Jump to content
Sign in to follow this  
IoStoConLaOsella

Le Beffe All'ultimo Giro

Recommended Posts

Io la gara in Canada del 91 l'ho vista, ma non si capiva assolutamente il motivo dello stop. Mansell, con un vantaggio enorme su Piquet, stava effettivamente salutando la folla e andando piano, poi, a poche curve dalla fine, ebbi l'impressione che fosse successo qualcosa all'improvviso e pochi metri dopo si fermava nel prato, sconsolato.

Mansell non sembrava arrabbiato, il che fa presumere che possa essere vero che aveva fatto qualche sciocchezza lui. Ma alla Williams non dissero nulla.

179248[/snapback]

 

io ho rombo di quel gp e li parlano di un guasto al cambio...mah!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da Autosprint n.23 1991 sul GP del Canada:

 

Se alla fine fosse venuta una doppietta Mansell-Patrese nessuno avrebbe avuto da ridire. Invece, ancora una volta il team inglese ha pagato l'inaffidabilit? del cambios emiautomatico. Mansell ? andato come il vento, non ha logorato la vettura pi? di tanto (ha finito il GP senza accusare problemi alle gomme), ma alla fine ? stato tradito dalla trasmissione che si ? "spenta" senza alcun preavviso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alex, tu sei molto competente ma non sono d' accordo su quello che dici sul GP del Canada del 1991. La Williams soffriva rotture del cambio sin da Phoenix e dalla macchina di Mansell usc? del fumo da dietro, chiaro segno che si trattava di un guasto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vittorie all'ultimo giro (tratto da www.formula1news.it)

 

12 dicembre 1959, Sebring (Stati Uniti)

Jack Brabham, neocampione del mondo con la Cooper, domina il primo Gran Premio degli Stati Uniti ma all?ultimo giro rimane senza benzina e si ferma lungo il percorso. Viene superato dai compagni di squadra Bruce McLaren, che va a vincere, e Maurice Trintignant, e dal ferrarista Tony Brooks, e arriva al traguardo a piedi spingendo la propria vettura e staccato di cinque minuti dal vincitore.

 

14 giugno 1964, Spa Francorchamps (Belgio)

A due giri dalla fine Dan Gurney (Brabham), in testa alla gara, rientra ai box per rifornirsi ma viene fatto ripartire perch? non c?? pi? benzina: si fermer? lungo il tracciato. Passa al comando Graham Hill (BRM), che a met? dell?ultimo giro si ferma anch?egli per un guasto alla pompa della benzina. E? in testa ora McLaren (Cooper), al quale si rompe la cinghia dell?alternatore prima dell?ultima curva, il tornante La Source. Il rettilineo finale ? in discesa e il neozelandese spera di passarlo anche a motore spento, ma viene superato di slancio a 100 metri dall?arrivo dalla Lotus di Jim Clark.

 

10 settembre 1967, Monza (Italia)

Forse la gara pi? incredibile della storia. Clark (Lotus), in testa dopo 13 giri, si ferma per cambiare una gomma afflosciatasi e riparte con un giro di ritardo. Si sdoppia dai battistrada, li raggiunge e li supera a poche tornate dalla fine. All?ultimo giro ? nettamente davanti a John Surtees (Honda) e Brabham (Brabham), unici superstiti del gruppo di testa, ma alla curva Ascari viene sfilato dai due, che vanno a giocarsi il successo in volata. Vincer? Surtees, mentre Clark arriver? con oltre 20 secondi di distacco, senza benzina!

 

9 giugno 1968, Spa Francorchamps (Belgio)

Jackie Stewart (Matra) ha un vantaggio di mezzo minuto su McLaren (McLaren) ma all?inizio dell?ultimo giro rientra ai box per rifornirsi. La sosta va per le lunghe e nel frattempo la corsa termina con la vittoria di McLaren. Stewart ? classificato quarto, staccato di un giro.

