Jump to content
Sign in to follow this  
Ruberekus

Vettel-Ferrari: che fare ?

Vettel-Ferrari: quale soluzione ?  

57 members have voted

  1. 1. Cosa dovrebbe fare la Ferrari con Vettel ?

    • Andare avanti con lui nel 2020 come da contratto
    • Rescindere il contratto e ingaggiare un altro pilota
  2. 2. Cosa dovrebbe fare Vettel ?

    • Restare in Ferrari nel 2020
    • Rescindere il contratto e cercare un'altra squadra
    • Ritirarsi dalle corse a fine anno


Recommended Posts

Finirà per forza davanti a Leclerc.

In gp difficili dove conta l'esperienza nel gestire le gomme e la benzina,  Leclerc il predestinato gli arriverà dietro sicuramente. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

F1 | Ferrari pazza di Leclerc. Vettel deve fare una scelta: gregario di lusso o addio

Negli occhi e nelle parole degli uomini del Cavallino c'è sempre meno spazio per Sebastian

 

 di Antonino Rendina9 settembre, 2019

 

F1 | Ferrari pazza di Leclerc. Vettel deve fare una scelta: gregario di lusso o addio
 

Sono le parole, i gesti, gli sguardi a tradire passione e intenti. La Ferrari tutta è in piena febbre Leclerc, concentrata e decisa a seguire passo dopo passo il fenomeno allevato in casa, inebriata da un talento a tratti inarrestabile, così unico da somigliare a più campioni del passato. La freddezza di Lauda, dicono. La generosità e l’incoscienza di Gilles, anche. La determinazione di Senna, si è sentito anche questo. Semplicemente Leclerc, una storia tutta da scrivere.

 

Noi seguiamo lui e lui segue noi” e già nelle parole del team principal (e nell’occasione tifoso ferrarista) Binotto si nota come tra la Rossa e Charles sia amore vero e guai a mettersi in mezzo. Al boss ha fatto da eco Laurent Mekies, il direttore sportivo della Scuderia: “Charles ha dimostrato una velocità incredibile unita a grande maturità e lucidità. Crescerà ancora, tocca a noi supportarlo, lui ama gareggiare così e ogni due gare va sempre più forte”.

 

Si va verso una Ferrari a trazione Leclerc, stretta intorno al giovane fuoriclasse, per costruire con lui un futuro vincente. Nelle parole, ma anche nei fatti, c’è sempre meno spazio per il capitano di tante battaglie, Seb Vettel. Nei fatti appunto. “A me il posteriore più leggero e ballerino non dispiace, metto la macchina come voglio” dichiarazione del Principino di Monaco da non sottovalutare. Perché la Ferrari nella ricerca del carico aerodinamico e di un migliore inserimento in curva ha finito per “cucire” mano a mano la SF90 su misura per Leclerc, che si trova perfettamente a proprio agio con la Rossa. La prova è data dal cronometro, implacabile.

 

In questo senso Vettel è sempre più defilato, se non emarginato. Lasciato in qualche modo solo, se non a livello umano, quantomeno a livello pratico. Abituato – sin troppo bene – ad avere le squadre tutte dalla sua parte – Red Bull prima, Ferrari poi –  Seb si trova adesso nella scomoda posizione di avere un compagno in rampa di lancio che va anche più forte.

 

“Vettel sta lavorando bene, gli errori possono capitare, lui sa di avere un campione al suo fianco e l’importante è che i due piloti lavorino bene per il team” così ancora Laurent Mekies, ma sono parole che suonano “sinistre”, sono parole che sottintendono un ruolo da gregario (di lusso) per il quattro volte campione del mondo. Maranello è concentratissima su Leclerc, e ormai pare accontentarsi dell’apporto secondario (o meglio complementare) di Vettel, sperando magari in un acuto, in un lampo di classe, ma non puntando più sul tedesco nel medio e lungo termine.

 

Errori e disagio tecnico. La spirale negativa di Seb sembra non avere mai fine, nonostante l’affetto e la stima di migliaia di tifosi (ma anche di chi scrive). Ed è proprio per questo che Vettel, prigioniero felice di un contratto a troppi zeri, dovrebbe avere il coraggio di fare una scelta, qualunque essa sia. Accettare di essere un campione sul viale del tramonto, chioccia e magari scudiero del fenomeno Charles, o ribellarsi al pensionamento forzato, reagire, voltare le spalle al sogno rosso e reinventarsi altrove.

