Vai al contenuto
KimiSanton

Notizie Varie 2019

Messaggi raccomandati

Ma giusto per capire, perché un pilota navigato dovrebbe accettare di guidare per la Toro Rosso sapendo che,  a parte che non vinca delle gare cosa assai improbabile, al massimo possono aspirare nella riconferma per l'anno successivo E nient'altro. 

Per me ha fatto bene Buemi a rifiutare.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hanno fatto benissimo Buemi e Vergne.
Per come tratta i piloti Helmut Marko, merita il rifiuto di tutti i i piloti.

Per poi tornare a fare cosa?
La metà delle volte parti da fondo griglia, sapendo di fare la fine di Hartley.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La Toro Rosso è un'ottima opportunità per un pilota giovane di entrare in F1, non lo è invece per piloti che hanno già intrapreso una carriera e stanno ottenendo risultati in altre categorie di vertice della Fia. 
Hartley ha accettato perché Porsche ha chiuso il programma LMP1 e lui era senza volante, altrimenti ho i miei dubbi che avrebbe accettato. Sia Vergne che Buemi stanno lottando da protagonisti nei loro campionati, che comunque non sono il trofeo kart di Rozzano, tornare in F1 in un team di rincalzo vorrebbe dire perdere il sedile appena Marko trova il nuovo pupillo e perdere il treno nel WEC e in FE. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, Bigmeu ha scritto:

La Toro Rosso è un'ottima opportunità per un pilota giovane di entrare in F1, non lo è invece per piloti che hanno già intrapreso una carriera e stanno ottenendo risultati in altre categorie di vertice della Fia. 
Hartley ha accettato perché Porsche ha chiuso il programma LMP1 e lui era senza volante, altrimenti ho i miei dubbi che avrebbe accettato. Sia Vergne che Buemi stanno lottando da protagonisti nei loro campionati, che comunque non sono il trofeo kart di Rozzano, tornare in F1 in un team di rincalzo vorrebbe dire perdere il sedile appena Marko trova il nuovo pupillo e perdere il treno nel WEC e in FE. 

 

dimostrazione della politica piloti sbagliata di Marko-Mateschitz 

finché un team (vedi Toro Rosso) è propedeutico per portare un pilota su una vettura vincente che ti consente il mondiale (vedi Red Bull), i piloti (anche attempati) tentano l'avventura, quando invece sanno bene che a seconda dell'umore del mercato e di Marko, rischi il sedile ad ogni GP, rifiutano senza problemi. A mio parere ben gli sta e spero che continui così finché non si daranno una regolata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alla Race of Champions il Team Nordic batte il Team Germany nella gara a squadre.

 

Particolare di una delle manche: Lucas Di Grassi ha perso contro un simracer italiano, Enzo Bonito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ROC 2019

Le emozioni ed il divertimento non sono mancati però sin dall’inizio. Nella gara che ha inaugurato la manifestazione infatti proprio Sebastian Vettel ha sfidato Pierre Gasly, in un gustoso antipasto del prossimo mondiale di Formula 1. L’ha spuntata per pochi decimi il quattro volte campione del mondo, che con questo successo ha messo a segno il primo punto per la Germania, in un girone che i tedeschi hanno vinto senza troppi patemi.

Eliminata subito invece la Francia che insieme al neo pilota Red Bull schierava Loic Duval. A passare come seconda del gruppo è stato il team Mexico con il campione Indy Lights Patricio O’Ward e un altro ex F1, Esteban Gutiérrez, lui pure battuto da Vettel nello scontro diretto. Eliminata invece l’altra squadra messicana, il team Infinitum, composto da Memo Rojas e Benito Guerra.

Negli altri gironi, composti da tre squadre ciascuno, il Brasile di Castroneves e Di Grassi ha eliminato le All Star degli Esports ed il Team Telcel Mexico, mentre il Team Nordic ha sconfitto nel suo raggruppamento Gran Bretagna e Stati Uniti. La squadra scandiva ha passato il turno nonostante il testacoda di Kristensen nella sfida contro David Coulthard, al volante degli spettacolari Super Trucks.

