Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 11/14/2009 in Posts

  1. 17 points
    stamattina sono andato a trovare la famiglia di Andrea per consegnare loro il cappellino è una famiglia bellissima e mi fa ancora male pensare alla tragedia che hanno subito; ho parlato a lungo con la mamma, è rimasta molto contenta di questo pensiero ma soprattutto di sapere che ci sono tante persone che volevano bene ad Andrea (seppure in modo "virtuale"), che era davvero una persona speciale, "solo lui non lo aveva capito"; in qualche modo lui rivive anche attraverso i ricordi dei suoi amici e per questo le ha fatto molto piacere conoscere una (piccola) realtà che era entrata nella quotidianità di Andrea durante l'ultimo periodo della sua vita ringrazio ancora @panoramix che ha reso possibile dare questa minuscola gioia alla sua famiglia
  2. 16 points
    I miei 5 momenti migliori di Seb in Ferrari. Lo faccio adesso perchè a fine anno sarò troppo depresso per pensare ai bei momenti. 5- Messico 2017, pole position numero 50: In Messico è tutto apparecchiato per la festa di Hamilton alla conquista del suo quarto titolo mondiale, ma il GP ad alta quota penalizza l'incredibile vantaggio motoristico che fino a quel momento Mercedes conservava. Favorita però la Red Bull che fino al Q2 mantiene un vantaggio di mezzo secondo su Ferrari, con Verstappen pronto a strappare il record di polesitter più giovane della storia della F1 proprio a Seb. Dopo il primo tentativo in Q3, Seb è distante 2,5 decimi e nel team radio si lascia andare ad un "too much" quando gli riferiscono il distacco rimediato. Nell'ultimo tentativo nessuno si migliora, soltanto il tedesco riesce a fare gli straordinari e a strappare una pole letteralmente da urlo per pochi millesimi (bum bum bum, bum bum, bum bum). Secondo Verstappen, terzo e quarto posto per le Mercedes. Kimi quinto a 7,5 decimi... 4- Singapore 2015, Grand Chelem: Primo vero passaggio a vuoto clamoroso della Mercedes nell'era ibrido, lontanissima dalle prestazioni dei primi. Red Bull e Ferrari che si giocano il primo posto, con la rivalità Ricciardo-Vettel pronta ad infiammarsi. In qualifica non c'è storia, Seb conquista una pole position fantascientifica con bacio al muro e 6 decimi rifilati al rivale ed 8 al compagno di squadra, migliorandosi di oltre 4 decimi nell'ultimo tentativo. Dopo oltre mille giorni la Ferrari torna in pole. In gara domina dal primo all'ultimo giro, e nonostante sfortunate SC che più volte riducono il distacco mettendo nel finale Seb in una situazione scomoda, porta a casa la sua terza vittoria in Ferrari ed una delle più belle per quanto mi riguarda. A fine GP, la classifica lo vede addirittura davanti a Rosberg a pochi GP dal termine... 3- Gran Bretagna 2018, vittoria "a casa loro": Nel momento più grande della rivalità Ferrari-Mercedes, Vettel-Hamilton, si va in scena a Silverstone dove storicamente la Ferrari ha sempre faticato e dove Hamilton è incontrastato il padrone di casa. Già dalle libere Seb accusa dolori al collo che potrebbero mettere a rischio la partecipazione alle qualifiche, dove comunque riesce ad ottenere alla fine la prima fila al fianco del Re Nero. Il capolavoro è in gara quando alla partenza conquista la prima posizione e nei primi giri fa il vuoto con Bottas, salvo poi dover contenere il rientro del finlandese dato il maggior passo gara Mercedes (gommino?). Costretto a rientrare ai box prima del rivale per evitare il rischio undercut, una SC lo rispedisce in seconda posizione dietro ad un Bottas con nulla da perdere. Finale incredibile con i 4 piloti di testa a giocarsi la vittoria tutti in zona DRS, e Seb per restare quanto più vicino possibile a Bottas è l'unico a tenere il DRS aperto in curva 1 per preparare l'attacco sul rettilineo successivo. Sorpasso rischioso ma a segno, e Vettel che finalmente vince vestito di rosso "a casa loro". 2- Canada 2019, pole position e vittoria morale Nel momento di massima crisi nell'avventura Vettel-Ferrari, con la Scuderia lontanissima dalle prestazioni Mercedes e Seb incalzato dal giovane Leclerc, il gran premio di Canada regala l'opportunità migliore per riscattarsi. Il super motore Ferrari entra in azione, in una qualifica da ulro con la Mercedes come al solito dominante nel guidato e la Ferrari che prova a recuperare tutto nell'ultimo settore. Seb strappa all'ultimo tentativo la pole nel giardino di casa di Lewis, facendo urlare probabilmente per l'ultima volta Vanzini e con Adani commosso al team radio. Leclerc distante 7 decimi. In gara conserva la posizione al via, come al solito scappa via nei primi giri ma la Mercedes in gara è sicuramente di un altro livello con Hamilton che ritorna prepotentemente sotto. Deve fermarsi ancora una volta prima per evitare l'undercut, e al rientro di Hamilton in pista con gomme più fresche l'inglese diventa autore di una veloce rimonta. I due super campioni imprimono un ritmo ingestibile per tutti, Lewis va al bloccaggio più di una volta al tornantino per uscire quanto più vicino possibile a Vettel in rettilineo, e il tedesco nel guidato commette un errore andando lungo e rientrando in pista davanti ad Hamilton costretto ad alzare il piede. Penalità che definire severa è un eufemismo, che toglie la possibilità di una lotta ruota a ruota tra i due, e Seb che in radio diventa incontenibile con protesta annessa a fine gara. "They are stealing the race from us". 1- Malesia 2015, prima vittoria in Ferrari: E' proprio vero che la prima volta non si scorda mai, e Seb per fortuna non dovette aspettare molto. In Australia la Mercedes aveva dimostrato di essere inarrivabile, con oltre 30 secondi di distacco inflitti ad una Ferrari più preoccupata a dover lottare con Williams e Red Bull, ma quantomeno nuovamente competitiva dopo il disastroso 2014. In qualifica piove e sul bagnato Seb sfiora di pochi millesimi l'impresa di strappare la pole alla Mercedes, conquistando però la prima fila rifilando 4 decimi a Rosberg. In gara Vettel è fantastico, imponendo un ritmo incredibile quando esce la SC che gli consegna la prima posizione dopo pochi giri e il pit stop dei due Mercedes, che con un caldo tropicale non riescono ad avere un ritmo migliore di Vettel con gomme vecchie. Sorpassi al momento giusto nei confronti dei due Mercedes, strategia a 2 soste spingendo sempre al limite e alla fine vince in solitaria con oltre 10 secondi di distacco sul secondo con un muretto Ferrari impeccabile. Il meglio di Sebastian Vettel ammirato già alla seconda gara. "Mi senti, mi sentite? Forza Ferrari!"
