Jump to content
Sign in to follow this  
Hunaudieres

Imola '82

Recommended Posts

il problema che gli abitacoli quegli anni erano molto in avanti.. quindi non era sola ferrari a non essere sicura.... ma piu' di una vettura.... se vediamo la morte di Paletti ci rendiamo conto che quella poteva essere evitata... capisco la forza dell'impatto ma quegli abitacoli erano molto piu' delicati di quelli odierni...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao 312T4,

mio padre e' Antonio Giacobazzi e siamo stati sponsor di Gilles dal 1977 (appena arrivato), fino alla sua fine.

Ti ricordi Giacobazzi sulla tuta?

 

PS:

coincidenza, sai che la 312T4 del 1979 di Gilles ce l'abbiamo noi?

Grande annata!

 

 

sei il figlio di giacobazzi quello dei vini sponsor mi sembra dall'81 all'82'?

 

quando tuo padre parla dei fatti di zolder a cosa si riferisce?

 

 

volevo aggiungere che secondo me villeneuve era superiore a pironi,ma ad imola l'effetto scia avvantaggio' pironi..con quelle macchine la scia era notevole probabilmente villeneuve non riusci a staccarlo perche' con la scia pironi riusciva a riprenderlo..

 

se villeneuve avesse aspettato l'ultimo giro per sorpassarlo probabilmente avrebbe vinto,ma lo ha risuperato al penultimo,e con quei rettilinei e quelle macchine era facilissimo superare una volta presa la scia per cui lo risupero' all'ultimo giro e addio..

 

impossible dire come sarebbe andata il resto della stagione villenueve era fin li stato superiore in usa brasile,probabilmente a imola fu beffato dalla gara anomala e dalla tipologia del circuito...

 

certo all'inizio villeneuve gioco' con le renault e consumo' piu' benzina era tranquillo forse troppo,ma e' anche vero che doveva essere un vantaggio avere meno benzina,e comunque non credo che alla fine villeneuve facesse molti calcoli sulla benzina,voleva solo vincere anche a costo di rimanere a piedi...

 

 

riguardo l'incidente le cinture etc.. l'incidente fu terribile,una serie di carambole 5o 6,la macchina disintegrata,come potevano resistere le cinture di sicurezza? si era disintegrato anche il sedile e' ovvio che non potevano resistere

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

riguardo l'incidente le cinture etc.. l'incidente fu terribile,una serie di carambole 5o 6,la macchina disintegrata,come potevano resistere le cinture di sicurezza? si era disintegrato anche il sedile e' ovvio che non potevano resistere

 

Sull'incidente di Zolder ho letto che Villeneuve ebbe la prontezza mentre era in aria di spegnere il motore per non mandarlo fuori giri e quindi danneggiarlo. Nulla da dire. Un professionista fino in fondo. Credo che anche allora era sicuro in qualche modo di cavarsela.

Share this post


Link to post
Share on other sites

riguardo l'incidente le cinture etc.. l'incidente fu terribile,una serie di carambole 5o 6,la macchina disintegrata,come potevano resistere le cinture di sicurezza? si era disintegrato anche il sedile e' ovvio che non potevano resistere

 

Sull'incidente di Zolder ho letto che Villeneuve ebbe la prontezza mentre era in aria di spegnere il motore per non mandarlo fuori giri e quindi danneggiarlo. Nulla da dire. Un professionista fino in fondo. Credo che anche allora era sicuro in qualche modo di cavarsela.

 

scusami brabham ma sinceramente credo che questa sia una bufala giagantesca...basta rivedere l'incidente..

 

come fa villeneuve inquel momento a preoccuparsi che il motore non vada fuori giri e come fa a spegnerlo?

 

la macchina fa 5 6 avvitamenti su se stessi ad una velocita' almeno superiore ai 200 km/h e ad un' altezza di 7 8 metri!

 

l'unica cosa che puo' avre pensato villeneuve e':spero di non morire!...ma secondo me non ha avuto il tempo e il modo di pensare niente

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusami brabham ma sinceramente credo che questa sia una bufala giagantesca...basta rivedere l'incidente..

 

come fa villeneuve inquel momento a preoccuparsi che il motore non vada fuori giri e come fa a spegnerlo?

 

la macchina fa 5 6 avvitamenti su se stessi ad una velocita' almeno superiore ai 200 km/h e ad un' altezza di 7 8 metri!