 

10 maggio 1970, Montecarlo (Monaco)

Brabham (Brabham), al comando davanti a Jochen Rindt (Lotus), a 15 giri dalla fine comincia ad accusare noie ai freni e rallenta vistosamente. All?ultimo giro Rindt gli ? vicino. Brabham, pressato, alla curva del gasometro, l?ultima, va a sbattere contro il guard-rail. Rindt lo supera e va a cogliere un insperato successo, l?australiano ? secondo.

 

18 luglio 1970, Brands Hatch (Gran Bretagna)

Nuova beffa di Rindt ai danni di Brabham. Il pilota-costruttore sorpassa l?austriaco a 12 giri dalla fine. All?ultima tornata ha 14?? di vantaggio sul rivale ma improvvisamente rimane senza benzina. Rindt lo sorpassa spietatamente e sul traguardo lo sopravanza di oltre mezzo minuto.

 

17 giugno 1973, Anderstorp (Svezia)

Ronnie Peterson (Lotus) resiste per tutta la gara agli attacchi di un gruppetto formato da Denny Hulme (McLaren), Emerson Fittipaldi (Lotus) e Stewart (Tyrrell). A 4 passaggi dalla conclusione Fittipaldi e Stewart si ritirano per problemi al motore. Resta solo Hulme, che all?ultima tornata approfitta delle difficolt? di Peterson con la tenuta di strada della sua monoposto per superarlo in extremis.

 

13 gennaio 1974, Buenos Aires (Argentina)

Ancora Hulme (McLaren) beneficia delle disgrazie altrui. Lo sfortunato di turno ? l?idolo locale Carlos Reutemann (Brabham) che all?ultimo giro si ferma senza pi? un goccio di carburante nel serbatoio e regala l?ultimo successo della carriera allo scontroso neozelandese.

 

3 luglio 1977, Digione (Francia)

Gara caratterizzata dal duello tra John Watson (Brabham) e Mario Andretti (Lotus). L?inglese resiste ai ripetuti attacchi dell?italo-americano fino a mezzo giro dalla fine, quando la sua vettura, equipaggiata con motore Alfa Romeo, rimane senza benzina e ?Piedone? Andretti va a vincere di misura.

 

4 marzo 1978, Kyalami (Sud Africa)

Stavolta Peterson approfitta delle sfortune di Riccardo Patrese (Arrows) dominatore della corsa fino a 15 giri dal termine, e di Patrick Depailler (Tyrrell). Il padovano viene fermato dalla rottura del motore, il transalpino ? costretto a lasciar passare Peterson all?ultimo giro perch? a secco di benzina.

 

23 maggio 1982, Montecarlo (Monaco)

Tre giri dalla fine, sul circuito di Montecarlo si abbatte una leggera pioggia.

A due giri dalla fine comincia a piovere e Alain Prost (Renault) va a sbattere contro il guard-rail in rettilineo quando ? ormai salutato da tutti vincitore. Passa al comando Patrese (Brabham) che all?ultimo giro va in testacoda alla curva del Loews e rimane momentaneamente fermo. Viene superato da Didier Pironi (Ferrari) e Andrea De Cesaris (Alfa Romeo), i quali finiscono la benzina quasi nello stesso istante e si fermano a loro volta. Nel frattempo Patrese riesce a riaccendere il motore e piomba sul traguardo ignaro di aver vinto.

 

2 giugno 1991, Montreal (Canada)

Nigel Mansell (Williams) conduce la corsa dal primo metro, ma a meno di un chilometro dal traguardo un problema elettrico gli manda fuori uso il cambio e il ?Leone? deve cedere la vittoria, l?ultima della sua carriera, a Nelson Piquet (Benetton). Mansell verr? classificato al sesto posto.

 

29 aprile 2001, Barcellona (Spagna)

Mika Hakkinen parte dalla seconda posizione, dopo il suo secondo pitstop scavalca Michael Schumacher e si porta al comando. Nell'ultimo giro Mika inzia a rallentare, scuote la testa e prosegue lentamente fino a quando il propulsore Mercedes della sua McLare esplode in una nuvola di fumo. La McLaren si parcheggia a bordo pista proprio quando viene passata dalla Ferrari di Michael Schumacher che va a vincere.

