Jump to content
Isa

Tifosi Di Ayrton

Recommended Posts

e tre! beccato!

 

g.p. hungheria 1991,senna in linea di parttenza come imola 94' teso nervoso col casco appoggiato sopra il cofano e che gesticola nervosamente col sottocasco.

 

era una gara decisiva mansell veniva da una grande rimonta a ayrton in quel gp. si giocava gran parte di quel mondiale..

 

e con questo siamo a tre

 

imola 94'

brasile 93'

ungheria 91'

 

partenza in cui senna e' senza casco e molto nervoso.sono sicuro che ne salteranno fuori altri.senna era un emotivo e spesso sulla griglia non riusciva a nascondere il nervosismo o l'emozione come a interlagos 90'

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vorrei semplicemente conoscere dei "tifosi" di Ayrton Senna come me.
Sono un "tifoso" di Ayrton tra virgolette, nel senso che non ho mai avuto modo di vedere una sua gara o intervista in diretta.

Mi sono appassionato sentendo le varie testimonianze e cercando ogni informazione possibile su di lui :aham:

 

Approfitto del fatto che si sta parlando dell'incidente di Senna.

Sapreste spiegarmi perch? non esistono camera car di quell'incidente? O meglio il filmato si interrompe un attimo prima dell'?impatto? Mi sono giunte voci che i filmati erano stati messi sotto sequestro dalle autorit?!! E' una voce confermabile?

 

A proposito riporto una articolo tratto da ayrtondasilva.net

 

La regia italiana del gran premio di San Marino era in diretta sulle due vetture di testa al momento dell'incidente di Senna, la tristemente famosa ripresa esterna della parte finale del tamburello con la vettura di Ayrton che sbuca dalla destra dello schermo e prosegue per la tangente ? ancora negli occhi di tutti. Molto pi? avventurosa e la storia delle immagini trasmesse dalla telecamera montata sul lato sinistro della Williams del tre volte campione del mondo (nella foto), la cui utilit? per comprendere la dinamica dell'incidente ? incalcolabile.

 

 

 

Nel 1994 20 vetture su 28 erano generalmente dotate di telecamere a bordo (camera car) le riprese di queste telecamere venivano trasmesse ad un elicottero in volo sopra al circuito, il quale per? era in grado di registrarne solamente 4 contemporaneamente e di ritrasmetterne a terra in diretta solo 3 (oggi ? tutto molto diverso). Quel pomeriggio di maggio, come poi si venne a sapere durante il processo, da oltre nove minuti due dei canali disponibili erano stati assegnati dalla regia alle immagini provenienti dalla coppia di testa, Senna e Schumacher. Nei giorni immediatamente seguenti l'incidente, Bernie Ecclestone in persona disse di aver visto le immagini dell'incidente dal camera-car e di averle fornite a Frank Williams. Le stesse immagini integrali che, sempre a maggio, dichiar? di aver visto il responsabile delle comunicazioni esterne FIA Francesco Longanesi nei primi interrogatori. In seguito tuttavia entrambi smentirono la notizia, affermando che in realt? avevano visto il camera-car di Schumacher che seguiva Senna, video questo effettivamente reso pubblico. Alla richiesta formale da parte delle magistratura italiana la FOCA neg? l'esistenza di tale ripresa, e della telecamera di Ayrton non si seppe pi? nulla.

 

Quattro mesi dopo, nell'ottobre 1994, a rilanciare la possibile esistenza del video fu la brasiliana TV Globo che infine mand? in onda le immagini onboard dell'ultimo giro completo di Ayrton pi? 12,8 secondi della tornata fatale, fino a 1,4 secondi dal momento dell'impatto indicato dalla telemetria. Immagini che non dovevano esistere. La FOCA si giustific? affermando che le immagini dell'incidente effettivamente non esistevano, per questo non le avevano fornite agli inquirenti... Il particolare interessante ? che le riprese finalmente consegnate alla magistratura di Bologna durano mezzo secondo pi? a lungo delle precedenti, sono misteriosamente "estese" fino a 0,9 secondi prima dell'impatto. Sfortunatamente nessun'altra frazione di secondo ? pi? stata "concessa", finora, ma sono in molti a credere che da qualche parte le immagini complete esistano, compreso il PM Passarini.

