Jump to content
Sign in to follow this  
Beyond

[Verità Cubitali] Conte dittatore del nostro cuore

Recommended Posts

Continua la dittatura del più amato premier del secolo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo, un governo costituito da due partiti che negli ultimi due anni hanno perso praticamente tutte le lezioni possibili e immaginabili, e che scappano dal voto come se quest'ultimo fosse un attentato alla democrazia, è realmente un qualcosa di mai visto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Torniamo allo stesso discorso di ieri, PD ed M5S hanno formato una maggioranza parlamentare ed è giusto che governino.

Edited by ForzaFerrari

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, ForzaFerrari ha scritto:

Torniamo allo stesso discorso di ieri, PD ed M5S hanno formato una maggioranza parlamentare ed è giusto che governino.

No! El pueblo unido! 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma dove sono finiti quelli che hanno rovesciato i tavoli e lanciato in aria le sedie quando qualcuno parlò di "pieni poteri"? 

Sembra provochi più indignazione parlarne che non esercitarli per davvero.

:asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sarebbe anche da chiedersi qual è la funzione del dormiente del Quirinale, a parte stare zitto o firmare qualsiasi provvedimento che gli arriva dal governo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non riesco a capire perchè secondo qualcuno questo governo sarebbe meno legittimo di quello precedente M5S- Lega visto che si basa sugli stessi identici presupposti.

Spiegazioni in proposito sono gradite.

Regards.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
14 minuti fa, MartinM ha scritto:

Ci sarebbe anche da chiedersi qual è la funzione del dormiente del Quirinale, a parte stare zitto o firmare qualsiasi provvedimento che gli arriva dal governo. 

Guarda che il presidente della repubblica deve firmare un decreto/legge a meno che non sia anticostituzionale. La sua funzione è quella solita: nominare il presidente del consiglio (con l'accordo della maggioranza), nominare i ministri che vengono scelti dal presidente del consiglio ecc.

Edited by ForzaFerrari

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, ForzaFerrari ha scritto:

Guarda che il presidente della repubblica deve firmare un decreto/legge a meno che non sia anticostituzionale. La sua funzione è quella solita: nominare il presidente del consiglio (con l'accordo della maggioranza), nominare i ministri che vengono scelti dal presidente del consiglio ecc.

 

Bravo figlio mio, ti sto crescendo proprio bene :qq:

 

P.s. si torna sempre al punto che dicevo qualche giorno fa.

La politica in questo paese fa schifo, il PD fa schifo anche a me e si sta dimostrando un partito anti-meridionalista e sempre più succube dell'ideologia leghista (tranne quando si parla di sicurezza e immigrazione, temi abbandonati alla lega), ma il problema e che la destra di questo paese e i giornalai che la supportano fanno molto più schifo di loro. Talmente schifo che persino Conte, che sembrava un burattino, e Speranza (no dico...SPERANZA) si stanno rivelando dei governanti decenti.

 

Non oso immaginare cosa sarebbe successo se questo paese fosse stato in mano a Salvini

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Kimimathias ha scritto:

Ma dove sono finiti quelli che hanno rovesciato i tavoli e lanciato in aria le sedie quando qualcuno parlò di "pieni poteri"? 

Sembra provochi più indignazione parlarne che non esercitarli per davvero.

:asd:

Eccomi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Ma quale PD antimeridionalista, il mezzogiorno è il principale beneficiario dell'assistenza e degli aiuti statali.

Non capendo invece chi chi va premiato è chi produce, non chi aspetta i soldi dallo Stato.

Edited by MartinM

Share this post


Link to post
Share on other sites
27 minuti fa, MartinM ha scritto:

Ma quale PD antimeridionalista, il mezzogiorno è il principale beneficiario dell'assistenza e degli aiuti statali.

Non capendo invece chi chi va premiato è chi produce, non chi aspetta i soldi dallo Stato.

 

caspita che cosa incredibile! gli aiuti statali vanno a catanzaro più che a brescia! assurdo complotto ingiustizia!

oltre al fatto che la storia che il sud "ruba" risorse al nord è una panzana che continua a resistere purtroppo, il fatto è che vanno premiati tutti, e dati sussidi per creare lavoro nelle aree dove non ce n'è. solo così l'italia potrebbe ambire a una unità sociale che i savoia conquistandola hanno spezzato. non è certo dando più soldi al nord e togliendoli al sud che si migliorano le cose.

