Jump to content
Sign in to follow this  
Beyond

L' illegale Ferrari SF90

La Ferrari 2019  

42 members have voted

This poll is closed to new votes
  1. 1. Riuscirà a conquistare il titolo mondiale piloti?



Recommended Posts

1 ora fa, ForzaFerrari88 ha scritto:

https://it.motorsport.com/f1/news/qualifiche-australia-alfa-e-toro-rosso-piu-veloci-di-2-secondi-i-top-team-di-6-decimi/4357152/

 

Questi dati sono interessanti. Nel senso che, tolta la Williams, si osserva come tutti i team minori abbiano recuperato molto rispetto ai top, tanto che il distacco tra Mercedes e la "peggiore scuderia" passa da 3,4 secondi a soli 2 secondi (esclusa williams). Abbiamo visto come in Q1 poi Gasly sia rimasto fregato e le 18 vetture siano rimaste racchiuse in 1 solo secondo.

Vediamo nelle prossime gare se si conferma il trend, ma cmq secondo me questo è indicativo:

1) di una Ferrari che sicuramente è stata negativa abbastanza da non essere credibile (solo 1.3 meglio della peggiore scuderia...sempre escludendo la williams)

2) di una Mercedes che è risultata sicuramente migliore di tutti, ma le cui performance non sono clamorosamente migliori rispetto alle altre scuderie

 

Sul passo gara fare confronti è più difficile visto che l'anno scorso c'è stata la VSC, ma ad occhio sembra che invece la Mercedes abbia fatto un gran passo avanti rispetto i team minori (almeno su questa pista)

Mi sembra un confronto basato sul nulla, può semplicemente essere che le nuove regole aerodinamiche rendano più complicato (anche a chi ha i mezzi migliori) di fare un'importante differenza in termini cronometrici.

La diminuzione del gap, comunque, è una buona notizia. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, ggr ha scritto:

Oramai sono regole praticamente uguali da cinque anni. Più si va avanti, e meno svliluppo può esserci, specie sui motori, quindi quelli davanti raschiano il fondo del barile, quelli dietro invece hanno ancora maegine di miglioramento più grande, e quindi recuperano. È fisiologica una cosa così, anzi, è durata pure troppo...

 

Sicuramente è vero quello che dici. Per sfizio, dato che oggi ho tempo da perdere :asd:, sono andato a vedermi i distacchi tra la pole e il "miglior" tempo della peggior vettura nella seconda parte di stagione del 2018 (un 2-3 volte ho voluto considerare anche altri piloti oltre la williams per rendere più significativo il confronto):

 

1) Spa (Q3 pioggia): Vettel(Q2) 1:41:501 - Sirotkin(18°) 1:44:998                                                : gap: 3:497 

2) Monza: Raikkonen 1:19:119 - Leclerc(17°) 1:21:889                                                                   : gap: 2:770 

3) Singapore: Hamilton 1:36:015 - Sirotkin (19°)1:41:263 ; Gasly(15°) 1:39:614                   : gap: 5:248  ; 3:600

4) Russia: Hamilton 1:31:387 - Sirotkin (18°) 1:35:612                                                                   : gap: 4:225 

5) Giappone: Hamilton 1:27:760 - Alonso (18°) 1:30:573                                                               : gap: 2:813

6) Stati Uniti: Hamilton 1:32:237 - Sirotkin (17°) 1:35:362                                                             : gap: 3:125 

7) Messico: Ricciado 1:14:759 - Stroll (19°) 1:17:689 ; Grosjean (16°) 1:16:991                     : gap: 2:930 ; 2:232

8) Brasile: Hamilton 1:07:281 - Alonso(18°) 1:09:402                                                                     : gap: 2:121

9) Abu Dhabi: Hamilton 1:34:794 - Sirotkin (19°) 1:38:635 ; Hartley (16°) 1:37:994              : gap: 3:841 ; 3:200

 

Australia 2019 : Hamilton 1:20:486 - Hulkemberg (12°) 1:22:540 : gap: 2:054

 

Per avere lo stesso rapporto di distacco di Australia 2019, nei gp che ho elencato, nel 2018 la peggior macchina avrebbe dovuto girare in:

