Jump to content
Sign in to follow this  
chatruc

Il topic sulla politica

Recommended Posts

Questi sono discorsi razzisti e.. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, ForzaFerrari88 ha scritto:

Attualmente accedere all'Europa per un soggetto straniero e senza lavoro è praticamente impossibile. Quello che secondo me potrebbe essere un'idea è questa: invece di far pagare a questa gente cifre, a volte anche molto alte, ai trafficanti, ma perchè non prevedere una sorta di pagamento forfettario per i soggetti che vogliono entrare in Europa? 

 

È giusto che sia così difficile, altrimenti tutti migrerebbero in Europa e non ci sarebbero più nè spazio nè risorse per tutti, visto che l'Europa è già sovrappopolata adesso.

Migrare legalmente è comunque possibile, io ho diversi colleghi extracomunitari, tutti laureati, che si sono fatti la trafila di permessi e visti per migrare legalmente e adesso lavorano e pagano le tasse: questi sono gli unici migranti che dovremmo accogliere, non quelli irregolari.

 

Sul fatto che non contino solo gli sbarchi sono d'accordo, qualcuno ha contato anche le espulsioni o meglio di no, perchè altrimenti si perderebbero voti? È necessario rendere il sistema giudiziario più snello e severo in Italia, cosicchè passi la voglia di delinquere, sia ad italiani che a stranieri, perchè non si può certo dire che in primis noi siamo un esempio di legalità in Italia...

 

ONG trafficanti del mare sono la mafia del 21o secolo, andrebbero rese semplicemente illegali e combattute con le maniere forti. Il Mediterraneo è un confine di stato e come tale dovrebbe essere pattugliato dalle forze dell'ordine, solo chi ha un permesso lo attraversa, senza troppi piagnistei.

 

Io tutto questo lo dico come opinione personale, non abuso di questo problema per farne propaganda come invece fanno i politici.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, White Star ha scritto:

 

È giusto che sia così difficile, altrimenti tutti migrerebbero in Europa e non ci sarebbero più nè spazio nè risorse per tutti, visto che l'Europa è già sovrappopolata adesso.

Migrare legalmente è comunque possibile, io ho diversi colleghi extracomunitari, tutti laureati, che si sono fatti la trafila di permessi e visti per migrare legalmente e adesso lavorano e pagano le tasse: questi sono gli unici migranti che dovremmo accogliere, non quelli irregolari.

 

 

Non ho detto che voglio accogliere quelli irregolari. Ho detto una cosa diversa, cioè di rendere un pò più semplice l'accesso dei "migranti economici" creando un'alternativa legale rispetto ai trafficanti.

Diciamo che segue un pò quello che una mia idea generale di stato che si sostituisce alla criminalità, come ad esempio potrebbe essere per quanto riguarda la liberalizzazione delle droghe e della prostituzione.

 

Ovvio che bisognerebbe coordinarsi e stabilire per prima cosa un numero massimo annuo di ingressi e le quote per i diversi paesi. Poi successivamente andare a creare dei "centri per l'immigrazione" direttamente nelle ambasciate o con degli accordi nei paesi extraeuropei e, come ho detto prima, rendere più semplice l'ingresso in Europa e subordinarlo al pagamento di una somma, tipo 2000/3000 euro che ti consentono di risiedere in uno dei paesi europei per 1 anno in un centro di accoglienza, studiare la lingua e cercare lavoro. Dopo un anno si esce dal centro di accoglienza, se si ha il lavoro bene, altrimenti si viene rimandati a casa. 

Ovviamente per poter usufruire di questa cosa bisogna fare richiesta dal paese di origine, mostrare i documenti etc.

 

Parallelamente a questo ovviamente bisognerebbe essere molto più severi nei controlli sulle coste etc.

 

Chiaro che questa cosa non risolverebbe il problema, ma magari potrebbe essere un'idea per migliorare un pò la situazione.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

è interessante notare il dato sulle nazioni di partenza dei migranti, negli ultimi anni vi è stato un crollo di indiani, cinesi e slavi vari, questo perchè sono enormemente migliorate le condizioni di quei paesi negli ultimi 20 anni.