Il vero show però è iniziato a partire dalle semifinali. In una sfida dal sapore calcistico il duo Vettel – Schumacher ha sconfitto con un netto 2-0 la coppia verdeoro. Il quattro volte iridato ha avuto la meglio su Di Grassi in Gara 1, mentre il neo entrato nella Driver Academy della Ferrari ha battuto con autorità il tre volte vincitore della Indy 500 Helio Castroneves.

Stesso punteggio nella seconda semifinale, con il Team Nordic che ha eliminato dalla competizione i padroni di casa, trascinati fin lì da un applauditissimo Patricio O’Ward.

La finale si è dimostrata, come previsto, equilibratissima, con le sfide che questa volta sono state al meglio delle tre gare. Ad inaugurare l’atto conclusivo è stato il duello tra Vettel e Mr. Le Mans, Tom Kristensen. Il tedesco ha vinto la prima gara, perdendo però le successive due e regalando così il punto al campione danese.

A tenere in vita le speranze di successo per la Germania ci ha però pensato Mick Schumacher, capace di battere per 2-0 il due volte iridato nel WRX Kristofferson. Spettacolare il secondo punto, giunto al termine di una prova conclusa solo al fotofinish.

Si è reso così necessario uno spareggio, sempre al meglio delle tre gare, tra Kristensen e Schumacher. Alla fine l’ha spuntata l’esperto campione, alla sua 15esima apparizione alla ROC. Decisiva la seconda vittoria, arrivata per soli tre decimi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, KimiSanton ha scritto:

Alla Race of Champions il Team Nordic batte il Team Germany nella gara a squadre.

 

Particolare di una delle manche: Lucas Di Grassi ha perso contro un simracer italiano, Enzo Bonito.

 

Tom Kristensen / Johan Kristoffersson vs. Sebastian Vettel / Mick Schumacher.

 

Ooops! Si legge tutto nel post di vaffancilrosso.

Modificato da crucco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Duval batte Kristensen

O'Ward batte Kristoffersen

Gutierrez batte Schumacher

 

Ora Gasly vs Guerra.

 

Guerra batte Gasly.

 

Tre messicani in semifinale in Messico. Duval vs O'Ward e Gutierrez vs Guerra.

Esteban Gutierrez in tuta Mercedes.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Loic Duval va in finale!

Benito Guerra è il secondo finalista della Race of Champions!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guerra vince il primo confronto con Duval, con le vetture Rallycross. Il secondo round, potenzialmente il decisivo, tra poco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vince Benito Guerra! 2-0 su Loic Duval!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Benito Guerra, un nome un programma. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ammetto che il suo nome fosse totalmente sconosciuto alla mia memoria prima di ieri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mick Schumacher sarà assistito da Nicolas Todt.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Maranello ha azzerato Alonso e si ripete con Vettel, dopo avere regalato il secondo titolo di Kimi a Hamilton. Bravi bravi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma a me sembra che invece la Ferrari abbia consacrato Alonso che pur non avendo vinto nulla, fino al momento del suo addio era idolatrato da tutti i tifosi Ferraristi ed era pensiero comune (e lo è tutt'ora) che con una macchina decente i 7 titoli avrebbe anche potuto raggiungerli. Alonso si è azzerato con il suo carattere. 

Vettel si è affossato da solo, uno che ha una Ferrari da mondiale, per la prima volta in 10 anni, getta tutto alle ortiche perché adora fare i testacoda o disfare la macchina a gran premi alterni. Quest'anno Vettel ha fatto un errore grave in almeno 8 o 9 gp. In ogni caso non sarà una ROC a decidere se il ha perso il tocco magico, bensì la stagione 2019. Questa o la vince o si trova un altro team.  

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tornando a Mick Schumacher: lui avrebbe potuto correre in F1 già quest'anno, avendo raggiunto i 40 punti necessari per la Superlicenza.

 

Andando in F2 per l'annata 2019 però perderà i punti della stagione 2016 (si considerano le tre stagioni più recenti), per rientrare nella soglia dei 40 dovrà ottenerne almeno 10, equivalenti ad un sesto posto nella classifica finale. Questo per evitare di dover correre ulteriori competizioni al fine di raggiungere i punti necessari (Macau ne offre alcuni).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vabe correrà con una delle squadre migliori, fare peggio del sesto posto significherebbe non essere il pilota che si spera che sia 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×