 

 

2 ore fa, Leno ha scritto:

Non riesco a capire perchè secondo qualcuno questo governo sarebbe meno legittimo di quello precedente M5S- Lega visto che si basa sugli stessi identici presupposti.

Spiegazioni in proposito sono gradite.

Regards.

 

 

non c'è niente da spiegare, la risposta è banale. la storia del popolo e del voto a comando torna ciclicamente, ora supportata dai populisti storici, ora da quelli di nuova leva.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
33 minuti fa, MartinM ha scritto:

Ma quale PD antimeridionalista, il mezzogiorno è il principale beneficiario dell'assistenza e degli aiuti statali.

Non capendo invece chi chi va premiato è chi produce, non chi aspetta i soldi dallo Stato.

 

Rispondo solo per dovere di cronaca sempre per il discorso che è un forum pubblico.

 

Quella del Nord "locomotiva" del paese è la puttanata con cui sono anni che si giustifica l'ingiusto travaso di risorse da Sud verso Nord, il tutto avvenuto con la complicità anche del Pd e dei vari servi governatori del Sud tipo Caldoro e Fitto.

Se da un lato c'è una realtà (non grande come i media vogliono far credere) che va modificata al Sud, sia dal punto di vista scolastico, che della legalità che culturale, dall'altro abbiamo uno pseudostato che sono 20 anni che ha completamente dimenticato di fare investimenti al Sud Italia, abbandonandolo nell'arretratezza infrastrutturale e produttiva con la scusa dei criteri di ripartizione delle risorse basati sul "costo storico", probabilmetne perchè fa comodo travasare, non solo denaro, ma anche risorse umane a basso costo da Sud a Nord, tutto a scapito anche di voi ignoranti miopi leghisti che non capite che non investire al Sud significa avere una grandissima domanda di lavoro che si sposta e tiene bassi i salari.

 

Negli ultimi 20 anni l'Italia è praticamente a crescita 0, perchè è evidente che se non si investe nella parte più povera del paese (e ripeto che non parlo di assistenza con cose inutili tipo il reddito di cittadinanza di cui mediamente i beneficiari sono in tutto il paese, ma parlo di INVESTIMENTI, sia nel settore privato che pubblico, dato che un'altra cosa che voi pseudo liberali di destra o leghisti non capite è che l'amministrazione pubblica e il suo personale è fondamentale per portare avanti un paese), l'intera Italia non crescerà mai più.

 

La Germania invece è cresciuta, ma non solo grazie all'euro, ma perché ha investito seriamente nell'Est (che ancora oggi non ha recuperato il gap, per far capire quanto lunghi sono certi processi), grazie anche a una tassazione diversa all'interno dello stesso paese. Cosa che qua sarebbe del tutto inaccettabile data la miopia dei nostri governanti, confindustria etc.

 

E che il Nord abbia succhiato risorse al Sud è un fatto ormai più che assodato, basta andarsi a leggere il rapporto dello Svimez 

https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/analisi/1203992/tolti-al-sue-e-dati-al-nord-840-miliardi-di-euro-in-17-anni.html

dal 2000 al 2017 lo Stato italiano ha sottratto appunto al Sud 840 miliardi di euro. Facile poi parlare di criminalità, assistenzialismo etc. 

 

E già si è capito che con il Recovery plan andrà a finire allo stesso modo dato che tutti i vari amministratori del Nord si stanno prodigando per mangiarsi tutte le risorse nonostante i criteri di ripartizione che dovrebbero privilegiare il Sud.

Il tutto dimenticandosi che il 40% degli investimenti fatti al Sud si riversano direttamente nell'economia del Nord. 

 

Quindi caro @MartinM, muto

Edited by ForzaFerrari88

Share this post


Link to post
Share on other sites

Permesso che uno che finisce un post scrivendo "muto" ha gravi problemi di insicurezza che dovrebbe affrontare, ci sono innumerevoli indicatori della tendenza parassitaria del Sud a partire dal residuo fiscale (si veda ad esempio il celebre saggio di ricolfi sul sacco del Nord), per conseguire il con il numero abnorme di dipendenti delle pubbliche amministrazioni (molti dei quali trasferiti al nord non per fare impresa ma per fare i dipendenti), con il numero altrettanto abnorme di percettori di reddito di cittadinanza et similia, con il numero impressionante di truffe alle assicurazioni, all'INPS, tendenza generalizzata all'illegalità rispetto al nord.

