Jump to content

Recommended Posts

5 ore fa, Ruberekus ha scritto:

Non per niente hanno pure riaperto quel mercato osceno a Whuan questi non imparano proprio niente 

Share this post


Link to post
Share on other sites
50 minuti fa, jeremy.clarkson ha scritto:

Coronavirus: Boris Johnson moved to intensive care
https://www.bbc.com/news/uk-52192604

 

So' volatili per diabetici... 

 

https://www.corriere.it/esteri/20_aprile_06/coronavirus-boris-johnson-terapia-intensiva-b8ebfa8e-783b-11ea-98b9-85d4a42f03ea.shtml

Share this post


Link to post
Share on other sites
54 minuti fa, jeremy.clarkson ha scritto:

Coronavirus: Boris Johnson moved to intensive care
https://www.bbc.com/news/uk-52192604

 

Ahi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Tutto interessante, ma:

- conoscendo le persone, ora fanno tutti i moralisti, I perbenisti e I difensori dei deboli e dell'ambiente, ma quando tutto si sistemerà torneranno a fare le stesse identiche cose di prima

 

- Non modificherà le nostre abitudini. Come ora ci manteniamo a distanza dalle persone per una questione di sopravvivenza, dopo ritorneremo ad avvicinarci, ovvio che non avverra di colpo, ma sarà graduale. L'uomo è un animale sociale e soprattutto dimentica.

 

- Parlo per me. Sarò un'ipocrita insensibile agli occhi degli altri, ma io continuo a fare tutto quello che facevo prima. Ovvio mi attengo alle disposizioni, ma non è che ho cancellato le mie passioni per dovere  di quarantena. Ordino da internet ciò che voglio e ciò che mi serve, anzi ho aumentato gli ordini, visto che I vari negozi sono chiusi. Per questo non mi sento in colpa nei confronti dei corrieri, che fanno il loro lavoro e che rispetto molto. Anzi li ringrazio per gli extra che stanno facendo.

 

- Lo smart working non può funzionare per tutti. Non basta portarsi a casa le cose dall'ufficio, bisogna allestirsi un vero e proprio ufficio a casa, isolato da tutto, altrimenti sono distrazioni continue. Parlo personalmente; le mie cose le faccio, ma ora è facile visto che siamo a ritmi ridotti, ma in condizioni normali non so se riuscirei a seguire tutto con la necessaria concentrazione. L'ambiente domestico è appunto ambiente domestico, luogo dove si rallentano I ritmi e si cerca la tranquillità, il lavoro in questo ambiente ne risente.

Forse non sono pronto io, ma preferisco ancora l'ufficio, proprio per separare le due cose.

 

- Politicamente non so se cambierà qualcosa. A vedere gli interventi di illustri governanti, direi che questa situazione non ha insegnato nulla.

Edited by Aviatore_Gilles
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, jeremy.clarkson ha scritto:

Coronavirus: Boris Johnson moved to intensive care
https://www.bbc.com/news/uk-52192604

 

Poetic justice

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, rimatt ha scritto:

sono d'accordo soprattutto dove si parla di moralismo e ricerca di capri espiatori, e della facilità con cui gli italiani hanno accettato pesanti restrizioni della libertà personale

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque devo dire che, al netto di alcune uscite infelici e dell'atteggiamento da capetto (che non mi piace e mai mi piacerà), mi sembra che Zaia sia uno dei governatori di Regione che meglio si sono mossi e che più si sono dati da fare in tutta questa situazione di emergenza. Dall'immediata chiusura di Vo' alla politica dei tamponi (se ne fanno sempre troppo pochi, ma comunque molti più che altrove), se non altro non si è limitato a predicare. E la situazione, in Veneto, è (relativamente) sotto controllo.

9 minuti fa, Ruberekus ha scritto:

sono d'accordo soprattutto dove si parla di moralismo e ricerca di capri espiatori, e della facilità con cui gli italiani hanno accettato pesanti restrizioni della libertà personale

 

Anch'io, come puoi immaginare era soprattutto quella la parte che più interessava.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, Aviatore_Gilles ha scritto:

- Lo smart working non può funzionare per tutti. Non basta portarsi a casa le cose dall'ufficio, bisogna allestirsi un vero e proprio ufficio a casa, isolato da tutto, altrimenti sono distrazioni continue. Parlo personalmente; le mie cose le faccio, ma ora è facile visto che siamo a ritmi ridotti, ma in condizioni normali non so se riuscirei a seguire tutto con la necessaria concentrazione. L'ambiente domestico è appunto ambiente domestico, luogo dove si rallentano I ritmi e si cerca la tranquillità, il lavoro in questo ambiente ne risente.

Forse non sono pronto io, ma preferisco ancora l'ufficio, proprio per separare le due cose.

 

Condivido assolutamente questa parte: nonostante mi debba ritenere fortunato a poter lavorare da casa, così è più difficile forzare la separazione lavoro - casa, quella cosa che mi permetteva fino a 2 settimane fa di fottermene di qualsiasi problema lavorativo allo scattare delle 17.00.

