Jump to content
Sign in to follow this  
MartinM

Mattia Binotto con lo Stelvio tutto rotto

Recommended Posts

ma come rimuovono il "metodo" Marchionne e siete tutti contenti?

in altri post ho letto che erano grazie a questo i risultati del 2018 e 2019... 

 

IMHO questo metodo doveva essere preso subito dopo l'insediamento di Harry Potter

proprio perchè ha preteso il comando, doveva da subito esserne l'unico resonsabile

 

sempre IMHO questo servirà solo per avere un pretesto per tagliarlo... vedremo :sisi: 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si stanno avverando le mie previsioni. Teste che rotolano, Rory che torna.

 

Il metodo Marchionne si è rivelato un fallimento collossale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 21/7/2020 Alle 17:35, L.Costigan ha scritto:

Bellissimo titolo!

 

Se fosse in lingua italiana sarebbe meglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, chatruc ha scritto:

Si stanno avverando le mie previsioni. Teste che rotolano, Rory che torna.

 

Il metodo Marchionne si è rivelato un fallimento collossale.

Quel metodo può funzionare solo quando si rema tutti nella stessa direzione e c'è un leader importante ( A me Marchionne non piaceva ma sicuramente aveva una leadership forte). Se non sono presenti quei due ingredienti finisce sempre che tutti cercano di dare la colpa ad altri quando le cose non vanno come devono andare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un classico italiano. La colpa è di chi c'era prima, lo dicono sempre anche i governi, poi se per disgrazia,  quello che c'era prima è anche morto, si danza sulle CD eneri.....Se si chiamava metodo Marchionne  vuol dire che lui ne era il protagonista. Adesso che non c'è più da due anni, mi pare quanto meno bizzarro e irrispettoso della sua memoria, dire che non funziona, anche perché quando c'era lui funzionava e i risultati, inconfutabilmente erano ml migliori della banda potter.....altro che colpa sua..... la colpa è di chi c'è adesso....

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

il metodo Marchionne ha prodotto le due migliori macchine da 10 anni a questa parte 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Ruberekus ha scritto:

il metodo Marchionne ha prodotto le due migliori macchine da 10 anni a questa parte 

Esatto.  Ben detto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti è grazie alla presenza di Marchionne, anche politica, che si è finalmente vista una Ferrari competitiva.

Parlare di "metodo Marchionne" in modo negativo è veramente una puttanata. Il problema forse è che manca Marchionne e chi  c'è al suo posto non è in grado neanche di innaffiare un albero di Natale

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per criticare l'operato maranelliano di Marchionne ci vuole molta immaginazione.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Comunque con Marchionne il capo c‘era: era lui. Lui era la chioccia, era il parafulmine, era il riferimento per tutti. La struttura orizzontale sotto di lui non era affatto un problema, perché chi sgarrava avrebbe pagato.

 

Una struttura verticale con un capo senza autorità o che non incute fiducia nei subordinati è inutile e deleteria.

 

È importante avere un manager capace nelle scelte umane che sappia valorizzare, motivare e responsabilizzare tutti coloro che sceglie e di conseguenza tutti coloro che lavorano con lo stesso obiettivo.

 

Quello che è riuscito a fare Toto insomma: è riuscito a creare un gruppo enorme di menti e braccia che lavora per vincere sempre, nei secoli dei secoli, unendo tecnici, meccanici, esperti di diritto sportivo e civile, la FIA (per farsi i regolamenti e poter rubare) e Pirelli (per avere le gomme desiderate, che la concorrenza non digerisce).

 

Questo è un manager.

 

---

 

Wolff ha iniziato la sua carriera negli sport motoristici nel 1992 nella Formula Ford austriaca. Nel 1994 ha vinto la 24 Ore del Nürburgring nella sua categoria. Nel 2002 ha concluso al sesto posto il campionato mondiale FIA NGT e ha vinto una gara.[1] Ha fondato la società di investimento Marchfifteen nel 1998 e la Marchsixteen investimenti nel 2004. Gli investimenti iniziali erano incentrati su società di internet e della tecnologia.

Dal 2003 Wolff si è concentrato su investimenti strategici in società industriali e quotate di medie dimensioni. Gli investimenti comprendono tra l'altro il tedesco HWA AG, in cui Wolff ha acquistato una partecipazione del 49% nel 2006 e quotata la società in borsa nel 2007. La società gestisce il programma di gara Deutsche Tourenwagen Masters per Mercedes Benz, sviluppa motori F3 e la vettura da corsa di Mercedes Benz SLS Gullwing GT3. Altri investimenti sono in BRR Rallye Corsa, una delle più grandi produttrici di rally in Europa e vincitore nel 2008 del Mondiale Produzione Rally Championship (PWRC) con l'allora Red Bull Junior Andreas Aigner, e nel 2011 vincitore della Super 2000 World Rally Championship (S-WRC) con pilota Juho Hänninen.