 

29 maggio 2005, Nurburgring (Germania)

Sul circuito del Nurburgring si corre il Gran Premio d'Europa. Kimi Raikkonen, in testa dal via, a otto giri dalla fine accusa delle strane vibrazioni allo pneumatico anteriore destro, la causa potrebbe essere attribuita ad un uscita di pista effetuata una decina di giri prima. A cinque giri le vibrazioni aumentano, Kimi prosegue. La McLaren di Raikkonen inizia l'ultimo giro, ma prima della frenata della prima curva la sospensione anteriore destra cede mandando la McLaren in testacoda nelle via di fuga. La vittoria va cos? a Fernando Alonso che allunga punti su Raikkonen nella classifica del mondiale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Achille Varzi
Alex, tu sei molto competente ma non sono d' accordo su quello che dici sul GP del Canada del 1991. La Williams soffriva rotture del cambio sin da Phoenix e dalla macchina di Mansell usc? del fumo da dietro, chiaro segno che si trattava di un guasto.

180826[/snapback]

 

Nel 91 la Williams soffri` di problemi al cambio tutto l'anno, e perse gare e podii a ripetizione per quel motivo (Brasile, Spa, Monza etc) ma quello che fece pensare all'errore umano fu l'atteggiamento di Mansell, che sembrava piuttosto umiliato, e il fatto che la spiegazione non fu mai molto chiara.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alex, tu sei molto competente ma non sono d' accordo su quello che dici sul GP del Canada del 1991. La Williams soffriva rotture del cambio sin da Phoenix e dalla macchina di Mansell usc? del fumo da dietro, chiaro segno che si trattava di un guasto.

180826[/snapback]

 

Nel 91 la Williams soffri` di problemi al cambio tutto l'anno, e perse gare e podii a ripetizione per quel motivo (Brasile, Spa, Monza etc) ma quello che fece pensare all'errore umano fu l'atteggiamento di Mansell, che sembrava piuttosto umiliato, e il fatto che la spiegazione non fu mai molto chiara.

186158[/snapback]

E come no, aveva dominato la gara e si ferma all'ultimo giro, doveva fare i salti di gioia ? boh

Quanti ai motivi del ritiro, come gi? detto, su AS e Rombo sono chiarisimi

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Achille Varzi

Ho visto piloti perdere GP dal 1975 e devo dire che quando scendono dalla macchina hanno reazioni diverse nel caso in cui essa si sia rotta e nel caso in cui l'abbiano rotta loro. Nigel in Canada sembrava appartenere al secondo gruppo.

Ma ho preso l'ipotesi in considerazione solo dopo che fonti Williams l'hanno fatta venire alla luce. Nigel era molto ben voluto in Williams e credo che al momento abbiano voluto risparmiargli una brutta figura.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho visto piloti perdere GP dal 1975 e devo dire che quando scendono dalla macchina hanno reazioni diverse nel caso in cui essa si sia rotta e nel caso in cui l'abbiano rotta loro.

186465[/snapback]

Come Raikkonen al Nurburgring

Share this post


Link to post
Share on other sites

G.P. Canada '91: Mansell sta ormai festeggiando la vittoria di un gran premio dominato dal primo giro, quando, a poche curve dalla fine, un problema al sistema idraulico blocca il cambio della sua Williams. La vittoria va al suo antico rivale Nelson Piquet.

 

169953[/snapback]

ricordo che qua la leggenda vuole che Mansell nell'agitarsi per la vittoria abbia schiacciato per sbaglio il pulsante di spegnimento sul volante tongue.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

? solo una leggenda: si vede chiaramente che esce del fuma dal posteriore della macchina al tornantino. Era il cambio che da inizio stagione lo lasciava a piedi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Canada 91 quando Mansell all'ultimo giro stava salutando il pubblico e si fermo' a meta' di quell'ultimo giro per regalare la vittoria all'odiato Piquet...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo sull'odiato XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo ? che la leggenda trov? parecchio fondamente nelle menti degli appassionati....

