Jump to content
Guest Andrea_Schumi

Ricordiamo Senna

Recommended Posts

La difesa Williams insiste sull'errore del pilota, dice che non ci sono prove che il piantone si sia rotto prima dell'impatto col muro del tamburello.

 

La pubblica accusa dice che le prove sono certe. Resta che il 27 Maggio saranno tutti assolti per prescrizione. Ed credo sia giusto cos?, perch? queste sono le corse.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' assurdo, l'Italia ha una giustizia di m*! Dopo 11 anni ancora la smenano: ma l'hanno capito che l'automobilismo ? uno sport al limite dove il rischio di vita ? sempre in agguato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' assurdo, l'Italia ha una giustizia di m*! Dopo 11 anni ancora la smenano: ma l'hanno capito che l'automobilismo ? uno sport al limite dove il rischio di vita ? sempre in agguato?

 

? vero, ma ci sono dei regolmenti da rispettare. Una delle accuse/ipotesi che si sono fatte, ? che la Williams abbia "tornito" troppo il piantone dello sterzo perch? Ayrton non ci stava/era scomodo, scendendo sotto il diametro consentito, riducendo quindi la sua resistenza. Se questo ? vero, ? giusto che vengano condannati i colpevoli, un conto ? il rischio insito nelle corse, un'altro ? fare una macchina che ? pericolosa a priori

...Che poi siano passati 11 anni ? una vergogna che ? meglio non commentare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo che infatti, per la morte di Ratzemberger, non c'? stato nessun "problema": se non ricordo male era uscito il giro prima, non ? rientrato e a quello dopo ? volato via l'alettone anteriore che aveva danneggiato nell'uscita, non ci sono stati dubbi sulla conformit? della vettura ai regolamenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se la difesa Williams ? convinta di un errore di Senna, dovrebbero spiegarci come si fa ad uscire al vecchio Tamburello se non c'? un cedimento meccanico o strutturale. Cos? infangano solo il nome di Ayrton.

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' assurdo, l'Italia ha una giustizia di m*! Dopo 11 anni ancora la smenano: ma l'hanno capito che l'automobilismo ? uno sport al limite dove il rischio di vita ? sempre in agguato?

141950[/snapback]

 

sono senza parole ph34r.gif 11 anni, che ca**o centra????? aver modificato un pezzo e aver causato la morte di un uomo non vogliono dire nulla.????????????????????????????????????????

? come se quest'anno a monza alla ferrri di schumy mettono le pasticche dei freni brembo grosse la met? per risparmiare peso, lui arriva alla frenata da 370 all'ora, si rompono i freni e lui si sfracella a 350....... tanto pu? capitare vero??? angry_smile.gif

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se la difesa Williams ? convinta di un errore di Senna, dovrebbero spiegarci come si fa ad uscire al vecchio Tamburello se non c'? un cedimento meccanico o strutturale.  Cos? infangano solo il nome di Ayrton.

141982[/snapback]

 

puntano su quello xch? tanto sanno che ormai non saranno condannati perch? se avessero fatto le cose come andavano fatto la sera stessa stessa dell'incidente prendevano centraline. immagini nn tagliate e dopo un'attento esame li mettevano tutti in galera devil_smile.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alexf1 fan

 

 

Anche se ? stata colpa loro non penso sia necessario mettere in galera la gente per questo . Le corse automobilistiche sono piene di episodi di morti causati da rotture potenzialmente evitabili . Tanto per fare un esempio Jochen Ridt a Monza nel 70 mor? alla parabolica per la rottura di una sospensione (anche a causa di un buco nel terreno ) e non ci fu nessun processo ; lo stesso dicasi per la morte orribile di Francois Cevert a watkinsglen per un guasto simile .

 

Se poi pensiamo che la "causa di morte" non la causa dell' uscita di pista ? stata la sospensione che ha colpito la guarnizione del casco allora per coerenza avrebbero dovuto mettere sotto processo la federazione per le misure inadeguate

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche se ? stata colpa loro non penso sia necessario  mettere in galera la gente per questo . Le corse automobilistiche sono piene di episodi di morti  causati da rotture potenzialmente evitabili . Tanto per fare un esempio Jochen Ridt a Monza nel 70 mor? alla parabolica per la rottura di una sospensione (anche a causa di un buco nel terreno )  e non ci fu nessun processo ; lo stesso dicasi per la morte orribile di Francois Cevert  a watkinsglen  per un guasto simile .