 

Comunque sia, ufficialmente non esiste nessun mistero dietro all'interruzione: semplicemente Senna era in testa alla corsa, davanti a lui non c'era nulla da riprendere e quindi si ritenne opportuno liberare il canale e passare sulla Tyrell di Katayama. Su questo punto in aula tutti i testimoni concordano, quindi solo per pura casualit? il taglio sarebbe arrivato proprio mentre Ayrton stava per uscire di pista.

 

Stranamente per? la registrazione fornita, dopo l'interruzione delle immagini di Senna, prosegue con 14 secondi di schermo nero con una barra bianca e vari disturbi, trascorsi i quali passa sulla Ferrari di Gerhard Berger, nessuna traccia del simpatico giapponese scelto dagli uomini della regia. Le spiegazioni fornite sul perch? sono decisamente confuse, pare che qualcuno abbia "premuto il pulsante sbagliato" selezionando le immagini di Berger e "creando interferenze sul nastro". A noi restano 9 minuti abbondanti di camera-car di Ayrton, 14 secondi di schermata nera, dietro al primo dei quali si cela la morte di un uomo, e un'eternit? di dubbi.

 

Una cosa ? sicura: se veramente qualcuno ha sottratto agli occhi del mondo l'ultimo secondo di vita di Ayrton allo scopo di occultare le prove della rottura del piantone dello sterzo, ha commesso, per nostra fortuna, un enorme errore di valutazione diffondendo immagini la cui elaborazione ? pi? che sufficiente a svelare il mistero dell'uscita di pista in tutta la sua drammaticit?. Meglio cos?, naturalmente, ma le perplessit? sulla sorte delle riprese integrali restano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se non mi ricordo male c'e' un episodio significativo in proposito:Sid Watkins il medico che seguiva il Circus f.1 a quel tempo, ha dichiarato di aver avuto in quel weekend,un colloquio con Ayrton,esortandolo a non correre.

''.......Andiamo via,a pescare insieme...........'' pare che sia state una delle frasi di Watkins.

Quando avvenne il colloquio?dopo l'incidente di Barrichello al venerdi'? perche' Watkins esorto' Senna a non correre? lo vedeva forse troppo turbato?

Comunque Senna non avrebbe potuto rifiutarsi,da solo,di correre quel GP,ne' l'associazione piloti era in condizioni di prendere quella decisione.

Piuttosto un'altra domanda:quanto le condizioni dell'asfalto di Imola incisero sulla rottura del piantone?

 

Grazie a chi puo' rispondere a queste domande

Filippo

 

La sensazione al tempo era che a Imola un incidente grave potesse accadere da un momento all'altro, nel 94 le vetture erano ridiventate molto pericolose. Sul fondo di Imola le testimonianze dei piloti sono univoche, non era stato rifatto completamente e nelle congiunzioni la macchina sbatteva per terra. Come si vede nel giro precedente la macchina di Senna sbatte per terra. Resta il fatto che solo a Senna si rompe lo sterzo e questo a causa della saldatura, non del circuito, quindi.

 

 

Si,certo che la causa fu la rottura del piantone.

La mia domanda era se le condizioni dell'asfalto incisero sulla rottura del piantone(peraltro saldato,come illustrato da ***).

In altre parole:il piantone si sarebbe rotto se l'asfalto fosse stato in ottime condizioni ?

Sul colloquio Senna-Watkins nessuno sa niente?

Filippo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Ayrton4ever

mi sembra che fu dopo l'incidente di Ratzemberger, Senna arriv? alla Tosa e fu sconvolto. Watkins sugger? di smettere e Senna rispose "Non posso mollare tutto questo"

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vorrei semplicemente conoscere dei "tifosi" di Ayrton Senna come me.
Sono un "tifoso" di Ayrton tra virgolette, nel senso che non ho mai avuto modo di vedere una sua gara o intervista in diretta.

Mi sono appassionato sentendo le varie testimonianze e cercando ogni informazione possibile su di lui :aham:

 

Approfitto del fatto che si sta parlando dell'incidente di Senna.

Sapreste spiegarmi perch? non esistono camera car di quell'incidente? O meglio il filmato si interrompe un attimo prima dell'?impatto? Mi sono giunte voci che i filmati erano stati messi sotto sequestro dalle autorit?!! E' una voce confermabile?