Giusto ieri c'era un interessante statistica sulla richiesta di nuovi arredi in occasione del covid-19 dalle regioni allo Stato centrale: in val d'Aosta la richiesta si è fermata al 6%, in Trentino e in Veneto al 12%, in Sicilia e Campania siamo tra il 60% e il 70%. Sono piccoli segnali ma davvero ci sarebbero decine di dati a conferma. Sarebbe anche interessante, giusto come curiosità, recuperare la statistica storica sul numero dei forestali al Sud e al nord, ma anche sul funzionamento e i costi della sanità perché no etc etc etc etc etc

 

Ma d'altra parte è anche comprensibile che i lavoratori dipendenti, meridionali, che votano a sinistra, debbano sostenere certe posizioni.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

2 minuti fa, MartinM ha scritto:

Permesso che uno che finisce un post scrivendo "muto" ha gravi problemi di insicurezza che dovrebbe affrontare, ci sono innumerevoli indicatori della tendenza parassitaria del Sud a partire dal residuo fiscale (si veda ad esempio il celebre saggio di ricolfi sul sacco del Nord), per conseguire il con il numero abnorme di dipendenti delle pubbliche amministrazioni (molti dei quali trasferiti al nord non per fare impresa ma per fare i dipendenti), con il numero altrettanto abnorme di percettori di reddito di cittadinanza et similia, con il numero impressionante di truffe alle assicurazioni, all'INPS, tendenza generalizzata all'illegalità rispetto al nord.

Giusto ieri c'era un interessante statistica sulla richiesta di nuovi arredi in occasione del covid-19 dalle regioni allo Stato centrale: in val d'Aosta la richiesta si è fermata al 6%, in Trentino e in Veneto al 12%, in Sicilia e Campania siamo tra il 60% e il 70%. Sono piccoli segnali ma davvero ci sarebbero decine di dati a conferma. Sarebbe anche interessante, giusto come curiosità, recuperare la statistica storica sul numero dei forestali al Sud e al nord, ma anche sul funzionamento e i costi della sanità perché no etc etc etc etc etc

 

Ma d'altra parte è anche comprensibile che i lavoratori dipendenti, meridionali, che votano a sinistra, debbano sostenere certe posizioni.

 

il discorso sopra di forzaferrari88 non fa una piega, e infatti non hai potuto controbattere in nessun aspetto, ti sei limitato a ripetere la solfa del sud che ruba, che non vuole lavorare ecc ecc.

la verità è che lo stato italiano come sopra scritto non ha investito nel sud, per cui scuola, sanità, infrastrutture, industria e lavoro restano sempre lontani dal livello del centro nord. ergo assistiamo ad un continuo travaso di giovani leve costrette a spostarsi dal sud per farsi una vita. la maggiore criminalità e cose correlate sono una conseguenza di questo sopra, perchè è cosa nota che dove c'è povertà i criminali spadroneggiano. 

quindi mio caro martin se vuoi vedere meno disparità e più onestà devi dare più soldi al sud non di meno come la ridicola campagna leghista vuole convincerci. resta ovvio che questi soldi devono essere gestiti bene e non dati alla cazzo di cane, ma di problemi di questo tipo legati all'amministrazione l'italia è piena a tutti i livelli, non solo al sud, vedi i ripetuti scandali nella leghista lombardia.

chiudo ripetendo una cosa che dovrebbe essere ovvia: l'italia è una nazione e dovrebbe essere unita, il benessere di palermo vale come quello di treviso, è indecente pensare che ognuno dovrebbe pensare a sè e chi si è visto si è visto.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Poi si dice che non siamo un paese razzista, litighiamo anche tra nord e sud. Finiamola con queste solfe che il sud ruba i soldi al nord ecc, dobbiamo essere un paese unito.

Edited by ForzaFerrari
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un po' di soldi dal sud qua?

