Jump to content
Sign in to follow this  
Beyond

L'opaca Ferrari SF90

La Ferrari 2019  

42 members have voted

This poll is closed to new votes
  1. 1. Riuscirà a conquistare il titolo mondiale piloti?



Recommended Posts

1 ora fa, ggr ha scritto:

Beh ragazzi. Razionalizzando, hanno un intero we di dati veri su cui lavorare, e due settimane per farlo. Se la macchina è buona come dicono, e che necessita solo di essere capita e assettata bene, per la prossima gara la vedremo competitiva. Ma se la prossima gara Sara'

come questa, inutile raccontarci quella dell'uva, ci troveremo di fronte all'ennesima macchina incompiuta. Dura da dire, ma la prossima gara è già uno sparti acque....che piaccia o no.

 

Sono d'accordo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

PS: ottima ricerca, molto valida e molto interessante, grazie per averla postata

Share this post


Link to post
Share on other sites

È da ieri che dico che il problema è il motore e non il setup

sta storia del setup è utile a nascondere i problemi interni del motore

l’analisi E i video da Reddit lo confermano 

Lavorando con un motore con problemi o in safe modo si va poco lontano

 

 

penso che il problema lo avessero capito già dagli ultimi due gg di test

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

40 minuti fa, NeoN ha scritto:

penso che il problema lo avessero capito già dagli ultimi due gg di test

 

Sembra esserci quanche problematica molto seria sotto che la Ferrari sta cercando di nascondere in ogni modo. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Kimired ha scritto:

 

 

Sembra esserci quanche problematica molto seria sotto che la Ferrari sta cercando di nascondere in ogni modo. 

 

concordo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

infatti un problema alla PU è molto più credibile (e per certi versi "rassicurante") che un problema fondamentale all'aerodinamica o alle sospensioni, che per altro in un circuito come Barcellona sarebbe dovuto venire fuori

 

del de-rating occorso a Vettel in gara mi ero accorto anch'io in una circostanza, ma pensavo fosse un caso o un trick particolare che stava facendo lui, invece pare che riguardi tutti i motorizzati Ferrari, la cosa strana è che a prima vista sembra un problema della parte elettrica ma l'anno scorso la Ferrari era arrivata ad avere l'ibrido migliore, possibile che siano clamorosamente tornati indietro ? leggo però che qualcuno ipotizza che il problema possa riguardare l'ICE e che per stare sicuri lo abbiano tenuto giù cercando di estrarre il massimo dalla parte elettrica, che quindi va spesso in riserva

 

secondo me meglio che sia un problema di PU piuttosto che di macchina, lo vedo più facilmente risolvibile, certo però devono darsi una mossa perché con questi problemi, sui rettilinei di Sakhir, Shanghai e Baku sarà un autentico massacro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non me lo auguro ma cose del genere alla fine saltano fuori e, se fosse vero, di certo pioveranno critiche enormi sulla gestione mediatica e sul lavoro nei test. Spero soltanto che qualsiasi cosa ci sia sotto venga risolta presto ma purtroppo per me solo un miracolo in Bahrain potrebbe ribaltare una situazione così compromessa.

A Wolff obiettivamente non ci credeva nessuno e quest’anno ha realmente cagato troppo fuori dal vaso, comunque è triste arrivare dai test chiedendoci se la Mercedes fosse almeno qualche decimo indietro visti tutti questi cambiamenti, percepiti come sviluppi anticipati ed accorgerci che questi hanno realmente pianificato una macchina completamente diversa alla seconda settimana, non perché avessero il minimo problema ma perché dispongono di una potenza economica e di infrastrutture paurosa (ancor di più di quello che si poteva percepire), mentre chi stava nei guai eravamo proprio noi.

Edited by Kimired

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 ore fa, KimiSanton ha scritto:

Quella 2016 pagò uno sviluppo praticamente inesistente.

 

secondo me è stata molto sottovalutata quella macchina

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mark Hughes per esempio pensa che non sia un problema di motore ma di mancanza di grip all'anteriore

 

So what was behind these swings? Well, for one the Ferrari was lacking in front-end grip. Although its straightline speeds were well down too, this was a just a function of how much slower it was onto the straights (GPS-derived power overlays suggested a negligible difference between Mercedes and Ferrari). No amount of set-up change was changing that and the suggestion was that the Ferrari’s front wing philosophy (with the elements cut away at the outboard ends ahead of the front tyre to help outwash the airflow around the tyre) under these new regulations can leave you with not enough range of downforce settings to compensate for a low-grip, slow corner-dominated track. That’s the working theory of a few aerodynamicists. Those cars performing notably better than at Barcelona – i.e. Mercedes and Haas – feature the opposite front wing approach to Ferrari’s, with full depth elements ahead of the tyres. 

“We think it’s probably tyres,” said an unnamed Red Bull man. “They are so stiff that it can be difficult to get them working properly around this place. But if you get them in the window suddenly there’s lots of extra performance. Looks like Ferrari have got caught out by it, same as us.”