 

A proposito riporto una articolo tratto da ayrtondasilva.net

 

La regia italiana del gran premio di San Marino era in diretta sulle due vetture di testa al momento dell'incidente di Senna, la tristemente famosa ripresa esterna della parte finale del tamburello con la vettura di Ayrton che sbuca dalla destra dello schermo e prosegue per la tangente ? ancora negli occhi di tutti. Molto pi? avventurosa e la storia delle immagini trasmesse dalla telecamera montata sul lato sinistro della Williams del tre volte campione del mondo (nella foto), la cui utilit? per comprendere la dinamica dell'incidente ? incalcolabile.

 

 

 

Nel 1994 20 vetture su 28 erano generalmente dotate di telecamere a bordo (camera car) le riprese di queste telecamere venivano trasmesse ad un elicottero in volo sopra al circuito, il quale per? era in grado di registrarne solamente 4 contemporaneamente e di ritrasmetterne a terra in diretta solo 3 (oggi ? tutto molto diverso). Quel pomeriggio di maggio, come poi si venne a sapere durante il processo, da oltre nove minuti due dei canali disponibili erano stati assegnati dalla regia alle immagini provenienti dalla coppia di testa, Senna e Schumacher. Nei giorni immediatamente seguenti l'incidente, Bernie Ecclestone in persona disse di aver visto le immagini dell'incidente dal camera-car e di averle fornite a Frank Williams. Le stesse immagini integrali che, sempre a maggio, dichiar? di aver visto il responsabile delle comunicazioni esterne FIA Francesco Longanesi nei primi interrogatori. In seguito tuttavia entrambi smentirono la notizia, affermando che in realt? avevano visto il camera-car di Schumacher che seguiva Senna, video questo effettivamente reso pubblico. Alla richiesta formale da parte delle magistratura italiana la FOCA neg? l'esistenza di tale ripresa, e della telecamera di Ayrton non si seppe pi? nulla.

 

Quattro mesi dopo, nell'ottobre 1994, a rilanciare la possibile esistenza del video fu la brasiliana TV Globo che infine mand? in onda le immagini onboard dell'ultimo giro completo di Ayrton pi? 12,8 secondi della tornata fatale, fino a 1,4 secondi dal momento dell'impatto indicato dalla telemetria. Immagini che non dovevano esistere. La FOCA si giustific? affermando che le immagini dell'incidente effettivamente non esistevano, per questo non le avevano fornite agli inquirenti... Il particolare interessante ? che le riprese finalmente consegnate alla magistratura di Bologna durano mezzo secondo pi? a lungo delle precedenti, sono misteriosamente "estese" fino a 0,9 secondi prima dell'impatto. Sfortunatamente nessun'altra frazione di secondo ? pi? stata "concessa", finora, ma sono in molti a credere che da qualche parte le immagini complete esistano, compreso il PM Passarini.

 

Comunque sia, ufficialmente non esiste nessun mistero dietro all'interruzione: semplicemente Senna era in testa alla corsa, davanti a lui non c'era nulla da riprendere e quindi si ritenne opportuno liberare il canale e passare sulla Tyrell di Katayama. Su questo punto in aula tutti i testimoni concordano, quindi solo per pura casualit? il taglio sarebbe arrivato proprio mentre Ayrton stava per uscire di pista.

 

Stranamente per? la registrazione fornita, dopo l'interruzione delle immagini di Senna, prosegue con 14 secondi di schermo nero con una barra bianca e vari disturbi, trascorsi i quali passa sulla Ferrari di Gerhard Berger, nessuna traccia del simpatico giapponese scelto dagli uomini della regia. Le spiegazioni fornite sul perch? sono decisamente confuse, pare che qualcuno abbia "premuto il pulsante sbagliato" selezionando le immagini di Berger e "creando interferenze sul nastro". A noi restano 9 minuti abbondanti di camera-car di Ayrton, 14 secondi di schermata nera, dietro al primo dei quali si cela la morte di un uomo, e un'eternit? di dubbi.

