Jump to content
Sign in to follow this  
ForzaFerrari

L'incidente di Dale Earnhardt

Recommended Posts

Premetto che non mi sono mai interessato di Nascar. C'è un evento che mi ha sempre incuriosito ed è l'incidente di Dale Earnhardt avvenuto durante la 500 miglia di Daytona del 18 febbraio 2001. C'è qualcuno che magari sa spiegarmi con precisione ciò che è successo? Vedendo le immagini e i video pare un incidente banale eppure gli è costato la vita.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Semplice questione di angolo di impatto (stessa cosa capitata a Scott Brayton a Indy). 

 

Adesso ovviamente arriva @chatruc e ci smerda con scioltezza sudamericana.  

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lessi altrove anche l'ipotesi di un malore, è una boiata? Comunque spero che chatruc possa chiarire i miei dubbi, d'altronde era pure tifoso di Dale.

Edited by ForzaFerrari

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 ore fa, ForzaFerrari ha scritto:

Lessi altrove anche l'ipotesi di un malore, è una boiata? Comunque spero che chatruc possa chiarire i miei dubbi, d'altronde era pure tifoso di Dale.

 

E chi non lo era, tifoso del baffo che conquista. :amore:

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 ore fa, ForzaFerrari ha scritto:

Premetto che non mi sono mai interessato di Nascar. C'è un evento che mi ha sempre incuriosito ed è l'incidente di Dale Earnhardt avvenuto durante la 500 miglia di Daytona del 18 febbraio 2001. C'è qualcuno che magari sa spiegarmi con precisione ciò che è successo? Vedendo le immagini e i video pare un incidente banale eppure gli è costato la vita.

 

Se non sbaglio tempo fa pure io aprii un topic a riguardo, o forse ne parlammo in uno di qualche stagione NASCAR.

 

Comunque come ha detto @Asturias l'angolo di impatto è stato fatale per quanto si siano visti incidenti ben peggiori senza danni. 

 

Poi sì, aspettiamo @chatruc che potrà spiegarti per filo e per segno cosa successe

18 ore fa, ForzaFerrari ha scritto:

Lessi altrove anche l'ipotesi di un malore, è una boiata? Comunque spero che chatruc possa chiarire i miei dubbi, d'altronde era pure tifoso di Dale.

 

No, nessun malore né tantomeno morte dovuta ad un'altra leggenda metropolitana, ovvero che earnhardt si allentasse le cinture negli ultimi giri delle gare.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Impatto con angolo sbagliato e mancanza di un dispositivo tipo HANS che potesse bloccare il collo in casi di incidenti simili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate la mia assenza ma sono in pieno lutto nazionale, personale e spirituale.

 

Considerate le varie ammucchiate che capitavano pure a quei tempi, anche per me, a prima vista, l'incidente sembrò normale. Invece, se sentite il commento di Darrell Waltrip appena vede l'incidente, lui da esperto capisce subito che si tratta di qualcosa di brutto.

 

La macchina subisce l'effetto pendolo per una quasi impercettibile toccata da parte di Sterling Marlin e vira tutta a destra. Tutta la quantità di moto (o quasi) va in direzione perpendicolare al muro. Di fatto ha fatto un frontale a 310 km/h contro un muro in cemento. Con questo mi sono spiegato. Senza collare HANS, è una morte quasi sicura. Ci fu poi il giallo delle cinture, rimaste slacciate. Non si seppe mai se si fossero slacciate prima o dopo l'incidente.

 

L'incidente è abbastanza paragonabile a quello di Senna, nel senso che il brasiliano non è uscito tangente alla curva. In tal caso, l'angolo d'impatto sarebbe stato molto minore. Invece la sua monoposto, per motivi diversi, prese una bella sterzata a destra finendo con un angolo decisamente peggiore.

 

Un incidente ancora più simile, è quello di Gordon Smiley a Indianapolis nel 1982. Sempre per altri motivi ancora, la vettura va in sovrasterzo, fa effetto pendolo e finisce frontale a muro.

 

L'incidente di Earnhardt è stato l'omologo di quello di Senna in NASCAR. L'anno prima, nelle tre serie nazionali, erano morti Kenny Irwin, Adam Petty e Ted Christopher. Si pensava fossero fatalità e non se ne fece niente. Si era abituati a qualche decesso ogni tanto (vedi Neil Bonnett e Rodney Orr nel 1994, JD McDuffie nel 1991, Grant Adcox nel 1989, Rick Baldwin nel 1986, Terry Schoonover nel 1984 e Bruce Jacobi nel 1983 (tanto per dire quelli delli ultimi 20 anni nella sola Winston Cup). Con Earnhardt invece cambiò tutto. Caschi integrali e cinture di sicurezza diventarono obbligatori. A fine stagione venne sviluppato l'HANS. Nel 2002 vennero introdotti i muri soffici SAFER. Nel 2003 la botola superiore di sicurezza e infine, dal 2007, la COT, un tipo di vettura completamente nuova che fece garantire livelli di sicurezza incredibile, ma che fu pure l'inizio del declino della categoria.