 

l'unica cosa che puo' avre pensato villeneuve e':spero di non morire!...ma secondo me non ha avuto il tempo e il modo di pensare niente

 

 

L'ho letto sulla biografia di Gilles di Gerald Donaldson (un libro molto ben scritto)...Ti lascio il beneficio del dubbio, am ? molto difficile sia una bufala...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh direi che ? molto improbabile. Il motore si ? spento per altri motivi. Mi documenter?, questa non l'avevo mai sentita. Si trova facilmente quel libro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh direi che ? molto improbabile. Il motore si ? spento per altri motivi. Mi documenter?, questa non l'avevo mai sentita. Si trova facilmente quel libro?

 

secondo me e' assolutamente impossibile.. e poi ammesso che ne abbia avuto il tempo e il modo,con la macchina che vola in aria e sta per disintegrarsi pensate che il pilota pensi di spegnere il motore per non rovinarlo?

 

e' accaduto tutto in pochi attimi e quando sei per aria e ti rovesci su tu stesso di continuo a quella velocita' non hai il tempo di pensare a niente.. a testa in giu' col sangue al cervello... piloti che hanno avuto incidenti del genere hanno detto che l'unica cosa che hanno fatto e' pregare di non farsi male..

 

donnelly a monza disse di aver rivisto la propria vita come un film.

 

altri hanno detto di non aver pensato nulla di preciso..

 

ma che qualcuno si sia preoccupato di preservare il motore spegnendolo prorpio mai...

 

le biografie anche quelle scritte bene ,a volte eccedono in questi aneddoti..

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh anche amon in un volo a monza ... nella curva di lesmo... era a testa in giu' ma l'unica cosa che penso' era di trovare la chiavetta dell'accensione... e spegnere il motore.. non vedo cosa ci sia di strano? il bravo pilota le fa d'istinto queste cose

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh anche amon in un volo a monza ... nella curva di lesmo... era a testa in giu' ma l'unica cosa che penso' era di trovare la chiavetta dell'accensione... e spegnere il motore.. non vedo cosa ci sia di strano? il bravo pilota le fa d'istinto queste cose

In quel volo (nel '68 credo) perse un pezzo di lingua!

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh anche amon in un volo a monza ... nella curva di lesmo... era a testa in giu' ma l'unica cosa che penso' era di trovare la chiavetta dell'accensione... e spegnere il motore.. non vedo cosa ci sia di strano? il bravo pilota le fa d'istinto queste cose

 

la differenza e' che amon sopravvisse e pote' raccontarlo..se villeneuve e' morto nell'incidente com'e' stato possibile venire a conoscenza di questo fatto che solo il pilota poteva conoscere?

Share this post


Link to post
Share on other sites

forse qualcuno ha trovato la chiavetta girata.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

forse qualcuno ha trovato la chiavetta girata.....

 

ora che ci penso le macchine di f.1 non hanno la chiavetta di accensione...

Share this post


Link to post
Share on other sites

forse qualcuno ha trovato la chiavetta girata.....

 

ora che ci penso le macchine di f.1 non hanno la chiavetta di accensione...

eh si professore..non si chiamer? chiavetta...la vogliamo chiamare levetta o pulsantino...cmq ? un dispositivo che che stacca la corrente ... l'ha fatto amon e penso che l'avra' fatto pure Gilles .. e' un gesto che un pilota lo fa sempre d'istinto.... anch? perch? una scintilla puo' provocare un incendio.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao 312T4,

mio padre e' Antonio Giacobazzi e siamo stati sponsor di Gilles dal 1977 (appena arrivato), fino alla sua fine.

Ti ricordi Giacobazzi sulla tuta?

 

PS:

coincidenza, sai che la 312T4 del 1979 di Gilles ce l'abbiamo noi?

Grande annata!

 

 

sei il figlio di giacobazzi quello dei vini sponsor mi sembra dall'81 all'82'?

 

quando tuo padre parla dei fatti di zolder a cosa si riferisce?

 

 

volevo aggiungere che secondo me villeneuve era superiore a pironi,ma ad imola l'effetto scia avvantaggio' pironi..con quelle macchine la scia era notevole probabilmente villeneuve non riusci a staccarlo perche' con la scia pironi riusciva a riprenderlo..

 

se villeneuve avesse aspettato l'ultimo giro per sorpassarlo probabilmente avrebbe vinto,ma lo ha risuperato al penultimo,e con quei rettilinei e quelle macchine era facilissimo superare una volta presa la scia per cui lo risupero' all'ultimo giro e addio..

 

impossible dire come sarebbe andata il resto della stagione villenueve era fin li stato superiore in usa brasile,probabilmente a imola fu beffato dalla gara anomala e dalla tipologia del circuito...

