Jump to content
Sign in to follow this  
mclarenforever

Regolamento 2021

Recommended Posts

hahaha è già tanto che non si parli di introdurre le quote rosa, le quote nere e i disabili; inoltre aboliamo il sistema di punteggio e facciamo vincere tutti, poi il campione del mondo diventa chi ha più followers su instagram.

 

 

 

C'è già, basta correre nelle serie Peroni e campionati italiani. Venti macchine in pista e cinque categorie. Classifica assoluta, over50, under25, esordienti, femminile, pro, am, pro-am.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

O vinci o arrivi secondo, in pratica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Forse questo non è il posto giusto per un discorso più ampio delle sole regole 2021, ma vorrei farvi delle domanda provocatorie. (retoriche)

Considerando quanto spende Mercedes, letto nel loro 3D, non so bene quanto Ferrari spenda, ma quale sarebbe lo scopo degli altri Team?

Fare da contorno? da Team B delle maggiori? Partecipare senza avere una minima possibilità di vincere?

 

Forse RBR-Honda o Renault potrebbero in linea teorica, spendendo uguale o di più di Mercedes, un giorno vincere?

Comunque in questa F1 non so quanto uno Stroll, un Hass, un Sauber o gli stessi Williams possano sperare di raggiungere nuovamente il titolo mondiale.

 

che un giorno si arrivi veramente al benedetto Budget Cup?

o forse sarà proprio questo ad uccidere definitivamente la F1?

Edited by JLP

Share this post


Link to post
Share on other sites

La F1 è sempre stata caratterizzata da scuderie maggiori e minori... e sostanzialmente chi è in testa ci resta per molto tempo... si partecipa anche per i punti del campionato, per il guadagno e per la passione... vincere non è l'unico obiettivo... inoltre lo sviluppo ha spinto team, una volta considerati minori, ad emergere e diventare dominanti... vedi RB

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le regole che vorrei nel 2021:

 

1) Ritorno delle minigomme ed effetto suolo

2) Riduzione alettone anteriore ed eliminazione di tutte le varie alette sul corpo vettura

3) Riduzione del peso minimo a 650 kg comprensivi di pilota e riduzione del passo a max 3000 mm

4) Ritorno ad almeno 1 motore per weekend e contestualmente via i limiti di flussometro, carburante e giri motore

5) Via l'attuale sistema frenante che consente di frenare senza problemi a 50 metri dall'ingresso in curva e ritorno dei freni in acciaio

6) Via TUTTE le vie di fuga in asfalto

7) Pneumatici di 2 mescole diverse: 1 per la qualifica e 1 che possa durare tutta la gara, senza particolare degrado e con un ampia finestra di funzionamento

8) Cambio manuale (ovviamente 1 diverso per ogni weekend e senza rapporti fissi)

9) Abolizione A VITA del drs

10) Commissari di gara uguali per tutti i diversi gp

11) Via il parco chiuso (cosi magari si può anche tornare a correre sul bagnato...)

12) Halo? :mmm:

13) Ritorno dei cari vecchi numeri 1-2-3-4 etc a seconda di come era finito il campionato lo scorso anno...Vedere il campione del mondo girare con un numero a caso mi fa rabbrividire

14) Ritorno al punteggio 10 - 6 - 4....al max potrebbe essere accettabile 25 - 15 - 10 - 8 - 6 - 4 - 2 - 1; si potrebbe pensare anche di premiare l'autore della pole con 1 punto

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

ecco quello che faranno loro invece:

 

1)  aumento delle dimensioni dell'ala anteriore,  aumento del numero di alette sulla vettura nascoste in ogni dove (se le fa Ferrari sono illegali)

2) aumento del peso a 1680 kg escluso pilota, e già che ci siamo continuiamo ad aumentare il passo delle vetture che sono ancora corte.

3) una sola PU che deve durare 2 stagioni intere comprensive di prove, esibizioni varie e test, regole flussometro ancora più stringenti

4) introduzione dell' AI nell'impianto frenante, in modo che decida l'intelligenza artificiale quando frenare al momento più opportuno

5) eliminazione di ogni residuo di erba e ghiaia ed asfaltatura anche dei cordoli, degli spalti e degli spettatori.

