Jump to content
Sign in to follow this  
Natural Blonde Killer

Fernando Alonso verso l'immensità e oltre

Recommended Posts

3 minuti fa, KimiSanton ha scritto:

 

Posso essere certo nel dire (joseki può confermarlo meglio di me) che nella maggior parte delle occasioni gli stint "decisivi" vs la gemella #7 sono stati fatti dallo spagnolo, alcuni anche piuttosto impressionanti come ritmo.

 

Tutta questione di vettura, se non va non va. La vera forza di Alonso si è vista quando, nel 2017, alla prima esperienza ad Indy, piazzò la vettura quinto e fu in lizza per la vittoria fino alla rottura. Contro avversari sicuramente molto più esperti in tale competizione. Per me è sufficiente.

 

Chi è da colpevolizzare è McLaren, rea di aver totalmente sottovalutato l'impegno. Suggerirei un accordo con la Ed Carpenter Racing, che ogni volta è sempre li davanti a giocarsela.

 

con i se e con i ma non si va avanti.

Alonso nelle 2 partecipazioni alla Indianapolis ha fallito, è un dato di fatto.

Inutile arrampicarsi sugli specchi...

Non vince una gare in F1 dal 2013 (6 anni), non fa un pole da molto prima, un podio dal 2014...devo continuare?

Parlo perchè secondo lui stesso, è il miglior pilota di questo ventennio, e se davvero fosse così non avrebbe nessun rivale...invece...

Edited by Rio Nero

Share this post


Link to post
Share on other sites

chi ha lavorato con lui, dice tutt' ora che è stato l' unico vero pilota 

ha commesso i suoi errori non lo si mette in discussione ma al volante

quando tirava giu la visiera, il suo lavoro da pilota l'ha sempre 

svolto in maniera eggregia

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutti i grandi piloti hanno reso al meglio in base al loro potenziale.

 

Ma definirsi il migliore solo perchè così si sente di dire, per egocentrismo è un'altra cosa.

Che si faccia un campionato Indycar o un altro campionato serio, dove non corre solo con un'altra e sola macchina, ma con tutto il resto e vediamo che riesce a combinare.

Oggi a Indianapolis ha fallito e questo conta.

 

Edited by Rio Nero

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vabbè Rio, capisco tutto, ma se la prima Indy di Alonso è un fallimento, allora oltre metà dei piloti nemmeno dovrebbe presentarsi.
Sul non vincere dal 2013, con cosa doveva vincere, un triciclo?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Rio Nero ha scritto:

 

con i se e con i ma non si va avanti.

Alonso nelle 2 partecipazioni alla Indianapolis ha fallito, è un dato di fatto.

Inutile arrampicarsi sugli specchi...

Non vince una gare in F1 dal 2013 (6 anni), non fa un pole da molto prima, un podio dal 2014...devo continuare?

Parlo perchè secondo lui stesso, è il miglior pilota di questo ventennio, e se davvero fosse così non avrebbe nessun rivale...invece...

 

Non diciamo assurdità che non stanno ne in cielo ne in terra, per piacere Rio. 

 

- Posso concedere la 2019 (ma il team ha il 90% di colpe, ad Alonso si può incolpare il crash in prova, ma anche qui la maggior parte dei piloti è andata a muro almeno una volta), ma considerare la 2017 un fallimento quando si ritirò per rottura del motore e quando aveva, dati alla mano, il miglior ritmo in gara, è una cavolata bella e buona.

- In F1 non si vince, non si fa pole senza l'auto. Il difetto di Alonso è stato quello di bruciarsi la terra intorno, non il livello di guida. Da tifoso di Raikkonen devo ammettere (ma perché la nuda verità) che ha fatto molto peggio da questo punto di vista, l'auto l'ha avuta per vincere e fare pole e ha tirato su molto meno di quanto avrebbe potuto fare. Alonso in McLaren - Honda (e l'anno scorso Renault, seconda parte di stagione) non poteva nemmeno pensare alla zona a punti a momenti. Mettiamo lo stesso finlandese citato prima in questa situazione, non avrebbe cavato molto nemmeno lui, anzi. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, ClaudioMuse ha scritto:

Vabbè Rio, capisco tutto, ma se la prima Indy di Alonso è un fallimento, allora oltre metà dei piloti nemmeno dovrebbe presentarsi.
Sul non vincere dal 2013, con cosa doveva vincere, un triciclo?

