Jump to content
Sign in to follow this  
ClaudioMuse

Carnivoro, vegetariano, vegano

Recommended Posts

Legumi ne mangiate?

E si sentono i risultati :up:

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

alla fine è un taglio di carne di serie B, fanno tanto casino per nulla

 

veramente fino a qualche giornata fa era in zona champions :zizi:

 

 

Questa è di livello inferiore alle mie... (:asd:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Legumi ne mangiate?

 

E si sentono i risultati :up:

 

 

Finchè lavori con i finestrini aperti va tutto bene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

mi piacciono i legumi, soprattutto ceci e fagioli. Non ho mai capito se hanno ragione quelli che dicono che sostituirebbero completamente una bistecca.

 

da quello che so io le proteine dei legumi sono diverse da quelle della carne (hanno un valore biologico inferiore) non sostituiscono quelle della carne ciò non toglie che siano una buona fonte per chi non mangia proteine animali

 

tra l'altro, di legumi dovresti mangiarne molti con i risultati di cui parla Finn :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stesso discorso, ormai noioso. Un giorno puoi mangiare i legumi, un altro una bella bistecca, l'altro magari dei latticini. Un paio di volte del pesce (se più volte la settimana male comunque non fa). Equilibrio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

O puoi assumere degli integratori... Considerando lo schifo di chimico che mangiamo anche quando crediamo di mangiar sano una pillola in più non è così tanto grave

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

O puoi assumere degli integratori... Considerando lo schifo di chimico che mangiamo anche quando crediamo di mangiar sano una pillola in più non è così tanto grave

 

 

Guarda lo scandalo esploso nel vicentino, con le acque inquinate da Pfas (concerie)....I contadini hanno usato quell'acqua per irrigare la terra, quindi immagino che verdura sana finisca nelle nostre tavole.

Quell'acqua è finita pure negli acquedotti, che magari la gente beve...Quando dicono di bere molto e mangiare tanta verdura :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me la carne non piace quindi sono oramai vegetariano più per scelta di gusto che di etica. Difficile qua in romagna, in quanto fare a meno di insaccati è praticamente impossibile, già solo con le nonne che se non li mangi ti tacciano di anoressia o di malattia mentale... :hihi:

Per questo mangio legumi (che adoro) praticamente tutti i giorni, poi faccio fatica a dire se possono effettivamente sostituire le proteine animali. C'è da dire che con questa dieta sono anche riuscito a mettere su un po' di muscoli negli ultimi tempi, quindi male non si va...

Comunque la mia migliore amica è vegana e lavora in una rosticceria a Imola, quindi da un po' di anni sto assaggiando diverse specialità: nel salato si può secondo me compensare, se si amano le verdure; coi dolci si fa un po' più fatica: l'assenza di uova e soprattutto latticini si fa sentire...

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ieri sera ho mangiato leggero, scatola di fagioli conditi con cipolle+carote e sedano...

come non aver mangiato niente

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me la carne non piace quindi sono oramai vegetariano più per scelta di gusto che di etica. Difficile qua in romagna, in quanto fare a meno di insaccati è praticamente impossibile, già solo con le nonne che se non li mangi ti tacciano di anoressia o di malattia mentale... :hihi:

Per questo mangio legumi (che adoro) praticamente tutti i giorni, poi faccio fatica a dire se possono effettivamente sostituire le proteine animali. C'è da dire che con questa dieta sono anche riuscito a mettere su un po' di muscoli negli ultimi tempi, quindi male non si va...

Comunque la mia migliore amica è vegana e lavora in una rosticceria a Imola, quindi da un po' di anni sto assaggiando diverse specialità: nel salato si può secondo me compensare, se si amano le verdure; coi dolci si fa un po' più fatica: l'assenza di uova e soprattutto latticini si fa sentire...

 

Io lo scorso anno ho mangiato un tiramisù vegano, fatto dalla figlia di amici. Devo dire che - nonostante fosse l'opposto di quello che faccio io, quanto a contenuto calorico (ed alcolico) - non era affatto male, sinceramente. Sono rimasto positivamente sorpreso. Ma non ricordo la ricetta, purtroppo.