1) Spa: 1:44:091 ----------------->    - 0:907  - gap dalla pole: 2:590     vs 3:497

2) Monza: 1:21:138 -------------->     - 0:751                              : 2:019     vs 2:770

3) Singapore: 1:38:465 ----------->     - 1:150                               : 2:450    vs 3:600     

4) Russia: 1:33:720 --------------->   - 1:892                                : 2,333    vs 4:225

5) Giappone: 1:30:000 ------------>    - 0:573                                : 2,240    vs 2:813

6) USA: 1:34:590 ----------------->    - 0:752                                : 2,373    vs 3:125

7) Messico: 1:16:666 ------------->    - 0:325                                : 1:907    vs 2:232

8) Brasile: 1:08:998 --------------->   - 0:404                                : 1:717    vs 2:121

9) Abu Dhabi: 1:37:213 ------------>    - 0:781                              : 2,419    vs  3:200

 

Quindi mi sembra che ci sia stato un miglioramento notevole delle scuderie minori rispetto ai top team, che spero si confermi anche per i prossimi gran premi.

 

2 ore fa, Rocky ha scritto:

Mi sembra un confronto basato sul nulla, può semplicemente essere che le nuove regole aerodinamiche rendano più complicato (anche a chi ha i mezzi migliori) di fare un'importante differenza in termini cronometrici.

La diminuzione del gap, comunque, è una buona notizia. 

 

Infatti dobbiamo vedere nei prossimi gp come evolve.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

è tutto molto normale. Trovo veramente stupidi tutti i tentativi di LM di creare meno distacco quando per l'appunto basterebbe mantenere gli stessi regolamenti per un po' di tempo, senza dover per forza cambiare ogni 3 anni. Nel 2021 avremo un altro cambio regolamentare corposo probabilmente. Il tutto per attirare costruttori che non entreranno mai in F1. Quest'ultima si troverà cornuta e mazziata, zero entrate di nuovi costruttori e gap di nuovo aumentato tra top team e team di seconda fascia.

 

 

3 ore fa, Rocky ha scritto:

Ma voi siete contenti che nel 2019 la Philip Morris riesca a essere addirittura title sponsor della squadra di F1 più iconica al mondo?

Poi fanno le pit lane rosa in onore dei tumori al seno. Sempre al contempo però il marchio di una famosissima marca di birra compare ovunque.

 

Comunque sono deluso che una squadra come la Ferrari non si muova anche per lanciare messaggi di salute ai telespettatori ma che anzi sia complice dell'incitamento alla consumazione di sostanze cancerogene.

 

 

Ogni essere umano ha l'immensa dote del libero arbitrio. Se un Pinco Pallino qualsiasi si va a comprare le sigarette è perchè gli piacciono. Nessuno incita ed obbliga nessuno a fare ciò.

 

Sono deluso che nel 2019 ancora non si capisca ciò.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da quando hanno abolito i test, ogni cambio di regolamento ha portato ad un dominio sino al cambio successivo. Speriamo che al prossimo la azzecchi la ferrari...

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Kaiser ha scritto:

è tutto molto normale. Trovo veramente stupidi tutti i tentativi di LM di creare meno distacco quando per l'appunto basterebbe mantenere gli stessi regolamenti per un po' di tempo, senza dover per forza cambiare ogni 3 anni. Nel 2021 avremo un altro cambio regolamentare corposo probabilmente. Il tutto per attirare costruttori che non entreranno mai in F1. Quest'ultima si troverà cornuta e mazziata, zero entrate di nuovi costruttori e gap di nuovo aumentato tra top team e team di seconda fascia.

 

 

 

Ogni essere umano ha l'immensa dote del libero arbitrio. Se un Pinco Pallino qualsiasi si va a comprare le sigarette è perchè gli piacciono. Nessuno incita ed obbliga nessuno a fare ciò.

 

Sono deluso che nel 2019 ancora non si capisca ciò.

Hai ragione, ci mancherebbe.