 

“Io resto qui, dove dovrei andare?” Ha urlato a Milano dinanzi ad una folla che lo acclamava. Perché il pubblico ferrarista adora Vettel per la sua lealtà e dedizione alla causa, per la sua generosità, per le vittorie e le grandi gare. E gli perdona i molteplici errori, lo aspetta sempre, lo aspetta ancora. Ma via via ci crede un po’ di meno, perché il tempo è crudele e inesorabile e quello di Vettel in rosso sembra davvero prossimo alla fine.

 

Difficile dire se l’amore con la Ferrari si sia infranto sul cordolo preso in sovrasterzo della Ascari, ma gli sguardi bassi del dopo gara raccontavano un mondo. Le parole del team sono concilianti, tenere, comprensive. C’è rispetto e c’è affetto per Seb. Ma vanno guardati i fatti. Monza è stato il tempio di Leclerc, è già il tempo di Leclerc, bisogna pur prenderne atto, con la massima serenità.

 

Antonino Rendina

 

---

 

https://f1grandprix.motorionline.com/f1-ferrari-pazza-di-leclerc-vettel-deve-fare-una-scelta-gregario-di-lusso-o-addio/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seb non prende bandiera per quei pochi millesimi il sabato, con la scia di Leclerc fa pole e la domenica completa l'1-2 Ferrari salendo sul gradino più alto del podio. L'autore dell'articolo avrebbe scritto di una Ferrari in mano a Vettel, e oggi questo topic non esisterebbe neanche.

 

Non vedo l'ora che arrivi la prossima stagione, sperando sempre che la Ferrari riesca a sfornare una macchina da mondiale..

Share this post


Link to post
Share on other sites

E se si fosse girato all'Ascari, in testa alla corsa? :maxnotme:

  • Trottolino 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
49 minuti fa, SebMat ha scritto:

Seb non prende bandiera per quei pochi millesimi il sabato, con la scia di Leclerc fa pole e la domenica completa l'1-2 Ferrari salendo sul gradino più alto del podio. L'autore dell'articolo avrebbe scritto di una Ferrari in mano a Vettel, e oggi questo topic non esisterebbe neanche.

 

Non vedo l'ora che arrivi la prossima stagione, sperando sempre che la Ferrari riesca a sfornare una macchina da mondiale..

le sliding doors fanno parte della nostra vita, se quella maledetta domenica di luglio a Vettel non fosse scappato il piede e non si fosse stampato a muro forse tutto il mondiale 2018 (sua carriera compresa) sarebbe cambiato 

 

ma sta a noi cercare di volgere a favore gli episodi negativi che incontriamo, e lui non ci sta riuscendo, non ci sta riuscendo da un anno. 

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

seb mat per me sta cosa del 2021 a me pare una scusa...se va male cosa trovi dopo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non si può chiedere a Vettel di fare il gregario. Secondo me si tiene ancora il prossimo anno, tanto la Ferrari non avrà possibilità di lotta, il gap con Mercedes è troppo elevato. Per il 2021 è da cambiare con un buon pilota che possa portare punti, senza dare fastidio a Leclerc e senza fare troppe cappelle. Oltre al fatto che non costerà 40 sacchi che si potranno usare meglio. 

Edited by M.SchumyTheBest

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Davide384 ha scritto:

Nel 2017 stava correndo meglio di Lewis Hamilton. 

L'ufficialità arrivò a Monza. 

Prima aveva corso alla grande in Austria arrivando secondo. 

Poi la foratura a Silverstone dove comunque stava andando bene. 

In Ungheria vince con il problema allo sterzo. A Spa arriva a un passo dalla vittoria con la Ferrari che su quel circuito era una carriola. 

Era il migliore al mondo in quel momento altro che balle. 

Credo che abbia 10 punti meno di Leclerc e al netto di tutte le cappelle che ha fatto gli sarebbe davanti. 

Difficile che Hulkenberg possa fare di meglio

Intanto le capellate le ha fatte, quindi non vedo perche fare la tara.

Poi, se vogliamo dirla tutta, leclerc ha fatto la sua a baku, si è ritirato quando era in testa, non gli hanno fatto fare la qualifiica a montecarlo. Tara per tara, sarebbe dietro di ben oltre 10 punti.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so se avete notato ma a Monza sotto l'acqua si prendeva i SECONDI.

 

 

 

Traumatizzato da Germania 2018?