  3. 15 points
    Spero vivamente che la Mercedes torni a dominare e a togliere argomenti, sta diventando tutto veramente pesante ed illeggibile. Prima di sparare teorie strampalate con convinzione, pensateci. Comunque: - c'è stato un briefing pre-gara per cercare di definire il da farsi in partenza e come gestire la gara una volta passata curva 2. Impressione mia, già esplicitata: in curva 2, le Ferrari sarebbero dovute essere 1-2, a prescindere dall'ordine. Era probabile che Vettel passasse Leclerc proprio per la conformazione della pista. Una volta passato il momento, le posizioni sarebbero dovute tornare come "da qualifica" con Leclerc davanti e Vettel dietro. Questo sulla carta. - La partenza va effettivamente come preventivato. Ferrari 1-2 con Vettel davanti grazie a quel poco di scia preso e all'interno lasciato da Leclerc, il quale non ha accennato minimamente ad una difesa. Ora: chiedere ad un pilota di alzare il piede in rettilineo perché tanto Hamilton si trovava dietro è veramente, perdonatemi, idiota. Per prima cosa giudicare in auto quanto lontano fosse Lewis, in partenza, non penso fosse tra i primi pensieri. Secondo, non è stato chiesto dal team, giustamente. - Ferrari non può chiedere al secondo giro, con tutti ancora vicini e quindi passibili di attacco, di scambiare. Uno scambio del genere comporta, solitamente, una perdita di 1s, 1.5s sul proprio ritmo. Fai questa cosa immediatamente e se sbagli qualcosa Hamilton è pronto ad azzannare. Io condivido il team radio di Vettel dove richiede qualche giro, al fine di staccare il più possibile Hamilton. - Leclerc è meglio se non parli in radio e il team non riesce a farlo star zitto. Seppur non focosamente, ha reiterato sarcasticamente il fatto che non si concretizzasse lo scambio. Il tutto mentre non riusciva a star attaccato al tedesco. - Vettel ha fatto l'unica cosa che poteva fare: spingere il più possibile per aprire il gap. Un martello in quei giri su Soft. Leclerc sprofonda a 4s con Hamilton che rimane ad un gap minore. Appunto per questo ritmo migliore, io personalmente avrei cancellato i piani di scambio e mi sarei focalizzato su Vettel in testa, perché PALESEMENTE più veloce oggi, almeno nel primo stint. - La situazione di Singapore e quella di oggi non sono minimamente comparabili. Vettel si ferma prima per evitare l'undercut di Verstappen e per provare ad attaccare Hamilton. Non era nei piani riuscire a prendere la P1, solo una combinazione di fattori (gran outlap, Soft di Leclerc che non han garantito performance anche dopo un ritmo da turista) lo ha portato in testa. Qui l'undercut di Leclerc è studiato dal team alla perfezione, l'intenzione è quella di realizzare il famoso scambio ai box e Vettel rientra esattamente nel giro in cui la sicurezza che lui esca dietro, come avviene. - Vettel NON poteva riportare la vettura ai box. Il problema si presenta già nell'outlap (Vettel comunica la mancanza di MGU-K al box) e Adami gli ordina di spegnere la vettura tra curva 14 e curva 15. Come spiegato meglio nell'articolo qui sotto, la centralina dell'ERS è saltata, lasciando quindi la vettura in stato di possibile mancanza di isolamento. La decisione di fermarsi il prima possibile è quindi estremamente giusta. Anche per questo i commissari non intervengono immediatamente, ed essendoci una vettura ferma in una via di fuga non ampissima, la VSC è giustificata, ancor di più quando i commissari entrano in pista per effettivamente rimuovere la vettura. https://it.motorsport.com/f1/news/f1-vettel-non-ha-fatto-il-furbo-la-sf90-non-era-isolata/4550277/ - Mercedes ha avuto si la fortuna del problema a Vettel e relativa VSC, ma il fatto di essere sulle Medium ha garantito loro la possibilità di poter sfruttare la situazione. Quindi bravi loro ad aver provato quella strategia, consci di poter far poco in pista. - mi ha infine lasciato perplesso la decisione di non fermare immediatamente Leclerc per le Soft. Hanno perso la posizione su Bottas (magari sarebbe successo anche il giro prima, questo onestamente non lo so) e il non passarlo immediatamente ha garantito ad Hamilton di scappar via, prendendosi la gara. - sul resto molto bene le McLaren, hanno mi pare sfondato quota 100 punti. Bella gara di Albon, convincente quinto. Magnussen tira fuori anche lui il coniglio dal cilindro e prende punti con la Haas. Alfa Romeo disastrose, prima partenza anticipata di Raikkonen, poi Giovinazzi che si trova in mezzo al sandwich tra Grosjean e Ricciardo, poi pit comici. Strano il problema alle Williams, il fatto che si sia ritirato anche Kubica mi lascia pensare che il rischio di rottura anche per il polacco fosse elevato. Kvyat molto sfortunato invece, non gliene è andata dritta una.
