Jump to content
Chiappinik

Gp Italia 1978

Recommended Posts

Riguardo l'incidente di Ronnie Peterson,furono molte le cause:la partenza "lanciata" delle ultime file,Il rettilineo larghissimo che invitava a disporsi a ventaglio(non fu solo Patrese a oltrepassare la riga bianca a destra) e poi l'imbuto della chicane,il fatto che Peterson nelle prove aveva picchiato con la sua Lotus ed era stato costretto a prendere il via con la macchina di riserva(la versione precedente),meno robusta e protetta nella zona dei serbatoi;e poi anche il fatto che Peterson fece una brutta partenza.

Per inciso,fu Hunt a toccare Peterson,ma non perche' aveva di fianco Patrese:infatti Patrese rientro' dentro la linea bianca DAVANTI a Hunt

 

Ciao smile.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
blink.gif riguardo all'incidente del 78 di Petterson ho scaricato il primo filmato ed in effetti ? molto sgranato e la visibilit? non ? molto buona, nessuno mi potrebbe passare il link per vedere la seconda visuale e il 3? da 60 mega...? vorrei scarcarli e masterizzarli, ho masterizzato in DVD anche la puntata di Sfide dedicata a Gilles Villeneuve....pi? altri filmati e prove su pista, facendo una bella collezione di CD e DVD..........comunuqe le fratture di Petterson non sembravano molto gravi, tanto che prima di trasferirlo in ospedale aveva accennato qualcosa a Jabouille come per dire ci vediamo dopo.....invece quel maledetto embolo.......porca miseriacia ci ha portato via uno dei piloti spettacolari........!....davvero peccato

Share this post


Link to post
Share on other sites

cose che succedono, qualcuno come Fittipaldi disse che i medici all' ospedale sbagliarono intervenendo d'urgenza.

 

Pensate che addirittura Mark Donohue usc? da solo dalla sua macchina a Zeltweg nel 1975 e dopo qualche passo precipit? a terra. Mor? tre giorni dopo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Achille Varzi
Riguardo l'incidente del meccanico dietro l'auto di Patrese, si tratta del Gp del Belgio, 1981, a Zolder.

91771[/snapback]

Il meccanico si chiamava Dave Luckett. E si chiama ancora cosi`, visto che fortunatamente e` sopravvissuto riportando qualche frattura alle gambe. Pero` in quel weekend fu ucciso un meccanico dell'Osella, urtato durante le prove dalla Williams di Reutemann.

Share this post


Link to post
Share on other sites

infatti la protesta prima della partenza era contro le condizioni di lavoro ai box, come dimostrava il brutto incidente del meccanico che al momento dell' incidente non era ancora deceduto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le fratture di Peterson erano serissime:si parlava dell'amputazione di un tallone.

Circa l'embolia sopravvenuta all'intervento, all'ospedale Niguarda,non si e' capito molto.

Alcune fonti hanno attribuito all'anidride respirata per alcuni secondi le complicazioni respiratorie sopravvenute, altri hanno parlato di frammenti ossei, altri ancora di errore nell'anestesia e nei tempi del'intervento.

 

Comunque Ronnie Peterson e' stato un grandissimo pilota che purtroppo come altri grandi, non ha potuto fregiarsi del titolo di Campione del Mondo, ma per una cosi' cristallina classe sportiva questo e' un piccolo particolare!

 

F

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Le fratture di Peterson erano serissime:si parlava dell'amputazione di un tallone.

Circa l'embolia sopravvenuta all'intervento, all'ospedale Niguarda,non si e' capito molto.

Alcune fonti hanno attribuito all'anidride respirata per alcuni secondi le complicazioni respiratorie sopravvenute, altri hanno parlato di frammenti ossei, altri ancora di errore nell'anestesia e nei tempi del'intervento.

 

130882[/snapback]

 

Peterson non era grave, l'intervento a cui fu sottoposto ? stato tecnicamente perfetto. Mor? di embolia polmonare. Non centrano estitori e sostanze chimiche varie nel suo caso. La frattura estesa agli arti inferiori ? una delle cause pi? frequenti di embolia. (In seguito al trauma si formano spessi grumi di sangue, alcuni frammenti entrano in circolo fino a molte ore dopo l'incidente. I grumi circolano tranquillamente nei vasi grossi.. ma quando arrivano ai polmoni i vasi sono talmente piccoli che vengono intasati) Capita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

 

 

 

 

 

Peterson non era grave, l'intervento a cui fu sottoposto ? stato tecnicamente perfetto. Mor? di embolia polmonare. Non centrano estitori e sostanze chimiche varie nel suo caso. La frattura estesa agli arti inferiori ? una delle cause pi? frequenti di embolia. (In seguito al trauma si formano spessi grumi di sangue, alcuni frammenti entrano in circolo fino a molte ore dopo l'incidente. I grumi circolano tranquillamente nei vasi grossi.. ma quando arrivano ai polmoni i vasi sono talmente piccoli che vengono intasati) Capita.