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, MartinM ha scritto:

1)Permesso che uno che finisce un post scrivendo "muto" ha gravi problemi di insicurezza che dovrebbe affrontare

 

2) ci sono innumerevoli indicatori della tendenza parassitaria del Sud a partire dal residuo fiscale (si veda ad esempio il celebre saggio di ricolfi sul sacco del Nord),

 

3)per conseguire il con il numero abnorme di dipendenti delle pubbliche amministrazioni (molti dei quali trasferiti al nord non per fare impresa ma per fare i dipendenti),

 

4)con il numero altrettanto abnorme di percettori di reddito di cittadinanza et similia,

 

5)con il numero impressionante di truffe alle assicurazioni, all'INPS,

 

6) tendenza generalizzata all'illegalità rispetto al nord.

 

7) Ma d'altra parte è anche comprensibile che i lavoratori dipendenti, meridionali, che votano a sinistra, debbano sostenere certe posizioni.

 

1) che ridere

 

2) falso e ti faccio leggere anche un paio di articoli del sole24 che non è certo un giornale prosud: https://www.econopoly.ilsole24ore.com/2019/11/13/milano-italia-polemica/?refresh_ce=1 ; https://www.econopoly.ilsole24ore.com/2019/08/05/giovani-lasciano-mezzogiorno/

 

Inoltre sottolineo che senza il Sud, le industrie del Nord perderebbero il 60-70% del loro mercato. Quindi quando si parla di residui fiscali bisogna anche stare molto attenti.

 

3) ovviamente falso:  "Le posizioni nella classifica italiana cambiano invece molto se il numero dei dipendenti pubblici viene rapportato a quello dei residenti (bambini e anziani inclusi). A fronte di una media italiana del 5,3%, le regioni con la maggior concentrazione di dipendenti pubblici rispetto alla popolazione residente sono infatti quelle a Statuto speciale.

A guidare la classifica è infatti la Valle d'Aosta (11.826 dipendenti, pari al 9,3% dei residenti) davanti a Trentino Alto Adige (82.090 dipendenti, 7,7%), Friuli Venezia Giulia (83.413 dipendenti, 6,8%) e Sardegna (109.123 dipendenti, 6,6%).

L'unica eccezione in tal senso è costituita dal terzo posto del Lazio che sconta l'elevato numero di sedi istituzionali presenti a Roma (407.141 dipendenti, 6,9%).

In fondo a questa particolare classifica si collocano invece regioni più popolate ed economicamente più sviluppate come Lombardia (410.923 dipendenti, 4,1%) e Veneto (223.336 dipendenti, 4,6%). Al di sotto della media nazionale troviamo anche Campania (282.048 dipendenti, 4,8%), Piemonte (216.810 dipendenti, 4,9%), Puglia (205.885 dipendenti, 5,1%) ed Emilia Romagna (228.306 dipendenti, 5,1%)"

 

https://www.ilmessaggero.it/economia/news/statali_occupati_italia-4700126.html#:~:text=I dipendenti pubblici in Italia,quanto accade nei paesi scandinavi.

 

4) Evidente come in una zona più povera, e di molto, ci siano più percettori di una misura assistenziale. (sulla quale io sono contrario, piuttosto era meglio investire questi soldi in un rinnovamento del personale amministrativo ormai vecchio e incapace ad affrontare il mondo moderno)

 

5) -6) veri in parte, ma consenguenza anche di uno Stato che non investe in lavoro e istruzione. Dove c'è povertà c'è più degrado e più microcriminalità, questo è un fatto e non dipende certo da caratteristiche intrinseche e morali della popolazione.

Per quanto riguarda invece livelli alti di criminalità siamo tutti sullo stesso piano.

 

7) Forse tu non hai capito con chi hai a che fare. 

Prima cosa rivendico tutta la vita il mio essere di sinistra (e per questo il PD non mi rappresenta come partito di sx). 

Seconda cosa io sono Napoletano, Meridionale, Italiano ed Europeo. Non me ne frega un ca**o della provenienza delle persone, ma le valuto solo per quello che dicono e fanno.

Terza cosa, tranquillo che io sarò pure un dipendente, ma non sono un servo di nessuno e ringrazia che la mia scelta di vita è stata quella di restare qua a casa mia anche a costo di qualche sacrificio in più e per fare una famiglia con la mia compagna che per fortuna lavora qua.

perché altrimenti avrei "rubato" il lavoro a qualche leghista come te a Milano e prendendo anche 10k in più di quelli che prendo ora.