  4. 14 points
    Cari amici, purtroppo il virus, anche se indirettamente, ha colpito una delle persone migliori e più buone che conoscevo, che ci ha lasciato troppo troppo presto... Sono addolorato per le vittime dirette del virus, ma forse ci stiamo scordando delle tante persone che, a causa dei ritardi provocati da questa situazione, ci rimettono la vita allo stesso modo. Sono incazzato perché la sanità non è un'azienda...ma non mi dilungo perché ne avrei troppe da dire. Per un po' non scriverò...la rabbia è troppo forte e la tristezza troppo grande per svagarmi parlando di piccole cose come la F1, ma volevo comunque spiegarvi il motivo per il quale non credo mi farò sentire per un po'. Auguro a tutti voi il meglio e di superare questo periodo senza provare il dolore che provo io al momento. A presto
  5. 14 points
    sono abbastanza sconvolto, ci eravamo visti qualche volta di persona e tutti qui sapevano quanto mi piacesse non posso fare a meno di chiedermi se avremmo potuto/dovuto fare qualcosa per lui, dire una parola in più per salvarlo, anche se probabilmente so già la risposta non mi piace dire queste cose ma l'unica cosa che posso fare è sperare che abbia in qualche modo trovato la pace che qui ha sempre, invano, cercato.
  6. 13 points
    Il piano segreto di Bottas è scattato un po' troppo tardi
  7. 13 points
    Membro Senior ●●● Ministro della Buona Cucina Iscrizione: 21 ottobre 2016 Rating 2020: Ranking Premio Bannato: 0 (77°) Reputazione: 27° (486) Giorni vinti: 41° (0) Post 2020: 30° (670) Media post 2020: 2,2 post al giorno Post Spam: 33° (51) Percentuale di Spam: 33° (2%) PB disputati: 0 Miglior risultato: - Vincenzo e il Premio Bannato Rookie 2020 Utenti più amati da Vincenzo al PB: effe [ 6 voti a favore | 0 voti contro ] Kimimathias [ 5 voti a favore | 1 voto contro ] maxilrosso [ 3 voti a favore | 0 voti contro ] Utente più odiati da Vincenzo al PB: Alex_Ferrari [ 4 voti contro | 0 voti a favore ] Beyond [ 4 voti contro | 1 voto a favore ] White Star [ 4 voti contro | 1 voto a favore ] Vincenzo e il Forum Presenza pressoché costante, un po' fiacca a bocce ferme, un po' come il motore Ferrari legale, con un solo fuoco di paglia verso fine febbraio ma ritorna di gran carriera a luglio con l'inizio del mondiale 2020 di Formula1. Il suo apice il 19 luglio con 36 post, si può fare di più. L'onore di aprire le danze con le presentazioni dei partecipanti al Premio Bannato 2020 tocca a @Vincenzo, ultimo degli ultimi nel Ranking Ufficiale PB20. Ma non è tutta fogna quella che puzza quindi mi tocca spezzare una lancia a favore dello chef stellato napoletano precisando che la coda del ranking non può che essere composta dai molti rookie che quest'anno affollano questa prestigiosa competizione. Bando alle ciance veniamo al Ministro della Buona Cucina fresco di nomina, fuorigrottese DOC della Napoli Bene, appartenente all'élite partenopea, Vincenzo: il fu VincenzoFerrari ma prima ancora VincenzoIceman anche se in realtà il suo vero nome resta un mistero. Taluni dicono si chiami Ciro mentre altri sono convinti che si chiami Gennaro. Nato con la camicia di prestigiosa fattura napoletana "Imperatrice Sartoriale", il Siddharta terrone Vincenzo pare sia venuto al mondo a Fuorigrotta durante uno dei micro terremoti che si registrarono in seguito all'esultanza per dei gol segnati allo Stadio San Paolo. Il Principe è cresciuto nell'agio dei salotti borghesi, lontano dalla chiassosa e violenta Napoli vera, dall'alto del suo castello fortificato, tra il verde rigoglioso dei suoi sterminati giardini in fiore. Solo recentemente, durante una di queste feste per pochi eletti, Antonino Canavacciuolo ebbe l'onore di conoscere Vincenzo e di offrirsi volontariamente come mentore al fine di trasmettergli la sublime arte della Vera Cucina. Vincenzo non ci mise molto a superare il Maestro guadagnandosi grande stima nel mondo dei chef stellati nonché il dicastero SOPF con delega alla Buona Cucina. Parliamo di pietanze che il caro Fru e il Blondie si sognano di notte. Iscrittosi ormai quattro anni fa, il nuovo partigiano ferrarista della Parrocchietta Napoletana ha saputo ritagliarsi più o meno subito una collocazione all'interno del Forum. Moderato postatore ma pessimo spammatore (e te lo dice The King of Spam), con la bellezza di zero giorni vinti, resta l'autore di uno dei Topic di discreto successo della sezione Regina: il topic "Sistema punteggi". Per par condicio non posso non menzionare il "glorioso" Topic "Incendi Amazzonia e Siberia" nella sezione Off-Topic che non se l'è cagato nessuno o quasi. Assiduo frequentatore della discussione "momentomerdo" sul Coronavirus, il virologo esperto napoborghese ha tuttavia dato il meglio di sé raccontando la Verità su quanto accaduto il giorno 11 settembre 2001 a Nuova York e nella capitale statunitense aprendo così gli occhi a molti utenti fino ad allora ciechi. Ma venendo al Premio Bannato, Vincenzo scopre l'esistenza della sublime competizione soltanto nel 2018 ma da quel momento non ha mancato di votare una sola volta eccezion fatta per la finale meno votata di sempre che incoronò Rio Nero Campione. Strano ma vero, Vince ha manifestato un concreto supporto al Premio Bannato per utenti nordici e in particolar modo Veneti e questo la dice lunga in termini di acume e lungimiranza: i suoi favoritissimi sono in primis effe mai tradito e poi Kimimathias. Sul podio dei suoi favoriti il nostro grande amico Max. Il bastone tra le ruote per non dire in Q lo ha messo in primis ad Alex_Ferrari ma anche a Beyond e White Star. Mi raccomando.. affilate i coltelli! NOVITÀ - Quest'anno le presentazioni saranno arricchite dal prezioso contributo di Asturias e della sua autorevole testata PB Sprint. Ogni presentazione avrà quindi un box di commento dedicato all'utente presentato recante la firma PB Sprint Quote! Un sentito ringraziamento a Parasturias il gradito contributo. Dopo cinque stagioni in cerca d'autore, il terrone di origini italiane sembra pronto al salto definitivo tra i grandi della Fogna. Manca ancora l'ultimo scatto d'ira, ma la paternità in arrivo in Primavera potrebbe colmare questo ultimo gap. Tra i favoriti nel 2021. - PB Sprint Quote Vincenzo è probabilmente il rookie più temibile e se lo vorrà potrà avere ottime chance di concludere questa edizione del Premio Bannato come il miglior rookie 2020.. e chi può dirlo, magari sarà il primo vero Rookie Campione!