Tuttavia non si può negare che un marketing del valore di miliardi di dollari in pubblicità abbia una forte influenza e semplicemente io non starei bene con me stesso a sapere di incitare la gente a consumare sostanze cancerogene. Poi se a uno piace farsi del male, andare a 200km/h in centro città eccetera può farlo, ma non mi sembra una buona ragione per evitare di fare prevenzione e pubblicità verso la via della salute.

Anche perché poi, il giorno del tumore al seno, colorano tutto di rosa. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Kaiser ha scritto:

 

Ogni essere umano ha l'immensa dote del libero arbitrio. Se un Pinco Pallino qualsiasi si va a comprare le sigarette è perchè gli piacciono. Nessuno incita ed obbliga nessuno a fare ciò.

 

Sono deluso che nel 2019 ancora non si capisca ciò.


Questa tua affermazione è sia vera che non vera allo stesso tempo. 

Pinco Pallino andrà pure a comprarsi le sigarette perché gli piacciono, ma intanto se non avesse mai letto dell'esistenza delle sigarette magari non gli sarebbe mai venuto il desiderio di provarle.  
Verissimo che nessun cartellone pubblicitario ti obbliga a comprare un prodotto, ma allo stesso tempo il marketing è sempre stato un'arma di vendita. Mostrare il tuo prodotto, far vedere che è il migliore, influenzare la gente. 

Esempio stupidissimo ma per renderti l'idea. Al supermercato nessuno ti obbliga a comprare le caramelle/cioccolatini/rasoi che ti vendono alle casse. Però tu sei in coda, stai aspettando il tuo turno e ti ricordi che hai ancora 3 rasoi, meglio prenderli casomai ti dimentichi la prossima volta oppure  ti viene quella voglia di dolce dopo 18h al seguito della moglie tra Ikea e supermercato e un pocket coffee casca nel carrello. Nessuno ti obbliga a comprarli, ma il solo fatto che sono li ti spinge a farlo. 
 

Nessuno inizia a fumare perché vede un adesivo da qualche parte, ma se uno sta provando a smettere e per 2h consecutive si becca lo sponsor che gli ricorda le sigarette, questo finita la gara esce e va dal tabaccaio. 

Sono altresì convinto che le crociate di Codacons e simili atte a "smascherare" la sponsorizzazione occulta del tabacco, abbiano in realtà l'effetto contrario da quello sperato, ovvero  rivela a tutti quello che in realtà è noto a pochi. Pochissima gente va ad approfondire quelli che sono gli sponsor non noti sulle vetture.  Tipo io ho scoperto poco tempo fa che Singha è una birra, adesso so già che se dovessi per caso trovarla in un pub probabilmente la ordinerei per curiosità. Ma se non lo avessi scoperto magri me la sarei trovata davanti al pub senza nemmeno associare le due cose e avrei passato la sera a scervellarmi su dove avessi già visto il marchio. 
Il Codacons è solo caduto nel trappolone di PM che ha messo un brand esca sulla livrea e ha aspettato che l'associazione di turno uscisse fuori con "QUELLI IN REALTÀ SONO QUELLI DI MARLBORO, PRODUCONO SIGARETTEEEEHH!!!11!!1!1" ed ecco fatta la pubblicità alle sigarette, oltre ad aver legato indissolubilmente un marchio quasi anonimo, che prima poteva anche passare sotto un bel "echeccazzè?", alle sigarette. Tutto grazie al codacons in Italia e probabilmente ad altri polli in giro per il mondo. 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

mah oddio, ho iniziato a fumare da 2 anni e non credo che sia colpa dello sponsor sulla ferrari, semmai è la F1 in generale che mi stressa e mi spinge a mettermi una paglia in bocca ogni 3x2 :asd: 

Edited by mircocatta
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da piccolo vedevo Michael Schumacher vincere con la Ferrari e a quasi 26 anni non ho mai toccato una sigaretta.

 

Sulle vetture ci sono tanti di quei sponsor che ormai il telespettatore medio non ci fa più caso. Anzi, guarda di più a come si abbina lo sponsor sulla livrea che l'origine dello sponsor stesso.