6) introduzione di nuove mescole, quali Giga soft, Mega hard, Extra medium, Mercedes special soft, ecc.

7) cambio completamente automatico, 8 zone DRS per gara

8) commissari che cambiano durante il GP,  con estrazione a sorte tra il pubblico.

9) estensione del parco chiuso da 10 minuti dopo le Qualifiche a 10 minuti prima della gara

10) oltre i numeri adesso i piloti possono usare, lettere, immagini, emoji, hashtag, o quello che vogliono al posto del numero identificativo

11) i punti adesso non sono più fissi ma variano in base alle love reaction che i piloti ricevono a fine gara sui social dai loro followers

 

la F1 2025 sarà probabilmente così

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi va anche bene questo tipo di regolamenti ma toglierei senza dubbio :

1 - La regola delle gomme del Q2. Ognuno gira come vuole e non è possibile che in gara chi gira in qualifica deve essere penalizzato.

Gomme libere nelle Qualifiche ed in gara si parte con le gomme che vogliono

2 - Eliminazione del parco chiuso e reintroduzione del Warm Up per settare la monoposto per la gara.

3 - Se la monoposto supera in qualsiasi curva il Track limit deve essere penalizzata togliendo il tempo in qualifica ed in gara al terzo Warm deve avere 5 secondi di penalità. Non è possibile che la monoposto si avvantaggiano a piacimento con traettorie strane.

4 - In Qualifica tutte le monoposto devono girare. Se succede che un pilota non gira, di conseguenza declassa di 3 posizioni in griglia per non aver girato volutamente in qualifica

5 - Cancellazione dei Gran Premi di Monaco, Singapore e Budapest e reintroduzione dei gran premi di Imola, Turchia e Sepang.

Vogliamo lo spettacolo ed i gran premi dove non si supera si eliminano.

6 - E' consentito un cambio di traettoria e chi "sgarra" deve essere punito allo  stesso modo. Sempre!!! che ti chiami Verstappen, Grosjean o Ericsson non importa, tutti devono essere puniti allo stesso modo.

7 - Le penalità devono essere comunicate entro 3 giri dalla "manovra scorretta". Non è possibile che vengano comunicate dopo 10-15 giri e , nello scontarle, non hanno nessun esito negativo.

8 - Le gomme devono essere di 3  tipi differenti ( H - M - S ) . Le H (hard) devono poter durare per 3/4 di gara e non di più. Le M devono durare per 1/2 gara e non di più. Le S devono durare per 1/3 di gara e non di più. Si deve fare almeno 1 pit. La differenza per ogni mescole deve essere di 1.5 ognuna. Ad Esempio le S devono essere di circa 3 secondi più veloci delle H. Ognuno gira con le gomme che vuole, ad esempio un pilota può fare l'intera gara anche mettendo 2 set di gomme M, purchè faccia almeno un pit.

In questo modo vedremmo più pit e più spettacolo.

Edited by Rio Nero

Share this post


Link to post
Share on other sites
49 minuti fa, Natural Blonde Killer ha scritto:

ecco quello che faranno loro invece:

 

1)  aumento delle dimensioni dell'ala anteriore,  aumento del numero di alette sulla vettura nascoste in ogni dove (se le fa Ferrari sono illegali)

2) aumento del peso a 1680 kg escluso pilota, e già che ci siamo continuiamo ad aumentare il passo delle vetture che sono ancora corte.

3) una sola PU che deve durare 2 stagioni intere comprensive di prove, esibizioni varie e test, regole flussometro ancora più stringenti

4) introduzione dell' AI nell'impianto frenante, in modo che decida l'intelligenza artificiale quando frenare al momento più opportuno

5) eliminazione di ogni residuo di erba e ghiaia ed asfaltatura anche dei cordoli, degli spalti e degli spettatori.

6) introduzione di nuove mescole, quali Giga soft, Mega hard, Extra medium, Mercedes special soft, ecc.

7) cambio completamente automatico, 8 zone DRS per gara

8) commissari che cambiano durante il GP,  con estrazione a sorte tra il pubblico.