  8. 13 points
    Vorrei raccontarvi il mio primo gran premio di Monza, non da spettatore ma bensì da commissario di percorso. Pt 1 - Giovedì Sono ormai 3 anni che vesto i panni arancioni da commissario in autodromo, ma solo quest’anno sono riuscito ad essere in pista in questa occasione così speciale. Il gran premio per noi inizia Mercoledì sera, briefing di sicurezza con il direttore di gara. In questa occasione vengono definite le postazioni e i ruoli che ognuno avrà durante il weekend, ci vengono inoltre impartite istruzioni riguardanti l’organizzazione e norme di comportamento. Cattive notizie: non potremo portare le nostre auto in postazione come al solito. Un pullman ci aspetterà in pista vicino al cancello della postazione 2.4 (vicino alla seconda variante) per poi portarci alle nostre postazioni. Scordiamoci anche l’uso del cellulare. Assolutamente vietato fotografare mentre svolgiamo attività e soprattutto vietatissimo condividere fotografie durante il weekend di gara. Buone notizie: sarò alla postazione 10, in ingresso parabolica, ma soprattutto il pranzo sarà fornito dal circuito. Una piccola vittoria. Alcuni di noi, me compreso, saranno in pista anche giovedì per permettere lo svolgimento di tutti i test necessari allo svolgimento del weekend. Fortunatamente oggi ci è permesso portare la macchina in postazione. Entro dalla porta di Vedano, poi a sinistra dentro al cancello degli inglesi ed eccomi sul rettilineo di partenza. Ormai dovrei essere abituato, non è la prima volta che parcheggio la mia vettura sulla griglia di partenza per ritirare l’attrezzatura, ma oggi l’atmosfera è diversa, c’è un brulicare diverso di mezzi, ci sono ancora operai al lavoro per gli ultimi ritocchi. Sainz e Norris poco più avanti stanno svolgendo attività promozionali per una marca di biciclette. Grosjean si avvia per la sua camminata in pista. Mi avvio in pit lane, sono in anticipo sulla tabella di marcia, incontro un paio di amici e ci facciamo una passeggiata davanti ai box. Ormai le vetture sono montate, alcune sono già avviate alle verifiche tecniche. Avevo già vissuto da spettatore la pit lane ma, senza ressa, la calma è disarmante. La tranquillità regna nei box, nessun meccanico si affanna e tutti sanno cosa fare. È uno spettacolo unico. Suona la sirena, chiamata alle armi, torno in macchina e mi dirigo in postazione. È ancora in corso la track walk dei piloti, schivo Giovinazzi e Stroll e parcheggio. Svolgiamo alcuni test, SC, VSC, cronometraggio, alla fine i direttori di gara, quello della FIA e quello del circuito, compiono le ultime ispezioni e verifiche e successivamente ci liberano dal confino. Dobbiamo recarci di nuovo in corsia box per coordinare la Pit Walk del pubblico. Siamo in anticipo di nuovo, ma questa volta c’è attività, si stanno preparando ad accogliere i tifosi. Ci sono trupe televisive ovunque. Ammazza la Masolin dal vivo. Il nostro compito sarà proteggere il muretto box. A nessun tifoso sarà concesso salirci. Intanto alcuni team provano i Pit stop, incuriosito mi metto in marcatura del muretto RedBull per osservare le loro prove. Forse è la loro attività standard, forse con Max è abitudine, ma li ho visti provare veramente ogni situazione. A partire dai casi standard fino ai casi estremi con l’utilizzo di musetti senza ala e cerchioni senza pneumatico. Aprono i cancelli. Caos. Una marea di persone si riversa ai box. Realizzo solo ora che RB, Ferrari e Mercedes saranno prese d’assalto. Tutti vogliono fare “solo una foto” al muretto o alla pista. Passo due ore a chiedere “gentilmente” di non aggrapparsi al parapetto o negare foto da posizioni privilegiate. Ora sono dall’altra parte. Sono diventato uno di loro, uno di quei bacchettoni inflessibili che in maniera integerrima negano ogni concessione. Qui non si sale. Qui non si fotografa. Finisce la Pit Walk, i ragazzi della sicurezza ci chiedono una mano per accompagnare fuori la folla. Ora tutto tace. Abbiamo qualche minuto per goderci la pit lane, poi anche noi dobbiamo andare, non abbiamo più il permesso FOM. Mi avvio alla macchina, mi viene incontro un collega “noi proviamo ad entrare nel paddock, vieni?”, “certo che si”. Ovviamente il paddock di F1 è un fortino inespugnabile, la missione fallisce ancor prima di pensare ad una strategia, ripieghiamo con successo sul paddock F2. Furtivi ci aggiriamo tra i camion, consapevoli che, se qualcuno ci dovesse vedere, quasi sicuramente ci verrebbe ritirata la pettorina e magari anche il pass stagionali. Restiamo poco più di 5 minuti, giusto il tempo di fare le condoglianze al team Arden e rubare un paio di foto. La giornata finisce qui. Soddisfatto e trepidante per l’inizio dell’attività in pista mi avvio a casa. Da domani si fa sul serio.
