Jump to content
Sign in to follow this  
GIL27

Il motore Wankel detto anche rotativo

Recommended Posts

Il motore Wankel

Una delle caratteristiche meno attraenti del tradizionale motore alternativo a combustione interna ? costituita dal fatto che il moto del pistone ? di tipo rettilineo alternato e quindi, per ottenere un moto di rotazione, bisogna ricorrere ad un manovellismo di spinta.

 

Il pistone ? cos? soggetto a sollecitazioni elevate perch?, ad ogni inversione del moto, in corrispondenza dei due punti morti, deve decelerare fino a fermarsi per poi accelerare riprendendo il moto in verso opposto, il che comporta una rilevante discontinuit? di funzionamento ed elevate vibrazioni che riducono il rendimento complessivo.

 

Furono questi i motivi che spinsero Felix Wankel nel 1954 a ideare un propulsore che non avesse il problema delle masse dotate di moto alterno. II sig. Wankel, che paradossalmente non consegu? mai una laurea in ingegneria e non prese mai la patente di guida, progett? cos? un motore a combustione interna volumetrico (che prender? poi il suo nome) i cui organi principali erano dotati di moto rotatorio attorno ad un asse fisso.

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO

 

II motore rotativo Wankel ? costituito schematicamente da una parte fissa esterna (statore) entro cui ruota un rotore a tre lobi. Durante il moto, i vertici dei tre lobi si mantengono costantemente a contatto con le pareti dello statore. Tra quest'ultimo ed il rotore si creano tre spazi, i cui volumi variano ciclicamente per effetto della rotazione del rotore, entro i quali si susseguono le quattro fasi del funzionamento.

 

Aspirazione

La fase di aspirazione della miscela aria-benzina inizia quando il volume della camera in cui sbocca il condotto di aspirazione incomincia ad aumentare, creando cos? una depressione che richiama la miscela all'interno dello statore. In un motore alternativo a quattro tempi questo si ha quando la valvola di aspirazione ? aperta e il pistone scende verso il punto morto inferiore. Nel motore rotativo ci? avviene quando il condotto di aspirazione non ? ostruito dal rotore, che con il suo moto rotatorio determina un aumento di volume della camera e apre le luci di aspirazione.

 

CompressioneUna camera chiusa il cui volume ? in diminuzione descrive il processo di compressione. Un motore a pistone ? in fase di compressione quando tutte le valvole sono chiuse e il pistone sta salendo. La compressione nel motore rotativo dipende esclusivamente dal proseguimento del movimento del rotore che, in un primo momento, chiude la luce di aspirazione creando uno spazio chiuso compreso tra la sua parete e quella dello statore e, successivamente, riduce questo spazio, cosicch? la miscela aspirata viene compressa.

 

Combustione ed Espansione

Quando la compressione ha raggiunto il valore ottimale, scocca la scintilla attraverso gli elettrodi della candela; ha cos? inizio la fase di combustione e la conseguente espansione dei gas; i motori ricavano la loro potenza trasformando l'espansione del gas in lavoro. In un tradizionale motore alternativo il gas spinge il pistone che a sua volta muove biella e manovella e quindi l'albero motore. Nel motore rotativo questa forza fa muovere il rotore nella direzione in cui la camera contenente il gas in combustione si espande e di conseguenza fa ruotare l'albero eccentrico. Per come ? concepito il motore Wankel, il momento risultante delle pressioni dei gas agenti sulle superf?ci del rotore ? nullo rispetto al baricentro del rotore stesso, mentre se prendiamo come centro di riduzione l'asse dell'albero motore, la risultante delle sopra citate pressioni ? diversa da zero e pari alla coppia motrice (se si trascurano gli attriti e gli effetti delle tenute sul rotore stesso). Espulsione

 

La fase di scarico libera la camera dai residui della combustione preparandola per un altro ciclo. Nei motore quattro tempi questo avviene quando la valvola di scarico ? aperta mentre il pistone sale verso il punto morto superiore. Nel Wankel il rotore ruota riducendo il volume della camera, in corrispondenza della luce periferica di scarico, permettendo cos? la fuoriuscita dei gas combusti.

animazione del funzionamento

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mitico Wankel!!!

 

Se non mi sbaglio la Mazda aveva ottenuno buoni risultati in competizioni con il Wankel... non vorrei dire una cazzata ma ha fatto girare una vettura con motore Wankel a Le Mans?

 

Nell'animazione sembra che il Wankel faccia un'accensione ad ogni giro del rotore... in realt? non ne fa 3 per ogni giro del rotore???