 

Sei la prima persona che sento dire (scrivere): "la carne non mi piace". Per quale motivo? Cosa esattamente ti infastidisce?

Edited by crucco

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

A me la carne non piace quindi sono oramai vegetariano più per scelta di gusto che di etica. Difficile qua in romagna, in quanto fare a meno di insaccati è praticamente impossibile, già solo con le nonne che se non li mangi ti tacciano di anoressia o di malattia mentale... :hihi:

Per questo mangio legumi (che adoro) praticamente tutti i giorni, poi faccio fatica a dire se possono effettivamente sostituire le proteine animali. C'è da dire che con questa dieta sono anche riuscito a mettere su un po' di muscoli negli ultimi tempi, quindi male non si va...

Comunque la mia migliore amica è vegana e lavora in una rosticceria a Imola, quindi da un po' di anni sto assaggiando diverse specialità: nel salato si può secondo me compensare, se si amano le verdure; coi dolci si fa un po' più fatica: l'assenza di uova e soprattutto latticini si fa sentire...

 

Io lo scorso anno ho mangiato un tiramisù vegano, fatto dalla figlia di amici. Devo dire che - nonostante fosse l'opposto di quello che faccio io, quanto a contenuto calorico (ed alcolico) - non era affatto male, sinceramente. Sono rimasto positivamente sorpreso. Ma non ricordo la ricetta, purtroppo.

 

Sei la prima persona che sento dire (scrivere): "la carne non mi piace". Per quale motivo? Cosa esattamente ti infastidisce?

 

 

Anch'io ho mangiato un tiramisù vegano, a Capodanno, devo dire che mi è piaciuto più di quello normale in quanto non amo molto i dolci al cucchiaio classici, ma sarò strano io...

Per quanto riguarda la carne non mi ha mai convinto particolarmente, né il sapore in sé, per me totalmente alessitimico, né per quello che lascia in bocca una volta finito di mangiarla, specialmente se si parla di filetti al naturale o non accompagnatii da salse che ne mascherano un po' il sapore: già se vado in un ristorante indiano il pollo in salsa di yogurt è obbligatorio, così come la salsiccia in certi piatti, ma se devo partecipare a una grigliata luculliana delle domeniche d'estate mi devo davvero sforzare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me piace la carne, tuttavia penso che se potessi la sostituirei quasi interamente col pesce, che amo veramente tanto. Sfortunatamente non ci possiamo permettere di mangiare pesce tutte le sere, anche se comunque ne consumiamo abbastanza nella settimana.

Share this post


Link to post
Share on other sites

oggi grande amatriciana vegana crudista

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io dovrei mangiare più pesce, però la mia scelta è abbastanza ristretta anche a causa di allergie. Però se mi chiedessero: "Orata?" direi subito si! O anche un branzino, per dire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Meglio il soaso.

 

Ovviamente vegano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

la cosa bella è che poi quello che vuole fare "il diverso" lo trovi dentro qualsiasi sottoinsieme.

Ricapitolando i vegani sono una minoranza "severa" interna al partito dei vegetariani che a differenza dei vegani mangiano invece anche uova,latte etc...basta che non sia carne. Invece i vegani hanno una scelta molto più limitata.

Minoranza interna al gruppo dei vegani sono i vegani crudisti, solo roba cruda. Poi minoranza della minoranza, fruttariani. Solo frutta all day all night, semplice....

 

e il passo successivo?

Respiranesimo. Solo aria. :sisi:

http://www.adnkronos.com/sostenibilita/tendenze/2015/10/23/vivere-senza-cibo-sempre-piu-italiani-scoprono-respirianesimo_pB809fMn7TRthTyB1t5H1L.html

 

e il passo successivo del passo successivo?

ovvio, il punto finale dove convergono tutte le forze è Lory Midorykawa :asd:

 

 

 

 

 

Edited by Pneumatico Usurato

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me piace la carne, tuttavia penso che se potessi la sostituirei quasi interamente col pesce, che amo veramente tanto. Sfortunatamente non ci possiamo permettere di mangiare pesce tutte le sere, anche se comunque ne consumiamo abbastanza nella settimana.

