Jump to content
Sign in to follow this  
PheelD

Motomondiale 2020

Recommended Posts

certo che è una vicenda pazzesca, mi pare che il primo infortunio non fosse nemmeno così grave no ? eppure rischia la carriera

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lorenzo starà sborrando: l'unico pilota ad aver vinto un mondiale nella classe regina con Marc in pista.

Che poi va be', Marc andava il doppio anche in quel 2015, ma le scuse stanno a zero e chi vince ha quasi sempre ragione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era il timore che si fosse lesionato il nervo radiale, ma in realtà era a posto, quindi era una semplice frattura (anche se piuttosto seria). 

Con la prima operazione e un adeguato riposo, poteva riprendere tranquillamente. Si è fatto male a luglio, se stava tranquillo rientrava sereno a Misano, ai primi di settembre. Invece hanno voluto fare i fenomeni ed hanno fatto un macello

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mettono il fissatore esterno perché se con l'antibiotico l'infezione passa è tutto ok e non serve.

Lo sapranno entro 1 settimana

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, effe ha scritto:

Che poi va be', Marc andava il doppio anche in quel 2015, ma le scuse stanno a zero e chi vince ha quasi sempre ragione.

 

Il doppio non so, in parecchie gare ne aveva meno. Quell'anno Jorge e Valentino erano super veloci. 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uff...come vorrei arrivasse una ca**o di notizia che dicesse "oh, bon, sta fermo tutto il 2021 perchè questo e quest´altro, MA POI torna al 100% e sono ca**i vostri". 

 

Non mi piacciono questi continui rinvii e comunicati...:(

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma non ha senso saltare tutto il 2021, se guarisce dall'infezione tra 6 mesi è quasi al 100% 

Share this post


Link to post
Share on other sites
40 minuti fa, Vincenzo ha scritto:

 

Il doppio non so, in parecchie gare ne aveva meno. Quell'anno Jorge e Valentino era super veloce. 

 

 

Senza gli errori di entrambi (Marc e Jorge) Rossi non si sarebbe trovato in testa alla classifica a Sepang. Il suo maggior pregio fu quello di essere molto veloce, ma soprattutto quello di non perdere punti durante la stagione. Nella competizione diretta difficilmente prevaleva su entrambi

Edited by andycott
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, lucaf2000 ha scritto:

ma non ha senso saltare tutto il 2021, se guarisce dall'infezione tra 6 mesi è quasi al 100% 

 

Sì ma hai capito cosa intendevo. 

 

Nel senso che non mi piacciono queste continue incertezze e contrattempi. 

 

Ovvio che lo vorrei in pista il prima possibile e ovviamente già nel 2021.

 

E comunque come hai scritto tu, SE guarisce, non certo a tutti i costi. 

Edited by Asturias

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, andycott ha scritto:

Senza gli errori di entrambi (Marc e Jorge) Rossi non si sarebbe trovato in testa alla classifica a Sepang

 

Non mi sembra che Jorge abbia fatto 5 cadute eh, forse solo Misano, dove comunque sarebbe uscito dietro Valentino forse o comunque appaiati. Anzi su quella gara Valentino fece un errore madornale dopo il primo cambio moto, dove all'uscita rischiò di cadere, perse 5 secondi e li recuperò in 4 giri. Ovviamente stressando moto la gomma arrivò sotto ai due e non riuscì a prendere gap. Ma era lì e recuperò un gap enorme. fosse uscito in modo normale avrebbe guadagnato quei secondi fondamentali per il secondo cambio moto.

 

Il falso storico che Vale fosse un fermo nel 2015  ha stancato e serve solo ai suoi detrattori per non ammettere che il vecchio a 36 anni si è giocato un titolo contro due di 10 anni in meno. Non vinci un mondiale contro Lorenzo a parità di moto e contro Marquez con la sola esperienza.

Valentino nella prima parte di stagione era nettamente il più veloce, poi è arrivato Jorge con le 4 consecutive ma Vale sia a Le Mans che Barcellona pagò la qualifica perché in gara aveva il suo identico passo.

 

Nell'estate furono veloci in modo equivalente. Rossi gli diede 10 secondi ad Assen e in Germania gli arrivò davanti nettamente. Discorso inverso ad Indy e Brno dove ne aveva più Lorenzo. 