 

Buona giornata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minutes ago, Beyond said:

 

 

il discorso sopra di forzaferrari88 non fa una piega, e infatti non hai potuto controbattere in nessun aspetto, ti sei limitato a ripetere la solfa del sud che ruba, che non vuole lavorare ecc ecc.

la verità è che lo stato italiano come sopra scritto non ha investito nel sud, per cui scuola, sanità, infrastrutture, industria e lavoro restano sempre lontani dal livello del centro nord. ergo assistiamo ad un continuo travaso di giovani leve costrette a spostarsi dal sud per farsi una vita. la maggiore criminalità e cose correlate sono una conseguenza di questo sopra, perchè è cosa nota che dove c'è povertà i criminali spadroneggiano. 

quindi mio caro martin se vuoi vedere meno disparità e più onestà devi dare più soldi al sud non di meno come la ridicola campagna leghista vuole convincerci. resta ovvio che questi soldi devono essere gestiti bene e non dati alla ca**o di cane, ma di problemi di questo tipo legati all'amministrazione l'italia è piena a tutti i livelli, non solo al sud, vedi i ripetuti scandali nella leghista lombardia.

chiudo ripetendo una cosa che dovrebbe essere ovvia: l'italia è una nazione e dovrebbe essere unita, il benessere di palermo vale come quello di treviso, è indecente pensare che ognuno dovrebbe pensare a sè e chi si è visto si è visto.

 

Ormai siete diventati come quelli di prima che si danno ragione da soli e si costruiscono una piccola realtà a loro uso e consumo evitando di leggere i post degli altri e di fare i conti con i fatti.

Solo che quelli di prima lo facevano con Senna, voi lo fate con la sinistra il meridione l'assistenzialismo è più in generale la politica. Buona continuazione.

 

Ah, giusto una nota di colore, tanto per... Questi erano dati che 2016, poi magari Consip avrà risolto il problema...

Siringhe per l’insulina: quanto costano a una Asl? Non si dovrebbe dire “dipende”, ma è esattamente ciò che avviene, alla faccia della retorica sui costi standard. Il divario tra il Nord Italia e il Sud è dirompente: prendendo come esempio sempre la stessa siringa per insulina si scopre che a comprarla in una Asl o un ospedale del Nord, per esempio, negli ospedali veneti, costa 4 centesimi e nel Sud lievita a 24.

 

Aghi, garze, protesi, siringhe. Tutto pagato a peso d’oro, ma soprattutto con differenze che toccano anche l’800% tra un ospedale e l’altro d’Italia. Ad andare a spulciare nei conti delle Asl del Belpaese è stata l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici e quello che emerge dall’ultimo rapporto è il caos. Comprare una siringa sterile dovrebbe costare ad una Asl o un ospedale solo 2 centesimi di euro, e non 65 centesimi come avviene in qualche parte della penisola.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, MartinM ha scritto:

 

Ormai siete diventati come quelli di prima che si danno ragione da soli e si costruiscono una piccola realtà a loro uso e consumo evitando di leggere i post degli altri e di fare i conti con i fatti.

Solo che quelli di prima lo facevano con Senna, voi lo fate con la sinistra il meridione l'assistenzialismo è più in generale la politica. Buona continuazione.

 

Ah, giusto una nota di colore, tanto per... Questi erano dati che 2016, poi magari Consip avrà risolto il problema...

Siringhe per l’insulina: quanto costano a una Asl? Non si dovrebbe dire “dipende”, ma è esattamente ciò che avviene, alla faccia della retorica sui costi standard. Il divario tra il Nord Italia e il Sud è dirompente: prendendo come esempio sempre la stessa siringa per insulina si scopre che a comprarla in una Asl o un ospedale del Nord, per esempio, negli ospedali veneti, costa 4 centesimi e nel Sud lievita a 24.

 

Aghi, garze, protesi, siringhe. Tutto pagato a peso d’oro, ma soprattutto con differenze che toccano anche l’800% tra un ospedale e l’altro d’Italia. Ad andare a spulciare nei conti delle Asl del Belpaese è stata l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici e quello che emerge dall’ultimo rapporto è il caos. Comprare una siringa sterile dovrebbe costare ad una Asl o un ospedale solo 2 centesimi di euro, e non 65 centesimi come avviene in qualche parte della penisola.

 

 

continui a sviare e a non controbattere sui punti da noi esposti. sei irrecuperabile :assonnato:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×