 

 

 

 

 

 

Visti i dettagli scientifici da te sopra riportati ed anche in relazione alle tue competenze, secondo i dati in tuo possesso, si poteva evitare in qualche modo questa embolia?

Grazie

 

F

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi esistono dei farmaci che evitano la coagulazione del sangue. Nel 1978 non ti so dire se erano usati o meno. Per? sulle ambulanze e nei PS le embolie polmonari sono all'ordine del giorno, e in qualche caso ci si lascia la pelle.

 

(Poi pu? benissimo darsi che Peterson non sia stato assistito con perizia, non ho info per dire il contrario. E' solo una mia opinione)

Share this post


Link to post
Share on other sites

DIDIER 28 ha scritto:

''Riguardo l'incidente di Ronnie Peterson,furono molte le cause:la partenza "lanciata" delle ultime file,Il rettilineo larghissimo che invitava a disporsi a ventaglio(non fu solo Patrese a oltrepassare la riga bianca a destra) e poi l'imbuto della chicane,il fatto che Peterson nelle prove aveva picchiato con la sua Lotus ed era stato costretto a prendere il via con la macchina di riserva(la versione precedente),meno robusta e protetta nella zona dei serbatoi;e poi anche il fatto che Peterson fece una brutta partenza.

Per inciso,fu Hunt a toccare Peterson,ma non perche' aveva di fianco Patrese:infatti Patrese rientro' dentro la linea bianca DAVANTI a Hunt''

 

Cari amici,

qualcuno di voi ha notizie in merito alla macchina di riserva con cui Ronnie Peterson fu costretto a prendere il via?

specificamente:

1-che sigla aveva?

2-possibile che la lotus non avesse un muletto identico alle vetture ufficiali?

3-che ford-consworth aveva? mi sembra di ricordare che il motore montato non fosse proprio il meglio.

4-la striscia nera trovata dietro la lotus dal punto in cui e' partita fino al punto dove prese fuoco, potrebbe essere addebitabile ad un cattivo funzionamento del motore od addiruttura ad un grippaggio?

 

Pongo queste domande perche' sto tentando di ricostruire se la casa inglese doto' intenzionalmente Peterson,per favorire Andretti, di un mezzo meccanico conseguenzialmente anche poco sicuro.

Infatti gli appassionati ben conoscono gli accordi di inizio stagione tra Peterson e Colin Chapmann che prevedevano che lo svedese, tornato alla lotus,diventata competitiva, dopo averla lasciata nel 1976 nei guai,avesse il ruolo di seconda guida.

Durante la stagione Peterson fu piu' veloce di Andretti, ma tenne sempre le consegne, andando a vincere solo quando il caposquadra ebbe problemi meccanici.

Tuttavia, a fine stagione, lo svedese inizio' a scalpitare e chiese di giocarsi il titolo a Monza.

 

Grazie per chi vuole contribuire a fornire le suddette informazioni

 

Filippo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

all'epoca (settembre 78) peterson aveva gi? firmato per mclaren per il 79 ma aveva giurato di rispettare il contratto e di non fare scherzi ad andretti- domenica durante il warm-up usc? di strada alla roggia-macchina inutilizzabile- il team per non sfavorirlo gli mont? sul muletto (una vecchia lotus 78 il modello del 1977 in pratica) il motore della macchina incidentata-evidentemente il motore aveva imbarcato sabbia (specificatamente gli iniettori) infatti durante il giro di schieramento (non di ricognizione) Peterson torn? ai box lamentandosi del motore ma mancavano pochi minuti al via e a quel punto non si poteva fare niente.

Aggiungo che la sua partenza sbagliata ? sicuramente dovuta a questo problema...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stavo riguardando il video del gp d'Italia 1978. Le immagini a mia disposizione sono pessime e sgranate. Potremmo discutere a lungo sull'incidente e sulle sue cause. Ma quello che mi colpisce di pi? ? un pilota arrabbiatissimo in pista subito dopo l'incidente. Se la prende con tutti quelli che cercano di calmarlo. Chi ? questo pilota e perch? ? cos? eccessivamente arrabbiato?