Ad esempio, quando l'anno scorso ho visto la scritta Mission Winnow non ho pensato alla PM ma a quanto facesse cagare quel logo sulla Ferrari.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, è normale, del resto la pubblicità mira a influenzare soprattutto la parte più inconscia di noi che quella razionale che, come si capisce dai vostri messaggi, si illude di non esserne influenzata. 

Purtroppo il discorso della pubblicità è molto più complesso, altrimenti non si spiega perché si spendano decine di migliaia di € per ogni secondo di pubblicità e nel nostro caso perché Mission Winnow spenda una barca di soldi per avere tanta visibilità sulla Rossa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gli sponsor sono lì per una visibilità propria e di immagine. 

Non credo che spingono più di tanto i telespettatori a farne uso.

Almeno credo sia così. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 ore fa, ggr ha scritto:

Oramai sono regole praticamente uguali da cinque anni. Più si va avanti, e meno svliluppo può esserci, specie sui motori, quindi quelli davanti raschiano il fondo del barile, quelli dietro invece hanno ancora maegine di miglioramento più grande, e quindi recuperano. È fisiologica una cosa così, anzi, è durata pure troppo...

Mah l'anno scorso sembravano aumentati i distacchi 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Rio Nero ha scritto:

Gli sponsor sono lì per una visibilità propria e di immagine. 

Non credo che spingono più di tanto i telespettatori a farne uso.

Almeno credo sia così. 


Non ti spingono a farne uso, ma semplicemente ti spingono a scegliere loro. 

Prendiamo Heineken. 
Sei uno sbarbato 14enne che di birra non ne sa nulla, la domenica ti guardi la gara. Cartelloni verdi ovunque. La sera esci con gli amici e per fare il figo prendi una birra. Quale birra ordini? Heineken o una trappista belga dal nome sconosciuto? La risposta la sai già. 
Ora, tralasciando l'illegalità di vendere birra ai minori, secondo te la pubblicità non influenza? 

La pubblicità ti influenza al momento della scelta (prima o milionesima che sia) o ti fa venire voglia di un prodotto che già conosci. 
Se non ho mai mangiato Nutella, anche vedere una 24h di LeMans in cui il main sponsor è Nutella non mi farà venire voglia di sfondarmi di cioccolata, però se mai andrò al supermercato magari potrei avere la curiosità di provarla. In quel momento la pubblicità mi ha influenzato in due modi. 1) portandomi a provare un prodotto che non conoscevo 2) facendomi escludere gli altri prodotti simili in favore di quello che ho visto per 24h. 

È anche vero però che con il fumo siamo in una situazione border line. Io non ho mai sentito parlare di persone che hanno iniziato a fumare grazie a cartelloni/adesivi/spot pubblicitari. Nessuno dal nulla entra da un tabaccaio, prende un pacchetto e inizia a fumare. Spesso e volentieri la prima te la offrono, la seconda la scrocchi e poi inizi a pensare di comprarti il pacchetto (qui allora interviene la pubblicità). 
È l'ambiente che ti spinge a farlo, è il tuo carattere che ti fa desistere o meno. Io come Giovy sono cresciuto vedendo Schumacher vincere con Marlboro scritto ovunque, in un liceo in cui ero l'unico non fumatore della classe e me ne hanno offerte a tonnellate, ma in 26 anni non mi è mai manco venuto in testa di fare un tiro.
Però in compenso se mi offri un morso di un hamburger ti tiro via anche il gomito. Ognuno ha le sue debolezze, ma ancor di più ci sono categorie con debolezze comuni. Per le donne è lo shopping compulsivo. Se la F1 fosse seguita da donne allora al posto del tabacco ci sarebbero le case di alta moda. Scuderia Ferrari Valentino, al posto di Redbull avremmo Gucci. Invece la F1 è seguita da uomini per lo più maggiorenni. Quindi Alcool,  fumo e sponsor tecnici la fanno da padrona. 
Perchè Coca-cola non è mai entrata pesantemente in F1? Ne ha da sempre le possibilità eppure non l'ha mai fatto. Molto semplicemente  il pubblico non è in target. Loro puntano ai ragazzini e a chi fa la spesa in famiglia, categorie che sono in netta minoranza in questo sport o che vedono il prodotto di "rimbalzo" perchè lo segue il papà o il marito, ma essendo disinteressati sarebbero investimenti inutili. 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aneddoto di Antonini 