9) estensione del parco chiuso da 10 minuti dopo le Qualifiche a 10 minuti prima della gara

10) oltre i numeri adesso i piloti possono usare, lettere, immagini, emoji, hashtag, o quello che vogliono al posto del numero identificativo

11) i punti adesso non sono più fissi ma variano in base alle love reaction che i piloti ricevono a fine gara sui social dai loro followers

 

la F1 2025 sarà probabilmente così

 

sicuramente più probabile rispetto alle mie idee :aiuto:

 

24 minuti fa, Rio Nero ha scritto:

 

8 - Le gomme devono essere di 3  tipi differenti ( H - M - S ) . Le H (hard) devono poter durare per 3/4 di gara e non di più. Le M devono durare per 1/2 gara e non di più. Le S devono durare per 1/3 di gara e non di più. Si deve fare almeno 1 pit. La differenza per ogni mescole deve essere di 1.5 ognuna. Ad Esempio le S devono essere di circa 3 secondi più veloci delle H. Ognuno gira con le gomme che vuole, ad esempio un pilota può fare l'intera gara anche mettendo 2 set di gomme M, purchè faccia almeno un pit.

In questo modo vedremmo più pit e più spettacolo.

 

Il problema è che non credo sia fattibile fare una cosa del genere...dovrebbero studiare quasi una gomma per ogni Gp e cmq non avrebbero la garanzia che riuscirebbero a realizzarla visto che i test sono limitati (tranne per qlcn)

La questione gomme secondo me sta proprio in questa malsana idea di cercare il degrado a tutti i costi e grazie a questo trovare artificiosamente lo spettacolo in pista.

Lo spettacolo non si deve creare con escamotage tipo gomme senza senso e drs. Lo spettacolo ci sta se ci sono 2-3 scuderie che si possono giocare il mondiale e si consente alle macchine di stare in scia (non necessariamente di superarle). L'errore è proprio la ricerca spasmodica del sorpasso a tutti i costi...anche nel passato non è che durante i gp ci fossero 200 sorpassi, ma anche all'epoca erano pochi ed è per questo che poi alcuni sorpassi sono entrati nella storia. La bellezza della F1 era data dall'incertezza, invece adesso ci ritroviamo auto che tendenzialmente possono fare migliaia di km già dai primi test quando solo 20 anni fa era un miracolo arrivare in pista e fare 100km.

 

P.s. mi ero scordato una questione fondamentale...la reintroduzione dei test...perchè uno dei grandi limiti della F1 moderna è anche quello dello sviluppo limitato di certe componenti, ma solo di quelle aereodinamiche...quando invece proprio l'aereodinamica andrebbe fortemente limitata e c'è bisogno di maggiore semplicità e stabilità nei regolamenti per permettere col tempo anche ad altre scuderie di avvicinarsi alle più forti.

Poi i domini capitano e capiteranno sempre eh....ma almeno si desse la possibilità a chi è dietro di recuperare....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Studiando le varie modifiche regolamentari addottate in F1, IndyCar e NASCAR, posso assicurarvi che la ricetta perfetta non ce l'ha nessuno.

 

Molto spesso si fa la mossa logica ma il risultato è pessimo.

 

In NASCAR, da tanti anni hanno ridotto il carico aerodinamico, per tornare a vedere macchine nervose, sorpassi e piloti che le domano e danno il proprio contributo. Risultato: macchine ipersensibile che soffrono le scie come una F1, gare con macchine distanziate le une dalle altre, senza sorpassi, senza incidenti, senza nulla. Ora hanno deciso di fare la vecchia ricetta IndyCar.

 

Vecchia ricetta Indycar: riduci la potenza così le macchine restano sempre incollate a terra e tutti possono andare sempre ruota a ruota, quindi con gare spettacolarissime. Risultato: gare su stradale noiosissime perchè tutte le macchine sono uguali e nessuno riesce a superare nessuno, gare su ovale noiose perchè  sembra di vedere delle F.Ford 1600 a Nardò, tutti vicininissimi ma senza alcuna possibilità di far prevalere i migliori (gare lotteria).