Sottoscrivo, specie sulla prima Indy, ricordiamo che senza rottura poteva addirittura vincere. E non sono tantissimi i deb che hanno vinto alla prima ad Indianapolis.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, ClaudioMuse ha scritto:

Vabbè Rio, capisco tutto, ma se la prima Indy di Alonso è un fallimento, allora oltre metà dei piloti nemmeno dovrebbe presentarsi.
Sul non vincere dal 2013, con cosa doveva vincere, un triciclo?

 

No, non con un triciclo.

Ma se sei il migliore, nel 2012 non ti fai dare ordini di scuderia in Italia, USA, Brasile e Corea. Se sei il migliore e Massa un brocco, dovresti essere talmente più veloce del brasiliano che dovresti vederlo solo al traguardo...invece....

Se sei il migliore, non perdi un mondiale gia tuo (2007) contro un rookie al debutto.

Se sei il migliore mi aspetto un tuo sorpasso ai danni di un PETROV che ora credo sia in qualche terra speduta in RUSSIA.

Se sei il migliore devi incidere senza aiuti da nessuno.

 

Se sei il migliore....ma forse non lo è.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, PheelD ha scritto:

Sottoscrivo, specie sulla prima Indy, ricordiamo che senza rottura poteva addirittura vincere. E non sono tantissimi i deb che hanno vinto alla prima ad Indianapolis.

 

In epoca recente:

 

1966 - Graham Hill

2000 - Juan Pablo Montoya

2001 - Helio Castroneves

2016 - Alexander Rossi

 

Dovremmo tornare indietro al 1927 per quello precedente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
22 minuti fa, Rio Nero ha scritto:

 

No, non con un triciclo.

Ma se sei il migliore, nel 2012 non ti fai dare ordini di scuderia in Italia, USA, Brasile e Corea. Se sei il migliore e Massa un brocco, dovresti essere talmente più veloce del brasiliano che dovresti vederlo solo al traguardo...invece....

Se sei il migliore, non perdi un mondiale gia tuo (2007) contro un rookie al debutto.

Se sei il migliore mi aspetto un tuo sorpasso ai danni di un PETROV che ora credo sia in qualche terra speduta in RUSSIA.

Se sei il migliore devi incidere senza aiuti da nessuno.

 

Se sei il migliore....ma forse non lo è.

 

- Italia: Alonso parte 10° per un dado allentato, dopo essere stato primo sia in Q1, sia in Q2.

Corea: siamo nella seconda parte della stagione, Alonso sempre davanti per tutta la gara (la race chart non mente, oltretutto lo spagnolo era in gestione, ad un certo punto aumentò il ritmo e se ne andò) e punti pesanti per il Mondiale in palio. Cosa già fatta da Ferrari anche in anni passati, 2007 e 2008, con Kimi e Massa a scambiarsi i favori, quindi direi nulla di strano. Ah, prima di arrivare in Corea, 194-69 per lo spagnolo.

USA: concordo, poveracciata Ferrari quella di aprire appositamente i sigilli del cambio al brasiliano.

Brasile: io mi ricordo un doppio sorpasso mica da ridere :asd:

 

- ovviamente non vinse il rookie al debutto, ma sorvoliamo.

 

- si ride e si scherza sul Mondiale perso all'ultimo, lo faccio anche io. Ma la realtà è che fu una cappellata immane del muretto. Poteva pure passare Petrov ma sarebbero rimasti pure Rosberg e Kubica, più veloci del russo. Si, forse poteva provare e rischiare di sfasciare tutto, ma sai cosa sarebbe cambiato... Giusto per informazione: Petrov è nel WEC con SMP Racing e non va nemmeno male, anzi.

