parli delle inquadrature dall'elicottero?

     

    il volto di senna non viene mai inquadrato,quando e' steso per terra e' accerchiato dai medici ed e' inquadrato dall'alto,non si vede niente,quando viene caricato e' avvolto da un telo verde..

     

    Si dall'elicopttero, non si riesce a capire bene perch? il volto ? coperto anche a causa dell'intervento alla trachea per permettergli di respirare, ma non ? coperto del tutto, mentre lo portano via si vede chiaramente un medico che cerca di tamponare la ferita sopra l'occhio destro.

     

    ma io le foto le ho viste tutte non mi pare ce ne sia una in cui si vede il volto..

     

    la foto a cui ti riferisci tu e' quella in cui si vede il braccio del medico che sembra tamponare la ferita sul volto,ma il volto vero e proprio non si vede

     

    Mi riferisco al filmato rai, si vede una parte del volto, non tutta ma si vede.

    Comunque tornando al discorso sull'incidente volevo fare una considerazione sulla Williams, non voglio essere lapidario ed insultare i capi di questa scuderia, ma mi pare ci siano dei lati veramente oscuri in tutta la vicenda su cui nessuno al loro interno ha cercato mai di fare luce, al contrario sono certissimo che questi dirigenti a partire probabilmente da Frank Williams e coadiuvato dal suio socio abbiano cercato in tutti i modi di mantenerli il pi? possibile oscuri, temendo un procedimento giudiziario a loro carico influenzando anche i piloti, le dichiarazioni secondo me demenziali di Colthard e Hill nell'immediatezza ma anche molto dopo me lo fanno pensare, un volante che oscilla in maniera incredibile nella normalit?, un incidente causato dall'abbassamento di pressione delle gomme.. ma a chi credono di darla a bere, nessuno ? mai caduto nei loro tentativi di depistaggio.


  8. Il contraccolpo e la decompressione causata dalla sospensione potrebbero essere anche la causa delle fratture letali alla base cranica secondo me, ma come ho detto non fidatevi mai di certi giornalisti che vorrebbero sminuirvi la pericolosit? delle corse; tra l'altro vado in OT ho il video della gara, e sembra anzi non sembra dall'alto si vede che la testa di Ayrton ? deformata, lo stesso Poltronieri durante la corsa disse che non aveva voluto dire niente riguardo alle condizioni di Ayrton perch? pensava che stesse per morire quando dall'ospedale giunse la notizia di una flebile speranza.

     

     

    tu parli delle inquadrature dall'elicottero?

     

    il volto di senna non viene mai inquadrato,quando e' steso per terra e' accerchiato dai medici ed e' inquadrato dall'alto,non si vede niente,quando viene caricato e' avvolto da un telo verde..

     

    Si dall'elicopttero, non si riesce a capire bene perch? il volto ? coperto anche a causa dell'intervento alla trachea per permettergli di respirare, ma non ? coperto del tutto, mentre lo portano via si vede chiaramente un medico che cerca di tamponare la ferita sopra l'occhio destro.


  9.  

    Grazie, quando si parla di muretti qualcuno si chiede il perch? sono stati sostuituiti al posto dei guatrd rail, basta guardare queste immagini per spiegarsi il perch


  10. Il contraccolpo e la decompressione causata dalla sospensione potrebbero essere anche la causa delle fratture letali alla base cranica secondo me, ma come ho detto non fidatevi mai di certi giornalisti che vorrebbero sminuirvi la pericolosit? delle corse; tra l'altro vado in OT ho il video della gara, e sembra anzi non sembra dall'alto si vede che la testa di Ayrton ? deformata, lo stesso Poltronieri durante la corsa disse che non aveva voluto dire niente riguardo alle condizioni di Ayrton perch? pensava che stesse per morire quando dall'ospedale giunse la notizia di una flebile speranza.