 

certo all'inizio villeneuve gioco' con le renault e consumo' piu' benzina era tranquillo forse troppo,ma e' anche vero che doveva essere un vantaggio avere meno benzina,e comunque non credo che alla fine villeneuve facesse molti calcoli sulla benzina,voleva solo vincere anche a costo di rimanere a piedi...

 

 

riguardo l'incidente le cinture etc.. l'incidente fu terribile,una serie di carambole 5o 6,la macchina disintegrata,come potevano resistere le cinture di sicurezza? si era disintegrato anche il sedile e' ovvio che non potevano resistere

 

Ciao Rumpen78,

si' sono sono il figlio di Antonio (Giacobazzi) ed abbiamo sponsorizzato Gilles dal 1977 al 1982.

 

Tornando all'incidente, Gilles non e' morto per la botta sul paletto; era gia' morto.

Infatti le decellerazioni calcolate negli impatti contro il terrapieno, la picchiata e poi la catapulta sono state di

circa 300 G... come riportato da Sid Watkins, medico F1 e presente il giorno dell'incidente.

Ovvio che le cinture siano state strappate e che il seggiolino non sia rimasto attaccato alla scocca: e' stato un incidente pazzesco, non se ne usciva vivi in nessun modo...purtroppo.

E' stato scaraventato fuori dalla macchina e stringeva ancora il volante (che ha perso in volo), ha perso i guanti, una scarpa e nell'atterraggio sia casco che sotto casco...

 

La scocca Ferrari...le cinture... nessuno poteva salvarlo.

Se fosse poi anche stato possibile tenerlo legato alla scocca...sarebbe stato tagliato in 2 dalla violenza delle decellerazioni o peggio ancora ghigliottinato a meta' nell'atterraggio della sua Ferrari.

Share this post


Link to post
Share on other sites

foto del seggiolino....

post-7257-1166199550.jpg

post-7257-1166199586.jpg

post-7257-1166199611.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

forse qualcuno ha trovato la chiavetta girata.....

 

ora che ci penso le macchine di f.1 non hanno la chiavetta di accensione...

eh si professore..non si chiamer? chiavetta...la vogliamo chiamare levetta o pulsantino...cmq ? un dispositivo che che stacca la corrente ... l'ha fatto amon e penso che l'avra' fatto pure Gilles .. e' un gesto che un pilota lo fa sempre d'istinto.... anch? perch? una scintilla puo' provocare un incendio.....

 

 

secondo me villeneuve non ha avuto nenache il tempo di pensare.. a 200 orari se' imp?ennato subito, a testa ingiu' con testa che gira e sottoposto perfino a queste torsioni spaventose..

 

il fatto poi che lo dica un biografo inglese,dove l'avra saputo boh...da una seduta spiritica?! comunque se lo dite voi......

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alexf1 fan

 

anche perch? anche ipotizzando per assurdo che fosse sufficientemente lucido e veloce da fare una cosa del genere non sarebbe riuscito a trovarla mentre si faceva un looping e sbatteva ripetutamente sul terreno .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao 312T4,

mio padre e' Antonio Giacobazzi e siamo stati sponsor di Gilles dal 1977 (appena arrivato), fino alla sua fine.

Ti ricordi Giacobazzi sulla tuta?

 

PS:

coincidenza, sai che la 312T4 del 1979 di Gilles ce l'abbiamo noi?

Grande annata!

 

 

sei il figlio di giacobazzi quello dei vini sponsor mi sembra dall'81 all'82'?

 

quando tuo padre parla dei fatti di zolder a cosa si riferisce?

 

 

volevo aggiungere che secondo me villeneuve era superiore a pironi,ma ad imola l'effetto scia avvantaggio' pironi..con quelle macchine la scia era notevole probabilmente villeneuve non riusci a staccarlo perche' con la scia pironi riusciva a riprenderlo..

 

se villeneuve avesse aspettato l'ultimo giro per sorpassarlo probabilmente avrebbe vinto,ma lo ha risuperato al penultimo,e con quei rettilinei e quelle macchine era facilissimo superare una volta presa la scia per cui lo risupero' all'ultimo giro e addio..

 

impossible dire come sarebbe andata il resto della stagione villenueve era fin li stato superiore in usa brasile,probabilmente a imola fu beffato dalla gara anomala e dalla tipologia del circuito...

 

certo all'inizio villeneuve gioco' con le renault e consumo' piu' benzina era tranquillo forse troppo,ma e' anche vero che doveva essere un vantaggio avere meno benzina,e comunque non credo che alla fine villeneuve facesse molti calcoli sulla benzina,voleva solo vincere anche a costo di rimanere a piedi...