 

 

Edited by KimiSanton

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, KimiSanton ha scritto:

 

A - Italia: Alonso parte 10° per un dado allentato, dopo essere stato primo sia in Q1, sia in Q2.

Corea: siamo nella seconda parte della stagione, Alonso sempre davanti per tutta la gara (la race chart non mente, oltretutto lo spagnolo era in gestione, ad un certo punto aumentò il ritmo e se ne andò) e punti pesanti per il Mondiale in palio. Cosa già fatta da Ferrari anche in anni passati, 2007 e 2008, con Kimi e Massa a scambiarsi i favori, quindi direi nulla di strano. Ah, prima di arrivare in Corea, 194-69 per lo spagnolo.

USA: concordo, poveracciata Ferrari quella di aprire appositamente i sigilli del cambio al brasiliano.

Brasile: io mi ricordo un doppio sorpasso mica da ridere :asd:

 

B - ovviamente non vinse il rookie al debutto, ma sorvoliamo.

 

C - si ride e si scherza sul Mondiale perso all'ultimo, lo faccio anche io. Ma la realtà è che fu una cappellata immane del muretto. Poteva pure passare Petrov ma sarebbero rimasti pure Rosberg e Kubica, più veloci del russo. Si, forse poteva provare e rischiare di sfasciare tutto, ma sai cosa sarebbe cambiato...

 

 

 

Punto A : A Monza Felipe era meritatamente terzo e fu fatto rallentare per far passare Alonso ;

In Corea, Massa fu autore di una grandissima corsa, e ti ricordo che Alonso voleva andare a prendere la Red Bull che gli era davanti, quindi spingeva mentre dietro di lui a ritmi di giri veloci Massa gli arrivò alle costole e gli fu ordinato ( per ben 4 volte da Smedly) di non attaccare l'asturiano. Massa e Raikkonen furono trattati alla pari, Alonso e Massa no, infatti Alonso ebbe benefici in ogni dove anche in quel famoso gp di Germania 2010.

 

Punto B : si era un rookie, lo era. L'esperienza di Alonso ed il suo famoso piede dovevano farsì di regolarlo...invece andò come tutti ben sappiamo...evidentemente non era al livello di Hamilton al suo debutto...

 

Punto C : Muretto o non muretto, mi aspettavo da un campione della sua grandezza, almeno un tentativo serio di sorpasso, anche a ruote fumanti, cosa che non ci fù. Remissivo dietro a Petrov, senza mai un acuto!

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non metto in dubbio che Massa stesse correndo bene, anche se mi permetto di dire che farlo solo per qualche gara non è il massimo dei complimenti, e questo vale anche per il pilota che tifo, visto che pure lui ha fatto stagioni simili.

 

Il punto è che una volta passato il giro di boa di una stagione è "normale" che un pilota abbia la prevalenza sull'altro in termini di decisioni, ovviamente se prese in momenti giusti del GP (per questo ritengo la decisione in USA una poveracciata). Anticipo la controrisposta, ossia che queste decisioni venivano prese già dall'inizio. Due cose: a) l'equità in Ferrari, dall'arrivo di Schumacher in poi, è stata più un'eccezione che la regola. Ruoli ben definiti dall'inizio, magari anche per contratto. Ecco, se proprio la cosa non andava bene, poteva anche cercare un altro sedile il brasiliano, no? b) all'inizio della stagione la differenza di performance è stata troppo evidente per non essere presa in considerazione, anche con tutte le decisioni del mondo all'interno. 

 

Correggo sulla Corea: Alonso riprese si a spingere, ma solo successivamente, quando poi staccò definitivamente il brasiliano. Ergo, forse non una decisione totalmente errata (arrivò più vicino lo spagnolo a Webber che Massa ad Alonso).

 

Su Abu Dhabi: mi stavo giusto rivedendo alcuni spezzoni di gara. Una staccata per passarlo la provò anche, ma è stato anzi bravo a salvarla, era totalmente impossibile. Renault con maggiore velocità di punta oltretutto.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
51 minuti fa, Rio Nero ha scritto:

 

con i se e con i ma non si va avanti.

