Jump to content

Recommended Posts

Certo, eviti gli sputazzi. Ma siccome non sai chi è malato e la faccenda degli asintomatici è venuta fuori quasi subito, sentire la Capua che diceva che non servono se non sei malato  fa venire i brividi, col senno di poi.

Così come sapere da fine gennaio che la botta sarebbe arrivata anche qui e non aver preso nessuna contromisura: mancavano tamponi, mascherine, tutto. Ma lo sapevano da un mese....

Share this post


Link to post
Share on other sites

🔴 #Coronavirus, aggiornamento ore 18

• Attualmente positivi: 104.657
• Deceduti: 27.682 (+323, +1,2%)
• Dimessi/Guariti: 71.252 (+2.311, +3,4%)
• Ricoverati in Terapia Intensiva: 1.795 (-68, -3,7%)
• Tamponi: 1.910.761 (+63.827)

Totale casi: 203.591 (+2.086, +1%)

Numeri di oggi simili a ieri. Teniamo duro e speriamo bene.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il discorso delle mascherine è perché sono di diverso tipo: ci sono quelle "egoiste" e quelle "altruiste". Nel primo caso servono a non prendersi il virus ma chi le indossa può sputacchiare fuori, le altre evitano che tu sputacchi fuori ma entra di tutto.

 

Quelle da sala operatoria per capirsi sono di questo secondo tipo: servono per evitare di infettare il campo sterile, non per proteggere il chirurgo. Nel caso il paziente abbia malattie trasmissibili per via aerea devono infatti utilizzare altri tipi di dpi.

 

 

Ovvio che considerare un tipo piuttosto che un altro fa cambiare radicalmente il senso del discorso.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Milano e quelle polmoniti dei bambini
a gennaio: «Forse è stato l’inizio del Covid»

 

 

quello che non capisco è come sia possibile che col virus che girava da circa 2 mesi in lombardia, una volta che si è saputo a metà gennaio del virus in cina nessuno abbia fatto un collegamento. capisco la sorpresa, ma possibile che da metà gennaio a metà febbraio al nord tutti a farsi domande senza minimamente indagare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, Ruberekus ha scritto:

secondo il documento del comitato tecnico scientifico, la riapertura delle scuole sarebbe l'elemento che di gran lunga contribuirebbe a far ricrescere l'epidemia: in una situazione di liberi tutti l'R0 sarebbe 2.29, con le sole scuole chiuse crollerebbe a 1.72, la differenza più grossa rispetto a qualunque altra misura contenitiva, facendo passare l'occupazione massima delle terapie intensive da 190k a 120k

 

certo che per credere che solo con qualche libertà in più a giugno si arriverebbe a 150k ricoverati in terapia intensiva (quando il picco è stato di 4k ai primi di aprile, ovvero quando gli effetti del lockdown erano solo agli inizi) ci vuol un bell'atto di fede

 

probabilmente i numeri si riferiscono a tutta l'italia in situazione di emergenza, non solo 4 province. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, SuperScatto ha scritto:

Il discorso delle mascherine è perché sono di diverso tipo: ci sono quelle "egoiste" e quelle "altruiste". Nel primo caso servono a non prendersi il virus ma chi le indossa può sputacchiare fuori, le altre evitano che tu sputacchi fuori ma entra di tutto.

 

Quelle da sala operatoria per capirsi sono di questo secondo tipo: servono per evitare di infettare il campo sterile, non per proteggere il chirurgo. Nel caso il paziente abbia malattie trasmissibili per via aerea devono infatti utilizzare altri tipi di dpi.

 

 

Ovvio che considerare un tipo piuttosto che un altro fa cambiare radicalmente il senso del discorso.

 

Sì, chiaro. Io mi riferivo a quelle più semplici, che vengono distribuite gratuitamente (qui a casa mia sono arrivate due volte), che sono poco più di un pezzo di stoffa. Sono quelle che riducono moltissimo il rischio di infettare gli altri, ma proteggono poco o nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, Beyond ha scritto:

Milano e quelle polmoniti dei bambini
a gennaio: «Forse è stato l’inizio del Covid»

 

 

quello che non capisco è come sia possibile che col virus che girava da circa 2 mesi in lombardia, una volta che si è saputo a metà gennaio del virus in cina nessuno abbia fatto un collegamento. capisco la sorpresa, ma possibile che da metà gennaio a metà febbraio al nord tutti a farsi domande senza minimamente indagare?