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chiarissimo, grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, chatruc ha scritto:

Un incidente ancora più simile, è quello di Gordon Smiley a Indianapolis nel 1982. Sempre per altri motivi ancora, la vettura va in sovrasterzo, fa effetto pendolo e finisce frontale a muro.

 

L'incidente più impressionante che abbia mai visto, lo fecero vedere al tg quel giorno, non me lo sono mai dimenticato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece pensa come è andata in quel tragico 2001.

 

Grazie al canale della base di Aviano, guardo la gara in diretta in bianco e nero senza commento. A 18 giri dal termine, avviene la megacarambola che elimina mezzo gruppone. Stewart sembra in brutte condizioni perchè il tetto è schiacciato, ma lui si muove dentro. Si riparte dopo la bandiera rossa e all'ultima curva avviene il botto. Bestemmie perchè volevo che vincesse lui. Non avendo volume, chiudo tutto e vado a dormire. Al giorno successivo, sono a casa di un amico a Udine nel TG sportivo della RAI partono con "incidente mortale nella gara automobilistica in USA...". Subito dico a voce alta "non è possibile, Stewart si muoveva!". Invece subito parlano di Earnhardt e sono rimasto a bocca aperta.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, chatruc ha scritto:

Io invece pensa come è andata in quel tragico 2001.

 

Grazie al canale della base di Aviano, guardo la gara in diretta in bianco e nero senza commento. A 18 giri dal termine, avviene la megacarambola che elimina mezzo gruppone. Stewart sembra in brutte condizioni perchè il tetto è schiacciato, ma lui si muove dentro. Si riparte dopo la bandiera rossa e all'ultima curva avviene il botto. Bestemmie perchè volevo che vincesse lui. Non avendo volume, chiudo tutto e vado a dormire. Al giorno successivo, sono a casa di un amico a Udine nel TG sportivo della RAI partono con "incidente mortale nella gara automobilistica in USA...". Subito dico a voce alta "non è possibile, Stewart si muoveva!". Invece subito parlano di Earnhardt e sono rimasto a bocca aperta.

Mi immagino lo shock...

Edited by ForzaFerrari

Share this post


Link to post
Share on other sites

declino categoria come mai?sicurezza e competizione non vanno daccordo io lo penso ancora

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non c'entra la sicurezza, in assoluto. Qui non hanno riempito le piste di chicane.

 

La NASCAR è crollata per una sorta di tempesta perfetta causata da tanti fattori. Forse quelli detonanti sono stati la COT e la crisi del 2009. Alcuni fattori erano ben presenti nei periodi di massima popolarità ma non bastavano a causare la crisi. Ecco i fattori:

 

COT: quella vettura, ha un principale difetto. E' brutta. Sembra stupido ma è così. Se tu prendi la F1 attuale e dal 2021 fai correre vetture a forma di FE, il pubblico si dimezza.

 

Crisi: con la crisi del 2008, la gente che andava alle piste non aveva più soldi per andarci. Andare alle gare non è come andare allo stadio, dove ci vai dopo pranzo in autobus. Le piste sono fuori città e stare in giro da uno a tre giorni costa parecchio, soprattutto se non hai lavoro. Persa la gente sulle piste, le stesse si disaffezionano.

 

Competitività: questo è il nocciolo della questione. Le gare sono veramente noiose. Le vetture faticano a superarsi. Chi sta davanti scappa anche se fino alla pace car precedente faticava a metà gruppo. Qui, come sempre, la problematica è aerodinamica e non c'è verso di risolverla. Aggiungiamoci i simulatori, il gioco è fatto.

 

Piste tagliaburro: queste sono come quelle di Tilke in F1, tutte uguali e alla fine stufano.

 

Nuovi mercati: la logica è stata quella di lasciare piste storiche per andare su nuove città. Tutti ok finché c'era pubblico. Ora hanno perso il pubblico nuovo e i tifosi storici.

 

Regole: stupide. Vista la noia di cui sopra, i vertici NASCAR hanno deciso di inserire una serie di regole da Grande Fratello che fanno invidia alla FE. Questo viene aborrato da tutti i tifosi NASCAR.-

 

Copertura mediatica: come dappertutto, il livello della copertura televisiva è passata da giornalistica a vanziniana.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×