Jump to content
Sign in to follow this  
MartinM

Ritiri al momento giusto o sbagliato

Recommended Posts

Sicuramente capire quando è il momento giusto per smettere è, per ogni sportivo, difficile.

Uno può anche proseguire una carriera rendendosi conti di non poter più vincere, ma restando comunque soddisfatto perché fa quello che gli piace e viene ben pagato.

Ma da parte degli spettatori la percezione è diversa, per loro preferibile il ritiro da vincente rispetto a un mesto declino.

Ciò premesso, quali nomi v vengono in mente nella prima e seconda categoria?

 

Nella prima le scelte più ovvie sono Stewart, Prost, Nico Rosberg.

 

Nella seconda ce ne sono davvero molti. Mansell è uno di questi, Schumacher anche. Non avessero deciso per il ritorno, la valutazione che si fa della loro carriera, soprattutto di Schumacher, sarebbe leggermente diversa.

Sarei più clemente nei confronti di Alonso perché, seppur quasi sempre relegato nelle retrovie, ha dimostrato anche nei dieci anni successivi al suo ultimo titolo di essere un pilota di primissima fascia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Va beh Alonso ha anche avuto la sfiga di guidare catorci dal 2014 in avanti...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se Schumi avesse proseguito avrebbe fatto incetta di titoli

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma Mansell che c'entra? Nel suo ultimo anno completo, il 1992, è stato campione del mondo, poi nel 1994 ha corso un pugno di gare e ha vinto l'ultima, mentre nel 1995 ha disputato poco più di un gran premio. E Schumi, se fosse rimasto in Ferrari anche nel 2007 e nel 2008, avrebbe vinto altri due titoli. Il ritorno poco felice del triennio Mercedes è stato motivato anche dal ritiro prematuro, secondo me.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prost non entra in queste categorie, vinse il titolo a fine carriera quindi si ritirò come normale che fosse, non ci vedo particolare tempismo.

Schumacher purtroppo fu spinto a ritirarsi, sappiamo bene che se avesse corso altri 2 anni si sarebbe giocato i titoli 07-08, al contrario il suo ritorno fu mediocre e lì poteva sicuramente risparmiarselo.

 

Invece si è ritirato presto Montoya e Ralf ad esempio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

prost nel 94 poteva scegliere se correre con williams o mclaren, nel 95 ron dennis fece un ulteriore tentativo per portarlo in mclaren.

 

schumacher non fu costretto a ritirarsi, lasciata la ferrari nulla gli impediva di accasarsi in altro team.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, MartinM ha scritto:

schumacher non fu costretto a ritirarsi, lasciata la ferrari nulla gli impediva di accasarsi in altro team.

 

Proprio costretto magari no, ma spinto sicuramente sì.

Share this post


Link to post
Share on other sites
50 minuti fa, Beyond ha scritto:

Prost non entra in queste categorie, vinse il titolo a fine carriera quindi si ritirò come normale che fosse, non ci vedo particolare tempismo.

Schumacher purtroppo fu spinto a ritirarsi, sappiamo bene che se avesse corso altri 2 anni si sarebbe giocato i titoli 07-08, al contrario il suo ritorno fu mediocre e lì poteva sicuramente risparmiarselo.

 

Invece si è ritirato presto Montoya e Ralf ad esempio.

@lucaf2000 @effe

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me prost fu professore fino in fondo,studiandosi a tavolino l'uscita di scena:
anno sabbatico,studio della situazione,manovre contrattuali per accaparrarsi la vettura migliore (con il veto su senna)

e vincere in carrozza....chirurgico

Share this post


Link to post
Share on other sites
30 minuti fa, MartinM ha scritto:

prost nel 94 poteva scegliere se correre con williams o mclaren, nel 95 ron dennis fece un ulteriore tentativo per portarlo in mclaren.

 

schumacher non fu costretto a ritirarsi, lasciata la ferrari nulla gli impediva di accasarsi in altro team.

 

Da quanto ne so, non fu un ritiro volontario.

 

Lui e Todt volevano rinnonavare per altri due anni, Montezemolo voleva al massimo un anno. Alla fine lo spinsero a fermarsi. La dimostrazione di ciò sono i sei milioni annui che prese nei due anni successivi per non fare nulla (cioè, non andare dagli altri). Era così convinto di ritirarsi che iniziò a farsi male con le moto pur di correre e la moglie gli chiede di lasciarle per tornare alle più sicure macchine.

 

Dura avere il tempismo giusto. Alonso ha fatto bene a continuare perchè ha dimostrato di essere forte, ma il suo guaio è stato farsi terra bruciata attorno.

 

Fangio si ritirò prima di iniziare a prenderle. Prost si fermò al punto giusto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, PheelD ha scritto:

 

devo proprio esprimermi ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, lucaf2000 ha scritto:

 

devo proprio esprimermi ? 

Dai ma v'ho citato per farmi due risate.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, MartinM ha scritto:

schumacher non fu costretto a ritirarsi, lasciata la ferrari nulla gli impediva di accasarsi in altro team.

 

 

e in quale team avrebbe dovuto accasarsi, sentiamo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Häkkinen?

Share this post


Link to post
Share on other sites

dovere indica una necessità, potere indica una possibilità.

 

schumacher avrebbe potuto proseguire in un altro team che non fosse la ferrari, ovviamente con scarse o nulle possibilità di lottare per il titolo.

 

è del tutto evidente che schunacher non fu costretto al ritiro, dal momento che nessuno lo ricattò né, a quanto ne sappiamo, minacciò lui o i suoi familiari.

più semplicemente, soppesati i pro e  i contro del ritiro, giudicò secondo ragione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scheckter?

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, MartinM ha scritto:

dovere indica una necessità, potere indica una possibilità.

 

schumacher avrebbe potuto proseguire in un altro team che non fosse la ferrari, ovviamente con scarse o nulle possibilità di lottare per il titolo.

 

è del tutto evidente che schunacher non fu costretto al ritiro, dal momento che nessuno lo ricattò né, a quanto ne sappiamo, minacciò lui o i suoi familiari.

più semplicemente, soppesati i pro e  i contro del ritiro, giudicò secondo ragione.

 

de lapalisse

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×