 

In F1, dopo anni di riduzione del carico, stanno andando in direzione contraria proprio per cercare di avere abbastanza carico da rendere inutile certe ali sofisticate (infatti quando si rompono dei pezzi, le monoposto vanno uguale)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Banalmente, per me la F1 deve andare il più veloce possibile. Sarebbe bello che con il medesimo livello di prestazione massima fossero più livellati i vari team. A me la F1 2017-2018 piace eccome, il 2019 sarà un passo indietro da questo punto di vista.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora secondo te dovremmo applicare il regolamento del 1950. Con quello avremmo le monoposto più veloci di sempre, ma probabilmente i piloti non ce la farebbero fisicamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minute ago, chatruc said:

Allora secondo te dovremmo applicare il regolamento del 1950. Con quello avremmo le monoposto più veloci di sempre, ma probabilmente i piloti non ce la farebbero fisicamente.

 

Nel 2019 ci sarà un rallentamento delle prestazioni stimato in circa 1.5s a causa dei cambiamenti regolamentari. Onestamente non penso sia la soluzione giusta per la categoria F1. Più veloci possibili considerato anche il limite fisico del pilota, ovviamente. Il regolamento tecnico attuale, per quanto riguarda aerodinamica ed estetica dell'auto, per me è accettabile. Vetture come la SF71-H o la W09 EQ Power+ sono anche belle a vedersi, oltre che veramente dettagliate. Chiaramente ognuno può avere pensieri differenti, a me anche il singolo particolare modificato (dopo essere stato attentamente studiato) interessa, ad altro non importa.

 

L'unica cosa che mi piacerebbe vedere, come ho precisato, sarebbe un avvicinamento generale ai top team da parte di quelli di media e bassa classifica e non la netta divisione attuale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, chatruc ha scritto:

 

In F1, dopo anni di riduzione del carico, stanno andando in direzione contraria proprio per cercare di avere abbastanza carico da rendere inutile certe ali sofisticate (infatti quando si rompono dei pezzi, le monoposto vanno uguale)

 

 

1 ora fa, KimiSanton ha scritto:

Banalmente, per me la F1 deve andare il più veloce possibile. Sarebbe bello che con il medesimo livello di prestazione massima fossero più livellati i vari team. A me la F1 2017-2018 piace eccome, il 2019 sarà un passo indietro da questo punto di vista.

 

Secondo me invece farle andare sempre più veloci ste F1 renderebbe ancora più difficile stare in scia e vedere lotte in pista...

La f1 di questi ultimi 2 anni sicuramente è stata migliore rispetto al periodo 2009-2016, ma restano secondo me i vari problemi che sono appunto gomme e il drs che nel periodo antecedente agli ultimi 2 anni era un vero e proprio abominio mentre negli ultimi 2 anni ha consentito di "pareggiare" l'aumento di difficoltà a stare in scia delle auto....anche se per me resta una cosa pessima da vedere in F1.

 

Non essendo un tecnico ovviamente non so come si potrebbe fare, ma l'obiettivo di chi fa i regolamenti per me dovrebbe essere quello di trovare carico non dall'aereodinamica, ma dalla meccanica della macchina, in modo tale da consentire di stare in scia senza perdere troppo carico (e in questo gioca anche il discorso gomme: avere delle gomme fuffa come quelle attuali abbiamo visto che rende quasi impossibile restare in scia per più di 2-3 giri altrimenti si distruggono). 

Nella mia ignoranza immagino che consentire il ritorno delle minigonne (abolite in anni in cui erano effettivamente pericolose) e dell'effetto suolo; accorciare il passo; togliere i limiti al motore e ridurre le prestazioni dell'impianto frenante, sono tutte cose che potrebbero rendere più interessante la F1 (ovvio che poi la questione principale è che devono esserci 2-3 scuderie che possano giocarsi il mondiale).