 

tuttavia per una bella mangiata ignorante il pesce non è indicato, le braciate e gozzovigliate vanno fatte con la carne

 

quindi carne sempre avanti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riuppo questa discussione, con un video leggero:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

È ora di ripoartare in prima pagina questo topic interessante ed utilissimo.

 

La patata e i suoi super poteri: sempre pronta a darti energia

 

Come un vero jolly, questo tubero si presta a infinite preparazioni e, grazie al suo particolare valore nutritivo, ben diverso da quello degli altri ortaggi, costituisce una vera risorsa per la dieta dello sportivo.

7 AGOSTO 2018
Scheda 1 di 4
Una ricarica di energia
Pur contenendo molta acqua, le patate sono ricche di carboidrati, vitamine e sali minerali. Ciò che differenzia maggiormente questi tuberi dagli altri ortaggi è il contenuto di amido, importante fonte di energia per l’organismo, che costituisce dal 15 al 18% del peso della patata, ed è per questo motivo che questi tuberi si prestano bene a sostituire nell’alimentazione il pane, la pasta e gli altri cereali. Il contenuto proteico è invece scarso e i grassi praticamente assenti, caratteristica che rende le patate un ingrediente adatto a creare piatti unici completi e bilanciati: è sufficiente abbinarle ad alimenti di tipo proteico e condirle con pochi grassi, preferibilmente vegetali, per ottenere un pasto completo di tutti i macronutrienti.
Preziose contro l’affaticamento muscolare
Peraltro, oltre che ricche di amido, a fronte di un bassissimo contenuto di sodio (un etto di patate ne contiene solo 7 mg), le patate sono anche un’ottima fonte di potassio (550-600 mg per ogni etto), minerale che combatte la stanchezza e aiuta ad evitare i crampi muscolari, specie quando si fa attività sportiva. Altri utili elementi presenti in buona quantità sono il calcio, il fosforo, il magnesio e lo zolfo, e anche il contenuto di vitamine B1 e C è significativo, anche se la quantità effettivamente presente di quest’ultima è influenzata dal tipo di cottura, oltre che dal tempo e dal modo di conservazione del prodotto (dopo un mese dalla raccolta, le patate perdono oltre il 30% della vitamina C che contengono). Se poi si scelgono le patate novelle il profilo nutritivo migliora ulteriormente: rispetto a quelle normali danno meno calorie (10-15 kcal in meno per 100g), ma contengono più magnesio (38mg contro i 28 delle patate normali) e forniscono praticamente il doppio di vitamina C. Quanto ai sali, in aggiunta a quelli già citati, le patate assorbono dal terreno anche il selenio, efficace contro i radicali liberi e importante per il buon funzionamento del sistema immunitario.
Quella dolce americana: perfetta per gli sportivi
Meno conosciuta della patata classica ma nutrizionalmente molto valida, troviamo poi la batata, anche detta patata dolce o americana. Si tratta di una radice tuberosa con delle caratteristiche di particolare rilievo per gli sportivi: non solo come la “cugina” classica è un’ottima fonte di carboidrati, ma ha anche un indice glicemico più basso, garantendo un apporto di energia prolungato senza il rischio di incorrere in picchi glicemici (per questo motivo risulta un ottimo alimento da consumare nel pasto che precede un allenamento impegnativo e di lunga durata). Un altro punto a suo favore è la ricchezza di vitamine e minerali: oltre a quelli già citati per la patata bianca, quella americana è ricchissima di betacarotene, precursore della vitamina A, di vitamina B6, importante per il metabolismo energetico, e ha anche un buon contenuto di fibre.

 

 

I rischi del verde
Per gustare al meglio le patate è necessario però conservarle bene, tenendole in un luogo buio, fresco e abbastanza ventilato. L’assenza di luce è necessaria per evitare la germogliazione che, oltre a impoverire le patate, si associa allo sviluppo di una sostanza, la solanina, potenzialmente nociva se consumata in quantità abbondante. La solanina si concentra in corrispondenza delle parti più verdi della patata; prima dell’uso conviene quindi controllare che non ci siano germogli o chiazze verdi e, nel caso, eliminarli penetrando in profondità sotto la buccia.

 

Martina Donegani
© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Edited by crucco

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×