  9. 13 points
    sono stato al funerale oggi, è stato bello vedere che la chiesa era strapiena, giovani e adulti, era un ragazzo molto amato e non voleva far pesare agli altri il suo problema, si è sempre impegnato fino all'ultimo con l'oratorio e la parrocchia; il prete (che lo conosceva bene) ha fatto una commovente predica per lasciarne un ricordo il più bello possibile purtroppo è stato un giorno molto triste, un sacco di ragazzi piangevano, io stesso che normalmente non piango in queste situazioni, non ce l'ho fatta a trattenere le lacrime, mi sembra ancora così assurdo.
  10. 12 points
    E' con profondo dolore che annuncio che Andrea, ovvero l'utente @maxilrosso, brevemente noto come spamilrosso, ci ha lasciato pochi giorni fa in tragiche circostanze. Alcuni di noi lo hanno incontrato in questi anni e hanno potuto conoscere davvero un bravo ragazzo. Vi prego di essere rispettosi e comprendere il momento particolare che la nostra comunità oggi affronta. Ci mancherà per la sua umanità, la schiettezza e la sua passione per le statistiche più strampalate. Ciao Andrea.
  11. 12 points
    Ora che vi ho aggiunto le emoji più belle, quelle di Lew, mi aspetto mille cuori. anzi, mille Lewisiti @Kimimathias @Leno @Rocky @Jordan
  12. 12 points
    Due anni fa ci incontravamo per la prima volta a Milano con @Ruberekus e @KimiSanton. Mi dispiace tanto. Ci mancherai Andrea.
  13. 11 points
    Finalmente ci siamo, vai con le votazioni: @ForzaFerrari88 In passato ha commesso errori, si è presentato con una campagna moscia, ma voglio dargli fiducia, credo abbia di più da offrire @Natural Blonde Killer Ma che ve lo dico a fare, voto assolutamente Natural. Sexy, affascinante, intelligente, ha tutte le qualità per dominare. @rimatt Non me ne voglia andycott, conosciuto al pranzo di quest'anno, ma rimatt è uno tosto. Veronese doc, il valpolicella scorre nella sue vene, oltre ad un alto tasso di bestemmie. @F.126ck Il mio voto va al sempre verde F.126ck. Prima o poi dovremo estrargli il sangue e capire come fa a mantenersi così giovane. Gran bevitore e bestemmiatore, puro veneto doc @Alex_Ferrari Ammetto di conoscere poco i due utenti in oggetto, ma l'avatar dice tutto, grande Alex. @crucco Ma senza pensarci. L'ho sostenuto lo scorso anno, lo sostengo anche quest'anno. Grande crucco, poche parole, dritto al punto. Si trova nel difficile compito di essere crucco in terra italica, ma nello stesso tempo essere italico in terra crucca, pochi di noi sarebbero in grado di sopravvivere. @Leno Anche qua, senza pensarci. Leno è dispensatore di infinita saggezza, grande meteorologo, persona di un'eleganza superiore, capita da pochi. Quest'anno deve poter ambire alla finale. @PheelD Inutile nasconderlo, Pheel è un grande utente, ha dato tanto per questo forum, solo il coronavirus è riuscito a piegare la sua voglia portare il forum nel nuovo millennio. Lo scorso anno arrivò in finale, era la prima volta. Come Schumacher nel 1997 non seppe gestire la pressione e andò nel panico. Ma questo non cancella i meriti. Quest'anno sicuramente saprà gestire meglio la situazione. Bravo ragazzo, ormai lo considero un amico. @Asturias Il mio voto va a lui sicuramente. Ormai ho preparato le carte per l'adozione, il passeggino è allestito e la cameretta quasi pronta. Non vedo l'ora di fargli il bagnetto prima della nanna e accarezzarlo mentre si addormenta. Ti voglio bene Asturias.
  14. 11 points
    In questo momento non so cosa scrivere e cosa posso dire. Ho vissuto tutto il suo percoso, tutto. Dal 1984 nel suo arrivo a Napoli. Ero un bambino di 8 anni, ero incredulo che il più grande campione del calcio era venuto nel mio Napoli. Le mie prime volte allo stadio sono state con lui in campo. Quante partite di Maradona ho visto e quanti allenamenti nel centro Paradiso di Soccavo. Le sue magie, i suoi capricci, le sue invenzioni... Non posso crederci, ma proprio no!!! Per me oggi è un giorno triste, tristissimo. Sono affranto e mi mancano le parole. Sono con tutto il cuore vicino ai suoi familiari in questo momento. La vita ci mette sempre a dura prova, non esistono parole per poter colmare un dolore e un vuoto così grande.. Quando una persona ci lascia, un pezzo del nostro cuore ne va via con lei. So che le parole non servono in momenti come questi, e che il dolore è enorme. Non ci sono parole o gesti che possono colmare il vuoto. Il DIO del Calcio è morto, il più grande calciatore che io abbia mai visto giocare. Grazie per tutto quello che hai dato al calcio ed a noi tifosi. R.I.P.
  15. 11 points
    Ragazzi, manca poco... @Members @Moderatori @Premium @S.O.P.F. @Staff
  16. 11 points
    Ode a Binotto vien di notte il Binotto con lo Stelvio tutto rotto; porta dati agli ingegneri e denari a Camilleri; C'è un Totrollo nel Mugello con un metro di pisello; Mattia inchinato avanti quello va gridando:"spingi bello"; Con la Fia e la Pirelli son schiaffoni nei "gioielli" ; Ma un bel giorno se ne andrà e la Ferrari tornerà.