La soluzione è solo una, migliorare le condizioni dei paesi di partenza (ormai solo africa per quanto riguarda l'europa) con un piano Marshall per l'africa, tutto il resto sono palliativi; l'unica nazione che sta investendo pesantemente in Africa ad oggi è solo la Cina

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Natural Blonde Killer ha scritto:

La soluzione è solo una, migliorare le condizioni dei paesi di partenza

 

Lo hanno capito, non sono mica stupidi infatti vanno a piantare guerre...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'Africa ha voluto l'indipendenza dai cattivoni europei e dal loro colonialismo, e ora noi dovremmo darli soldi per fare cosa? Svilupparsi? Starsene a casa loro? Sono 60 anni che sono indipendenti e stanno ancora con le pezze al culo, mi ricorda il nostro Meridione, decenni di parole, di buoni propositi ma soprattutto di soldi buttati nel cesso per trovarsi ancora al punto di partenza.. Lo Zimbawe da quando 20 anni fa cacciò gli "europei" è diventato uno Stato di pezzenti che vive di mancette cinesi e adesso prega che ritornino quelli di prima, il Sudafrica che sta seguendo la stessa politica è diventato il Paese più violento al mondo al di fuori del centro-sud america. 

L'Occidente ha la smania di voler diventare una terra promessa per tutti, e di "rieducare" altre culture al suo modo di vivere; non ha capito che non gliene frega niente agli altri che vengono qua della cultura occidentale, che anzi disprezzano, è buona solo per puppare risorse e vivere a sbafo.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
28 minuti fa, M.SchumyTheBest ha scritto:

L'Africa ha voluto l'indipendenza dai cattivoni europei e dal loro colonialismo, e ora noi dovremmo darli soldi per fare cosa? Svilupparsi? Starsene a casa loro? Sono 60 anni che sono indipendenti e stanno ancora con le pezze al culo, mi ricorda il nostro Meridione, decenni di parole, di buoni propositi ma soprattutto di soldi buttati nel cesso per trovarsi ancora al punto di partenza.. Lo Zimbawe da quando 20 anni fa cacciò gli "europei" è diventato uno Stato di pezzenti che vive di mancette cinesi e adesso prega che ritornino quelli di prima, il Sudafrica che sta seguendo la stessa politica è diventato il Paese più violento al mondo al di fuori del centro-sud america. 

L'Occidente ha la smania di voler diventare una terra promessa per tutti, e di "rieducare" altre culture al suo modo di vivere; non ha capito che non gliene frega niente agli altri che vengono qua della cultura occidentale, che anzi disprezzano, è buona solo per puppare risorse e vivere a sbafo.

 

amico ma sei serio o trolli? l'africa è indipendente? è tutta controllata dalle potenze occidentali.

bello che citi il meridione come se la colpa dell'arretratezza del sud sia da ricercare nei meridionali.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
47 minuti fa, Beyond ha scritto:

 

amico ma sei serio o trolli? l'africa è indipendente? è tutta controllata dalle potenze occidentali.

bello che citi il meridione come se la colpa dell'arretratezza del sud sia da ricercare nei meridionali.

 

Insomma è sempre colpa degli altri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, M.SchumyTheBest ha scritto:

 

Insomma è sempre colpa degli altri.

 

guarda sei la prima persona che sento in vita mia a sostenere che la povertà e le difficoltà dei paesi africani siano colpa loro.

che le potenze occidentali e le multinazionali abbiano in pugno l'africa e le sue ricchezze è un fatto talmente ovvio che mi sembra ridicolo doverne parlare pure. quello che viene dopo a partire dall'aspetto sociale, religioso ecc è anche una diretta conseguenza di ciò.

ti ricordo giusto per citare il caso più vicino a noi che la bella situazione in libia non è colpa degli africani, ma di noi amichevoli occidentali, che abbiamo ben pensato di andare a scombussolare tutto (un po' come in medio oriente del resto). per chissà quale motivo eh.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Beyond ha scritto:

 

guarda sei la prima persona che sento in vita mia a sostenere che la povertà e le difficoltà dei paesi africani siano colpa loro.

che le potenze occidentali e le multinazionali abbiano in pugno l'africa e le sue ricchezze è un fatto talmente ovvio che mi sembra ridicolo doverne parlare pure. quello che viene dopo a partire dall'aspetto sociale, religioso ecc è anche una diretta conseguenza di ciò.

ti ricordo giusto per citare il caso più vicino a noi che la bella situazione in libia non è colpa degli africani, ma di noi amichevoli occidentali, che abbiamo ben pensato di andare a scombussolare tutto (un po' come in medio oriente del resto). per chissà quale motivo eh.

 

Per l'Africa è colpa degli Occidentali

Per il Sud Italia è colpa del Nord

Per l'Italia è colpa dell'Europa

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, M.SchumyTheBest ha scritto:

 

Per l'Africa è colpa degli Occidentali

Per il Sud Italia è colpa del Nord

Per l'Italia è colpa dell'Europa

 

 

 

Spero vivamente che tu stia trollando perchè dici cose veramente inconcepibili.