Quello che sembrava un po strano a tutti fu il fatto che resse benissimo in gara e si ruppe facendo poco pi? che un giro di ricognizione....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io la gara in Canada del 91 l'ho vista, ma non si capiva assolutamente il motivo dello stop. Mansell, con un vantaggio enorme su Piquet, stava effettivamente salutando la folla e andando piano, poi, a poche curve dalla fine, ebbi l'impressione che fosse successo qualcosa all'improvviso e pochi metri dopo si fermava nel prato, sconsolato.

Mansell non sembrava arrabbiato, il che fa presumere che possa essere vero che aveva fatto qualche sciocchezza lui. Ma alla Williams non dissero nulla.

 

Per fortuna che c'? youtube :

 

http://www.youtube.com/watch?v=sekJ5LqWDFc

 

Ma dov'? che saluta la folla ?

 

Perch? se non amate un pilota dovete screditarlo inventando queste cose ?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
G.P. Canada '91: Mansell sta ormai festeggiando la vittoria di un gran premio dominato dal primo giro, quando, a poche curve dalla fine, un problema al sistema idraulico blocca il cambio della sua Williams. La vittoria va al suo antico rivale Nelson Piquet.

 

Io ho sempre saputo che non fu un guasto . All' ultimo giro andava cos? piano (intendo a ritmo di giro d'onore ) che abbass? troppo i giri del motore Renault che si ammutol?

 

Certo :

 

http://www.youtube.com/watch?v=sekJ5LqWDFc

 

Proprio a ritmo di giro d'onore...

 

W youtube

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alexf1 fan

Bravo meriti una medaglia

 

quotare un intervento dell' 11 Giugno 2005 .

 

Cosa speri di dimostrare poi .....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bravo meriti una medaglia

 

quotare un intervento dell' 11 Giugno 2005 .

 

Cosa speri di dimostrare poi .....

 

Cosa dimostra mi sa che l'hai capito anche troppo bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alexf1 fan

 

No dai sono curioso ........ sentiamo cosa ti frulla in testa di cos? importante da quotare sarcasticamente un intervento di quasi 2 anni fa

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Achille Varzi
Io la gara in Canada del 91 l'ho vista, ma non si capiva assolutamente il motivo dello stop. Mansell, con un vantaggio enorme su Piquet, stava effettivamente salutando la folla e andando piano, poi, a poche curve dalla fine, ebbi l'impressione che fosse successo qualcosa all'improvviso e pochi metri dopo si fermava nel prato, sconsolato.

Mansell non sembrava arrabbiato, il che fa presumere che possa essere vero che aveva fatto qualche sciocchezza lui. Ma alla Williams non dissero nulla.

 

Per fortuna che c'? youtube :

 

http://www.youtube.com/watch?v=sekJ5LqWDFc

 

Ma dov'? che saluta la folla ?

 

Perch? se non amate un pilota dovete screditarlo inventando queste cose ?

 

Non ci si inventa niente, al massimo si ricordano in maniera imprecisa cose vecchie di 15 anni.

Mi sono riguardato il video e effettivamente Mansell prima rallenta di colpo, poi fa un gesto con la mano, e poi la macchina si ferma. Allora in molti pensammo che il gesto con la mano fosse un saluto alla folla. E invece sembra che fosse proprio un guasto. Sfiga. Doppia per la Williams, visto che l'altra vettura subi' una foratura a causa della quale perse un giro. Invece della doppietta, un misero terzo posto.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Ayrton4ever
Cosa dimostra mi sa che l'hai capito anche troppo bene.

 

scusa Nigel visto che, non so Alex, ma IO non ho capito, lo spieghi almeno a me che volevi dire?

 

rivedendo le immagini sembra che quando accelera in uscita dal tornantino non entri la marcia per? ? strano che la macchina non faccia nemmeno 10 metri dopo e si blocchi subito

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×