  17. 11 points
    Annunciamo con sommo gaudio che l'amato utente @KimiSanton entra da oggi a far parte UFFICIALMENTE dello Staff del forum. Il suo ruolo sarà di supporto alle attività di gestione del forum, con particolare attenzione alla gestione dei topic, delle presentazioni dei GP e delle statistiche. Benvenuto
  18. 10 points
    Credo abbiamo raggiunto l'apice del lecchinaggio e del potere Mercedes. Quello che hanno deciso oggi i commissari è qualcosa di profondamente schifoso e indegno. Vergognatevi. Manco la Juve
  19. 10 points
    @ForzaFerrari88 La sua recente proposta per rendere l'8 ottobre festa religiosa ufficiale (in cui non si lavora, ma si viene pagati in nero) trova il mio appoggio incondizionato, assolutamente da estendere ad altre date passate e future. @ForzaFerrari Un voto ricco di invidia per la sua giovane età a cui vorrei tornare per non essere perseguibile penalmente per spaccio, estorsione colposa e fancazzismo. @andycott Esperto nell'ambito di un particolare tipo di curve, sarà fondamentale per lo sviluppo della nuova Rossa che ha il compito di farcelo tornare duro. @F.126ck E' il mod incompreso, ha raccolto troppo poco al PB finora. Suggerisco di votarlo abbestia prima che (giustamente) ci banni tutti. @Alex_Ferrari Se fossimo in un forum di basket avrei qualche dubbio, ma in un forum di F1 Ferrari batte Jordan tutta la vita. @crucco Devo ringraziarlo perchè mantiene le autobahn senza le quali i miei quarti di speck non arriverebbero freschi in Olanda il tutto assolutamente senza punteggiatura e ci mancherebbe altro @Leno Un saggio di Espoo narra una versione della famosa favola in cui la volpe pare fottersene dell'uva, ma in realtà nasconde una distilleria clandestina con lavoratori abusivi. Probabilmente in tutto ciò c'è lo zampino di Leno. @PheelD Siamo gli ultimi due finalisti sconfitti del PB, quindi possiamo dire che almeno sappiamo che odore abbiano Gloria e Vittoria, ma per ora dobbiamo accontentarci di ottime immagini. @Asturias Ammirevole il suo impegno per il PB già prima che il cosino cinese ci rovinasse le vite, comunque abbinamento molto crudele tra 2 tra i miei utenti preferiti, quindi aggiungerei volentieri anche un *** *** ***** in onore di Finn.
  20. 10 points
    Ecco che arriva la VERITA'. Dopo il il mio intervento, il topic è chiuso. Posso aggiungere poco perchè KimiSanton (che è figlio di Kimi Raikkonen e Santon quello dell'Inter), mi ha rubato i miei appunti. 1) Gara positiva per la Ferrari: ha dimostrato di andare forte su ogni tipo di pista. ha dimostrato di poter sviluppare la macchina durante la stagione. Con questi presupposti, seriamente, il mondiale 2020 potrebbe essere suo. Infatti temevo che tutti si concentrassero sul 2021 e che nel 2020 si sarebbe mantenuta la situazione di Budapest e invece potrebbe esserrci una bella lotta. 2) Gara negativa per la Ferrari: nella F1 da circa 25 anni a questa parte, l'affidabilità è fondamentale, quindi ci sarà da lavorare tanto. 3) Sfortuna: se una macchina si rompe, si tratta di ingegneria, non di fortuna. Quando io progetto qualcosa e poi si rompe, pensate che vado dal capo e dico "si è trattato di sfortuna"? 4) Hamilton: non ha fortuna, ha martellato e quindi ha approfittato di una situazione a suo favore, come Vettel in Australia 2018. Anche quella era una gara da doppietta Mercedes ma tra errore di Bottas e VSC al momento giusto, ha vinto Vettel. 5) Mercedes: pur con la Ferrari davanti, era pur sempre lì, quindi ci vuole poco a ribaltare la situazione. Indice di quanto competitiva sia la F1 e di quanto si cagggghino addosso Audi, Toyota, BMW e altri sedicenti marchi grandi che vogliono correre da soli oppure dove la tecnologia non conta un cazzzzzzo. 6) VSC: la logica sarebbe che non uscisse, visto che Vettel si era fermato vicino al punto di entrata commisssari, ma poichè le bandiere gialle non vengono rispettate da circa trent'anni, ci vuole la VSC. Molti di quelli che si lamentano delle VSC inutili sono gli stessi che hanno urlato allo scandalo quando è morto Bianchi. In F1 è stata addottata la strategia che la IndyCar ha introdotto sin dagli anni '90. Per qualsiasi vettura dentro i guardrail, entra la pace car, in F1 la VSC. 7) Leclerc: dovrebbe essere richiamato all'ordine. Dopo la mancata scia di Monza (dopo essere stato aiutato a Spa), dopo le lamentele di Singapore, ora ci vuole l'ultimatum. Nella mia squadra non voglio primedonne, non voglio gente che si lamenta e soprattutto che lava i panni sporchi in pubblico.