 

Una cosa ? sicura: se veramente qualcuno ha sottratto agli occhi del mondo l'ultimo secondo di vita di Ayrton allo scopo di occultare le prove della rottura del piantone dello sterzo, ha commesso, per nostra fortuna, un enorme errore di valutazione diffondendo immagini la cui elaborazione ? pi? che sufficiente a svelare il mistero dell'uscita di pista in tutta la sua drammaticit?. Meglio cos?, naturalmente, ma le perplessit? sulla sorte delle riprese integrali restano.

grazie mille

Share this post


Link to post
Share on other sites
mi sembra che fu dopo l'incidente di Ratzemberger, Senna arriv? alla Tosa e fu sconvolto. Watkins sugger? di smettere e Senna rispose "Non posso mollare tutto questo"

 

mentre assiste in diretta all'incidente di ratzemberger ai box williams,senna rivede il replay e si gira sconvolto dall'altra parte.

 

ha subito compreso che l'incidente e' gravissimo,poi prende la macchina della direzione gara e va alla tosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si,certo che la causa fu la rottura del piantone.

La mia domanda era se le condizioni dell'asfalto incisero sulla rottura del piantone(peraltro saldato,come illustrato da ***).

In altre parole:il piantone si sarebbe rotto se l'asfalto fosse stato in ottime condizioni ?

Sul colloquio Senna-Watkins nessuno sa niente?

Filippo

 

Si sa perch? Watkins ha scritto un libro sulla sua attivit? in cui vengono riportate le frasi che si scambiarono nell'immediatezza dell'incidente di Ratzenberger; ecco io su questa domanda che hai fatto la riterrei importante, ? possibile che i colpi di sterzo durante il periodo della safety car abbiano influito e molto, per? sono sicuro che anche le vibrazioni hanno influito su questo, non a caso se guardate oil camera car di schumacher si vede che la macchina di Ayrton sobbalza proprio un secondo ptrima di andare per la tangente, ed anche Alboreto ha parlato pi? volte se non erro dicendo che in quel punto c'erano delle sconnessioni; ho guardato su dei forum internazionalisti e molti ritengono proprio che il fattaccio, diciamo la rottura dello sterzo sia proprio iniziata su questi sobbalzi, li vedete bene anche sulla macchina di schumacher dove scintillava Ayrton con kla macchina la telecamera di Scumacher un secondo dopo fa uno sfarfallamento delle immagini.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si,certo che la causa fu la rottura del piantone.

La mia domanda era se le condizioni dell'asfalto incisero sulla rottura del piantone(peraltro saldato,come illustrato da ***).

In altre parole:il piantone si sarebbe rotto se l'asfalto fosse stato in ottime condizioni ?

Sul colloquio Senna-Watkins nessuno sa niente?

Filippo

 

Si sa perch? Watkins ha scritto un libro sulla sua attivit? in cui vengono riportate le frasi che si scambiarono nell'immediatezza dell'incidente di Ratzenberger; ecco io su questa domanda che hai fatto la riterrei importante, ? possibile che i colpi di sterzo durante il periodo della safety car abbiano influito e molto, per? sono sicuro che anche le vibrazioni hanno influito su questo, non a caso se guardate oil camera car di schumacher si vede che la macchina di Ayrton sobbalza proprio un secondo ptrima di andare per la tangente, ed anche Alboreto ha parlato pi? volte se non erro dicendo che in quel punto c'erano delle sconnessioni; ho guardato su dei forum internazionalisti e molti ritengono proprio che il fattaccio, diciamo la rottura dello sterzo sia proprio iniziata su questi sobbalzi, li vedete bene anche sulla macchina di schumacher dove scintillava Ayrton con kla macchina la telecamera di Scumacher un secondo dopo fa uno sfarfallamento delle immagini.

 

I sobbalzi c'erano per tutti i piloti e monoposto. Insomma per essere sintetico: il sobbalzo non ? concausa e quindi non determinante poch? il piantone era di per se meno resistente. Il piantone integro ha resistito su tutte le altre monoposto nonostante i sobbalzi.

 

***

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si,certo che la causa fu la rottura del piantone.

La mia domanda era se le condizioni dell'asfalto incisero sulla rottura del piantone(peraltro saldato,come illustrato da ***).

In altre parole:il piantone si sarebbe rotto se l'asfalto fosse stato in ottime condizioni ?

