Vai al contenuto
luke36

Bruno Senna

Messaggi raccomandati

Ma insomma i paddle del cambio non li attivavano. Almeno i pedali li pestavano?

Oppure giravano solo il volante?

 

La mia domanda era questa, e non ho capito la risposta. Un conto ? citare tutte le diavolerie elettroniche introdotte sin dai primi anni 90, un conto ? che parametri come l'apertura della farfalla e il differenziale vengano riaggiustati automaticamente giro per giro. Un altro conto ? se il pilota non schiaccia neppure il pedale del gas e del freno! In questo caso il pilota non guida affatto, ? solo uno spettatore a bordo. Mi sembra impossibile questa. Tra l'altro a quel punto non potrebbe nemmeno agire efficacemente sul volante, non avendo il comando della frenata o dell'acceleratore.

Modificato da nemo981

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da quello che ho capito penso che si possa paragonare la guida con la telemetria bi-direzionale con quella che si pu? sperimentare in un qualsiasi gioco di F1 con tutti gli aiuti inseriti, i comandi li azioni ma ci pensa l'elettronica ad ottimizzare il tutto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Almeno i pedali li pestavano?

Se non ricordo male, pestando il freno si ritornava in manuale (in caso appunto di imprevisti), per cui si doveva finire il giro accelerando e frenando normalmente (la cambiata era ovviamente automatica).

Poi, quando si ripassava davanti ai box, tornava tutto in automatico con la reimpostazione dei parametri del giro migliore.

 

Sono passati un po' di anni, dovrei ricontattare una certa persona per avere i dettagli precisi. Ci provo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie, la faccenda ? molto interessante. Ai tempi leggevo della bidirezionale ma non capivo granch?.

Pensavo fosse solo la possibilit? da parte dei box di agire sulle mappature del motore e cose del genere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da quello che ho capito penso che si possa paragonare la guida con la telemetria bi-direzionale con quella che si pu? sperimentare in un qualsiasi gioco di F1 con tutti gli aiuti inseriti, i comandi li azioni ma ci pensa l'elettronica ad ottimizzare il tutto.

 

Il fattore discriminante se ho capito il discorso di gio era la possibilit?, una volta trovato il giro perfetto nella combinazione gas-brake-gear, di ricrearlo "virtualmente" giro dopo giro... non so se mi spiego.

L'introduzione del drive-by-wire e della telemetria, addirittura bi-direzionale, ha cambiato per sempre il senso del correre in F1...

ma se ripensate al'elenco di "diavolerie" della FW15 e alla facilit? di guida che regalava a campioni come Alain Prost e Nigel Mansell si pu? facilmente comprendere lo stradominio Williams del periodo.

Modificato da Lotus

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il fattore discriminante se ho capito il discorso di gio era la possibilit?, una volta trovato il giro perfetto nella combinazione gas-brake-gear, di ricrearlo "virtualmente" giro dopo giro... non so se mi spiego.

Esatto, il famoso "martello"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Esatto, il famoso "martello"

Col solito c*lo di sempre dal '94 sar? vietato tutto quel ben di Dio... :incazzato:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sui 3 decimi tra Alonso e Karti posso anche crederci. Se messi entrambi in condizioni ottime, con stessa macchina e buone condizioni fisiche, teoricamente lo scarto tra loro potrebbe essere quello.

 

Ma ci sono miliardi di variabili che possono aumentare il gap. La pi? importante ? sicuramente la testa: Narain resisterebbe alla pressione di una scuderia come la Ferrari?

per me si... andrebbe li con tutto da guadagnare e niente da perdere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Senna slams di Resta for pushing him off the track

ESPN Staff

 

Bruno Senna was left fuming at Paul di Resta after the Italian Grand Prix following an incident in which he was forced off the track on the approach to the second chicane.

 

The clash of wheels occurred early in the race and lost Senna a place as he ran across the run off area and rejoined the track in 11th. He said similar moves had been punished, drawing comparisons to Romain Grosjean's start line move at Spa-Francorchamps and Sebastian Vettel's move on Fernando Alonso later in the race, but did not want to question the stewards' decision.

 

"It was pretty clear," he explained. "I had the front wing of my car next to his car and then under braking he squeezed me off the track and we touched. Fortunately we didn't launch each other. For me a driver has been banned for a race for doing something similar to that and even Sebastian Vettel got a drive-through penalty for doing something similar to that. It is the stewards' decision and we respect it, but I don't think what Paul did was right. Sometimes we make errors in judgement, but it's up to the stewards to decide."