 

Cmq il wankel ? una gran trovata ma credo che consumi un p? troppo lubrificante... o no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ah... se porti dal meccanico una Mazda con motore Wankel???

Share this post


Link to post
Share on other sites

no adesso il Wankle ? stato fatto in nuovi materiali ceramici. cio' ha consentito al motore di "vivere" molto pi? a lungo di prima (infatti gli attriti erano micidiali e i motori non duravano niente) e di ridurre anche l'uso di lubrificanti!

 

cmq il motore della mazda, proprio per il rinnovo dei materiali, ? stato brevettato con il nome "renesis"

 

ah... se porti dal meccanico una Mazda con motore Wankel???

 

la ripara!cosa c'? di strano??nn capisco la tua domanda...

Share this post


Link to post
Share on other sites

nel senso che ? probabile che un meccanico non sappia dove mettere le mani con un motore wankel...bhe basta andare in un'officina mazda... rolleyes.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mitico Wankel!!!

 

Se non mi sbaglio la Mazda aveva ottenuno buoni risultati in competizioni con il Wankel... non vorrei dire una cazzata ma ha fatto girare una vettura con motore Wankel a Le Mans?

 

Nell'animazione sembra che il Wankel faccia un'accensione ad ogni giro del rotore... in realt? non ne fa 3 per ogni giro del rotore???

 

Cmq il wankel ? una gran trovata ma credo che consumi un p? troppo lubrificante... o no?

vinse nel 91 la 24 ore di le mans,fu l? che conobbi il motore rotativo,i piloti erano Johnny Herbert e Bertrand Gachot(se non ricordo male).

user posted image

Share this post


Link to post
Share on other sites

fantastica...la mitica 787b

Share this post


Link to post
Share on other sites
nel senso che ? probabile che un meccanico non sappia dove mettere le mani con un motore wankel...bhe basta andare in un'officina mazda... rolleyes.gif

intendevo dire proprio questo!

potrebbe essere una noia dover andare dal meccanico della mazda... o magari costa di pi?. boh...

 

cmq

mephisto un p? meno pippa

tongue.gif

biggrin.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest alb@tros

La Mazda comp? una vera impresa in quel 1991, entr? di diritto nella storia della classicissima della Sarthe.

Un solo inconveniente per entrare nella leggenda: la sostituzione di un faro!!!

Il Wankel purtroppo ? bandito nella massima formula, ed ? un vero peccato perch? offre degli spunti interessanti come l'assenza delle forze d'inerzia del primo e secondo ordine (vera ossessione per i progettisti dei motori alternativi).

I piloti che hanno portato in gara siffatti motori parlano anche di assenza di freno motore...

Sinceramente farei un pensiero per consentire un maggior sviluppo tecnologico nel magico mondo dei motori da gran premio, magari consentendo anche l'utilizzo di pistoni ovali con l'impiego di ceramica....

Share this post


Link to post
Share on other sites

In pratica il sig. Wankel riprogett? non un motore a 4 tempi ma a 2. Il problema fondamentale del motore all'epoca della sua produzione originaria era, come appunto nei due tempi tradizionali, l'alta temperatura specifica del ciclo di funzionamento (ogni giro uno scoppio). Che comportava un elevato consumo di miscela, sempre molto grassa (mai sotto il 4%), e la conseguente carbonizzazione delle cuspidi dei rotori.Da qui lo sbilanciamento e la perdita di compressione. Per non parlare della possibilit?, in caso di stallo del motore, che i rotori cambiassero senso di rotazione.

 

La visione di una Ro80 originale della NSU del 1971 o gi? di l? fu molto educativa.

 

La NSU poi venne comprata dalla BMW (se non ricordo male), tanto ? vero che proprio la carrozzeria dei modelli Ro80 e 100 venne ripresa per la produzione della primissima serie delle serie 3. Per intenderci quella con la portirea che non aveva la cornice del vetro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Wankel il motore del futuro? (voi che ne pensate)

Chi ne sa di storia automobilistica, ricorda come una delle pagine pi? ingiuste fu scritta a cavallo tra gli anni sessanta e settanta.

Allora, un ingegnere tedesco, Felix Wankel, ebbe un?intuizione felicissima: in un motore, invece di far andare i pistoni su e gi?, li ha fatti roteare su se stessi, praticamente in linea con l?albero motore.

Nacque cos? il motore Wankel e fu subito rivoluzione.