  21. 10 points
  22. 10 points
    Pt 2 - Venerdì La sveglia suona alle 5.40. Alle 6 devo essere in marcia, non so cosa aspettarmi dal traffico nei 15km che separano casa dall’autodromo. L’appuntamento è alle 6.45 al parcheggio a Biassono, questa volta non è routine, meglio arrivare prima. Alle 6.37 varco le porte dell’autodromo, è ancora buio. Non piove, per ora, ma l’umidità nel parco è altissima. Firmo la presenza e ritiro il casco nel container allestito per l’occasione. 5 pullman ci attendono in pista, ognuno serve una porzione di tracciato. Il mio è il verde. Data l’ora e la mia innata capacità di dormire in piedi fino alle 9 del mattino, salgo su quello blu. Intravedo qualche volto noto, il mio cervello si aziona. Matteo non è nella mia stessa sezione di pista. “Scusate che bus è questo?” “Blu” “Oh ca**o, poco ci mancava a farmi riconoscere. Grazie e buona giornata” Scendo e risalgo sul bus giusto, questa volta controllo 3 volte. È quello giusto. In postazione siamo in 7, sono tutti volti nuovi per me. Due vengono dall’Australia. Sono in viaggio di nozze. È consuetudine nei grandi eventi internazionali accettare qualche commissario estero, in modo da poter mandare qualcuno di noi in futuro. Una specie di scambio culturale motoristico. In ogni postazione c’è un uomo al comando. Spetta a lui interfacciarsi con la direzione di gara, comunicare problemi e gestire le operazioni di recupero. Questa volta sono stato fortunato, il capo posto ha grande esperienza, anche internazionale, con molte 24h e qualche GP di Monaco alle spalle. Uno da cui si può solo da imparare. Iniziamo il briefing di postazione, gli australiani non capiscono una mazza, vivendo io in UK mi designano immediatamente ad addetto alle relazioni internazionali. Ovunque andrò io ci sarà sempre almeno uno di loro, non possiamo rischiare che in caso di necessità le operazioni vengano rallentate da problemi di comunicazione. Questa postazione, la 10, è composta da una postazione principale, il quale compito è principalmente occuparsi dei recuperi e fare da specchio per le bandiere e una cosiddetta “punta” adibita solo ed esclusivamente alle segnalazioni con bandiera. Fare da specchio significa mostrare segnalazioni di problemi nascosti dalla conformazione del tracciato alle postazioni precedenti. In questo caso la punta si trova in ingresso parabolica con scarsa visibilità sulla curva, mentre la postazione principale è posta vicino alle barriere alla fine della ghiaia, con un’ottima visibilità su gran parte della curva. In punta staranno due persone, nella postazione principale gli altri 5. Un rapido ripasso delle solite cose, si stabiliscono le regole di intervento, chi ha il controllo in caso di recuperi, chi si relaziona con il trattorista e soprattutto come effettuare i recuperi nel migliore modo possibile. Per le F3 e le F2 usiamo un tipo di corda, per le F1 uno differente per evitare di danneggiare le telecamere laterali, le Porsche invece hanno un sistema tutto loro. Il capo posto va sempre prima sul pilota e ne comunica le condizioni alla direzione gara, gli altri, fino a 3, si occuperanno della macchina o delle macchine. Uno invece sarà al guinzaglio per tutto il weekend, avrà il controllo del pannello luminoso della postazione, non potrà mai staccarsi dalla console di comando e avrà una radio tutta sua e benché il pannello sia per lo più automatico e collegato con la direzione gara, non potrà levare gli occhi dalla pista. Ora iniziamo a preparare l’occorrente: bandiere, filler e scope a portata di mano. Intanto il direttore effettua le prove radio di tutte le postazioni. Prima radio posto 10, forte e chiaro. Seconda radio posto 10, forte e chiaro. PMS posto 10, forte e chiaro. Mentre montiamo telo anti pioggia il capo posto sistema ambulanza, Cea e trattore. Sono le 9 in punto, inizia a piovere. “ISPEZIONEEEEE” tuona la radio. Sulla riga bianca a bordo pista, rigorosamente in ordine di altezza e per categoria per volere del capo posto, Dal più alto al più basso, commissari, Cea, dottori e trattorista, in perfetta uniforme, allineati in attesa del passaggio dei direttori di gara. Ultimo controllo prima dell’attività in pista. “Ok tornate in postazione, tra poco vetture pista” Poco prima delle 9.30 i cancelli del paddock 2 si aprono, le F3 rompono il silenzio e si allineano in pit lane in attesa del semaforo verde. Io intanto sono impegnato con gli australiani, come me sono al loro primo GP, ma a differenza mia non hanno esperienza su tracciati della caratura di Monza. Sono stupefatti dal numero di postazioni e commissari schierati. Spiego loro come agiamo solitamente a Monza, una bandiera gialla o blu in più non ha mai fatto male a nessuno, ma soprattutto appena una macchina esce dalla riga bianca, soprattutto se è qualcosa in più di un semplice lungo, la gialla deve uscire immediatamente. Intanto deve essere scattato il verde, ci sono delle macchine in pista, le condizioni non sono delle migliori, la pista è bagnata ed essendo venerdì mattina è sporca. Nemmeno il tempo di finire di istruire gli australiani che subito uno va in testa coda. Poca roba, è in moto e si accinge già a ripartire. Della gialla, manco a farlo apposta, nemmeno l’ombra. Fortuna che c’è il pannellista che ha già predisposto la segnalazione, io intanto mi sbraccio al grido di YELLOW FLAG YELLOW FLAG a 1 metro dagli australiani, finalmente iniziano a sventolare quella dannata bandiera. Chi ben comincia… Il resto della sessione passa senza particolari problemi. La radio è la nostra fonte primaria di intrattenimento: “posto 1.2, pettine della 4”, “Dal posto 3, la vettura 12 va in testa coda e riparte”. Bandiera a scacchi. Ecco, ci siamo, finalmente è arrivato il momento della F1. Finalmente realizzerò uno dei miei sogni. Semaforo verde, si parte. I primi minuti passano velocemente, i soliti installation lap di verifica, intanto aspettano che la pista migliori. Si inizia a fare sul serio, qualche vettura prende a girare con costanza. Ecco Kimi, entrata in parabolica buona, gas non troppo aggressivo e via verso il rettilin…lo vedo chiaramente perdere il