Vai al contenuto
chatruc

Nations League 2018/2019

Messaggi raccomandati

A me continua a sembrare una competizione del menga

 

-il problema sono le inutili amichevoli e fanno gironi da 3 dove ci sarà sempre una nazionale costretta a giocare un'amichevole.

-ogni "lega" qualifica una nazionale ai prossimi europei, quindi chi vince il proprio girone (specie se nella Lega C o D) avrà ancor meno interesse ad impegnarsi nelle qualificazioni perché tanto ha la carda dei play-off della Nations League

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sacchi: "Balotelli, l'intelligenza conta più dei piedi. E che vergogna l'Under21"

L’ex commissario tecnico non usa mezzi termini nei confronti della punta azzurra. E attacca anche la Federcalcio: “Si cerca il potere, non il progetto, questo è il problema”

08 SETTEMBRE 2018 - MILANO

 

LAPR1052-kKuD-U290831395507bhE-620x349@G

Mario Balotelli, 28 anni, in campo contro la Polonia. Lapresse

Sacchi in tackle su Balotelli. Dopo la prestazione di ieri in occasione del pareggio contro la Polonia, l’ex ct della Nazionale non usa mezzi termini nei confronti dell’attaccante del Nizza: “Gli direi che si gioca di squadra. Bisogna avere poche idee ma chiare” ha affermato ai microfoni di Radio Deejay “il calcio è uno sport collettivo e l’intelligenza conta più dei piedi. Quindi, per prima cosa sceglierei giocatori che abbiano intelligenza. Serve generosità, passione, professionalità. Tutti hanno la macchina, ma per farla muovere serve la benzina. E nel calcio la benzina è l’intelligenza, la passione, la professionalità. Ecco, diciamo che basta lo spirito di squadra: già quello ti fa essere una persona degna”.
UNDER 21 — A proposito dell’allarme lanciato dal commissario tecnico Roberto Mancini, che ha reclamato più spazio per i giovani italiani, Sacchi è stato netto anche sull’Under 21, battuta 3-0 dalla Slovacchia: “I giocatori dell’Under hanno avuto un atteggiamento vergognoso. Sono stati presuntuosi e arroganti. Spesso nel calcio i veri nemici non sono gli avversari, siamo noi stessi». L’ex commissario tecnico ha aggiunto: “Questo è un Paese in cui pur di vincere si venderebbe l’anima al diavolo: non si fa differenza tra una vittoria meritata e una poco meritata. E invece quella poco meritata porta poco futuro dentro di sé».
FEDERAZIONE — Infine una stoccata alla Federcalcio, per via della mancanza di un progetto a lungo termine: “La federazione, con le sue idee e la sua visione, conta più della squadra e dell’allenatore, come la squadra conta più del singolo. Invece questo è un Paese in cui il singolo conta di più: e la Federazione non impone regole perché si cerca il potere più che un progetto utile al calcio. Cerchi di non farti mai nemici, accontenti tutti così non accontenti mai nessuno. Al nostro calcio manca l’orgoglio: oggi fare il ct della nazionale è ancora più difficile”.
Gasport

 



---

 

Il caro Arrigo è sempre deciso, nei propri interventi. Ma non dice spesso cose insensate, in questa occasione si conferma.

Modificato da crucco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perfetto Arrigo, dice quello che dico io qui da tanto, quindi penso che mi abbia letto. Nel frattempo, un'altrettano ottima nazionale di livello mondiale ha battuto il Guatemala 3 a 0.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alla fine è chiaro che l'ultimo decennio calcistico italiano è stato contraddistinto più da lotte di potere e casini che da progetti seri delle squadre e della federcalcio. Non so davvero come e quando la situazione si possa risollevare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Basta vedere la situazione attuale della Serie B, Lega Pro e affini. Siamo a settembre e ancora ci sono delle sentenze possibili che potrebbero ribaltare i campionati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alla fine è chiaro che l'ultimo decennio calcistico italiano è stato contraddistinto più da lotte di potere e casini che da progetti seri delle squadre e della federcalcio. Non so davvero come e quando la situazione si possa risollevare.

 

Molto spesso parliamo dell'ultimo decennio, ma calciopoli è esplosa 12 anni fa, i fallimenti di squadre note come Fiorentina, Napoli, Roma, Lazio e Parma sono ancora precedenti.

 

Il vero problema del calcio italiano è che di fronte a gravi problemi, non si è fatto nulla, quindi ci troviamo con un sistema malato da tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Max, stasera ovviamente tifiamo Croazia vero?

 

Domani scusa :(

ovvio. I falsoni spagnoli possono andare a f****"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×