  11. Terrificante anche l'incidente di Depailler,l'Alfa fu quasi tagliata in 2 dai guard-rails :nope:

     

    Si questo mi ? stato confermato da un mio conoscente che conosceva la struttura alfa romeo F1 per averci lavorato, conosceva Giacomelli e anche il povero Depailler, quando me lo raccont? qualche anno fa rimasi scioccato da questa dinamica dell'incidente, ma a quanto sembra non esistono video n? dell'incidente n? dei soccorsi a differenza di quanto accadde con de Angelis che mor? nelle stesse circostanze di prove private.

    Qualcuno di voi conosce di pi? relativamente ad immagini??


  12. Io il piu' terribile incidente che abbia mai visto, almeno a livello di auto sibngola, ? quello di Gordon Smiley, ecco d? proprio l'assurdit? di certe formule americane come l'Indycar, non vedo cosa c'ntri anche la F1 con quest'utlima si vede che a Bernie fa comodo arricchirsi ulteriormente con gli incaassi USA sfruttando altre serie, comnque tornado all'incidente in questione, si vede chiaramente che il pilota in questione sbaglia su una delle curve del temibile catino a 350 orari, non ci sono dubbi sulle cause di questo incidente, piuttosto ho trovatio un articolo su un giornale americano conservato in rete riguardo a quell'incidente, parla di come Gordon Smiley fosse nervoso per la smania di dimostrare sempre di essere un buon pilota e di come il suo Boss della scuderia si aspettasse una cosa del genere, ehhe questo catino non perdona, non bisogna andarci per fare una passeggiata, e i piloti lo sanno bene


  13. B? alcune precisazioni comunque sono doverose, ? vero che la Fia fece molto ma la velocit? in PIT LANE venne limitata solo in seguito a questifatti, ricordate che a Montecarlo dove tra l'altro ebbe l'incidente Wendlinger la settimana dopo e and? in coma per qualche giorno, la velocit? venne portata a 80 km/h mentre sugli altri circuiti venne limitata a 120 km/h, a questop proposito Mosley ai microfoni rai esclamo', qui 120 km/h perch? sicuro, e ricordate che il compianto Michele Alboreto fu l'unico pilota che invece si autoimpose una velocit? di 80 km/h in pit lane anche su queste piste.

    Diamo atto a questa istituzione comunque di aver agito pi? che bene dopo questi fatti, ovviamente si sono resi conto che la sicurezza non pu? essere garantita, se oltre ad evitare ai piloti i contatti con le barriere di protezione questo non veniva accompagnatio anche da una severa e costante limitazione delle prestazioni delle monoposto, questo ? anche uno delle cause che hanno reso noiosa questa F1, nessun frazionamento diverso per i propulsori, gomme intagliate e cos? via, tutti interventi che se non ci fosserio stati non ci sarebbe stato modo di intervenire sulla terribile escalation di prestazioni


  14. Credo che uno dei problemi dell'epoca furono i muretti di cemento armato, lasciati nudi e senza "materasso" di pneumatici a coprirli. Non so chi abbia mai elaborato una tale follia. Quello che so ? che il muro di cemento trasmetteva in modo drammatico l'impatto stesso non solo alla monoposto ma al povero pilota che vi ci si trovava a bordo. Impatto su materiale anelastico con trasmissione dell'urto direttamente sul pilota. Bella pensata ! Avete mai visto le protezioni delle discese libere di sci ? Esistono una fila di reti parallele che servono a rallentare il corpo in movimento fino ad arrivare poi ad un vero e proprio muro, coperto da un materasso spessissimo, su qui gli sciatori si "insaccano" e quindi azzerano tutta la forza cinetica.

     

    Se si fosse pensato ad un sistema similare, anche Roland Ratzenberger si sarebbe salvato.

     

    Io non so chi faceva ed attuava i progetti per la sicurezza di F1 all'epoca. Quello che so ? la responsabilit? doveva essere ricercata anche in quel settore.