 

Da Silverstone in poi sono stati più o meno sullo stesso livello a parte Aragon, mentre Valencia non la calcolo per ovvie ragioni di distanza in partenza.

 

Marquez senza le cadute si sarebbe giocato il mondiale, impossibile dire che avrebbe vinto sicuramente, vedi anche molti duelli ravvicinati persi come Argentina ed Assen. Lorenzo sinceramente a parte Misano non avrebbe avuto nessun episodio da recriminare.

 

Se facciamo sti discorsi si potrebbe dire che mondiale 2016 fu un regalo impacchettato col fiocco da parte di Rossi e del motore Yamaha al Mugello a Marquez, dato che erano nettamente più veloci.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rossi era veloce e molto costante, Lorenzo lo era ancora di più ma meno costante, credo che bastava uno dei 2 di allora con una gamba rotta per vincere questo mondiale  :asd:

basta andare a vedere che fecero 330 e 325 punti, contro i 170 di Mir di quest'anno.... 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Vincenzo ha scritto:

 

Non mi sembra che Jorge abbia fatto 5 cadute eh, forse solo Misano, dove comunque sarebbe uscito dietro Valentino forse o comunque appaiati. Anzi su quella gara Valentino fece un errore madornale dopo il primo cambio moto, dove all'uscita rischiò di cadere, perse 5 secondi e li recuperò in 4 giri. Ovviamente stressando moto la gomma arrivò sotto ai due e non riuscì a prendere gap. Ma era lì e recuperò un gap enorme. fosse uscito in modo normale avrebbe guadagnato quei secondi fondamentali per il secondo cambio moto.

 

Il falso storico che Vale fosse un fermo nel 2015  ha stancato e serve solo ai suoi detrattori per non ammettere che il vecchio a 36 anni si è giocato un titolo contro due di 10 anni in meno. Non vinci un mondiale contro Lorenzo a parità di moto e contro Marquez con la sola esperienza.

Valentino nella prima parte di stagione era nettamente il più veloce, poi è arrivato Jorge con le 4 consecutive ma Vale sia a Le Mans che Barcellona pagò la qualifica perché in gara aveva il suo identico passo.

 

Nell'estate furono veloci in modo equivalente. Rossi gli diede 10 secondi ad Assen e in Germania gli arrivò davanti nettamente. Discorso inverso ad Indy e Brno dove ne aveva più Lorenzo. 

 

Da Silverstone in poi sono stati più o meno sullo stesso livello a parte Aragon, mentre Valencia non la calcolo per ovvie ragioni di distanza in partenza.

 

Marquez senza le cadute si sarebbe giocato il mondiale, impossibile dire che avrebbe vinto sicuramente, vedi anche molti duelli ravvicinati persi come Argentina ed Assen. Lorenzo sinceramente a parte Misano non avrebbe avuto nessun episodio da recriminare.

 

Se facciamo sti discorsi si potrebbe dire che mondiale 2016 fu un regalo impacchettato col fiocco da parte di Rossi e del motore Yamaha al Mugello a Marquez, dato che erano nettamente più veloci.

Condivido in toto tutto quello scritto.

Valentino quell'anno corse veramente bene. Non cadde nemmeno una volta e quando ne aveva di meno portava a casa il massimo.
Peccato per il flag-to-flag di Misano perchè lì aveva una grossa occasione per allungare, ma quelle sono condizioni dove Valentino si è sempre trovato in difficoltà.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

A livello di velocità pura sostengo che il Rossi del 2016 fosse più veloce però quello del 2015 era molto più costante e sopratutto tendeva meno agli errori. Comunque Valentino nel 2015 fece una stagione fantastica, é molto difficile lottare per il mondiale a 36 anni contro un pilota del calibro di Lorenzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dr. Costa: "Se c'è infezione seria via subito quella placca."

Arriva, dopo il parere di Villamor (il dottore che ha visitato Marc subito prima del terzo intervento), il parere anche del nostro Dottor Costa che è d'accordo con la tesi di Villamor, cioè togliere immediatamente la placca.

"Sto seguendo la vicenda e vedo che si fanno ancora sbagli, quella placca non deve esistere in quell'omero con un infezione in corso, il metallo a contatto con l'osso porta germi e può solo far peggiorare la situazione. Va tolta, messo un fissatore esterno e dati antibiotici e messo il paziente in camera iper barica, ma potrebbe essere necessario anche di più. 