Wolff è comproprietario di una società di gestione sportiva con Mika Häkkinen ed è stato coinvolto nella gestione di piloti quali Bruno Spengler, Alexandre Prémat e Valtteri Bottas. Nel 2010 è stato annunciato che Wolff avesse comprato una quota della Williams F1, entrando nel consiglio di amministrazione del gruppo. Nel 2012 è stato nominato Direttore Esecutivo.

Nel 2013, è stato annunciato che avrebbe lasciato la Williams per diventare direttore esecutivo della Mercedes GP. Oltre a far parte del team, ha anche acquisito il 30% di Mercedes Grand Prix, il team di F1 della Mercedes. Wolff ha assunto il coordinamento di tutte le attività motorsport di Mercedes-Benz, responsabilità precedentemente detenuta da Norbert Haug. Wolff rimane un azionista Williams, ma non ha nessun ruolo all'interno del team. Ha iniziato a lavorare in Mercedes il 28 gennaio 2013. Nel 2014 ha venduto il 10% di Williams all' imprenditore americano Brad Hollinger, e poi nel 2016 il restante 5%.

 

Non un pinco pallino qualsiasi...

Edited by crucco
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magari il problema del metodo Marchionne era che poteva funzionare solo con Marchionne.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Con il metodo Marchionne siamo passati dalla F14T, alla SF71H, dire che è stato fallimentare non lo trovo corretto.

Magari aveva dei difetti e andava perfezionato, visto che era da poco alla presidenza, ma è innegabile che ha funzionato.

Una struttura orizzontale funziona bene se i vari gruppi sono ben coordinati e motivati. La struttura verticale funziona nell'aziendina con 50 persone, non in un team con 1000 persone, dove bisogna andare a cercare il pelo nell'uovo per cavare fuori 2 decimi.

Edited by Aviatore_Gilles

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti. 

 

Marchionne ara Marchionne, pochi ca**i, e hai voglia a dire che c´è la struttura orizzontale e la Ferrari dei ragazzi, quando sopra hai un leader (un pescecane) di quel livello. 

 

Poi ci si è messa la sfiga (e la vita). 

 

E intanto per dire, in Mercedes hanno Kallenius (si legge "Scellènius", è svedese), che è il fratello cattivo dell´Imperatore Sith (da far rimpiangere il bonario baffo in avatar di @Aviatore_Gilles). 

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, rimatt ha scritto:

Magari il problema del metodo Marchionne era che poteva funzionare solo con Marchionne.

 

Alla lunga il metodo si è rivelato fallimentare. Un vero metodo funziona se riesce a funzionare pure con nomi diversi in testa.

 

Esempi: il metodo "Juventus" e il metodo "Barcelona" funzionano anche facendo a meno di fior di allenatori e pur con calciatori diversi. Il metodo Ron Dennis funzionava con Barnard, Murray, Nichols e Oakley, Watson, Lauda, Prost e Senna.

 

Marchionne fece delle mosse azzardate che a breve termine si rivelarono giuste ma che alla lunga hanno portato a questo disastro. Le ottime seconde linee hanno funzionato alla grande come prime linee e le terze come seconde, ma il problema è che poi è venuto a mancare il ricambio. Troppa gente è stata mandata via in fretta (Sassi, James Allison) e quindi nessuno ha voluto più venire a Maranello. Marchionne ha voluto risparmiare molto sugli ingaggi mandando via gente un po' sopravvalutata (Tombazis, Alonso, Montezemolo, Fry) e Allison e facendo cassa. Marchionne è il padre del famoso 38%.

 

I problemi della Ferrari sono:

1) Galleria del vento: Costa lo diceva nel 2009 che era da fare una nuova e Montezemolo disse "la ritariamo e ti arrangi".

 

2) Simulatore e processo dati: la Mercedes vince grazie a Qualcomm, la Ferrari non ha un omologo all'altezza.

 

3) Organizzazione: Maranello è un pollaio.

 

4) Budget: la gestione sportiva contribuisce (di poco) ai grandi guadagni Ferrari Spa. che servono al gruppo FCA per fare cassa e investire in altre cose.

Share this post


Link to post
Share on other sites
26 minuti fa, chatruc ha scritto:

 

Alla lunga il metodo si è rivelato fallimentare. Un vero metodo funziona se riesce a funzionare pure con nomi diversi in testa.

 

Esempi: il metodo "Juventus" e il metodo "Barcelona" funzionano anche facendo a meno di fior di allenatori e pur con calciatori diversi. Il metodo Ron Dennis funzionava con Barnard, Murray, Nichols e Oakley, Watson, Lauda, Prost e Senna.

 

Marchionne fece delle mosse azzardate che a breve termine si rivelarono giuste ma che alla lunga hanno portato a questo disastro. Le ottime seconde linee hanno funzionato alla grande come prime linee e le terze come seconde, ma il problema è che poi è venuto a mancare il ricambio. Troppa gente è stata mandata via in fretta (Sassi, James Allison) e quindi nessuno ha voluto più venire a Maranello. Marchionne ha voluto risparmiare molto sugli ingaggi mandando via gente un po' sopravvalutata (Tombazis, Alonso, Montezemolo, Fry) e Allison e facendo cassa. Marchionne è il padre del famoso 38%.