Sul colloquio Senna-Watkins nessuno sa niente?

Filippo

 

Si sa perch? Watkins ha scritto un libro sulla sua attivit? in cui vengono riportate le frasi che si scambiarono nell'immediatezza dell'incidente di Ratzenberger; ecco io su questa domanda che hai fatto la riterrei importante, ? possibile che i colpi di sterzo durante il periodo della safety car abbiano influito e molto, per? sono sicuro che anche le vibrazioni hanno influito su questo, non a caso se guardate oil camera car di schumacher si vede che la macchina di Ayrton sobbalza proprio un secondo ptrima di andare per la tangente, ed anche Alboreto ha parlato pi? volte se non erro dicendo che in quel punto c'erano delle sconnessioni; ho guardato su dei forum internazionalisti e molti ritengono proprio che il fattaccio, diciamo la rottura dello sterzo sia proprio iniziata su questi sobbalzi, li vedete bene anche sulla macchina di schumacher dove scintillava Ayrton con kla macchina la telecamera di Scumacher un secondo dopo fa uno sfarfallamento delle immagini.

 

I sobbalzi c'erano per tutti i piloti e monoposto. Insomma per essere sintetico: il sobbalzo non ? concausa e quindi non determinante poch? il piantone era di per se meno resistente. Il piantone integro ha resistito su tutte le altre monoposto nonostante i sobbalzi.

 

***

Altrimenti si rompeva anche ad Hill che ha fatto tutto il GP. Credo che ormai non ci sono pi? dubbi sulla causa dell'incidente, mentre mi pare di aver capito che Ayrton avrebbe riporatato danni gravissimi anche senza il pezzo di sospensione penetrato nel casco.

Ho rivisto il filmato di Ayrton dopo l'incidente di Ratzemberger: sembra veramente un triste presagio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I sobbalzi secondo me sono una concausa, ma possono essere stati secondo me anche determinanti come evento che ha fatto traboccare il vaso, nel senso che sono quelli che probabilmente hanno fatto si che aggiungendosi ai problemi dello sterzo hanno rotto definitivamente il piantone; io dicevo che ? importante dal punto di vista della dinamica di come ? accaduto, ? in quel punto che il? piantone si ? rotto, proprio dove erano questi sobbalzi, a questo naturalmente va aggiunto anche il fatto che nel punto pi? veloce del circuito erano massime le forze di accelerazioni laterali.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate mi sono aggiunto tardi alla discussione,sulla morte di senna se n? parlto a lungo,stavo leggendo pocansi le teorie riguardo alla rottura del piantone,cio?,non so se ho capito bene,praticamente Senna si ritrov? con il volante tra le mani senza poter curvare?

? possibile che la rottura del piantone fosse stata sollecitata dalle varie zizgzagate per riscaldare le gomme durante l'entrata della vettura di sicurezza? Oppure era semplicemente destinato a rompersi comunque?

A pensare che avevo dieci anni quando vidi in diretta quel gp,io all'epoca tifavo per lui,alesi e berger.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il discorso e' questo.il piantone aveva una modifica malfatta che molto probabilmente non avrebbe resistito per l'intera gara.

 

per quanto riguarda i giri della safety car e dell'asfalto si entra nel campo delle possibilita' e si puo' ragionevolemente suppore che i zig zag per scaldare le gomme abbiano sicuramente indebolito la saldatura,inoltre si puo' ipotizzare che la forza g molto forte nella curva del tamburello e l'asfalto irregolare abbiano se non portato alla rottura perlomeno influito.

 

la certezza non puo' esistere in questo caso,di certo ce' solo che la modifica era fatta molto male,tutto il resto non e' facilmente dimostrabile.

 

resta il fatto che il piantone si e' rotto dopo alcuni giri dietro la safety car,nel momento della ripartenza,nella curva piu' veloce,oltretutto nel punto di uscita,perche' la curva era quasi finita,quindi nel punto di massima sollecitazione e forza centrifuga a cui e' sottoposta la vettura,e in punto dove le vetture spanciavano molto a causa di alcune striscie di asfalto irregolari.

