Jump to content
Isa

Tifosi Di Ayrton

Recommended Posts

Resta per? il dubbio su quanto Senna sapesse della modifica che certo non competeva a lui controllare. Su questo, mi pare, non si hanno testimonianze univoche e precise.

Share this post


Link to post
Share on other sites

che lo sapesse e' fuor di dubbio,era stata fatta per migliorare la posizione di guida,e' impossibile che gli vadano a modificare la posizione di guida senza dirglielo e senza che lui se ne accorga

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti il quesito non e' sul fatto se sapesse o meno della modifica in termini sostanziali,ma sul grado di consapevolezza.

Certo che non e' compito funzionale del pilota controllare la qualita' dei lavori eseguiti,ma il punto e':

1-sapeva della saldatura o pensava che il piantone fosse stato rifatto ex-novo?

2-in caso avesse saputo della saldatura,domando' perche' non fosse stato prodotto il pezzo ex-novo,oppure capi' che non c'era tempo dal precedente gp(17 aprile)ad Imola per provvedere alla produzione del nuovo pezzo?

3-c'era realmente tempo o no,dal 17 aprile,per produrre il nuovo piantone per Imola?

4-dal 18 aprile al 1 maggio:in che giorno preciso avvenne la saldatura?

4-se sapeva della saldatura,chiese informazioni oppure diede per scontata la bonta' del lavoro?

5-vide il pezzo saldato oppure no?

6-qualora avesse chiesto lumi sulla saldatura,quali risposte ricevette?

7-quando fu' presa la decisione di procedere all'accorciamento del piantone?(a prescindere se poi tagliare e saldare oppure rifare il pezzo)

 

Se qualcuno sapra' rispondere a queste domande potremo capire meglio.

Grazie

Filippo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Infatti il quesito non e' sul fatto se sapesse o meno della modifica in termini sostanziali,ma sul grado di consapevolezza.

Certo che non e' compito funzionale del pilota controllare la qualita' dei lavori eseguiti,ma il punto e':

1-sapeva della saldatura o pensava che il piantone fosse stato rifatto ex-novo?

2-in caso avesse saputo della saldatura,domando' perche' non fosse stato prodotto il pezzo ex-novo,oppure capi' che non c'era tempo dal precedente gp(17 aprile)ad Imola per provvedere alla produzione del nuovo pezzo?

3-c'era realmente tempo o no,dal 17 aprile,per produrre il nuovo piantone per Imola?

4-dal 18 aprile al 1 maggio:in che giorno preciso avvenne la saldatura?

4-se sapeva della saldatura,chiese informazioni oppure diede per scontata la bonta' del lavoro?

5-vide il pezzo saldato oppure no?

6-qualora avesse chiesto lumi sulla saldatura,quali risposte ricevette?

7-quando fu' presa la decisione di procedere all'accorciamento del piantone?(a prescindere se poi tagliare e saldare oppure rifare il pezzo)

 

Se qualcuno sapra' rispondere a queste domande potremo capire meglio.

Grazie

Filippo

 

 

Vedi Filippo,Senna aveva avuto risposte a tutte le tue domande. Il pilota viene sempre informato delle modifiche per contratto dato che la sua vita potrebbe essere a rischio. La questione principale ? che il lavoro ? stato eseguito male ! Differenti metalli, riutilizzo del vecchio piantone, non produzione di un nuovo pezzo con le specifiche nuove. Questi secondo me sono i punti che incriminano Williams soprattutto perch? la rottura ? avvenuta proprio dove ? stata fatta la modifica. A Senna non fu detto che i metalli utilizzati fossero diversi, altrimenti dubito che Senna avrebbe accettato la modifica e sopratutto che Williams avrebbe potuto farla montare qualora Senna lo avesse saputo. Pertanto ritengo che i dettagli tecnici siano stati omessi perch? Ayrton non sapesse.

 

Capire meglio ? E' gi? tutto chiaro. Fior di periti hanno dimostrato che la rottura ? avvenuta per stress torsionale su elementi di intrinseca debolezza come:

 

a - saldatura

b - specifiche dei metalli diverse

c - il filmato, magistralmente studiato da ***, dimostra in diretta ed in telemetria la rottura

 

*** :(

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Infatti il quesito non e' sul fatto se sapesse o meno della modifica in termini sostanziali,ma sul grado di consapevolezza.

