Jump to content
Sign in to follow this  
Beyond

Piloti ricchi e piloti poveri

Recommended Posts

Ispirato dal posto sul campione operaio del nostro amato lewis, vorrei parlare delle condizioni economiche che avevano i piloti di f1 al loro debutto.

 

tra i piloti benestanti campioni, pensavo a questa lista da integrare coi vostri suggerimenti

 

Farina - Il padre aveva una importante autocarrozzeria

Hawthorn - 

Clark - famiglia di proprietari terrieri

Stewart - il padre aveva un concessionario di auto sportive

Lauda - famiglia di banchieri

Piquet - il padre fu anche ministro in Brasile

Senna - come clark

D. Hill - figlio di Graham

N. Rosberg - come hill

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra i privilegiati direi anche Sainz e Max Verstappen... Figli di piloti. Non male.

Gli Schumacher erano figli di un muratore. Mansell a inizio carriera lavorava per correre. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di Senna Ciccarone disse che la piccola fazenda aveva un'estensione pari alla Lombardia però non so' se in seguito alle ricchezze accumulate da Ayrton perchè AS diceva che la famiglia era benenestante ma non ricchissima

Share this post


Link to post
Share on other sites

a parte i paperon de paperoni tipo stroll,rebaque e tanti altri, tutti -chi più chi meno- era benestante.... di poveri  poveriforse non ce ne sono mai stati....forse gilles  villeneuve? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, pigeiarvei ha scritto:

a parte i paperon de paperoni tipo stroll,rebaque e tanti altri, tutti -chi più chi meno- era benestante.... di poveri  poveriforse non ce ne sono mai stati....forse gilles  villeneuve? 

 

vabe senza stare a guardare ai centesimi, l'idea è di distinguere chi viene da un background agiato come un senna e chi da una famiglia qualsiasi come raikkonen

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche Pedro Paulo Diniz era ricco, sua padre era proprietario di una grande azienda e durante la sua carriera potè contare su ingenti sponsor.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il principe Bira

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il povero Fernando Alonso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parlando dei campioni del mondo ancora in attività nel 2020:

 

Riguardo Hamilton, perché viene citato ma in realtà si approfondisce poco sulla figura del padre di Lewis. Wikipedia cita un articolo del 2006 dell'Observer. Il padre lavorava come gestore dei servizi IT ma decise di licenziarsi per diventare un terzista, facendo anche tre lavori contemporaneamente. Creò anche la propria compagnia informatica successivamente. Il supporto di McLaren, iniziato nel 1998, chiuse poi questo periodo.

Il padre di Vettel, Norbert, era un carpentiere. La madre Heike una casalinga.

 

Il padre di Kimi, Matti, era inizialmente un costruttore di strade. La moglie Paula era impiegata. Per finanziare la carriera kart del figlio, Matti lavorò anche come guidatore di taxi e buttafuori dei locali.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×