 

 

riguardo l'incidente le cinture etc.. l'incidente fu terribile,una serie di carambole 5o 6,la macchina disintegrata,come potevano resistere le cinture di sicurezza? si era disintegrato anche il sedile e' ovvio che non potevano resistere

 

Ciao Rumpen78,

si' sono sono il figlio di Antonio (Giacobazzi) ed abbiamo sponsorizzato Gilles dal 1977 al 1982.

 

Tornando all'incidente, Gilles non e' morto per la botta sul paletto; era gia' morto.

Infatti le decellerazioni calcolate negli impatti contro il terrapieno, la picchiata e poi la catapulta sono state di

circa 300 G... come riportato da Sid Watkins, medico F1 e presente il giorno dell'incidente.

Ovvio che le cinture siano state strappate e che il seggiolino non sia rimasto attaccato alla scocca: e' stato un incidente pazzesco, non se ne usciva vivi in nessun modo...purtroppo.

E' stato scaraventato fuori dalla macchina e stringeva ancora il volante (che ha perso in volo), ha perso i guanti, una scarpa e nell'atterraggio sia casco che sotto casco...

 

La scocca Ferrari...le cinture... nessuno poteva salvarlo.

Se fosse poi anche stato possibile tenerlo legato alla scocca...sarebbe stato tagliato in 2 dalla violenza delle decellerazioni o peggio ancora ghigliottinato a meta' nell'atterraggio della sua Ferrari.

 

infatti reputo assurde le considerazioni che qualcuno fa sulle cinture o sulla scocca..considerazioni del tipo << bastava farle un po' piu' resistenti>> << bastava irrobustire un po' piu' il telaio>> o addiritura <<come hanno fatto a staccarsi le cinture>>

 

basta vedere l'incidente e quello che e' rimasto della macchina per capire che era impossibile che ne uscisse vivo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chiedo scusa perch? ho fatto una citazione e avendo letto pi? libri sull'argomento pi? o meno contemporaneamente, e avendone prestato anche qualcuno in giro, solo ora ho avuto modo di verificare la fonte sull'informazione che avevo fornito e sulla quale si accesa la piccola polemica di Rumpen. Anche se ovviamente dal suo punto di vista (di Rumpen), ci? non serve a cambiare le cose, la fonte non ? di Donaldson, bens? di Mark Hughes (4 Volume de 'La Febbre della Velocit?', pag. 16) - Scrive Hughes:

 

L'ultima cosa che fece Villeneuve - l'ultima azione consapevole da pilota da corsa - quando la sua macchina decoll?, fu spegnere il motore per evitare che le ruote, girando improvvisamente a vuoto, facessero aumentare eccessivamente i giri del motore. Un bel dettaglio di una bella carriera che fece vedere in prospettiva i disgustosi litigi di uno sport immaturo. Uno dei primi ad arrivare sul luogo dell'incidente fu Pironi. Fu portato via sconvolto.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Chiedo scusa perch? ho fatto una citazione e avendo letto pi? libri sull'argomento pi? o meno contemporaneamente, e avendone prestato anche qualcuno in giro, solo ora ho avuto modo di verificare la fonte sull'informazione che avevo fornito e sulla quale si accesa la piccola polemica di Rumpen. Anche se ovviamente dal suo punto di vista (di Rumpen), ci? non serve a cambiare le cose, la fonte non ? di Donaldson, bens? di Mark Hughes (4 Volume de 'La Febbre della Velocit?', pag. 16) - Scrive Hughes:

 

L'ultima cosa che fece Villeneuve - l'ultima azione consapevole da pilota da corsa - quando la sua macchina decoll?, fu spegnere il motore per evitare che le ruote, girando improvvisamente a vuoto, facessero aumentare eccessivamente i giri del motore. Un bel dettaglio di una bella carriera che fece vedere in prospettiva i disgustosi litigi di uno sport immaturo. Uno dei primi ad arrivare sul luogo dell'incidente fu Pironi. Fu portato via sconvolto.

 

Mah?

Comunque se il volante della C2 aveva su di esso l'interruttore di accensione e spegnimento (on/off) ed essendo stretto nelle mani di Gilles durante il volo; sicuramente allora lo spegnimento e' stato automatico perche' i cavi elettrici erano contenuti nel piantone che era in volo anch'esso ancora attaccato al volante.

Personalmente dubito che possa essere materialmente possibile a quella velocita' ed energia G poter anche solo pensare una cosa del genere.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×