Jump to content
PheelD

MotoGP 2019

Recommended Posts

20 Luglio 2008

Una delle gare più belle della storia. Guadagnavano un secondo rispetto agli altri, anche sui rispettivi compagni.

 

 

 

Edited by VincenzoFerrari

Share this post


Link to post
Share on other sites

 Cavatappi 2008/ 2012 entrambi con Ducati

Video disponibile solo su You Tube

 

 

2 ore fa, Giovy_1006 ha scritto:

https://it.motorsport.com/motogp/news/lin-jarvis-il-futuro-della-yamaha-non-dipende-piu-da-rossi/4497611/

 

Che possa piacere o meno, Rossi ha 40 anni e la Yamaha deve iniziare a pensare al futuro.

Notizia vintage

Edited by Massimo
Inserito un altro post

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Giovy_1006 ha scritto:

https://it.motorsport.com/motogp/news/lin-jarvis-il-futuro-della-yamaha-non-dipende-piu-da-rossi/4497611/

 

Che possa piacere o meno, Rossi ha 40 anni e la Yamaha deve iniziare a pensare al futuro.

Mi pare anche giusto e credo che possa solo fare bene alla Yamaha 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io darei la terza moto ufficiale a Quartararo già nel 2020.

Comunque interessante intervista, soprattutto questo pezzo:

 

L'anno scorso, in Austria, abbiamo toccato il fondo e questo ci ha portato ad attuare una serie di cambiamenti che sapevamo già di dover fare. In inverno c'è stata una ristrutturazione dell'organizzazione del reparto tecnico in Giappone: è arrivato un nuovo capo progetto, Takahir Sumi, che ha sostituito Kouiji Tsuya, e un nuovo direttore generale, Hiroshi Itou".

"Ora stiamo iniziando a ottenere i frutti di questi cambiamenti. Abbiamo anche modificato il nostro modo di lavorare nella nostra sede europea, incorporando Michele Gadda come responsabile dell'area elettronica. Anche in Giappone, ora, sono più aperti. Prima, quando c'erano problemi, si chiudevano in loro stessi. Abbiamo scoperto tardi quella mancanza di comunicazione. Fortunatamente la reazione è stata veloce e fluida. Questo ci permette di esporre meno i punti deboli della nostra moto, perché ne avevamo davvero troppi. Al momento il problema principale con la nostra moto è la mancanza di potenza, ma non possiamo risolverlo fino al 2020, quando potremo incorporare un nuovo motore".

 

ora non per qualcosa, ma chi è che da metà 2017 parlava di questo? Dell’organizzazione Yamaha non altezza di Honda e Ducati che avevano formato un organizzazione stile F1? Chi parlava della lentezza di reazione in Giappone e che c’era bisogno di una sede in Europa? E chi sempre parlava di elettronica in quell’anno (e successivi)?

 

Valentino :up:

C’era chi diceva che cercava scuse, invece vedo che la Yamaha dopo le sue “lamentele” lo ha ascoltata e guarda caso, stanno forse tornando competitivi.

 

poi ovvio, lui non è quello del 2016 per

dire, e deve darsi una mossa dopo una grande inizio di 2019. Poi ripeto, darei già la terza moto ufficiale a Quartararo nel 2020.

Share this post


Link to post
Share on other sites
33 minuti fa, VincenzoFerrari ha scritto:

Io darei la terza moto ufficiale a Quartararo già nel 2020.

 

Io la darei subito!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io gli darei quella di Valentino.

Ma anche quella di Vinales che in questi tre hanni ha si dimostrato di avere un discreto manico, ma anche di non avere carattere.

È andato avanti a lamentarsi subendo le scelte di Rossi e portando di conseguenza pochi risultati. Il giovane Lorenzo, con un Rossi molto piu ingombrante di questo, ha saputo imporsi e diventare il riferimento per lo sviluppo della Yamaha. Vinales, piu di qualche pianto non è riuscito a fare.

Io li lascerei a piedi entrambi a fine anno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, effe ha scritto:

Io gli darei quella di Valentino.

 

Sarebbe già tanta roba...non dimentichiamo che Maverick ha vinto una gara con I PILOTI FORTI alla partenza e una Suzuki che non aveva certo le prestazioni dell'odierna che nonostante gli sforzi fatti  prende ancora paga da tutte le Factory

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Suzuki è davanti la Yamaha ad oggi, e probabilmente come telaio anche superiore alla Ducati, da cui paga solo il motore. 

Rins nelle ultime due ha fatto due str****te, altrimenti avrebbe fatto probabilmente due secondi posti (ad Assen era davanti, probabilmente si sarebbe giocato la vittoria con Vinales).

2 ore fa, effe ha scritto:

È andato avanti a lamentarsi subendo le scelte di Rossi

 

Le scelte di Rossi da fine 2017 hanno portato in realtà la Yamaha a potersi rimettere in careggiata quest’anno e nel futuro. Altrimenti stavano ancora dietro al telaio 2016, all’organizzazione lenta in Giappone, a non prendere tecnici per l’elettronica ecc ecc.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda, la leggenda del Rossi che sistema la moto è tramontata quando era ancora giovane.

La Yamaha suka da anni, in parte, proprio perché dà retta a Rossi. E Vinales lo subiva, quindi va potato assieme al vecchio :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, VincenzoFerrari ha scritto:

Le scelte di Rossi da fine 2017 hanno portato in realtà la Yamaha a potersi rimettere in careggiata quest’anno e nel futuro. Altrimenti stavano ancora dietro al telaio 2016, all’organizzazione lenta in Giappone, a non prendere tecnici per l’elettronica ecc ecc.