Io per ora ci sto riuscendo, banalmente spegnendo il PC con tutta la roba del lavoro e riavviandolo senza accesso remoto solo dopo un'abbondante pausa, ma non funziona per tutti e soprattutto non funzionerebbe se fossimo a pieno ritmo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mamma mia, ci si mette pure il Belgio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Ruberekus ha scritto:

sono d'accordo soprattutto dove si parla di moralismo e ricerca di capri espiatori, e della facilità con cui gli italiani hanno accettato pesanti restrizioni della libertà personale

 

Solo gli italiani? C'è mezzo mondo in lockdown, eh. E non mi pare che altrove la gente stia a fare la rivoluzione per questo stato di cose. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, Red 5 ha scritto:

 

Solo gli italiani? C'è mezzo mondo in lockdown, eh. E non mi pare che altrove la gente stia a fare la rivoluzione per questo stato di cose. 

non so all'estero come stanno vivendo questa situazione, posso giudicare quello che succede in Italia e dico che mi lascia molto perplesso l'atteggiamento, che vedo in moltissima gente, di trasformarsi in sceriffi e delatori verso chi osa dubitare della sensatezza di alcune norme lesive della libertà personale, come se si dovesse spegnere il cervello di fronte a quello che ci dicono di fare perché sì

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Ruberekus ha scritto:

non so all'estero come stanno vivendo questa situazione, posso giudicare quello che succede in Italia e dico che mi lascia molto perplesso l'atteggiamento, che vedo in moltissima gente, di trasformarsi in sceriffi e delatori verso chi osa dubitare della sensatezza di alcune norme lesive della libertà personale, come se si dovesse spegnere il cervello di fronte a quello che ci dicono di fare perché sì

 

Ti dico subito che in Germania questa è l'attitudine che hanno di base. Giusto la settimana scorsa ho visto una donna prendere a male parole un signore che aveva osato caricare sul carrello due pacchi di carta igienica contro le regole (e il poveraccio ha dovuto spiegare che uno era per sé e uno per la mamma anziana). Su questo i crucchi vanno proprio in brodo di giuggiole. Non so in altri paesi, ma comunque vada un po' di "sorveglianza" del proprio vicino (senza però scadere nello sceriffismo) male non ci fa a noi italiani.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho notato un aumento considerevole del traffico veicolare da ieri mattina, presumo sia per esigenze lavorative. Ma non erano state imposte ulteriori restrizioni?

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Aviatore_Gilles ha scritto:

Ho notato un aumento considerevole del traffico veicolare da ieri mattina, presumo sia per esigenze lavorative. Ma non erano state imposte ulteriori restrizioni?

Tante aziende hanno chiesto delega al prefetto. Io stesso ho ripreso a lavorare ieri perché la mia azienda ha richiesto delega anche se non rientro tra le essenziali. E a mia volta ho chiamato fornitori non compresi tra gli essenziali affinché venissero a fare lavori. E oggi sono venuti quelli dell ussl a controllare. 

Tra l'altro quella della delega è un po una farsa. Tu fai richiesta, apri e nel mentre il prefetto fa i suoi controlli. Solo successivamente ti diranno se puoi stare aperto o meno. Ma nel frattempo sei rimasto aperto. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, _Fred_ ha scritto:

Tante aziende hanno chiesto delega al prefetto. Io stesso ho ripreso a lavorare ieri perché la mia azienda ha richiesto delega anche se non rientro tra le essenziali. E a mia volta ho chiamato fornitori non compresi tra gli essenziali affinché venissero a fare lavori. E oggi sono venuti quelli dell ussl a controllare. 

Tra l'altro quella della delega è un po una farsa. Tu fai richiesta, apri e nel mentre il prefetto fa i suoi controlli. Solo successivamente ti diranno se puoi stare aperto o meno. Ma nel frattempo sei rimasto aperto. 

domanda per curiosità: voi potevate permettervi di stare chiusi ? per quanto tempo ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
28 minuti fa, Ruberekus ha scritto:

domanda per curiosità: voi potevate permettervi di stare chiusi ? per quanto tempo ?

Mica molto. Abbiamo delle scadenze (che sicuramente per cause di forza maggiore verranno prorogate), ma che ci lasciano poco spazio di manovra. Abbiamo fatto questi 10 gg dal decreto del 22 marzo e avevamo già fatto una settimana a metà marzo di quarantena per un caso positivo in ufficio. 

Per cui siamo rientrati per cercare di recuperare il tempo perduto. Con tutte le precauzioni di legge. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
46 minuti fa, _Fred_ ha scritto:

Tante aziende hanno chiesto delega al prefetto. Io stesso ho ripreso a lavorare ieri perché la mia azienda ha richiesto delega anche se non rientro tra le essenziali. E a mia volta ho chiamato fornitori non compresi tra gli essenziali affinché venissero a fare lavori. E oggi sono venuti quelli dell ussl a controllare. 

Tra l'altro quella della delega è un po una farsa. Tu fai richiesta, apri e nel mentre il prefetto fa i suoi controlli. Solo successivamente ti diranno se puoi stare aperto o meno. Ma nel frattempo sei rimasto aperto. 

 

Questa mi pare un po' una cagata. Poi non ci lamentiamo se dopo pasqua ci ritroviamo con una risalita dei casi e dei ricoverati.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×