posteriore prima di scomparire dietro agli alberi. Silenzio rotto dalla radio: ”dal posto 11, la 7 è in ghiaia e non riparte” “capito, bandiera rossa. Per tutti, bandiere rossa” Recuperano la macchina e si riparte. In meno di 10 minuti la riconsegnano ai box. Efficenza e professionalità. Altro che i bangla-circuiti. Nemmeno il tempo di vedere qualche macchina passare ed è rossa di nuovo. Perez a muro in uscita Ascari. Fortuna che la pista sta asciugando, altrimenti non gira più nessuno. Bandiera a scacchi, è finita la mia prima sessione da commissario di F1. Poteva andare peggio. Sarei potuto cadere in mondo visione mentre raccoglievo un pezzo di vettura. Nessun intervento = Nessuna figura di M. Ora tocca alla F2, io e l’australiano andiamo in punta. Avrò una radio tutta mia. Radio a parte, non deve essere stata una sessione interessante, non ho ricordi, se non De Vries e il suo punto di frenata. L’unico che mi ha messo paura per tutto il weekend. L’unico a frenare sempre con le ruote per 3/4 sulla linea bianca e 1/4 sull’erba, senza perdere mai il controllo, senza mai andare lungo. Impressionante. In questo momento mi è chiaro perché è in testa al campionato. Fa cose che gli altri non fanno e gli riescono pure bene. Non sembra al limite, sembra che per lui sia quasi normale frenare li. Io però, quando vedo il musetto numero 4 avvicinarsi, faccio un passo e mi lontano dal Guard Rail. Finalmente possiamo riposarci un po’, quasi un’ora di pausa pranzo. Un lusso. Solitamente abbiamo non più di 15 minuti tra due sessioni. Ecco la radio di nuovo “ISPEZIONEEEEEE”. Dovremo sottoporci a questo rituale prima di ogni sessione di F1, oltre che ogni mattina. La Fp2 e le qualifiche di F2 non sono particolarmente degne di nota, qualche bandiera blu e ordinaria amministrazione. Inizia la F3, sono in tantissimi ed è chiaro fin dall’inizio che tutti cercheranno una scia. Il primo tentativo scorre tranquillo, nessun problema di sorta, solo un po’ di traffico nel nostro settore per lanciarsi per il giro veloce. Rientrano tutti. Esce un primo gruppo, si lanciano e iniziano il loro giro, io butto un occhio al maxischermo. C’è un secondo gruppo che si sta lanciando, sono prima dell’Ascari, eccoli che arrivano. Vedo, sempre grazie agli schermi, il primo gruppo arrivare lanciato, inizio a sventolare la bandiera blu, ma sono l’unico in tutto il rettilineo. Il direttore di gara non le sta chiamando e quasi nessun altro ha la possibilità di vedere gli schermi. Caos. Ecco la radio “Bandiera rossa, bandiera rossa. Appena rientrano tutti in corsia me li mandate in direzione gara per piacere?” Sicuramente non è un invito per un buffet. Tocca alle Porsche. Tutto liscio come l’olio. Siamo spettatori privilegiati di uno spettacolo che procede senza intoppi. Siamo quasi annoiati. Bandiera a scacchi. L’ultima per oggi. Sono le 19.45, riponiamo bandiere e tutto il resto nel container. Abbiamo passato più di 12h in postazione, finalmente arriva il pullman per riportarci alla macchina. Siamo tutti stanchi, ma la passione per quello che facciamo allevia la fatica. Domani è un altro giorno. Domani, c’è lotta per la pole. Purtroppo non ho foto del venerdì. Ho seguito alla lettera gli ordini della direzione gara. Solo una, fatta dal trattorista, durante l’ispezione. Qualche chicca arriverà con il racconto di sabato. Chiedo anche ai mod, se fosse possibile, di spostare nell’apposita discussione i messaggi riguardanti il tracciato.
  23. 10 points
    Ciao Andrea, ovunque tu sia, sappi che sei nei nostri pensieri, SEMPRE
  24. 10 points
    ah ma allora se ti impegni ce la fai a non dire coglionate
  25. 10 points
    Anch'io ex lettrice silenziosa di lunga data e neoiscritta proprio per poter scrivere questo post in ricordo di Andrea. Mi ricordavo di lui quando ancora si chiamava qui maxilrosso, poi ho letto il suo messaggio di rientro nel forum come spamilrosso in cui accennava al fatto di non stare ancora bene e poiché non leggevo la sezione Off-Topic avevo temuto che avesse qualche serio problema di salute fisica e già mi dispiaceva per lui, perciò quando ho visto il triste annuncio di Beyond non sono rimasta sorpresa ma molto triste perché immaginavo che avesse purtroppo perso una battaglia contro un brutto male. Però quando ho letto tutto e ho capito come era morto (e quanto era giovane, 15 anni meno di me) sono rimasta totalmente shockata perché mai avrei immaginato che vivesse una simile situazione psicologica visto che i suoi post sulla F1 erano quasi sempre scherzosi e ironici. Lo shock è aumentato ancora di più dopo che ho letto per la prima volta il post cui accennavate sulla morte in cui Andrea aveva davvero anticipato e spiegato tutto della sua tragica intenzione Personalmente ho vissuto un caso un po' simile con un figlio di amici, più grande di me, che senza segnali evidenti e senza una spiegazione di nessun tipo (aveva un buon lavoro, una fidanzata, una vita apparentemente normale e soddisfacente e non ha lasciato nessun biglietto di addio) si è sparato quando aveva circa 25 anni. Ho scritto questo post soprattutto per 3 motivi: 1 prima di tutto far sapere, se qualcuno degli amici e familiari di Andrea ci leggerà, che anche per me che finora leggevo questo forum senza partecipare Andrea era un utente importante e simpatico e non lo dimenticherò, anche perché mi ha fatto fare tante risate con alcuni suoi post (proprio lui che conviveva con una sofferenza interiore così profonda ) 2 ringraziare gli utenti del forum che sono riusciti a partecipare al suo funerale per esprimere la vicinanza e il cordoglio anche di tutti noi che conoscevamo e apprezzavamo Andrea solo tramite i suoi post e il suo modo allegro e divertente di interagire nel forum 3 è la cosa meno importante in questo momento ma mi fa piacere portare avanti la sua "eredità" di tifo per Charles Leclerc (era stato lui ad aprire il topic dedicato a Charles quando ancora correva in F2), sono tifosa di Charles da un anno e d'ora in poi lo tiferò ancora più convintamente anche in ricordo di Andrea RIP Andrea
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00


×