 

 

Ciao Bey, queste polmoniti atipiche erano in italia già da fine 2019 ma subito non ci si dava importanza.

stanno cercando di capire come è avvenuta quella famosa impennata dei contagi che ci ha portato poi fin qui

questo non hanno ancora capito.

cos'è stato che ha reso questo virus cosi virulento

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, Beyond ha scritto:

Milano e quelle polmoniti dei bambini
a gennaio: «Forse è stato l’inizio del Covid»

 

 

quello che non capisco è come sia possibile che col virus che girava da circa 2 mesi in lombardia, una volta che si è saputo a metà gennaio del virus in cina nessuno abbia fatto un collegamento. capisco la sorpresa, ma possibile che da metà gennaio a metà febbraio al nord tutti a farsi domande senza minimamente indagare?

 

Non solo: in Lombardia tutti a far finta di niente e a minimizzare. Ho letto qui di quel primario che è stato allontanato perché voleva far indossare le mascherine a tutti quelli che lavoravano nel suo reparto (ovviamente prima che scoppiasse l'emergenza)? Si è fatto finta di nulla fino a quando è stato possibile, vale a dire fino a quando non si è ammalata una persona giovane e sana.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma lo stesso paziente 1 di Codogno (il 38enne) è stato trovato perché l'anestesista che l'ha visitato (la seconda volta, dopo essere stato mandato a casa una prima) ha forzato i protocolli facendogli il test, cosa che non era prevista

 

 

comunque https://www.repubblica.it/cronaca/2020/04/29/news/coronavirus_in_calabria_riprendono_domani_bar_e_ristoranti_all_aperto-255219395/?ref=RHPPTP-BH-I255203068-C12-P5-S1.8-T1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sarà molto da riflettere su questo 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene, ci voleva qualcuno che facesse da cavia. Però, fino a che non si capisce quali conseguenza porterà quest'apertura, in Veneto niente calabresi, grazie.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Ruberekus ha scritto:

ma lo stesso paziente 1 di Codogno (il 38enne) è stato trovato perché l'anestesista che l'ha visitato (la seconda volta, dopo essere stato mandato a casa una prima) ha forzato i protocolli facendogli il test, cosa che non era prevista

 

 

comunque https://www.repubblica.it/cronaca/2020/04/29/news/coronavirus_in_calabria_riprendono_domani_bar_e_ristoranti_all_aperto-255219395/?ref=RHPPTP-BH-I255203068-C12-P5-S1.8-T1

 

 

ehhh non deve essere facile governare quella regione...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, rimatt ha scritto:

Bene, ci voleva qualcuno che facesse da cavia. Però, fino a che non si capisce quali conseguenza porterà quest'apertura, in Veneto niente calabresi, grazie.

 

Si, l'ho pensato anche io... la Calabria è un po' come il Button della situazione che passa per primo dalle intermedie alle slick. Se gli dice bene, guadagna un sacco, altrimenti arriva ultimo, solo che qui in ballo c'è la vita della gente...

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, rimatt ha scritto:

Bene, ci voleva qualcuno che facesse da cavia. Però, fino a che non si capisce quali conseguenza porterà quest'apertura, in Veneto niente calabresi, grazie.

“Rasssisssta!”

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, The-Flying-Finn ha scritto:

“Rasssisssta!”

 

5073714_1007_coronavirus_sud.jpg

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
33 minuti fa, Antonio91 ha scritto:

Si, l'ho pensato anche io... la Calabria è un po' come il Button della situazione che passa per primo dalle intermedie alle slick. Se gli dice bene, guadagna un sacco, altrimenti arriva ultimo, solo che qui in ballo c'è la vita della gente...

 

È anche vero che in Calabria ci sono stati pochissimi casi (poco più di 1000 con meno di 100 morti in tutta la regione... figurati che solo a Verona siamo a oltre 4600 contagi e oltre 400 morti), quindi quest'ansia di ritorno alla normalità è molto comprensibile, visto che di fatto là la situazione è sempre stata abbastanza normale. Non ha molto senso che le misure restrittive siano le stesse che in Lombardia, a ben pensarci.

 

Certo, rimane sempre da capire se lo scarso numeo di contagi è dovuto a condizioni specifiche della regione (temperature alte, minor inquinamento, minor densità abitativa...) o agli effetti del lockdown, che in Calabria è arriivato in un momento in cui il virus si era appena affacciato. Un po' l'uno e un po' l'altro, senz'altro... ma quanto ha inluito un fattore e quanto l'altro?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
46 minuti fa, Aerozack ha scritto:

Non c'era quel virologo francese che avrebbe dimostrato che gli anticorpi sopravvivevano poco?

I virologi piu accreditati li trovi tutti in un luogo che frequenti quotidianamente :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×