Certo che non e' compito funzionale del pilota controllare la qualita' dei lavori eseguiti,ma il punto e':

1-sapeva della saldatura o pensava che il piantone fosse stato rifatto ex-novo?

2-in caso avesse saputo della saldatura,domando' perche' non fosse stato prodotto il pezzo ex-novo,oppure capi' che non c'era tempo dal precedente gp(17 aprile)ad Imola per provvedere alla produzione del nuovo pezzo?

3-c'era realmente tempo o no,dal 17 aprile,per produrre il nuovo piantone per Imola?

4-dal 18 aprile al 1 maggio:in che giorno preciso avvenne la saldatura?

4-se sapeva della saldatura,chiese informazioni oppure diede per scontata la bonta' del lavoro?

5-vide il pezzo saldato oppure no?

6-qualora avesse chiesto lumi sulla saldatura,quali risposte ricevette?

7-quando fu' presa la decisione di procedere all'accorciamento del piantone?(a prescindere se poi tagliare e saldare oppure rifare il pezzo)

 

Se qualcuno sapra' rispondere a queste domande potremo capire meglio.

Grazie

Filippo

 

 

Vedi Filippo,Senna aveva avuto risposte a tutte le tue domande. Il pilota viene sempre informato delle modifiche per contratto dato che la sua vita potrebbe essere a rischio. La questione principale ? che il lavoro ? stato eseguito male ! Differenti metalli, riutilizzo del vecchio piantone, non produzione di un nuovo pezzo con le specifiche nuove. Questi secondo me sono i punti che incriminano Williams soprattutto perch? la rottura ? avvenuta proprio dove ? stata fatta la modifica. A Senna non fu detto che i metalli utilizzati fossero diversi, altrimenti dubito che Senna avrebbe accettato la modifica e sopratutto che Williams avrebbe potuto farla montare qualora Senna lo avesse saputo. Pertanto ritengo che i dettagli tecnici siano stati omessi perch? Ayrton non sapesse.

 

Capire meglio ? E' gi? tutto chiaro. Fior di periti hanno dimostrato che la rottura ? avvenuta per stress torsionale su elementi di intrinseca debolezza come:

 

a - saldatura

b - specifiche dei metalli diverse

c - il filmato, magistralmente studiato da ***, dimostra in diretta ed in telemetria la rottura

 

*** :(

 

 

Scusa ***, su queste cose siamo d'accordo tutti, ma rimangono inevasi due interrogativi, a mio avviso:

1) perch? la Williams si ? messa a tale rischio? si pu? credere all'incompetenza a quel livello, visto che la malafede sarebbe anche masochismo?

2) Senna era abituato o no a vagliare le modifiche richieste e come gli fu presentata quella saldatura, visto che lo sterzo era l? davanti?

Grazie

ickx70

Share this post


Link to post
Share on other sites
Infatti il quesito non e' sul fatto se sapesse o meno della modifica in termini sostanziali,ma sul grado di consapevolezza.

Certo che non e' compito funzionale del pilota controllare la qualita' dei lavori eseguiti,ma il punto e':

1-sapeva della saldatura o pensava che il piantone fosse stato rifatto ex-novo?

2-in caso avesse saputo della saldatura,domando' perche' non fosse stato prodotto il pezzo ex-novo,oppure capi' che non c'era tempo dal precedente gp(17 aprile)ad Imola per provvedere alla produzione del nuovo pezzo?

3-c'era realmente tempo o no,dal 17 aprile,per produrre il nuovo piantone per Imola?

4-dal 18 aprile al 1 maggio:in che giorno preciso avvenne la saldatura?

4-se sapeva della saldatura,chiese informazioni oppure diede per scontata la bonta' del lavoro?

5-vide il pezzo saldato oppure no?

6-qualora avesse chiesto lumi sulla saldatura,quali risposte ricevette?