     

    *** :deluso:

     

     

    B? chiaramente furono adottati perch? i guard rail reano molto pi? pericolosi, guardiamo a cosa accadde al povero Cevert a Watkins Glen o a Von Trips, la testa del pilota era sottoposta ad enormi rischi, chiaramente come ho gi? detto le fiole di pneumatici venivano sempre messi nei punti a rischio, ma ad imola in quei pubnti era impossibile metterkli per mancanza di spazio; come ho sempre detto non bisogna imputare tutto ai responsabili del circuito che possono aver avutio delle neglkigenze, ma all'inerzia della macchina burocratica Itraliana nell'aggiornarsi a certi standard, tutti non solo quelli relativi alla sicurezza.


  15. Ho ricordi molto frammentarii di quella stagione, ? stata la prima c'abbia mai seguito (avevo dieci anni all'epoca :D).

    Sicuramente ci? che m'? rimasto impresso ? l'incidente di Schulamcher con Coulthard a S.P.A... All'epoca credetti che l'avesse fatto di proposito, per? guardando un filmato c'ho trovato in rete (invero non troppo definito... se fosse reperibile qualcosa di meglio gradirei vederlo) non mi sembr poi cos? evidente...

    Lo fece davvero di proposito, lo ha ammesso lui stesso qualche tempo fa; nessun pilota frenerebbe in uscita di curva.

    Quell'anno l? ho visto il gp di Spagna a Barcellona. E dire che era l'anno di Crivill? in 500 e la gente se ne sbatteva del formula 1. L'impressione che ebbi era di un paddock bellissimo e inarrivabile e le strutture dove mi trovavo io un po' sudicie, ma genuine con gli hot dog e la birra. C'erano un sacco di tedeschi e finlandesi e mi vidi la gara sul prato proprio sulla linea del traguardo, quindi alla fine dello schieramento. C'era Takagi che sembrava uno un po' timido ma i tifosi finlandesi si misero a chiamarlo e alla fine lui si gir? e salut? tutti per un po'. Fu piuttosto divertente. La gara invece fu orribile, ravvivata solo da una collisione tra Fisichella e Irvine in cui arrivarono quasi alle mani, e dallo stop and go di Schumacher che poi riusc? a sopravanzare Wurz rigorosamente all'ultimo pit stop. Le McLaren che partivano dalla prima fila fecero gara a se e l? capii che sarebbe stato impossibile per la Ferrari, se non per errori clamorosi degli uomini di Dennis, vincere il mondiale. Schumacher fece una grande gara a Monza dove recuper? una partenza a dir poco vomitevole e fece uno di quei sorpassi che non ti scordi pi? con finta e contromossa alla variante della Roggia. Tuttavia la McLaren aveva una superiorit? tecnica che non lasciava scampo alle Ferrari. Rimasi molto male all'ultima gara quando Schumi fece clamorosamente spegnere il motore alla partenza. Ma cmq sarebbe stata dura lo stesso, Hakkinen non era uno che si metteva a fare regali cos? di botto e la Ferrari non era certamente pi? veloce della McLaren

     

    Quoto in toto, fu anche l'anno dove si vide davvero la classe dei 2 avversari per il titolo, Hakkinen che si mise a demolire regol?armente Coulthard, che non ? certo un fermo, e Schumi con quelle gare al limite, come a Monza, ecco in quella gara si vide realmente che Schumi oltre ad avere un altro passo rispetto agli altri tranne Hakkinen aveva anche una visione della gara eccezionale, capace di portarla a suo favore nei momenti decisivi, il titolo chiaramente sfugg? per la regolariot? l'affidibilit? della Mclaren e naturalmente anche la bravura di Hakkinen, che poteva chiudere anche prima ma in McLaren non si facevano giochi di squadra.


  16. io non so se senna si sarebbe salvato con due file di gomme,ricordiamoci che senna e' morto perche' un braccetto gli ha perforato il casco...una cosa del genere poteva avvenire anche con le gomme di protezione..

