Vai al contenuto
Illy

Solo a Napoli...

Messaggi raccomandati

Il ‎13‎/‎02‎/‎2019 Alle 10:41, Illy ha scritto:

Te lo dico dopo

dimmi ora

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
44 minuti fa, spamilrosso ha scritto:

dimmi ora

Mettiti il dito in bocca e succhia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, F.126ck ha scritto:

@Illy ma te sei cosi anche con le ragazze?

Non era finocch?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche con i tram? 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, Illy ha scritto:

Mettiti il dito in bocca e succhia

oh yeah

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma perché deve mettere il dito e succhiare?

Che ha il dito di tanto saporito?  :asd: :sarcastic:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Forse congiuntivite :sarcastic:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, Rio Nero ha scritto:

Ma perché deve mettere il dito e succhiare?

Che ha il dito di tanto saporito?  :asd: :sarcastic:

Chiedi a lui

Immagine correlata

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nella giornata di ieri gli agenti del commissariato di San Ferdinando, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola, hanno proceduto all’esecuzione di un’ordinanza di misura cautelare emessa dal Gip nei confronti di Antonio Russo ed Enrico Matarazzo, 46 e 48 anni, entrambi napoletani e già in carcere una serie di rapine commesse tra il 2017 e il 2018 ai danni di trasportatori di casse di sigarette del valore di decine di migliaia di euro.

 

In esito ad approfondite indagini effettuate dagli agenti, è emerso che i due uomini, utilizzando un veicolo Fiat Doblò, avevano messo a segno diverse rapine con contestuale sequestro di persona ai danni di autotrasportatori di tabacchi lavorati esteri, ricorrendo alle medesime modalità: una volta localizzato il furgone interessato, uno dei due rapinatori si avvicinava alle spalle delle vittime e, con una pistola puntata dietro la schiena, intimava loro di prelevare i colli dal furgone e di riporli in quello da loro utilizzato. Dopo essersi accertati che tutto il materiale fosse stato spostato, i malfattori, sempre sotto la minaccia di armi, chiudevano le vittime all’interno del furgone aziendale per poi dileguarsi, facendo perdere le proprie tracce

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

×