 

Inoltre le 3 situazioni di cui parli in questo post sono tutte totalmente diverse e per trattarle in modo completo non basterebbero giorni, quindi non mi metto a scrivere post chilometrici su un forum.

 

Sul Sud penso di aver risposto in modo esaustivo nei post precedenti.

Sull'Italia e l'Europa ci sarebbe altrettanto da dire, con alcuni punti in comune sulla situazione meridionale e altri di differenza.

 

La cosa più clamorosa però è sull'Africa. Chiaro che all'interno dei paesi ci siano delle situazioni che complicate è dire poco, ma non si può negare che l'Africa sia stata costantemente depredata da noi occidentali e adesso ancora di più dai cinesi.

 

Sempre facile parlare dal divano di casa, in mezzo agli agi, tramite magari un cellulare che è stato prodotto con il coltan proveniente dalle miniere del Congo dove spesso ci lavorano e muoiono anche i bambini.

Almeno io non sono così ipocrita da arrivare a dare la colpa a loro del degrado e della povertà.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, M.SchumyTheBest ha scritto:

 

Per l'Africa è colpa degli Occidentali

Per il Sud Italia è colpa del Nord

Per l'Italia è colpa dell'Europa

 

ti sei permesso di fare ironia riguardo il colonialismo che per secoli ha caratterizzato l'africa e già questo è triste quanto evidenza del fatto che parli senza avere idea delle cose. poi giustamente la butti in caciara.

mi sembra di sentire maria antonietta che suggeriva al popolo affamato di mangiare brioche invece di pane

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardate che vi sto dando ragione, è di sicuro colpa di qualcun'altro. Io ci aggiungo anche il Centro-SudAmerica. Ci sono qualcosa come oltre 100 mila omicidi l'anno tra soli Messico e Brasile, ma di sicuro sarà colpa degli amerigggani.

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, M.SchumyTheBest ha scritto:

Guardate che vi sto dando ragione, è di sicuro colpa di qualcun'altro. Io ci aggiungo anche il Centro-SudAmerica. Ci sono qualcosa come oltre 100 mila omicidi l'anno tra soli Messico e Brasile, ma di sicuro sarà colpa degli amerigggani.

 

Studia un pò di economia, storia, storia economica e finanziaria e poi torna che ne riparliamo.

Allucinante...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 31/10/2019 Alle 11:20, M.SchumyTheBest ha scritto:

 

Per l'Africa è colpa degli Occidentali

Per il Sud Italia è colpa del Nord

Per l'Italia è colpa dell'Europa

 

Pacatamente sono d'accordo. Diciamo che MSTheBest non ha spiegato le sue ragione e quello non va d'accordo con il regolamento particolare di questo topic.

 

Poi spiegherò perchè condivido questa affermazione. Non che non ci siano colpe esterne ma esiste una volontà popolare. Ora non ho tempo, poi approfondisco.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono argentino e da noi si dice che siamo poveri "per colpa dell'imperialismo americano".

 

In pratica, è vero. Di fatto non lo è. Le potenze straniere cercano di fare i loro comodi a casa degli altri. Elargiscono tangenti per comprare aziende pubbliche a peso di ferro, sono protezionisti in entrata e liberali in uscita, sia con le merci che le persone. Ti importano dai PC ai cellulari al burro e la cacca (sì, pure quella per concimare) e poi ti fanno trafile secolari su malattie inesistenti per esportare la carne. Una nazione seria deve prendere coscienza dei propri limiti e delle proprie risorse e fare una politica degna per il proprio paese. Nel mio caso, il governo dovrebbe almeno attuare una politica per annullare la malnutrizione (in un paese di 42M che produce alimenti per circa 400 M), fare accordi precisi per l'importazione di quello che non abbiamo in cambio di quello che può servire ma senza inchinarsi troppo.

 

La questio di "aiutiamoli a casa loro" è vera ma irreale. In Nigeria soltanto abitano quasi 191 milioni di persone. Aiutarli a casa loro è un grosso problema sia per la sola Italia che l'intera Europa. E' ovvio che chi vive bene (anche neanche tanto) non cambia nazione. Ve lo dico per esperienza. Ti porti dentro una cosa intraducibile che è una sensazione di "stare bene, sapere che hai fatto il meglio per la tua vita, ma che alla fine, se avessi potuto, sarei rimasto lì". E' come sposare una donna, essere felice, ma essere pure convinto che se la tua ex non ti avesse lasciato, staresti meglio. La parola precisa in spagnolo si traduce in "sradicamento" ma credo che l'accezione italiana non sia quella corretta.

