Jump to content
lesnar89

I Grandi Incompresi Della Formula Uno

Recommended Posts

Non centra niente lui. La Ferrari and? in basso perch? era un team completamente allo sbando. Pensa che per il 1992 erano stati fatti ben due progetti di vettura, perch? erano due gli ingegneri che credevano di comandare. Alla fine nessuno comandava, ognuna faceva quello che voleva.

 

Si ma quando Alesi ? andato via non dando niente alla Ferrari Jean Todt a mettere ordine alle cose era gi? arrivato da un p?. Non penso che Todt abbia imparato a lavorare dopo che ? arrivato Schumacher, evidentemente Alesi non era il pilota (inteso con l'accezione completa, cio? veloce, costante, sviluppatore, uomo squadra) che tutti credevano (per l'uomo squadra poi...una volta disse alla tele: "Allora io dico...Jean Todt...mi ha rotto le palle"!!!).

Ergo ? stato sopravvalutato perch? la Ferrari ? la guida pi? prestigiosa che si possa ottenere, e Alesi non ha dato niente in cambio, se non aumentare il caos che gi? c'era.

 

Aggiungo anche che fra l'altro basta vedere il DTM per capire quanto Alesi sia/fosse sopravvalutato. Da quando ? l? (e sono ormai un p? di anni) ha combinato poco o niente. Hakkinen ? l? da poche gare e gi? sta dettando legge...questa la differenza tra un campione e un brocco (esagero, non fa cos? tanto schifo) sopravvautato

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Achille Varzi

Ricordo con disprezzo un battibecco tra Briatore e Alesi nel quale il rude cuneese concludeva compiacendosi che l'anno successivo Alesi non ci sarebbe piu` stato in F1.

Trovo cialtronesco che un venditore abbronzato si permetta di parlare in questi termini di un pilota. Dieci anni a rischiare l'osso del collo a 300 all'ora, e finisci la carriera insultato da uno cosi`.

Sopravvalutato o no, meglio un Alesi che dieci Briatori in F1.

Share this post


Link to post
Share on other sites

So che ogni tanto mi "inalbero" e magari posso sembrare pi? drastico di quello che vorrei. Alesi aveva cmq tante buone qualit?: era simpatico; aveva un carattere particolare; diceva sempre quello che voleva...al contrario di altri piloti di oggi che in pista sono fortissimi ma che non sorridono neanche se gli spari...e secondo me personaggi come Alesi ce ne vorrebbero ancora, coi loro pregi e i loro difetti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alexf1 fan

 

Giusto , da ricordarsi che una volta durante il famoso sciopero della super licenza , Piquet si fece beffe della minaccia di Ecclestone che diceva : se non tornate in pista vi licenzio . Perch? allora i piloti avevano un carattere pi? indipendente e deciso , sapevano bene che senza di loro la baracca andava a rotoli , che erano intoccabili . Almeno i migliori

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto che il topic accenna a piloti che non hanno avuto lo spazio che si sarebbero meritato in formula uno, quindi sottovalutati, parlare di Alesi mi sembra quantomeno strano. Semmai Jean ? stato l'opposto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Achille Varzi

Hai ragione, alla fine Jean la sua bella carriera l'ha fatta.

 

Incompreso: Jean Pierre Jarier. Pilota francese a cavallo tra gli anni 70 e 80 era accreditato di grande velocita`.

Corse per diversi anni senza vincere GP, mi sembra fece qualche prestazione brillante con la Shadow, poi nel 78 sostitui` Peterson negli ultimi due GP sulla Lotus fresca di mondiale e sembrava poter vincere, poi cedimenti meccanici gli tarparono le ali. Non ebbe altre occasioni di rilievo. Me lo ricordo a Monaco innescare una carambola con la Tyrrell nell'80 e fare qualche gara decente con la Ligier nell'81.

Avrebbe forse meritato di piu`.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto io dico che con la Ferrari del 1991/92/93 e 94 non avrebbe vinto nessuno data la crisi nera in cui si trovava e se non sbaglio pure Prost se ne and? poich? la macchina era una macchina da quinto posto in classifica poco prestazionale e neppure Berger buon pilota fece faville...non dimentichiamoci che Ales? ha "sacrificato" gli anni migliori per andare alla Ferrari quando avrebbe potuto vincere almeno un mondiale con la super veloce Williams.

