Jump to content

Ferrarista

S.O.P.F.
  • Content Count

    33,631
  • Spam

    19,247 
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    52

Posts posted by Ferrarista


  1. 38 minuti fa, Vincenzo ha scritto:

     

    bhe per ora no

    più che altro a settembre col rientro a lavoro e a scuola

    sui treni ad alta velocità come freccia rossa ed italo lo eviterei

    dato che comunque sei obbligato alla mascherina, c'è distanziamento e ci sono controlli

    discorso diverso per i mezzi pubblici classici, ovviamente

     

    Settembre è tra un mese eh


  2. 15 minuti fa, rimatt ha scritto:

     

    A me pare che la cura al plasma in realtà funzionasse, tant'è che a memoria (ora non ho il tempo di ricontrollare, sorry) era stata lanciata una sperimentazione nazionale gestita dal ministero della salute, che però si era dilungata per mesi e mesi, aveva coinvolto molto meno ospedali di quanti preventivati e poi si era conclusa con un nulla di fatto. Però decine di persone curate con il plasma erano migliorate, quindi di sicuro qualcosa di buono c'era.

     

    Della cura veronese di cui parli (non l'unica, tra l'altro: mesi fa era uscita notizia di un'altra cura analoga, di cui poi non si è più saputo nulla) ho cercato di seguire le tracce, ma fino a qualche mese fa era ancora impastoiata nelle procedure di approvazione (che evidentemente non possono essere accorciate, ma sono discorsi già fatti su cui non torno).

     

    Questa è un'altra ancora:

     

    https://tgverona.telenuovo.it/cronaca/2021/04/19/covid-zero-decessi-con-la-cura-dei-monoclonali-da-verona-la-speranza-per-litalia-video

     

     

    Di cure così ne sono uscite a decine, posso citare ad sempio quella col Tocilizumab sperimentata al Pascale di Napoli che poi si è conclusa con un nulla di fatto. I trial clinici servono proprio a verificare se gli effetti di una cura siano casuali o no, e su questo si esprime l'agenzia del farmaco. Se non hanno ritenuto di approvare queste cure, ci si dovrà pur fare qualche domanda. La cosa triste è che scienziati e politici avrebbero dovuto attendere in silenzio i responsi del trial e invece hanno ben pensato di cavalcare l'onda del terrore della malattia per promuovere cure di cui neanche si conosceva l'efficacia. Alla luce di ciò è lecito per lo meno dubitare della buonafede o della sanità mentale di De Donno? Solo perché ha commesso questo gesto, è vietato esprimere certi pareri?


  3. 43 minuti fa, SF71H ha scritto:

    Chi dovrei essere per la precisione?

    Voi potete scrivere cio' che vi pare, chi non ha la vostra idea è attaccato od è etichettato, basta  scorrere le pagine di questo topic, non sto inventando nulla.

    Sono intervento, perchè io non mi permetterei mai di giudicare un medico che non conosco, che comunque pare abbia contribuito a salvare vite umane, definendolo un tipo strano,su che basi fate queste supposizioni? Ma  a prescindere da tutto io ho ancora una forma di rispetto per questi gravi accadimenti, l'ho avuto in famiglia e so' cosa si prova.

    La chiudo qua è meglio.

     

    Inutile che provi a fare leva sul senso di pietà, qui si parla di una questione che va affrontata con strumenti scientifici. Credi di avere avuto solo tu casi in famiglia di malattie o situazioni particolari? Ti posso assicurare che ce le ho anche io, ma non per questo uno non può commentare un personaggio che ha deciso di diventare pubblico.

     

    Detto questo, De Donno se ne era uscito con una cura sviluppata in collaborazione con fantomatici ricercatori americani (rivelatisi poi inesistenti) e mai approvata da alcuna agenzia del farmaco (sembra di rivedere la storia di stamina e Vannoni). I fatti sono questi, il resto sono chiacchiere. Non è una dittatura del pensiero unico come cerchi di farla passare tu, ma un fact checking che tiene conto di tutto quello di cui bisogna tenere conto.


  4. 1 ora fa, Mito Ferrari ha scritto:

     

    Non capisco però cosa vuoi dimostrare con questi casi. I delitti efferati esistono e sono commessi da persone che possono essere più o meno mentalmente deviate. Questo non vuol dire che siano tutti a prescindere condannati a rimanere così. Il carcere è certamente necessario per delitti del genere, ma assieme a quello va affiancato un percorso di riabilitazione sociale.


  5. Tra l'altro, se proprio vogliamo attenerci alla questione scientifica, è anche merito suo se ancora oggi qualcuno se ne esce con frasi del tipo "invece di farci vaccinare tutti, perché non spingono sulla ricerca delle cure?" ed ha permesso a qualche politico di farsi paladino occulto dei no vax. Della vicenda umana di De Donno so niente e niente mi frega, ma scientificamente è stato sicuramente lui quello deprecabile.


  6. Adesso, SF71H ha scritto:

    Prendili pure, non ho offeso nessuno, ho detto solo che giudicare strane persone che non si conoscono è quantomeno deprecabile, oltretutto dopo l'estremo gesto del suicidio.

    PS: il carico è gia arrivato.:asd:

     

    Ma sei per caso un altro utente in incognito? No per capire, perchè intervieni nello stesso modo inutile e provocatorio.

×