 

Un milione di anni fa, quando tutti eravamo molto più giovani, la Rossa perse un GP che poteva vincere – ma non dirò quale, né quando – per un banale inconveniente tecnico. Dov’è la novità, direte voi. Eppure fu un caso tutto particolare: il pilota di allora – ma non dirò chi era – partì, bene, si portò al comando, ma dopo pochi giri iniziò ad avere problemi di guidabilità in apparenza inspiegabili e perse la posizione. Morale: una piccola componente della sospensione era stata montata al contrario e aveva causato i problemi (quella componente esisteva anche in versione double-face, ma in sede di acquisti si era ritenuto che costasse troppo). Con questo, e scusate il maiuscolo, NON intendo assolutamente dire che qualcosa del genere sia successo quest’anno a Melbourne. Ma solo che, tante volte, si scoprono dettagli incredibili capaci di falsare un risultato, che poi restano sepolti negli archivi delle squadre.

Volete sapere come finì la storia? Dopo la gara un giovane ingegnere – giovane all’epoca, si intende – andò dal team principal di allora – ma non dirò eccetera eccetera – e gli disse: E’ stata colpa mia, non mi sono accorto dell’errore nel montaggio. E il team principal, invece di cazziarlo/licenziarlo/umiliarlo, gli disse: questo è l’atteggiamento che mi piace. Gli errori si fanno, ma bisogna avere l’onestà intellettuale di ammetterli. Questo per chi crede che a Maranello esista solo, o sia sempre esistita, la cultura della forca.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bell'aneddoto. Io ricordo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che gara era?

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, spamilrosso ha scritto:

 E il team principal, invece di cazziarlo/licenziarlo/umiliarlo, gli disse: questo è l’atteggiamento che mi piace. Gli errori si fanno, ma bisogna avere l’onestà intellettuale di ammetterli. Questo per chi crede che a Maranello esista solo, o sia sempre esistita, la cultura della forca.

Ha fatto bene.

Wolff avrebbe fatto la stessa cosa.

Nel 2016, avrebbe dovuto licenziare l'intera squadra di motoristi e lo scorso anno dopo Austr(ali)a ( :asd: ) lo stratega? 

Wolff crede che si lavori meglio con serenità, addirittura ammettendo in mondovisione di aver fatto una cappellata e lo stesso fece nel 2016, difendendo il proprio team a spada tratta. Anche a Baku nel 2017, una figuraccia pure peggiore di quella che riferisce Antonini, ho visto un video in cui - sollecitato da un giornalista a criticare la propria squadra - si incazzò e disse "questa è una squadra che ha vinto 3 campionati del mondo e non ti permetterò di parlare male di loro".

Da lì, ne hanno vinti altri 2 e sono ad oggi una delle squadre favorite per continuare a vincere. Quindi questo approccio, così male non fa. 

Forse la gente, che indipendentemente da quello che dici dà tutto per fare il proprio massimo, lavora meglio con la serenità che con la pressione. :) 

Poi chiaro, se uno si dimostra non all'altezza lo si manda via. Tipo Arrivabene :asd: . Però lo si manda via se gli mancano qualità, non alla prima niubbata che commette :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Wolff infatti li tutela i suoi uomini, lui trolla con loro, non di loro

Edited by Kimired

Share this post


Link to post
Share on other sites

Wolff...come dice il suo cognome è un lupo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Rio Nero ha scritto:

Bell'aneddoto. Io ricordo.

Ti ricordi la gara?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Wolff è un grande nel suo mestiere. Trolla per scaricare su altri la responsabilità e scaricare i suoi, mica per prendere in giro la gente. Non si fa problemi a fare tattiche bastarde, e non lascia nulla per strada. Arrivare al risultato è il miglior regalo che puoi fare alla tua squadra, non come arrivwell che ha regalato vittorie solo da portare a casa agli avversari. Binotto sarà meglio di arrivabene, perché non ci vuole un gran che..ma a livello di toto non ce lo vedo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×