 

Se poi pensiamo che la "causa di morte"  non la causa dell' uscita di pista  ? stata la sospensione che ha colpito la guarnizione del casco allora per coerenza avrebbero dovuto mettere sotto processo la federazione per le misure inadeguate

142193[/snapback]

 

? per questo che , non potendo accusare oltre alla williams, l'intera FIA, li assolveranno e tutti faranno finta di nulla

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche se ? stata colpa loro non penso sia necessario mettere in galera la gente per questo . Le corse automobilistiche sono piene di episodi di morti causati da rotture potenzialmente evitabili . Tanto per fare un esempio Jochen Ridt a Monza nel 70 mor? alla parabolica per la rottura di una sospensione (anche a causa di un buco nel terreno ) e non ci fu nessun processo ; lo stesso dicasi per la morte orribile di Francois Cevert a watkinsglen per un guasto simile .

 

Per quanto riguarda l'incidente di Rindt, in realt? non ? vero che non ci furono problemi giudiziari per la Lotus. ph34r.gif L'anno successivo, Colin Chapman, proprio a causa dei guai con le autorit? italiane conseguenti alla morte di Rindt, per evitare complicazioni iscrisse solo una vettura, la 56B turbina di Fittipaldi, sotto il nome fittizio del World Wide Racing Team. E addirittura persino nel 1972 la Lotus si iscrisse con una sola vettura e ancora sotto il nome del team World Wide Racing, sempre a causa degli strascichi di quella tragica vicenda.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le corse si corrono in diversi stati e le leggi di questi devono rispettare. Io credo che il processo sia legittimo anche se sportivamente immorale. I piloti conoscono benissimo i rischi e vengono profumatamente pagati proprio in relazione a questi rischi. I piloti accettano il pericolo consapevolmente, sanno che il guasto tecnico ? dietro l'angolo.

 

Gli incidenti accaduti durante competizioni in italia sono sempre stati perseguiti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel calcio/ciclismo/atletica ci sono delle regole. Se uno si dopa, ? contro il regolamento. Ad es. i medici della squadra olimpionica della germania est anni '80(gli anni in cui vincevano con le donne i lanci del peso, del giavellotto ecc) sono stati considerati colpevoli di aver dopato le atlete (rovinandogli la vita: alcune di queste hanno testimoniato e non sembravano ormai neanche pi? delle donne, una si era addirittura fatta uomo). Sono (penso) finiti in galera. Perch? se uno fa una macchina non regolamentare, muore un pilota le cose vanno bene cos?? Se il piantone si ? rotto per sfiga, amen. Ma se era troppo sottile ? giusto che chi ha autorizzato questa condotta finisca in galera. In Italia come nel resto del mondo. Ci sono dei limiti che non vanno superati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che sia giusto che , anche se la F.1 ? uno sport rischioso, se qualcuno ? responsabile della morte di Ayrton debba pagare. Anche a 11 anni di distanza. Ma tanto nessuno pagher?, e l'unico a rimetterci sar? ancora Ayrton...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non credo. Condannare la Williams, anche solo in modo simbolico, sarebbe il miglior modo per ricordare la figura di Senna, assolverla dando la colpa di tutto ad un errore di Ayrton infangherebbe l'immagine del brasiliano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Achille Varzi
Le corse si corrono in diversi stati e le leggi di questi devono rispettare. Io credo che il processo sia legittimo anche se sportivamente immorale. I piloti conoscono benissimo i rischi e vengono profumatamente pagati proprio in relazione a questi rischi. I piloti accettano il pericolo consapevolmente, sanno che il guasto tecnico ? dietro l'angolo.

 

Gli incidenti accaduti durante competizioni in italia sono sempre stati perseguiti

142283[/snapback]

 

Vero. In Italia c'e` l'obbligatorieta` dell'azione penale. Se c'e` un decesso e non e` una morte naturale, devono aprire un'inchiesta d'ufficio.

Non credo sia questa la sede per dibattere sui problemi del sistema giudiziario italiano. Dico solo che la parte peggiore qui l'ha giocata il team Williams intorbidendo le acque. Io non credo che l'abbiano fatto per nascondere colpe precise, ma piu` semplicemente per principio, creare confusione in modo che nessuno possa giudicare nessuno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che sia stato un tragico incidente di gara. Non ? giusto mettere in galera nessuno. Vi spiego perch?. L' errore di progettazione non ? stato in un pezzo che determinava la sicurezza dell' autovettura ma non calava le prestazioni tipo cinture di sicurezza, casco o quant' altro. Era nel puro interesse Williams che lo sterzo non si rompesse al fine di racimolare punti e di vincere la gara quindi nessuno pu? dire che ne hanno una colpa. Ripeto, se ad esempio la Williams avesse posto nella vettura di Senna delle cinture di sicurezza di cattiva qualit? al fine di risparmiare pur non compromettendo le prestazioni dimostrando che della vita del pilota non gliene potesse fregare di meno allora andrebbero messi tutti al rogo. Ma, per come sono andate le cose, penso che avrebbero modificato in tal modo lo sterzo di Ayrton anche se lui fosse stato figlio di Williams. 0aham.gif0aham.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

×