Maybe the front wing limitation was exacerbating the tyre situation. Because even if Mercedes had been sandbagging, as the popular reaction insists, that doesn’t explain why Ferrari’s Melbourne form Friday to Saturday was so volatile. And if Ferrari (and everyone except Mercedes) wasn’t getting the tyres working properly around the dusty, low grip track, then we probably aren’t seeing the picture we will around a more conventional track

 

https://www.motorsportmagazine.com/reports/f1/2019-australian-grand-prix-report

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, lucaf2000 ha scritto:

 

secondo me è stata molto sottovalutata quella macchina

 

Puoi  anche costruire uno Shuttle ma se i tuoi avversari costruiscono l’Enterprise del capitano Kirk con i motori a curvatura, Il risultato è che avrai fallito.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi, voglio sperare non sia un problema di motore, perche non lo avrebbero risolto tra i test e la prima gara, quindi votrebbe dire tenerselo per almeno 7 gp.... speriamo solo in un problema di set up relativo a questa pista. Tutto il resto sarebbe già un disastro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

se fosse un problema di motore una volta risolto va cambiato anche a costo di rischiare una penalità, magari da scontare in un gp tipo monza.

non ha senso correre 7 gp in queste condizioni, se il problema è quello.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

effettivamente in gara negli onboard sembravano girare in modalità remi in barca, personalmente pensavo che fosse una condizione per tutti non solo per le ferrari

 

se davvero c'è un problema, mi chiedo se vale la pena continuare a girare in modalità safe mode per altri 6gp o se tanto vale tirare il collo alla PU accorciandogli la vita e cambiarlo anticipatamente quando questa PU si romperà, potremmo dire "meglio 3 gp da leone o 6 da pecora?" :asd: boh chi lo sa, intanto il primo gp da pecora l'hanno fatto!

in ogni caso non è il miglior modo per iniziare una stagione

 

Edited by mircocatta

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, ggr ha scritto:

Ragazzi, voglio sperare non sia un problema di motore, perche non lo avrebbero risolto tra i test e la prima gara, quindi votrebbe dire tenerselo per almeno 7 gp.... speriamo solo in un problema di set up relativo a questa pista. Tutto il resto sarebbe già un disastro.

 

Praticamente l'analisi di Hughes ipotizza un problema di filosofia progettuale dell'ala anteriore, che con i profili tagliati prima degli endplates non genera carico sufficiente per le curve medio/lente in un circuito come Melbourne.

Non è che questa eventualità sia tanto meglio, perchè il discorso di riprogettare un'ala anteriore non lo fai neanche da una gara all'altra.
 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me meglio problema al motore 

 

d'altra parte se l'analisi di Hughes fosse giusta, non necessariamente  implicherebbe di riprogettare l'ala, semplicemente si dovrebbe soffrire e massimizzare punti nei circuiti in cui si combinano basso grip e curve lente , mi vengono in mente Singapore e Sochi

Share this post


Link to post
Share on other sites
24 minuti fa, mircocatta ha scritto:

effettivamente in gara negli onboard sembravano girare in modalità remi in barca, personalmente pensavo che fosse una condizione per tutti non solo per le ferrari

 

se davvero c'è un problema, mi chiedo se vale la pena continuare a girare in modalità safe mode per altri 6gp o se tanto vale tirare il collo alla PU accorciandogli la vita e cambiarlo anticipatamente quando ci regalerà il primo zero in classifica per rottura, meglio essere competitivi in queste 3-4 gare o meglio essere mediocri per altri 6gp senza rischiare di avere in futuro una penalità per l'uso di una PU aggiuntiva?

in ogni caso non è il miglior modo per iniziare una stagione

 

Una partenza dall'ultima posizione si recupera facilmente su determinate gare... Molto meglio. Questa che girare con una PU depotenziata

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, Ruberekus ha scritto:

secondo me meglio problema al motore 

 

d'altra parte se l'analisi di Hughes fosse giusta, non necessariamente  implicherebbe di riprogettare l'ala, semplicemente si dovrebbe soffrire e massimizzare punti nei circuiti in cui si combinano basso grip e curve lente , mi vengono in mente Singapore e Sochi

 

eh ma stiamo parlando di un terzo dei circuiti, se si soffre così è impensabile lottare perchè nelle gare "favorevoli" la merc se la giocherà lo stesso, non sarà indietro come noi

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

25 minuti fa, Ruberekus ha scritto:

secondo me meglio problema al motore 

 

d'altra parte se l'analisi di Hughes fosse giusta, non necessariamente  implicherebbe di riprogettare l'ala, semplicemente si dovrebbe soffrire e massimizzare punti nei circuiti in cui si combinano basso grip e curve lente , mi vengono in mente Singapore e Sochi

 

Mi sto facendo l'idea che siano 2 problemi separati e distinti, perchè personalmente non credo al discorso di stravolgere un assetto per recuperare velocità, che generalmente comunque si ottiene scaricando l'ala posteriore non quella anteriore: con i problemi di inserimento nelle curve medio lente e il sottosterzo  l'ala posteriore c'entra poco e lo avevo detto prima di Hughes qualche post fa.  Anche l'eventualità che abbiano scaricato l'anteriore per bilanciare un posteriore più scarico al fine di recuperare velocità ha poco senso, punto primo perchè questa velocità di fatto non si è recuperata sul dritto, punto secondo perchè la Ferrari a Melbourne non aveva ali particolarmente scariche.

Quindi sono quasi convinto che le problematiche siano 2, distinte e separate: quello che dice Hughes può essere vero, in quanto molto più coerente con i principi basilari di aerodinamica e con il comportamento sottosterzante della monoposto in Australia, a questo si aggiunge che, sicuramente, le mappature del motore sono state impostate in modo molto conservativo per evitare i guai dei test invernali.
Unite le 2 cose e avrete il quadro pessimo a cui abbiamo assistito.

Edited by Kimired
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

5bc654dcfeb54af04c6b00718c4c51da717c407b

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×