Alonso nelle 2 partecipazioni alla Indianapolis ha fallito, è un dato di fatto.

Inutile arrampicarsi sugli specchi...

Non vince una gare in F1 dal 2013 (6 anni), non fa un pole da molto prima, un podio dal 2014...devo continuare?

Parlo perchè secondo lui stesso, è il miglior pilota di questo ventennio, e se davvero fosse così non avrebbe nessun rivale...invece...

 

 

Questo non è vero. Al debutto ha fatto una grandissima gara e se la stava giocando fino alla rottura del motore. Non si sa come sarebbe andata ma è stato un debutto positivo.

 

Questa volta ha fallito. Dal punto di vista di pilotaggio e messa a punto non ha colpe. La squadra era allo sbando. La sua unica grande e grossa colpa è stata quella di essere arrogante e di precludersi la possibilità di poter ancora correre con un team Honda.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, chatruc ha scritto:

 

 

Questo non è vero. Al debutto ha fatto una grandissima gara e se la stava giocando fino alla rottura del motore. Non si sa come sarebbe andata ma è stato un debutto positivo.

 

Questa volta ha fallito. Dal punto di vista di pilotaggio e messa a punto non ha colpe. La squadra era allo sbando. La sua unica grande e grossa colpa è stata quella di essere arrogante e di precludersi la possibilità di poter ancora correre con un team Honda.

 

Mah, in realtà non so se Honda sia il motore più performante. Direi che l'errore sia stato cercare di andare con McLaren, da soli. Pensò farà tesoro dell'esperienza per riprovarci con un team che offra più garanzie tecniche.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, KimiSanton ha scritto:

 

Mah, in realtà non so se Honda sia il motore più performante. Direi che l'errore sia stato cercare di andare con McLaren, da soli. Pensò farà tesoro dell'esperienza per riprovarci con un team che offra più garanzie tecniche.

 

No. I motori sono di fatto equivalenti. Dico che si è precluso di correre con tutti i team Honda. In caso contrario, Andretti la faceva di nuovo una macchina per lui.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, chatruc ha scritto:

 

No. I motori sono di fatto equivalenti. Dico che si è precluso di correre con tutti i team Honda. In caso contrario, Andretti la faceva di nuovo una macchina per lui.

 

Su questo vero, sono d'accordo. 

 

Butto li: che questa Indy 500 sia la fine della sua collaborazione con McLaren?

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, KimiSanton ha scritto:

Cosa si intende con acquistare un entry?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Alex_Ferrari ha scritto:

Cosa si intende con acquistare un entry?

 

Cioè dai dei soldi a un team già qualificato per piazzare il tuo pilota e riverniciare la vettura con i tuoi colori (non si può cambiare macchina). Michael Waltrip lo ha dovuto fare un sacco di volte in NASCAR quando non si qualificava e lo sponsor NAPA lo minacciava.

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, joseki ha scritto:

Potevo essere co****e come te.

 

Sei talmente preso che non ti rendi ancora conto, semmai lo farai, che sei molto ma molto peggio di me..

Ora puoi andare a piangere dopo il risultato di Alonso, c'è il Topic di Asturias che ti aspetta.

 

Mi raccomando...non soffrire troppo!

 

Edited by Rio Nero

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sostanzialmente la qualifica serve per far "qualificare" l'auto, più che il pilota che l'ha portata dentro.

 

Quindi, un team escluso potrebbe anche provare ad "acquistare" l'auto qualificata per farci correre il proprio pilota. Esempio che sarebbe potuto succedere: McLaren esclusa, decide di provare ad entrare in questa maniera. Chiama la Ed Carpenter Racing e offre una buona somma di denaro per avere la #63, portata in Fast 9 da Ed Jones. Se avessero accettato, McLaren avrebbe corso la Indy 500 con quella vettura, quel numero ma Alonso alla guida piuttosto che Jones.

 

E' già successo comunque nel passato. Avrebbe potuto farlo anche Penske nel 1995 quando vennero bumpati tutti i suoi piloti (provarono ad acquistare setup e altri telai durante il periodo di qualifiche, questo si), ma non lo fece.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×