 

A me sinceramente questa F1 che sta diventando sempre più Formula Endurance non mi convince e non è probante per il pilota...Vedere queste macchine girare 5-6 e anche più secondi più lente della pole mi mette tristezza e soprattutto limita quelle che potrebbero essere le lotte in pista. La difficoltà di stare in scia e le gomme che si distruggono dopo 2-3 giri in scia sono un qualcosa che non mi andrà mai giù...Una cosa che mi manca molto infatti è vedere il pilota che pressa quello avanti per più e più giri per indurlo all'errore...cosa quasi impossibile adesso che girano cosi più lentamente e non possono stare tanti giri vicini (Non avremmo mai potuto vedere Imola 2005 e 2006 con queste regole).

Il problema per me sta sempre la...regolamenti improntanti alla ricerca artificiale del sorpasso come se fosse l'unica fonte di spettacolo e interesse di questo sport.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me è  piaciuta la formula 1 tra il 1989 ed il 1999 quando le monoposto andavano a tavoletta per tutto il gp.

Vedere una Formula 1 dove il pilota gestisce e non spinge, risparmia carburante, gomme, cambio,  motore...è uno strazio!!!

Rivoglio quella Formula 1!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Rio Nero ha scritto:

A me è  piaciuta la formula 1 tra il 1989 ed il 1999 quando le monoposto andavano a tavoletta per tutto il gp.

Vedere una Formula 1 dove il pilota gestisce e non spinge, risparmia carburante, gomme, cambio,  motore...è uno strazio!!!

Rivoglio quella Formula 1!!!

 

Fino al 1993 non c'erano o rifornimenti, quindi a inizio gara si guidava risparmiando. Pensa al GP di Francia del 1990 con Capelli e Gugelmin che che fanno i tassisti per tutta la gara per non rovinare le gomme evitando la fermata. Se non fosse per i fragili motori Judd, facevano doppietta.

 

Pensa al GP di Portogallo con la Minardi di Martini che fa un giro in testa e si piazza quinta proprio grazie ad un passo da tassista.

 

Prendi Barcellona come pista esempio tipica con i vincitori di gara, entrambi polesitter.

 

1993: Prost fa la pole in 1'17''8 e il suo giro veloce in 1'22'9. 5''1 di differenza.

 

2018: Hamilton fa la pole in 1'16'1 e il suo giro migliore è 1'19''1. 3'' di differenza.

 

Per fare un'analisi approfondita sarebbe da considerare tutti i giri per capire se i giri veloci sono rappresentativi del passo gara o delle eccezioni, ma in linea di massima non credo che oggi siano dei tassisti. La meccanica è sempre stato necessario risparmiarla, sia motore che cambio. Attualmente il limite di benzina non è un problema per i motoristi. Solo le gomme vengono risparmiate ma è una scelta del costruttore (anzi organizzatore) a volerle così. Solo nel periodo rifornimenti 1994-2008 si aveva un'assetto costante per tutta la gara con passo da qualifica. Le gare storiche che tutti ricordiamo (di sicuro quelle del periodo rifornimenti sono state delle eccezioni) sono avvenute ai tempi dei tassisiti.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, chatruc ha scritto:

 

Fino al 1993 non c'erano o rifornimenti, quindi a inizio gara si guidava risparmiando. Pensa al GP di Francia del 1990 con Capelli e Gugelmin che che fanno i tassisti per tutta la gara per non rovinare le gomme evitando la fermata. Se non fosse per i fragili motori Judd, facevano doppietta.

 

Pensa al GP di Portogallo con la Minardi di Martini che fa un giro in testa e si piazza quinta proprio grazie ad un passo da tassista.

 

Prendi Barcellona come pista esempio tipica con i vincitori di gara, entrambi polesitter.

 

1993: Prost fa la pole in 1'17''8 e il suo giro veloce in 1'22'9. 5''1 di differenza.

 

2018: Hamilton fa la pole in 1'16'1 e il suo giro migliore è 1'19''1. 3'' di differenza.

 

Per fare un'analisi approfondita sarebbe da considerare tutti i giri per capire se i giri veloci sono rappresentativi del passo gara o delle eccezioni, ma in linea di massima non credo che oggi siano dei tassisti. La meccanica è sempre stato necessario risparmiarla, sia motore che cambio. Attualmente il limite di benzina non è un problema per i motoristi. Solo le gomme vengono risparmiate ma è una scelta del costruttore (anzi organizzatore) a volerle così. Solo nel periodo rifornimenti 1994-2008 si aveva un'assetto costante per tutta la gara con passo da qualifica. Le gare storiche che tutti ricordiamo (di sicuro quelle del periodo rifornimenti sono state delle eccezioni) sono avvenute ai tempi dei tassisiti.