7-quando fu' presa la decisione di procedere all'accorciamento del piantone?(a prescindere se poi tagliare e saldare oppure rifare il pezzo)

 

Se qualcuno sapra' rispondere a queste domande potremo capire meglio.

Grazie

Filippo

 

 

Vedi Filippo,Senna aveva avuto risposte a tutte le tue domande. Il pilota viene sempre informato delle modifiche per contratto dato che la sua vita potrebbe essere a rischio. La questione principale ? che il lavoro ? stato eseguito male ! Differenti metalli, riutilizzo del vecchio piantone, non produzione di un nuovo pezzo con le specifiche nuove. Questi secondo me sono i punti che incriminano Williams soprattutto perch? la rottura ? avvenuta proprio dove ? stata fatta la modifica. A Senna non fu detto che i metalli utilizzati fossero diversi, altrimenti dubito che Senna avrebbe accettato la modifica e sopratutto che Williams avrebbe potuto farla montare qualora Senna lo avesse saputo. Pertanto ritengo che i dettagli tecnici siano stati omessi perch? Ayrton non sapesse.

 

Capire meglio ? E' gi? tutto chiaro. Fior di periti hanno dimostrato che la rottura ? avvenuta per stress torsionale su elementi di intrinseca debolezza come:

 

a - saldatura

b - specifiche dei metalli diverse

c - il filmato, magistralmente studiato da ***, dimostra in diretta ed in telemetria la rottura

 

*** :(

 

 

Scusa ***, su queste cose siamo d'accordo tutti, ma rimangono inevasi due interrogativi, a mio avviso:

1) perch? la Williams si ? messa a tale rischio? si pu? credere all'incompetenza a quel livello, visto che la malafede sarebbe anche masochismo?

2) Senna era abituato o no a vagliare le modifiche richieste e come gli fu presentata quella saldatura, visto che lo sterzo era l? davanti?

Grazie

ickx70

 

 

Sai Ickx,

 

non saprei perch? la Williams sia stata cos? superficiale. Ripeto, saldatura e materiali differenti depongono per una scarsissima professionalit?. Masochismo ? Direi errata convinzione che la modifica potesse reggere. Inoltre i soldi non mancavano per potere rifare ex novo il pezzo in un unico blocco. Quindi direi proprio negligenza ed imperizia.

 

Senna era abituatissimo a vagliare le modifiche e credo che quella di allungare il piantone fosse la strada giusta per dare maggiore guidabilit? alla monoposto e soprattutto maggiore agio al pilota. Quello che Senna non sapeva era su come la modifica fu fatta. Penso che si fid?. In fondo lui era un pilota e per quanto ne sapesse di meccanica, aerodinamica e quant'altro, non poteva certo immaginare che la modifica potesse essere mal fatta. Non era suo compito saperlo, ma della Williams.

 

*** :(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Approfitto del fatto che si sta parlando dell'incidente di Senna.

Sapreste spiegarmi perch? non esistono camera car di quell'incidente? O meglio il filmato si interrompe un attimo prima dell'?impatto? Mi sono giunte voci che i filmati erano stati messi sotto sequestro dalle autorit?!! E' una voce confermabile?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a Rumpen per le notizie riguardanti i filmati rai; per? bisognerebbe reclamare perch? li mettano anche su raiclick in modo da visualizzarli direttamente su PC. Riguardo alla sentenza sul fatto, i responsabili sono stati assolti per prescrizione, la sentenza ha dato ragione per? alla perizia che ha accertato il cedimento del piantone; in paerticolare c'era un imputazione a carico di Patrick Head.

Share this post


Link to post
Share on other sites
i processi in Italia...

 

Solo in italia ? stato eretto un processo per un gran premio automobilistico...

:zizi: vorrei fare notare che in inghilterra e in america e tutti gli altri posti all'ingresso degli autodromi c'? una scritta che mette in chiaro la questione:

" A vostro rischio e pericolo "

Quindi in cocnclusione non sono ne giuridicamente, ne penalmente e civilmente perseguibili.. :zizi: come ? giusto che sia...

Share this post


Link to post
Share on other sites
i processi in Italia...