 

Giusto per capire, ma per rimettere in carreggiata la Yamaha ci ha rimesso lui? No, perchè io vedo spesso la 46 ufficialissima quarta su quattro in prova e terza sempre su quattro in gara. Vuoi dire che Rossi è diventato altruista e sviluppa la moto per Vinales e Quartararò?

 

La verità è che finche le gare erano al risparmio, con tanto di trenino fino a 4-5 giri dalla fine l'esperienza di Rossi nel riuscire a capitalizzare il risultato funzionava ottimamente (vedi anche Dovi) adesso che Mich porta delle gomme che non si squagliano se vai forte, guardacaso emergono i più veloci e recuperare dalla quarta fila diventa impossibile.

 

Che Yamaha non sia al top non ci piove, (ma anche Honda non è sto capolavoro di moto, eh) ma resta una delle migliori in percorrenza, anche se poi paga in trazione all'uscita dalle curve. Solo che Quartararò e Vinales non lo sanno e entrano così veloci che minimizzano il problema. Rossi che punta sulla staccata ma poi si pianta, paga di più. E il cronometro lo ribadisce.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, andycott ha scritto:

Giusto per capire, ma per rimettere in carreggiata la Yamaha ci ha rimesso lui? 

Va ben insì   :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

LOL è tornata la leggenda di Rossi che sviluppa la moto 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A parte che non ho parlato di sviluppo, ma di individuazione dei problemi. Rossi parlò già nel 2017 dei problemi di elettronica, di grip in uscita curva. Parlava di Honda e Ducati che avevano modificato la loro organizzazione diventando quasi come i team di F1, e che c’era bisogno di un maggior di un cambio di metodo tra Giappone ed Europa. E’ tutto scritto, o magari messo su YouTube. Mi riferivo a questo, non c’è bisogno di scaldarsi così  :asd: Gli davate del lamentino, alla fine Yamaha ha fatto queste scelte e stanno tornando su.

 

8 ore fa, andycott ha scritto:

La verità è che finche le gare erano al risparmio, con tanto di trenino fino a 4-5 giri dalla fine l'esperienza di Rossi nel riuscire a capitalizzare il risultato funzionava ottimamente (vedi anche Dovi) adesso che Mich porta delle gomme che non si squagliano se vai forte, guardacaso emergono i più veloci e recuperare dalla quarta fila diventa impossibile.

 

Che Yamaha non sia al top non ci piove, (ma anche Honda non è sto capolavoro di moto, eh) ma resta una delle migliori in percorrenza, anche se poi paga in trazione all'uscita dalle curve. Solo che Quartararò e Vinales non lo sanno e entrano così veloci che minimizzano il problema. Rossi che punta sulla staccata ma poi si pianta, paga di più. E il cronometro lo ribadisce.

 

Faccio presente che questo tipo di gomme ci sono dal primo GP, sicuramente dall’Argentina, e fino a Le Mans il divario tra lui e le altre Yamaha era imbarazzante.

Ora sono due gare che è cambiato il trend, ma vedo che tra Vinales e Rossi ci sono 5 punti di differenza, non 150.

Edited by VincenzoFerrari

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Qatar e nelle altre extra-europee le gomme erano le solite di pastafrolla, dopo la gara di Jerez la Michelin ha introdotto delle nuove gomme

 

https://it.motorsport.com/motogp/news/taramasso-i-piloti-hanno-promosso-le-novita-dei-test-di-jerez-le-useremo-gia-nel-2019/4389392/

 

 

Sì è vero sono solo 5 punti, ma Vinales ha perso tre gare perchè steso dagli avversari, Rossi (a parte Barcellona) per errori suoi

Edited by andycott

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 ore fa, andycott ha scritto:

In Qatar e nelle altre extra-europee le gomme erano le solite di pastafrolla, dopo la gara di Jerez la Michelin ha introdotto delle nuove gomme

 

https://it.motorsport.com/motogp/news/taramasso-i-piloti-hanno-promosso-le-novita-dei-test-di-jerez-le-useremo-gia-nel-2019/4389392/

 

 

Sì è vero sono solo 5 punti, ma Vinales ha perso tre gare perchè steso dagli avversari, Rossi (a parte Barcellona) per errori suoi

 

Sai che ti dico?

Adesso che ci sono gomme più decenti e dove si può spingere di più, Dovizioso è tornato ai suoi soliti livelli...

Sarà un caso, ma anche no...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, andycott ha scritto:

In Qatar e nelle altre extra-europee 

Solo Qatar... in Argentina e Usa le gomme erano altre, e riuscivano a spingere dall’inizio alla fine. Ovviamente poi anche Jerez, Le Mans e Barcellona. Tutte piste dove Rossi è arrivato tra i primissimi avendo un grande passo (a Jerez pagò la classifica, ma vedendo i tempi era in linea con MV). Quindi non penso che il suo problema siano le gomme. Anzi, una carcassa più rigida è proprio quello che vuole Valentino all’anteriore. Comunque vedremo, non lo do per finito per due gare negative.

15 ore fa, andycott ha scritto:

ma Vinales ha perso tre gare perchè steso dagli avversari

In Francia navigava in tredicesima posizione. 

In Argentina sarebbe finito sesto, lontano da Rossi.

In Usa ha sbagliato lui, falsa partenza, e non aveva comunque il passo di Rossi.

Ed io sono un suo estimatore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La curva 3 a Phillip Island, un curvone a sinistra che si percorre a circa 250 km/h... lui la faceva di traverso :lewlove:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ennesima gara vinta con una carriola tra l'altro 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

×