 

Asked if he expected di Resta to get a penalty, he replied: "What I expected was for Paul to give me space. I don't expect anything from the stewards because it's their decision and not mine. But I don't push people off the track and that's what I expect of my competitors."

 

He said he would raise the issue at the next drivers' briefing to understand what is acceptable going forwards.

 

"It's important to raise these points and try to understand why the decision was taken one way and the other was taken another way. We'll see but it won't change the result of today but hopefully it will change the result of similar situations in the future."

 

Senna went on to finish tenth, but felt a better result was possible.

 

"It's good to score a point. I think this is one of the tracks that we weren't so optimistic about our pace. I think scoring a point was a good achievement, but even looking back at our own race, if we were more aggressive with the strategy at the first stop then we could have scored more points by gaining track position. We were afraid of running out of tyres, but in the end track position was everything and we needed to be there to do it. It's a lesson learned for me as well to do it and learn how the tyres feel and give the team good feedback. But from now on we go back to the tracks that use maximum downforce and that's where are car feels most at home."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La mia domanda era questa, e non ho capito la risposta. Un conto ? citare tutte le diavolerie elettroniche introdotte sin dai primi anni 90, un conto ? che parametri come l'apertura della farfalla e il differenziale vengano riaggiustati automaticamente giro per giro. Un altro conto ? se il pilota non schiaccia neppure il pedale del gas e del freno! In questo caso il pilota non guida affatto, ? solo uno spettatore a bordo. Mi sembra impossibile questa. Tra l'altro a quel punto non potrebbe nemmeno agire efficacemente sul volante, non avendo il comando della frenata o dell'acceleratore.

Se fosse vero ci sarebbero libri e libri sull'argomento, ma invece non si trova nulla neppure sui pi? libri tecnici inglesi. Ho chiesto ad un collega che lavora presso la EFI University Advanced Tuner e non risulta nulla. E la EFI University Advanced Tuner ? la prima univesit? in questo campo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

_-Bruno-Senna-Ferrari-Challenge-_.jpg

 

Facciamo finta che Senna da qua alla fine dell'anno ottenga risultati interessanti (continui piazzamenti o magari un risultato ad effetto in stile Perez-Maldonado).

Sappiamo che ? sponsorizzato Santander e la Ferrari ? mooolto interessata al mercato sudamericano.

 

Ferrari ? alla ricerca di un pilota che possa andare a punti regolarmente, magari in maniera consistente, senza dare troppo fastidio ad Alonso, almeno non inizialmente.

Bruno ha mostrato in Williams di essere un'animale da gara, ottenendo punti nella maggior parte delle occasioni, mentre manca qualcosa in qualifica.

Non ? giovanissimo (28 anni), ha esperienza in diverse categorie anche se non troppa in F1.

 

Senza contare che l'accoppiata Senna-Ferrari sarebbe molto potente dal punto di vista dell'immagine, attirando nuovi finanziamenti e sponsor.

Mettiamo il caso che: nel caso che Massa se ne andasse e Bruno passasse in Ferrari, secondo voi sarebbe una svolta positiva oppure vivrebbe costantemente all'ombra di Alonso, diventando un Barrichello 2? Sarebbe meglio restasse in Williams (nel caso ci fosse la possibilit??)

 

 

tanto per fare un p? di fanta (molto) mercato in attesa di Singapore :asd:

Modificato da thegamer23

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mi sembra piuttosto azzardato fare certe ipotesi, considerando poi che la Ferrari ? un tritacarne senza piet?. Al momento penso che Senna non sia affatto pronto per un passo cos? grande quanto rischioso. Rispetto all'inizio sta crescendo: sicuramente rispetto ad un Maldonado, Bruno ? un ragazzo pi? costante ed assennato, pur non rientrando certo tra i miei favoriti, come gi? in passato avevo dichiarato. Trovo per? gli manchi sempre qualcosa rispetto a chi poi ? riuscito a mettere mano sul volante di un Top Team. Perci? finch? ne ha la possibilit? ? meglio che si faccia le ossa in una squadra di media classifica e si guadagni l'eventuale promozione con prestazioni continuative e, assolutamente, che migliori in qualifica.

 

Fabio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×