81580[/snapback]

 

Regazzoni disse a Ecclestone :"Bernie di m...dov'? il medico per cui paghiamo 3000 dollari a testa? dov'??" Il dott.Watkins era al bar a bersi un caff?...

(fonte= autosprint nr.37/1978)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Achille Varzi

Un ottimo resoconto con una sola inesattezza. Non ci fu alcun contatto tra la vettura di Hunt e quella di Patrese.

 

Per il resto, la spiegazione medica sembra confermare che Ronnie mori` principalmente per un concorso di circostanze, l'ultima delle quali, l'embolo grasso, ancora oggi difficilmente controllabile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Achille....se avessero posizionato un filtro cavale (e non era fantascenza all'epoca), Ronnie sarebbe ancora vivo. Sorvolo sul costo del filtro cavale !!!!!!

 

L'embolie cosiddette grassose o lipidiche, non sono cos? rare, soprattutto nelle fratture multiple delle ossa lunghe delgi arti inferiori.

 

Lascio a voi giudicare l'operato medico dell'epoca.

 

 

***

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pongo queste domande perche' sto tentando di ricostruire se la casa inglese doto' intenzionalmente Peterson,per favorire Andretti, di un mezzo meccanico conseguenzialmente anche poco sicuro.

Sull'episodio ironizz? lo stesso Peterson : "...una macchina veramente inguidabile... spero che si tratti di un caso fortuito e non di uno scherzo perch? ormai non sono pi? della Lotus". Fatto sta che dovette ricorrere alla vecchia 78, evidentemente molto meno competitiva e la differenza balzava all'occhio anche nel confronto con le non- wing car (io ero alle prove e lo vidi girare con quella tragica 78) .Da qui per? a pensare che fosse poco sicura ce ne corre.

 

Se dovessi trovare una causa per quell'incidente, qualunque sia stata la precisa dinamica dei fatti (probabilmente un contatto Hunt-Peterson) mi concentrerei di pi? sull'approssimazione con la quale a quei tempi venivano date le partenze.

Spesso non si aspettava che tutte le vetture fossero ferme dopo il giro di ricognizione (o prima del via, dato che un tempo si partiva direttamente dallo schieramento dove le macchine venivano portate a spinta), con la conseguenza che le vetture delle retrovie sopravanzavano quelle davanti e il caos diventava inevitabile, sopratttutto se qualcuno partiva male, come accadde a Peterson. A volte poi neppure si prestava troppa attenzione all'esatto posizionamento delle vetture e basta dare un 'occhiata a qualche filmato delle corse di quegli anni per rendersi conte dei pericoli cui si andava incontro (circolavano diversi documentari interessanti, ora penso non pi?...e sappiamo chi ringraziare rolleyes.gif )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti a quei tempi la partenza anticipata era un optional, per non bruciare la frizione o restare fermi tutti cominciavano a muoversi lentamente prima del verde. La partenza anticipata si riferiva a casi molto eclatanti.

 

Ho visto il GP del Brasile del 1977: anche l? i piloti corrono rischi inutili. Un pilota si schianta alla terza curva (credo fosse Peterson o Depailler) e viene portato in ambulanza che viaggia in pista insieme a tutte le macchine che vanno a palla. Il bello che uno dei piloti coinvolti nell' incidente viene accompagnato ai box con una pickUp, anch'essa in mezzo alle vetture in gara.

 

Credo che sia un miracolo il fatto che siano morti cos? pochi piloti in quelli anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho visto il GP del Brasile del 1977: anche l? i piloti corrono rischi inutili. Un pilota si schianta alla terza curva (credo fosse Peterson o Depailler) e viene portato in ambulanza che viaggia in pista insieme a tutte le macchine che vanno a palla. Il bello che uno dei piloti coinvolti nell' incidente viene accompagnato ai box con una pickUp, anch'essa in mezzo alle vetture in gara.

211583[/snapback]

 

gi? e hai visto come lo trasportano depailler sull'ambulanza? a braccia!

 

Tornando a Peterson ? considerato normale aspettare 24 ore prima di operare un plurifratturato agli arti inferiori afinch? si stabilizzino le sue condizioni...infatti con Pironi aspettarono 24 ore nonostante la gravit? delle sue condizioni; con Peterson operarono dopo poche ore...

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque a giudicare dalle foto e dal documentario contenuto in "pole position" (1980) le gambe di Ronnie erano devastate. Sid Watkins diceva che la polizia, creando un cordone per evitare che troppi tifosi invadessero la pista, ritardavano i soccorsi. Il primo a essere soccorso fu Brambilla che entr? in coma colpito da una ruota

Share this post


Link to post
Share on other sites

×