 

I problemi della Ferrari sono:

1) Galleria del vento: Costa lo diceva nel 2009 che era da fare una nuova e Montezemolo disse "la ritariamo e ti arrangi".

 

2) Simulatore e processo dati: la Mercedes vince grazie a Qualcomm, la Ferrari non ha un omologo all'altezza.

 

3) Organizzazione: Maranello è un pollaio.

 

4) Budget: la gestione sportiva contribuisce (di poco) ai grandi guadagni Ferrari Spa. che servono al gruppo FCA per fare cassa e investire in altre cose.

 

Beh se non sbaglio il nuovo simulatore dovrebbe partire quest'anno. Quello vecchio è un derivato dallara del 2010 semplicemente aggiornato. Almeno cosi avevo letto.

 

Concordo con te su Marchionne. Le sue migliori idee sono state di finanza straordinaria (acquisizione di Chrysler a costo "0" , lo spin off di Ferrari). Allison lo ha cacciato sicuro per motivi di soldi, 100%.

 

Poi che ci siano problemi di budget è palese. Davvero pensate che Ferrari spenda quanto Mercedes che questi non solo hanno tirato giu 1 secondo dall'anno scorso quando erano già i più veloci ma avevano un team dedicato alla tecnologia DAS che stavano sviluppando da anni? In F1 non conta solo l'efficienza ma anche chi spende di più.

 

Piccola precisazione Ferrari non fa più parte del gruppo FCA. E' stato fatto uno spin off da Marchionne stesso perchè la società, essendo inglobata in FCA, era fortemente sottovalutata dal mercato. Ora rientra semplicemente sotto Exor.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una cosa non riesco a capire: l´auto di quest´anno è frutto del lavoro di Cardile e Sanchez.

 

E cosa fa Binotto? Li sposta in una nuova (creata ad hoc) area sullo sviluppo e la supercazzola?

 

Promuoveatur bla bla moveatur oppure è il classico rimpasto all´italiana (cambio tutto per non cambiare nulla)?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi comunque penso che sia tutto il gruppo FCA, Agnelli, Elkann ecc ad essersi bevuti il cervello, non solo Binotto ad godere nel prendere schiaffi.
Ma come diavolo è possibile che FIAT metta il proprio logo su una Mercedes in un campionato (GT World challenge) in cui corrono anche Ferrari? 

Già il fatto di mettere il proprio marchio su una vettura di un altro costruttore non del proprio gruppo mi sembra fuori dal mondo. 
Farlo poi in un campionato in cui hai una vettura di un produttore del gruppo Exor, con il medesimo presidente mi sembra ancor più ridicolo. 
Aggiungiamoci il fatto poi che in F1, la categoria più esposta del motorsport, Exor ha 2 marchi impegnati contro Mercedes, la cosa prende poi una piega ancor più ironica. 

In un mondo in cui i piloti di F1 non hanno libertà di scelta delle vetture nei videogiochi se giocate online, questi vanno a mettere il proprio logo, il logo della compagnia "madre" del gruppo, su quella del principale rivale. 
 

Schermata 2020-07-25 alle 19.10.08.png

Share this post


Link to post
Share on other sites
53 minuti fa, Bigmeu ha scritto:


Ma come diavolo è possibile che FIAT metta il proprio logo su una Mercedes in un campionato (GT World challenge) in cui corrono anche Ferrari? 


 

Schermata 2020-07-25 alle 19.10.08.png

 

Noi ci rodiamo il fegato e questi ci prendono in giro con ste cose che non esistono né in cielo e ne in terra!!!

Ridicoli è poco!!!

È tutta una zuppa!!!

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Asturias ha scritto:

Una cosa non riesco a capire: l´auto di quest´anno è frutto del lavoro di Cardile e Sanchez.

 

E cosa fa Binotto? Li sposta in una nuova (creata ad hoc) area sullo sviluppo e la supercazzola?

  

Promuoveatur bla bla moveatur oppure è il classico rimpasto all´italiana (cambio tutto per non cambiare nulla)?

Bisogna anche considerare il contesto. Quanto budget hanno messo a disposizione per questa vettura (spoiler: poco), quanto faceva cagare il telaio della SF 90, quanto ha influito il ban del motore? Io sono incazzato con quei due per la SF 90 più che per la 1000. Solo un investimento enorme e un progetto totalmente nuovo avrebbero potuto cambiare le cose.

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Bombarolo di Torino ha scritto:

Bisogna anche considerare il contesto. Quanto budget hanno messo a disposizione per questa vettura (spoiler: poco), quanto faceva cagare il telaio della SF 90, quanto ha influito il ban del motore? Io sono incazzato con quei due per la SF 90 più che per la 1000. Solo un investimento enorme e un progetto totalmente nuovo avrebbero potuto cambiare le cose.

 

Però la SF90 andava come una bestia, sia sui pistoni sia sui toboga tipo Sochi e Singa. 

 

Era una m***a il discorso gestione delle gomme ma insomma...nulla di drammatico in confronto al cesso della 1000.

 

Certo poi se pensiamo ai missili 2017 e 2018 e allo spreco che ne è stato fatto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×