 

Solo in italia ? stato eretto un processo per un gran premio automobilistico...

:zizi: vorrei fare notare che in inghilterra e in america e tutti gli altri posti all'ingresso degli autodromi c'? una scritta che mette in chiaro la questione:

" A vostro rischio e pericolo "

Quindi in cocnclusione non sono ne giuridicamente, ne penalmente e civilmente perseguibili.. :zizi: come ? giusto che sia...

 

 

E' vero MA se una modifica ? causa di un incidente mortale, sei ancora convinto che la frase "A vostro rischio e pericolo" sia ancora valida ? Insomma qui il pilota non ha nulla a che fare con la rottura del piantone. Se il piantone non fosse mai stato toccato, allora va bene, ma fu modificato e guarda un p?, si ruppe proprio in corrispondenza della modifica.

 

Con i disastri occorsi il venerd? ed il sabato, Ayrton avrebbe preso parte alla gara, sapendo che una modifica mal fatta e con materiali differenti, avrebbe potuto ucciderlo ? Dubito che fosse cos? folle ! Ovvio che non sapesse come fosse stata eseguita. Si fid?. Tutto qui.

 

 

*** :(

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Ayrton4ever

? giusto che sia cos? una ceppa. E' la corsa in macchina pericolosa non che uno modifica i piantoni a caso e un altro che tiene una curva mortale "perch? fa spettacolo" (nonostante gli sia gi? andata bene due volte)

Share this post


Link to post
Share on other sites
i processi in Italia...

 

Solo in italia ? stato eretto un processo per un gran premio automobilistico...

:zizi: vorrei fare notare che in inghilterra e in america e tutti gli altri posti all'ingresso degli autodromi c'? una scritta che mette in chiaro la questione:

" A vostro rischio e pericolo "

Quindi in cocnclusione non sono ne giuridicamente, ne penalmente e civilmente perseguibili.. :zizi: come ? giusto che sia...

 

 

E' vero MA se una modifica ? causa di un incidente mortale, sei ancora convinto che la frase "A vostro rischio e pericolo" sia ancora valida ? Insomma qui il pilota non ha nulla a che fare con la rottura del piantone. Se il piantone non fosse mai stato toccato, allora va bene, ma fu modificato e guarda un p?, si ruppe proprio in corrispondenza della modifica.

 

Con i disastri occorsi il venerd? ed il sabato, Ayrton avrebbe preso parte alla gara, sapendo che una modifica mal fatta e con materiali differenti, avrebbe potuto ucciderlo ? Dubito che fosse cos? folle ! Ovvio che non sapesse come fosse stata eseguita. Si fid?. Tutto qui.

 

 

*** :(

 

 

Io fossi in Ayrton non avrei corso la Domenica :zizi:

E oltretutto, il GP andava fermato dopo l'incidente o di barrichello o di ratzemberger.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
i processi in Italia...

 

Solo in italia ? stato eretto un processo per un gran premio automobilistico...

:zizi: vorrei fare notare che in inghilterra e in america e tutti gli altri posti all'ingresso degli autodromi c'? una scritta che mette in chiaro la questione:

" A vostro rischio e pericolo "

Quindi in cocnclusione non sono ne giuridicamente, ne penalmente e civilmente perseguibili.. :zizi: come ? giusto che sia...

 

 

E' vero MA se una modifica ? causa di un incidente mortale, sei ancora convinto che la frase "A vostro rischio e pericolo" sia ancora valida ? Insomma qui il pilota non ha nulla a che fare con la rottura del piantone. Se il piantone non fosse mai stato toccato, allora va bene, ma fu modificato e guarda un p?, si ruppe proprio in corrispondenza della modifica.

 

Con i disastri occorsi il venerd? ed il sabato, Ayrton avrebbe preso parte alla gara, sapendo che una modifica mal fatta e con materiali differenti, avrebbe potuto ucciderlo ? Dubito che fosse cos? folle ! Ovvio che non sapesse come fosse stata eseguita. Si fid?. Tutto qui.

 

 

*** :(

 

 

Io fossi in Ayrton non avrei corso la Domenica :zizi:

E oltretutto, il GP andava fermato dopo l'incidente o di barrichello o di ratzemberger.....