 

Uno dei grossi problemi dell'Africa è che hanno ottenuto la loro indipendenza troppo velocemente senza avere una struttura sociale per poter tirare avanti con uno stato moderno. Loro sono passati dalle tribù al colonialismo e da lì a essere indipendenti. Al di là delle colpe straniere (ci sono, sono tante) non hanno avuto l'unità di intenti per fare qualcosa di serio. Basta pensare all'amministrazione fiduciaria italiana in Somalia fino al 1970. Tutto sommato, non si stava così male. Poi da soli, in meno di dieci anni sono passati alla guerra civile permanente. Sono stato in Africa per lavoro e al tempo mi ero fatto un po' di cultura sulla storia di tutti i paesi. Praticamente storie tutte fotocopia, dove l'ufficiale di turno dell'esercito, prende il potere accoppando qualcuso, fa uso di alcol e prostitute finchè pure lui non viene accoppato. Capitato pure di movimenti di liberazione che hanno deposto il despota di turno e la prima azione sia stata quella di festeggiare e quindi far fallire la rivoluzione.

 

Pure in URSS l'armata rossa volle rovesciare il governo ma la reazione popolare fu diversa. Pure in Turchia EU e USA hanno aiutato un colpo di stato ma la reazione dei turchi non è stata quella avuta in altre parti del mondo.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

quello che tutti omettono di dire è che in italia non arrivano nella stragrande maggioranza dei casi profughi né persone in povertà, ma maschi adulti di ceto medio alto (per gli standard africani), ovvio però che dire la verità renderebbe meno giustificabile agli occhi dell'opinione pubblica gli sbarchi

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 ore fa, MartinM ha scritto:

quello che tutti omettono di dire è che in italia non arrivano nella stragrande maggioranza dei casi profughi né persone in povertà, ma maschi adulti di ceto medio alto (per gli standard africani), ovvio però che dire la verità renderebbe meno giustificabile agli occhi dell'opinione pubblica gli sbarchi

 

Il problema dell'immigrazione è che non riesci a fermarla se non con metodo non umani.

 

In passato, pagavamo la Libia per fare quello che noi non possiamo fare (reprimere, violentare, ammazzare). La Spagna lo fa col re del Marocco, che ogni volta che vuole di più apre i cancelli.

 

E' un problema mondiale. C'è troppa gente in una parte del mondo che non sta bene e preferisce venire qui (almeno, da qui si entra, poi vanno da altre parti). Se fosse risolvibile, sarebbe risolto il problema.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 31/10/2019 Alle 11:43, M.SchumyTheBest ha scritto:

Guardate che vi sto dando ragione, è di sicuro colpa di qualcun'altro. Io ci aggiungo anche il Centro-SudAmerica. Ci sono qualcosa come oltre 100 mila omicidi l'anno tra soli Messico e Brasile, ma di sicuro sarà colpa degli amerigggani.

 

Ecco i danni che fa la retorica liberista. Mi dispiace, ma dovunque c'è degrado e disuguaglianza sociale, c'è qualcuno che ne approfitta alle spalle di poveri cristi. E quando depredi la gente, non gli resta che sbranarsi a vicenda: si applica in differenti proporzioni al sud Italia, all'America Latina ed all'Africa, per citare tre realtà nominate da te stesso completamente a sproposito.

 

Negare questo vuol dire essere in malafede.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 ore fa, Ferrarista ha scritto:

 

Ecco i danni che fa la retorica liberista. Mi dispiace, ma dovunque c'è degrado e disuguaglianza sociale, c'è qualcuno che ne approfitta alle spalle di poveri cristi. E quando depredi la gente, non gli resta che sbranarsi a vicenda: si applica in differenti proporzioni al sud Italia, all'America Latina ed all'Africa, per citare tre realtà nominate da te stesso completamente a sproposito.

 

Negare questo vuol dire essere in malafede.

 

Caro Ferrarista, non so se sia retorica liberista e non nego che la disuguaglianza porti allo sbranamento, ma ci sono situazioni che vanno contro la logica.

 

I cartelli messicani hanno scatenato una guerra che giova soltanto a pochi capi narcos. Quelli che si decapitano e si uccidono, restano tanto miserabili come prima. Non so se avete saputo dell'uccisione dei mormoni. Abbiamo a che fare con gente dello stesso livello dell'ISIS, seminano terrore fine a se stesso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×