 

il piantone si sarebbe rotto comunque in quella gara,e sicuramente in una curva.sfortunatamente si e' rotto nella curva piu' veloce senza vie di fuga.la cosa piu' drammatica e' che la curva era quasi completata sarebbero bastati 6 7 decimi e senna si sarebbe ritrovato senza sterzo in pieno rettilineo e a quel punto si sarebbe fermato senza problemi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sulla rottura a causa della saldatura maldestra nessuno ha pi? dubbi, persino i giudici. Sta di fatto che quel tipo di rottura si ? verificata in tempi recenti solo sulla vettura di Senna.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sulla rottura a causa della saldatura maldestra nessuno ha pi? dubbi, persino i giudici. Sta di fatto che quel tipo di rottura si ? verificata in tempi recenti solo sulla vettura di Senna.

 

in gara si almeno che non sia successo in prove libere o test

Share this post


Link to post
Share on other sites

pi? torno ad analizzare la morte di senna, e pi? provo rabbia ma vedo anche una sorta di gara maledetta,infatti dopo la morte di senna ,ricordo che anche un meccanico della ferrari si fece male,allora ero un bambino ed oggi non ricordo bene quale fu la causa dell'incidente,ma ricordo che dopo l'incidente di senna ce ne fu un altro,forse voi ricorderete meglio di me

Share this post


Link to post
Share on other sites
pi? torno ad analizzare la morte di senna, e pi? provo rabbia ma vedo anche una sorta di gara maledetta,infatti dopo la morte di senna ,ricordo che anche un meccanico della ferrari si fece male,allora ero un bambino ed oggi non ricordo bene quale fu la causa dell'incidente,ma ricordo che dopo l'incidente di senna ce ne fu un altro,forse voi ricorderete meglio di me

 

 

alboreto perse una ruota ai box e investi' un meccanico una ruota di verstappen fini anche sul pubblico mi sembra creando un contuso..

 

il maledetto week end di imola sembrava non finisse mai

Share this post


Link to post
Share on other sites
pi? torno ad analizzare la morte di senna, e pi? provo rabbia ma vedo anche una sorta di gara maledetta,infatti dopo la morte di senna ,ricordo che anche un meccanico della ferrari si fece male,allora ero un bambino ed oggi non ricordo bene quale fu la causa dell'incidente,ma ricordo che dopo l'incidente di senna ce ne fu un altro,forse voi ricorderete meglio di me

 

 

alboreto perse una ruota ai box e investi' un meccanico una ruota di verstappen fini anche sul pubblico mi sembra creando un contuso..

 

il maledetto week end di imola sembrava non finisse mai

Non era Verstappen ma Lehto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sono riguardato sfide su Senna, toccante anche il ricordo della sua portavoce: "Quando sono ritornata per riprendere le mie cose ho visto scorrere le immagini della TV con Ayrton sulla spiaggia che diceva quanto amasse la vita, solo allora sono soppiata in un pianto a dirotto", ? incredibile come ebbe a dire un giornalista allora come la sua morte abbia creato veramente un ponte di lacrime, che ha unito tuti gli appassionati

Share this post


Link to post
Share on other sites
pi? torno ad analizzare la morte di senna, e pi? provo rabbia ma vedo anche una sorta di gara maledetta,infatti dopo la morte di senna ,ricordo che anche un meccanico della ferrari si fece male,allora ero un bambino ed oggi non ricordo bene quale fu la causa dell'incidente,ma ricordo che dopo l'incidente di senna ce ne fu un altro,forse voi ricorderete meglio di me

 

 

alboreto perse una ruota ai box e investi' un meccanico una ruota di verstappen fini anche sul pubblico mi sembra creando un contuso..

 

il maledetto week end di imola sembrava non finisse mai

Non era Verstappen ma Lehto

 

Gi?, piu' meccanici vennero colpiti dalla ruota di Alboreto, ma stanno tutti bene, piuttosto vorrei sapere se colui che ando' in coma per l'incidente di Letho e Lamy si ? ripreso bene, si s? che in questi casi passa tutto in secondo piano, ma prima vengono i piloti.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ripensando a quel gran premio sembra proprio che una maledizione gravasse su Imola: Barrichello al venerdi, Ratzemberger, L'incidente al via, Senna, la ruota di Alboreto. Si deve ritornare indietro agli anni 50 e 60 per trovare un gp tanto tragico

Share this post


Link to post
Share on other sites

×