 

 

Su questo ti do ragione. Anzi......ritengo che sia opportuno aprire un topic apposta per sviscerare le cause per cui Senna decise di correre quel Gran Premio, nonostante tutto ci? che successe. Certo ? che un notevole malumore era stampato sul suo volto quel giorno. Second me, si dovrebbe capire se il brasiliano aveva potere sufficiente per prendere una decisione simile ma soprattutto se il pool di piloti fosse adeguatamente coeso per poter prendere una decisione collettiva contro la FIA, Ecclestone e via dicendo (diritti tv ad esempio).

 

Ottimo spunto.

 

Luke :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Inutile negarlo, molti piloti avrebbero corso comunque. Non si ? mai verificato che una gara fosse annullata per il decesso di un pilota e inoltre erano passati pi? di dieci anni dalla morte di un pilota in un evento ufficiale.

Fuori di dubbio invece ? che soprattutto dopo l'ennesimo incidente del week end, quello della prima partenza, sarebbe stato opportuno sospendere il tutto. Ma vi ricordate che premeva per il gp a Imola, pista pericolosissima? i miracoli (incidenti di Villeneuve, Berger, Piquet) non si ripetono all'infinito...

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Su questo ti do ragione. Anzi......ritengo che sia opportuno aprire un topic apposta per sviscerare le cause per cui Senna decise di correre quel Gran Premio, nonostante tutto ci? che successe. Certo ? che un notevole malumore era stampato sul suo volto quel giorno. Second me, si dovrebbe capire se il brasiliano aveva potere sufficiente per prendere una decisione simile ma soprattutto se il pool di piloti fosse adeguatamente coeso per poter prendere una decisione collettiva contro la FIA, Ecclestone e via dicendo (diritti tv ad esempio).

 

Ottimo spunto.

 

Luke :)

 

Se non mi ricordo male c'e' un episodio significativo in proposito:Sid Watkins il medico che seguiva il Circus f.1 a quel tempo, ha dichiarato di aver avuto in quel weekend,un colloquio con Ayrton,esortandolo a non correre.

''.......Andiamo via,a pescare insieme...........'' pare che sia state una delle frasi di Watkins.

Quando avvenne il colloquio?dopo l'incidente di Barrichello al venerdi'? perche' Watkins esorto' Senna a non correre? lo vedeva forse troppo turbato?

Comunque Senna non avrebbe potuto rifiutarsi,da solo,di correre quel GP,ne' l'associazione piloti era in condizioni di prendere quella decisione.

Piuttosto un'altra domanda:quanto le condizioni dell'asfalto di Imola incisero sulla rottura del piantone?

 

Grazie a chi puo' rispondere a queste domande

Filippo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se non mi ricordo male c'e' un episodio significativo in proposito:Sid Watkins il medico che seguiva il Circus f.1 a quel tempo, ha dichiarato di aver avuto in quel weekend,un colloquio con Ayrton,esortandolo a non correre.

''.......Andiamo via,a pescare insieme...........'' pare che sia state una delle frasi di Watkins.

Quando avvenne il colloquio?dopo l'incidente di Barrichello al venerdi'? perche' Watkins esorto' Senna a non correre? lo vedeva forse troppo turbato?

Comunque Senna non avrebbe potuto rifiutarsi,da solo,di correre quel GP,ne' l'associazione piloti era in condizioni di prendere quella decisione.

Piuttosto un'altra domanda:quanto le condizioni dell'asfalto di Imola incisero sulla rottura del piantone?

 

Grazie a chi puo' rispondere a queste domande

Filippo

 

La sensazione al tempo era che a Imola un incidente grave potesse accadere da un momento all'altro, nel 94 le vetture erano ridiventate molto pericolose. Sul fondo di Imola le testimonianze dei piloti sono univoche, non era stato rifatto completamente e nelle congiunzioni la macchina sbatteva per terra. Come si vede nel giro precedente la macchina di Senna sbatte per terra. Resta il fatto che solo a Senna si rompe lo sterzo e questo a causa della saldatura, non del circuito, quindi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

×