     

     

     

    Non mi trovi d'accordo. L'impatto di un corpo mobile su un corpo immobile, ? dato dall'esempio di Ayrton. Se la monoposto fosse cozzata contro un muro elastico (fatto di gomme), la forza trasmessa dal muro di gomma su eventuali parti mobili (sospensione) della monoposto, sarebbe stata di gran lunga inferiore. Pertanto l'impatto di un braccetto su di un casco, che viaggia non a 216Km/h (almeno credo fosse questa la velocit? teorica del braccetto dopo l'impatto - sebbene ritenga che il coefficiente d'accellerazione del braccetto fosse nettamente maggiore), ma almeno alla met? se non meno, non avrebbe causato danni irreparabili sul pilota.

     

    A tal riguardo, dopo la tragedia (evitabile) di Imola 1994, si studiarono nuovi sistemi in materiale plastico, rimovibili, da applicare ai muretti. Ricordo benissimo un documentario a tal riguardo, in cui si dimostrava che la struttura del materiale plastico, era fondamentale per assorbire l'impatto. Infatti tale struttura era costituita da microcelle simil nido d'ape (honeycomb microcells), impilate all'infinito sino a creare dei veri e propri muri di plastica di spessore variabile al tipo di contesto in cui venissero posizionati. Ricordo che si fece un test in cui un corpo mobile di sezione nota, impattava il muro di plastica alla velocit? di 300 Km/h. Il risultato fu sorpendente: di fatto era come se il corpo contundente si inglobasse in un pongo !!!

     

    Ovviamente il costo era ben superiore di un semplice muro di gomma. Tuttavia non se ne fece pi? nulla. CHISSA' PERCHE? :incazzato:

     

    *** B)

     

    Ma nel caso specifico hai ragione, la velocit? del frammento sarebbe stata probabilmente inferiore. Ma non puoi progettare delle protezioni adatte solo a questo singolo caso. Quando la via di fuga ? ridicola come era al tamburello, non puoi permettarti di mettere le gomme non rivestite. In caso di incidente l'impatto non era frontale .. infilarsi con quell'angolo nelle gomme ? ancora peggio. I detriti nelle gomme sono maggiori e restano pi? vicini alla vettura.. anche se la velocit? e minore.

     

    I cavi per trattenere le gomme e le pellicole che oggi rivestono le parti in carbonio avrebbero molto probabilmente salvato ayrton.

     

     

    Il succo del discorso ? che Senna sarebbe ancora vivo se quel muro fosse stato protetto con le gomme. Sempre meglio che scaricare tutta la velocit? su un pezzo di cememnto anelastico...no ?

     

    Mi chiedo come mai nessuno le posizion?. Invece furono posizionate dove usc? Barrichello. Probabilmente non per proteggere il pilota, che, causa aerodinamica fallace, vol?, ma per eventualmente proteggere gli spettatori, senon ricordo male. Insomma, al Tamburello non ci pensarono proprio. Questo ? il punto. Esempio calzante fu l'impatto di MS ove si ruppe la gamba. Pensate se non ci fossero state le gomme.....a quest'ora si parlerebbe di MS vincitore di due titoli mondiali.

     

    *** :ph34r:

     

    e' evidente che le possibilita' di salvarsi erano indubbiamente superiore..cosi come le probabilita' di schuamcher di ammazzarsi senza le gomme a silverstone

     

    Io non credo che la causa della morte sia da imputare solo a quel braccetto maledetto o al fatto che non ci fossero gomme, chiaramente il muro era troppo vicino per porre delle gomme o mettere sabbia, in questi casi si innescano altri comportamenti strani della monoposto, il bollettino medico inoltre parl? chiaramente di fratture di tutta la base cranica, certo che fu anomala la dinamica con qwuel bracciatto che gli perfor? il casco ma mai cadere in certe dicvhiarazioni dei giornalisti, lo sport motoristico ? uno sport pericoloso per l'essere umano non crediatedi farvi mai nulla quando andate a 50 orari, figuratevi a 250 all'ora.


  17. Behh... L'incidente di Le Mans.. oltre 80 morti e cento feriti... L'incidente di Von Trips a monza... 13 morti. I vari incidenti della 1000 miglia : per citare solo i pi? rilevanti: 10 a Bologna nel 1938, 7 nel 56, 12 nel 57... Negli ultimi 20 anni sono morti Senna e Ratzenberger .. Nei precendi 20 anni quanti?