 

Spero per lui che non piova mai.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema ora è che lui mi pare molto più emotivo di quanto non mostri di fronte ai microfoni, e posso solo immaginare cosa stia passando e cosa passerà per altre due settimane..

Mi sembra un ragazzo che si porta tutto dentro e non riesce a farsi scivolare addosso le cose come altri. Questo rappresenta un macigno in momenti questi, e un frangente simile non lo ha mai vissuto, perché quello che ha passato con Ricciardo in RB non è minimamente paragonabile. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Nemesis ha scritto:

Non so se avete notato ma a Monza sotto l'acqua si prendeva i SECONDI.

 

 

 

Traumatizzato da Germania 2018?

 

Spero per lui che non piova mai.

In Germania prendeva  1" a giro da Leclerc prima del primo pit del monegasco...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, io Vettel lo terrei. Ha ancora tanto da dare. Forse non è più quello di una volta, ma penso che abbia ancora da dare. E più che alimentare le polemiche cercherei di stargli vicino, spero che in Ferrari lo facciano.

 

E...se uscisse dalla crisi e tornasse il Seb di una volta?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per ora deve accettare la realtà, se non riesce a ottenere la prestazione che cerca e la macchina é da 4/5 posto deve portare punti alla squadra, la RB non é lontanissima. 

Ieri stava andando più veloce delle Mercedes, ma era evidentemente in overdriving. 

Edited by red27

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Fabiopol ha scritto:

 Non so nel resto del circuito, ma dove ero io, quando passava LEC tutti ad urlare, quando passava VET silenzio, non se lo è filato nessuno. Nemmeno nel giro di rientro. 

 

 

Questo non va assolutamente bene, ogni vero Ferrarista dovrebbe supportare entrambi i piloti, specialmente se in difficoltà, specialmente a Monza!

 

Ovviamente nemmeno io sono contento delle recenti prestazioni di Vettel, ma non vorrei che fosse allontanato dalla squadra nè che si ritirasse. Ha il mio pieno supporto. Diamogli una macchina da mondiale e vedrete che tornerà utile, l'importante è che i 2 piloti collaborino e non si danneggino a vicenda.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, LuigiQ ha scritto:

Si questo è vero, però per lui ora anche finire davanti a Leclerc in 4° e 5°posto complessivo della Ferrari sarebbe ossigeno.

Certo non avrebbe una grande risonanza mediatica ma nella sua testa può contare. 

 

 

Ungheria e Germania erano quelle gare, poi però in Belgio è ritornato dietro a Leclerc e a Monza, in gara, ha fatto la cappellata. Sulla qualifica non è colpa sua.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In qualifica bastava che la Ferrari pensasse a se stessa e non agli avversari...uscire alla fine tutti in 10 è deleterio. Sono stati polli anche gli altri però

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che poi anche se finisse quarto non se lo ricorderebbe nessuno, di questo 2019 tutti si ricorderanno delle due vittorie di Leclerc e delle piroette di Seb

  • Like 1
  • Trottolino 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me non dovrebbe pensare troppo a quello che fa Leclerc, perchè tanto cosa ottiene? Di innervosirsi di più e basta. Tanto quest anno il mondiale è un affare privato tra Lewis e Hamilton, tra Mercedes e Benz.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Ruberekus ha scritto:

le sliding doors fanno parte della nostra vita, se quella maledetta domenica di luglio a Vettel non fosse scappato il piede e non si fosse stampato a muro forse tutto il mondiale 2018 (sua carriera compresa) sarebbe cambiato 

 

ma sta a noi cercare di volgere a favore gli episodi negativi che incontriamo, e lui non ci sta riuscendo, non ci sta riuscendo da un anno. 

Non che in 5 anni di Ferrari non l'abbia mai fatto, mettendo più di una volta le pezze agli errori o alle mancanze di una Ferrari che ancora non è riuscita a raggiungere il livello Mercedes rispetto alle aspettative. Adesso per un anno storto, in cui non vede una vettura competitiva per vincere da inizio 2018, mi pare anche ingeneroso parlare di rottamazione. Seb più che altro soffre il fatto di non poter riuscire a vincere con questa macchina, e le prova di tutte per riuscirci. Finendo per fare errori. Forza più di quanto non dovrebbe.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

E PERCHè L'ALTRO HA VINTO INVECE?ad essere onesti una l ha vinta anche vettel va bhe

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×