 

Poi sul fatto che non fosse un talento si ? capito subito infatti nessuno (salvo la Ferrari nel 1991 Prost permettendo) gli ha mai chiesto di vincere un mondiale..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rigiriamo la cosa: dopo la Ferrari ? andato in un team bi campione del mondo...e anche l? non ha combinato niente, Berger almeno vinse una o due gare. Sar? anche andato via qualche tecnico dalla Benetton nel dopo Schumacher, ma dal vincere due mondiali piloti e uno squadre a non vincere niente, anche l? Ales? ci ha messo del suo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

sar?.. per? vedi che pure berger ha vinto una sola gara nel 1997 con quella Benetton e se non sbaglio alesi arriv? cmq terzo in classifica generale...alesi non era schumacher era un buon pilota ma gli mancava la vittoria e la Benetton del dopo Schumacher era molto appagata per di pi? la Williams era tornata forte come quella dei primi anni 90: nel 1996 vinse 12 gare su 16 e nel 97 9 su 16 per cui non gli si poteva certo chiedere di vincere il mondiale l'unica cosa che secondo me doveva fare e non ha fatto era di vincere qualche gara in pi?..

Ad ogni modo non ? mai stato messo in condizione di vincere un mondiale e questo significa che nessuno lo hai mai considerato all'altezza per cui non mi sembra affatto sopravvalutato..se avesse accettato quel contratto alla Williams forse oggi ne parleremmo diversamente come un pilota alla Coulthard un pilota che ha vinto delle gare ma non all'altezza di vincere un mondiale

Share this post


Link to post
Share on other sites

Insomma...con la Williams ha fatto delle discrete gare,ma sinceramente non mi pare fosse poi un pilotone...in quegli anni meglio Patrese di lui,da quel che so...uno un po'sottovalutato,per me,? stato Olivier Panis,nel 1997 fece una grandissima stagione con la Prost prima di spaccarsi le gambe in Canada e nel 1996 riusci addirittura a vincere il gp di Monaco,seppur con MOLTISSIMO c*lo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eugenio Castellotti. E' morto troppo presto, era un pilota con un piede unico. Memorabile la vittoria alla Mille Miglia nel 1956 sotto il diluvio universale. Certo non sarebbe mai diventato campione del mondo, per? qualche gara l'avrebbe potuta vincere, e non dimentichiamo che nel 55' arriv? terzo nel mondiale

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alexf1 fan

 

L'immenso Alex Zanardi non ha certo avuto buona fortuna in f1 con lotus e williams..voi che dite?

 

Dare dell' immenso a Zanardi mi sembra quantomeno esagerato , ha vinto molto in america ma in f1 ha fatto un solo punto , pur avendo guidato delle macchine tutto sommato decenti , ed ? stato surclassato pi? volte dai rispettivi compagni Herbert e R. Schumacher

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'immenso Alex Zanardi non ha certo avuto buona fortuna in f1 con lotus e williams..voi che dite?

239789[/snapback]

In America ha vinto moltissimo,questo ? verissimo,ma in F1 non ha mai combinato molto,anche se bisogna dire che le vetture da lui guidate non sono mai stati dei missili...nel 1999 ha un po'deluso,ma a Monza poteva tranquillamente arrivare secondo se non avesse avuto quel problema al fondo della vettura...

Share this post


Link to post
Share on other sites

1)B? io francamente ho usato l'aggettivo "immenso" per qualificare non solo i suoi risultati sportivi passati e presenti ma soprattutto la sua personalit? e la sua forza d'animo (non voglio fare per? retorica), cosa che va oltre le sue prestazioni in f1 e quelle in formula cart o quelle in WTCC

2)ho usato la perifrasi "non ha certo avuto buona fortuna in f1" non intendendo certo dare giudizi esaltatori delle sue performances ma ,anzi, tuttaltro.

 

scusate se sono stato troppo duro con i vostri commenti .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Zanardi aveva la sua chance in Williams ma ebbe la presunzione di arrivare in Europa da leggenda vivente. Infatti in america Zanna ? un eroe e lo conoscono tutti mentre alla Williams non esistono prime donne (eccetto casi particolari vedi Jones e Mansell, i pupilli di Frank). La squadra lo abbandon? subito per Ralf.

Per me l'errore lo fece a monte, firmando con una Williams assolutamente non competitiva sia dal punto di vista tecnico ma anche da quello del budget. Poi il resto venne da s?, come una legge di Murphy, un inesorabile domino che lo ha portato fuori dal circus, lui, orgoglioso dei grandi risultati ottenuti in America ma col rammarico di non essere stato nessuno in F1.

Alessandro Zanardi, il pi? forte pilota italiano dai tempi di De Angelis snobbato. In realt? non ho mai compreso il motivo per cui lasci? la Williams a fine '99. Col nuovo motore avrebbe fatto ottime prestazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Zanardi ha guidato alla grande in America, ma bisogna ricordare che con quella grande macchina del team Ganassi ci aveva vinto anche un certo Jimmy Vasser (certo non un fuoriclasse) e JP Montoya. Penso che lo stile di guida di Alex fosse pi? adatto alle vetture Cart che alla F1.

Share this post


Link to post
Share on other sites

×