     

    Certo ma io parlavo della sequenzialit? dei fatti che si concatenarono nel weekend sin dal venerd


  18. Non ? questione di essere moralisti, si dovrebbe solo ris?pettare le leggi, inoltre ma quando mai abbiamo avuto anche negli anni pi? tragici della F1 quella senza nemmeno in guard rail di fronte al mare come a montecarlo ci sono stati una serie di eventi cos? brutti in un solo weekend, onestamente so quasi tutta la storia della F1 fin dal suo inizio e non ricordo mai una serie cos? incredibile di cattive circostanze, ricordate che vi furono anche dei feriti tra il pubblico, e degli incidenti nella piot lane, ecco questo mi viena a mente oltretutto, con i meccanicio Ferrari feriti e un pilota in coma e un altro morto il giorno prima a pochi giri dalla fine la corsa continuava, assurdo, non voglio mai pi? rivedere uno schifo del genere


  19.  

    il cuore di ratzenberger fu riattivato per farlo decedere fuori dalla pista ,consentendo cos? lo svolgimento della corsa .....

    all'epoca non seguivo la f1 , perch? avevo solo 6 anni .... altrimenti quella sarebbe stata l'ultima gara che avrei visto ( non avrei sopportato simili errori e una simile mafia..)

     

    Io credo rispetto a quanto avete detto che i medici avessero il dovere di fare tuttio il possibile per trarlo in salvo, compreso rianimarlo, i medici poi non sapebno in realt? immediatamente quale poteva essere la causa immediata delle sue ferite, quindi fecero bene a rianimarlo, ma una volta che fossero state accertate le cause della morte e anche che questa era avvenuta certamente dal punto di vista celebrale sul circuito c'erano tutti i presupposti perch? l'evento sportivo venisse doverosamente cancellato, non so' se riesco a farvi capire, la pista con quei mutetti pericolosi aveva cretao il decesso del pilota non era frutto del caso, questo ? quelo che io penso, e a quest'ora certamente Senna sarebbe ancora vivo

     


  20. Ciao a tutti sono nuovo, mi sono appena iscritto, ho letto con molte interesse i vostri post, quasi tutti, e ho deciso praticamente anche da questa discussione di iscrivermi, per me ? molto semplice e allo0 stesso tempo drammatico per quanto viva distaccato l'ambiente della F1, ricordare le sensazioni che ebbi quel weekend, innanzitutto ringrazio Dio per non aver guardato quel GP peer nemmeno un secondo, l'anno prima nel 1993 guardando il GP infatti mi resi conto di quanto pericoloso fosse il circuito del santerno, e non mi stupii anche se fui enormemente colpito dalla morte di Ratzenberger; ecco dal momento che questo pilota rimase ucciso praticamente sul colpo quel giorno in circuito l'evento per la legge Italiana doveva essere stoppato, e questa fu anche la ragione per cui il giorno dopo il Gp non volli guardarlo, l'evento andava stoppato e il circuito era troppo pericoloso punto e basta. Ma si sa che il business va avanti a tutto e si fa finta di non vedere la pericolosit? del circuito.

    Bene riguardo a Schumacher, ritengo quest'ultimo un ragazzio straordinario, ma guardate in dieci anni cosa ha fatto in Ferrari, non ha mai detto una parola anche nei momenti difficili, ne contro la squadra n? contro i vertici; nella premiazione della vittoria di quel GP sfortunato ho visto solo un sorriso rivolto ai due piloti con lui sul podio, fatti per allentare la tensione niente di pi?, Schuimacher al contrario rimase enormemente colpito; ricordo che qualcosa i piloti comunque dovevano conoscere, Berger esempio disse: "Alboreto venne da me e mi disse: "Senna sta molto male probabilmente sta per morire", questo vuol dire che la premiazione doveva essere stoppata invece, e non ? colpa dei piloti

×