 

La prima automobile di grande serie ad adottare questo sistema fu la Nsu Ro 80, una berlinona di rappresentanza che avrebbe poi ispirato, dieci anni dopo, le linee guida delle Audi 100. Le dimensioni erano quelle delle grandi Mercedes di allora, il motore Wankel era di soli 993 centimetri cubi e permetteva prestazioni di primo piano. La Nsu Ro 80 era una delle duemila pi? veloci dell?epoca e in pi? aveva un motore piccolo e rivoluzionario. I consumi erano quelli di un?automobile di media cilindrata e qui, ecco nascere i vantaggi ma anche i problemi.

Motore di piccola cilindrata, consumi contenuti e prestazioni elevate, tutto fantastico. Troppo fantastico per un mercato impreparato.

 

Le prestazioni erano cos? rivoluzionarie ed eccellenti da rappresentare un serio problema per una vera industrializzazione di massa. Allora il motore era nuovo e avrebbe avuto bisogno di investimenti considerevoli per portarlo a un grado di affidabilit? degno del pi? storicizzato Ciclo Otto (il comune motore a benzina, per intenderci). La rivista americana Motor Trends, nel Settembre del 1971, calcol? che tutte le grandi industrie automobilistiche dell?epoca avrebbero dovuto fare fronte comune per svilupparlo al meglio e forse non sarebbe ancora bastato. E cos?, il motore migliore si rivel? perdente.

 

Poi arrivarono i giapponesi e la musica cambi?. La Mazda, rilevati i diritti di utilizzo, si decise a metterlo in pista, nel vero senso della parola.

Nel mondiale Sport Prototipi si ? rivelato un gigante, consentendo delle importanti vittorie, anche di campionato. Ma dove ha trovato la Mazda i soldi che tutta l?industria automobilistica mondiale non era riuscita a trovare? Semplicemente nella costituzione di un pool di ricerca e sviluppo dedicato, invece dei quindici previsti dalla ipotetica coalizione, e dal finanziamento degli sponsor. E un?auto da corsa che vince permette una raccolta pubblicitaria ricca.

 

Insomma, quello che a volte i grossi e complessi ingranaggi frenano, la determinazione consente. Oggi, il motore Wankel ? considerato il candidato ideale ad equipaggiare le future automobili ad idrogeno.

 

E? il riscatto del motore pi? semplice e rivoluzionario, una bella soddisfazione per l?ingegner Wankel. Una storia che deve far capire ai troppi rassegnati, che alla fine, se lo si vuole, si vince.

A dispetto di quello che dicono i pi?.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La filosofia del motore Wankel ?: meno componenti coi sono, meno probabilit? che si rompa qualcosa.

biggrin.gif

 

Il Wankel, ho letto, ha il vantaggio, rispetto ad un motore "tradizionale", che l'energia prodotta dalla combustione si traduce tutta in trazione, menre un motore a pistoni, parte dello scoppio viene sprecato per far fare il giro al pistone.

 

Quello rotativo ? decisamente un gran bel motore, purtroppo il meccanico "sotto casa" non ci capisce una mazza, e se si guasta s? c...

nippon5_15.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

SIGH! Il Wankel! Mio padre possedeva una Ro-80 quando ero bambino (e ci rifece il motore due volte prima di darla via rolleyes.gif ).

Il Wankel IMHO ? un motore pi? adatto alle competizioni che all'utilizzo stradale: l'assenza di masse in movimento alternativo permette di raggiungere regimi di rotazione elevatissimi e una potenza specifica impressionante. Inoltre il motore ? piccolissimo e leggero.

Le controindicazioni principali che hanno sempre afflitto il pi? popolare dei motori rotativi sono state in gran parte superate con lo sviluppo tecnologico dei materiali; oggi Mazda garantisce il suo Renesis per oltre 100.000Km, mentre ai tempi della NSU il motore andava "rifatto" (le "fasce" sugli spigoli del rotore perdevano tenuta) ogni 50.000! embaressed_smile.gif

Rimangono il problema dei consumi, della scarsa coppia ai bassi regimi (? un motore che va' tenuto sempre "in tiro" per dare il meglio) e della quasi completa assenza di freno motore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sapete dirmi se anche la mazda RX-8 stradale ha il motore wankel?

Share this post


Link to post
Share on other sites
sapete dirmi se anche la mazda RX-8 stradale ha il motore wankel?

69112[/snapback]

 

s?, mi ricordo che il trofeo Mazda RX8 Cup ? proprio per la vettura giapponese con motore wankel

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
sapete dirmi se anche la mazda RX-8 stradale ha il motore wankel?

69112[/snapback]

la RX-8 ha solo il motore rotativo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×