 

 

Però c'è da dire che nel passato erano "tassisti" perchè era il mezzo a non poter reggere l'intera gara a ritmi da qualifica e le gomme non potevano reggere l'intero gp, quindi era un discorso un pò diverso rispetto ad oggi che sono "tassisti" perchè il motore deve durare ben 7 gp e le gomme funzionano a caso.

All'epoca essere "tassisti" aveva un senso e la capacità di gestire il mezzo e portarlo al traguardo, senza tutte le informazioni di cui gode oggi il pilota, era una qualità importantissima. L'essere "tassista" oggi invece deriva da regole insensate. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

2021? Qui bisogna inventarsi qualcosa già dal prossimo anno, se non si vogliono avere annate dominate dagli argentati, soprattutto considerando che la ferrari post-marchionne pare totalmente allo sbando e che la red bull, già mezza sminchiata dal renault, con l'honda passerà probabilmente più tempo a bordo pista che dentro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tornare ai rifornimenti sarebbe troppo pericoloso per l'energia elettrica immagazzinata dalle macchine?

 

Comunque per me basterebbe:

  • meno aerodinamica con ali enormi, alette e deviatori vari
  • più aerodinamica portata dal fondo/dalle minigonne
  • una power unit per weekend, possibilità di modificare i rapporti del cambio e ritorno ad un cambio a 6 marce (i motori di oggi hanno tantissima coppia, non serve avere 8 marce)
  • meno mescole e stop alle mescole con un degrado "controllato". Si fanno 3 mescole, ci saranno le gare dove le morbide durano 10 giri, altre dove durano 25 giri a seconda dell'abrasione dell'asfalto o del carico sopportato
  • eliminare le penalizzazioni ai piloti in caso di cambio di componenti (cosa che verrebbe comunque evitata passando ad una PU per weekend di gara)
  • RIMETTERE LE VIE DI FUGA IN ERBA/GHIAIA per evitare la buffonata dei track limits e dei dissuasori che danneggiano le vetture
  • Premetto che non so se sia una cosa fattibile, ma sarebbe interessante valutare (come diceva un altro utente) la possibilità di ritornare ad avere un impianto frenante meno performante per allungare gli spazi di frenata
  • Riduzione del peso a 700kg e riduzione del passo massimo consentito
Edited by Fili92
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Fili92 ha scritto:

Tornare ai rifornimenti sarebbe troppo pericoloso per l'energia elettrica immagazzinata dalle macchine?

 

Comunque per me basterebbe:

  • meno aerodinamica con ali enormi, alette e deviatori vari
  • più aerodinamica portata dal fondo/dalle minigonne
  • una power unit per weekend, possibilità di modificare i rapporti del cambio e ritorno ad un cambio a 6 marce (i motori di oggi hanno tantissima coppia, non serve avere 8 marce)
  • meno mescole e stop alle mescole con un degrado "controllato". Si fanno 3 mescole, ci saranno le gare dove le morbide durano 10 giri, altre dove durano 25 giri a seconda dell'abrasione dell'asfalto o del carico sopportato
  • eliminare le penalizzazioni ai piloti in caso di cambio di componenti (cosa che verrebbe comunque evitata passando ad una PU per weekend di gara)
  • RIMETTERE LE VIE DI FUGA IN ERBA/GHIAIA per evitare la buffonata dei track limits e dei dissuasori che danneggiano le vetture
  • Premetto che non so se sia una cosa fattibile, ma sarebbe interessante valutare (come diceva un altro utente) la possibilità di ritornare ad avere un impianto frenante meno performante per allungare gli spazi di frenata
  • Riduzione del peso a 700kg e riduzione del passo massimo consentito

 

Concordo....anche perchè fondamentalmente al 90% sono le stesse cose che ho detto io :asd::rock:

Tranne sulle gomme che io farei durare tutto il gp ed eliminerei del tutto i pit

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×