Anche se l'infezione fosse dominabile va fatto questo intervento, ci vuole coraggio nelle cose, basta fare interventi perché si ha paura. Ho detto mesi fa che serviva il chiodo e poi dopo la rottura della placca, il fissatore esterno. Posso capire che nel primo intervento si aveva paura di aprire la spalla già martoriata (il chiodo chirurgico va infilato dalla spalla verso l'omero aprendola) ma dal secondo intervento in poi sono stati fatti troppi errori e si sta prendendo tutto con leggerezza.

Ora, non voglio essere quello che fa sempre di una cosa cosi un dramma, ma un osteomielite è pericolosa per la salute del paziente, altro che correre. Marc dovrebbe reimparare quasi a vivere normalmente.

La osteomielite va affrontata subito anche con interventi purtroppo drastici, come accorciare l'omero. Al contrario di quello che si pensa, accorciare l'omero non da problemi, non ci si cammina. Si avrebbe comunque un ottima mobilità ma questo ripeto,va fatto solo se l'infezione non va via con gli antibiotici e togliendo la placca. Ma non andrà via con quella placca attaccata all'osso soprattutto.

Cosa farei io?

Via la placca, toglierei la parte dell'osso infetto accorciando l'omero e metterei un fissatore esterno, il paziente poi farebbe molte sedute di camera iper barica.

È la soluzione migliore per il paziente a questo punto."

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se l'infezione riescono a bloccarla possono tranquillamente tenere la placca vedremo 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho detto che era scarso o lento, ho detto che era molto veloce, mentre Lorenzo (e Marc) erano super veloci.

La forza di Rossi fu quella di non perdere punti per strada e nel saper approfittare delle defaillances degli avversari, tipo alcune gare opache di Lorenzo o le cadute di Marquez. Alla fine vinse molto, ma comunque meno dei suoi due avversari

 

Ci furono anche episodi fortunosi per Rossi: Lorenzo a cui si rompe la parte interna del casco a pochi giri dalla fine mentre è in testa e arriva quarto mentre Rossi vince o a Silverstone quando Petrucci gli guadagna un secondo al giro sul bagnato e poi quando lo raggiunge si fa gli scrupoli e molla il gas; senza contare i due controversi episodi con Marquez in Argentina e in Olanda.

 

rossi_01-kM4D--813x458@Gazzetta-Web_medi

 

1435590918743_medium_150627_164250_To270

 

Alla fine più di tutto pagò lo sforzo e lo stress di rimanere in vetta al campionato, a fine stagione non era più così brillante come all'inizio e stava subendo il ritorno di Lorenzo. per quello poi sbroccò a Sepang.

Il distacco si era ridotto e non poteva più gestire come aveva fatto nella seconda parte di campionato.

 

 

Edited by andycott

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Argentina Rossi recuperò tantissimo su Marquez e l'episodio fu un incidente di gara a mio modo di vedere.

Ad Assen Marquez tirò la staccata andando a contatto con Rossi. In quel caso Rossi o doveva tirare lungo come ha fatto, o doveva cadere a terra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ancora a parlare del 2015? 

Il passato è passato per tutti...

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 ore fa, andycott ha scritto:

 

Ci furono anche episodi fortunosi per Rossi: Lorenzo a cui si rompe la parte interna del casco a pochi giri dalla fine mentre è in testa e arriva quarto mentre Rossi vince o a Silverstone quando Petrucci gli guadagna un secondo al giro sul bagnato e poi quando lo raggiunge si fa gli scrupoli e molla il gas; senza contare i due controversi episodi con Marquez in Argentina e in Olanda.

 

In testa mica tanto, era dietro le Ducati e ci era in lotta dal primo giro. Non stava certo 2 secondi avanti anzi.

Comunque lui stesso disse che fu una cosa di poco conto.

 

A Silverstone basta guardare i tempi. Era Rossi ad aver alzato il ritmo dopo la caduta di Marquez. Fece un giro  2.5 secondi più lento dei suoi standard, per via di errore. Petrucci arrivò massimo ad 1.6 di distacco non di meno.

Fu Rossi a stabilizzarsi poi su quei tempi 

 

 

 

 

Edited by Vincenzo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×