Jump to content
Sign in to follow this  
mclarenforever

Regolamento 2021

Recommended Posts

44 minuti fa, S. Bellof ha scritto:

Il problema della convergenza delle soluzioni ingegneristiche e della fine di quell'approccio empirico che ci ha dato la migliore epoca di questo sport è ovviamente vero ed è il motivo per il quale il motorsport è intrinsecamente destinato al peggio, a misura che le conoscenze (soprattutto aerodinamiche) si espandono. Meno ovvio è che chatruc, il quale in altri post ci ricorda la completa uguaglianza dei motori termici attuali (a cominciare dall'angolo tra le bancate), concluda il suo interessante post con un "le monoposto sono molto diverse fra loro". Quindi sono diverse ma uguali nei motori (che da soli costituiscono gran parte del fascino delle auto). Un'eterogeneità non molto allettante.

 

Intendo dire quanto segue:

 

1) Macroscopicamente sono molto simili

 

2) I motori termici (turbocompressore escluso) sono identici perchè così lo stabilisce il regolamento sin dal 2006.

 

3) Nei dettagli visibili a occhio nudo (che poi non sono dettagli), le monoposto sono molto diverse. Lo dimostra il fatto che le monoposto hanno risultati molto diversi sia come distacchi, come consumo gomme, come prestazioni sul lento, sul veloce, in altura, ecc.

 

4) se le monoposto veramente fossero uguali (vedi IndyCar), le prestazioni sarebbero molto simili.

 

La mia non è un'opinione, ma la realtà dei fatti. E' così e non si può cambiare perchè si tratta di scienza e ingegneria. Lo si vede pure nella produzione di serie, dove le vetture della stessa fascia hanno dei corpi vettura pressochè identici, proprio perchè devono rispettare dei limiti di emissioni.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, chatruc ha scritto:

 

E' matematicamente dimostrato che quello che tu dici era vero fino agli anni '80.

 

Da ingegnere, mano a mano che l'empirismo ha lasciato più spazio alla precisione della simulazione (oggi bastano sei giornate di test per essere pronti per il primo GP, una volta non bastavano a sgrossare il lavoro di accensione della macchina), le scelte tecniche migliori sono andate a convergere. Con il passare degli anni (parlo dei tempi del turbo), nessuno replicò un V8 e i L4 furono superati. Ai tempi dell'aspirato, tutti conversero verso il V10 di 90° (poi ci pensò il regolamento a bloccare il V10 e poi a definire il monomotore V8). Lo stesso WEC, in cui i tre costruttori presenti (Audi, Porsche e Toyota), correvano con tre motori diversi (turbodiesel, turbobenzina, benzina aspirato), con tre architetture diverse (L4, V6, V8 se non ricordo male), tre tipi diversi di accumulo energia (batterie al litio, supercondensatori, volano meccanico) tre tipi diversi di recupero energia (doppio KERS anteriore e posteriore, singolo KERS, ERS-K ed ERS-H) e tre diverse categorie energetiche (2 MJ, 4 MJ e 6 MJ), finì con i tre costruttori che ormai avevano quasi tutti scelte convergenti (10 MJ, KERS, batterie al litio). Si tratta di semplici calcolo progettuali. Alla fine esiste sempre l'optimum a cui tutti convergono. Per contro, lo sviluppo, per quanto stimolante, comporta una serie di spese senza limiti che hanno ucciso parecchie categorie in passato (ProCar, Gruppo C, DTM, WTCC, WEC).

 

Il ricordo di macchine completamente è la dimostrazione che una volta si andava molto a naso. Attualmente le monoposto sono molto diverse tra di loro, solo che noi normali telespettatori non riusciamo a capire dove sono queste differenze. Sono dettagli di grande importanza e poca apparenza a contare.

 

La semplificazione progettuale a cui Liberty Media aspira è proprio quella che consenta anche a team piccoli di potersela giocare o almento di fare qualcosa di buono.

 

Da dire però, che in condizioni di parità regolamentare, fare la differenza è così difficile che ci vuole una ipersofisticazione che comporta problemi analoghi alla libertà di sviluppo, come è successo nella NASCAR. Come detto pagine fa, trovare la soluzione non è facile.

Chapeau. Spiegazione perfetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se di gente che vorrebbe accorciare il weekend, piloti compresi. Ma fare

 

Sabato

mattina: FP1
pranzo: FP2

pomeriggio: qualifiche

 

Domenica

mattina: FP3 (o warm up)
pomeriggio: gara

 

Vi farebbe schifo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, L.Costigan ha scritto:

Se di gente che vorrebbe accorciare il weekend, piloti compresi. Ma fare

 

Sabato

mattina: FP1
pranzo: FP2

pomeriggio: qualifiche

 

Domenica

mattina: FP3 (o warm up)
pomeriggio: gara

 

Vi farebbe schifo?

 

Si parla di accorciare il weekend a causa dell'elevato numero di GP in programma, che per me è sbagliatissimo.

Io resterei con il programma di ora, accorciando il numero di GP a 17. 

 

Questo tipo di programma comunque andrebbe bene se venisse comunque almeno tolto il parco chiuso. 

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chissà perché aumentano i GP e diminuiscono le sessioni... chissà

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, VincenzoFerrari ha scritto:

 

Si parla di accorciare il weekend a causa dell'elevato numero di GP in programma, che per me è sbagliatissimo.

Io resterei con il programma di ora, accorciando il numero di GP a 17. 

 

Questo tipo di programma comunque andrebbe bene se venisse comunque almeno tolto il parco chiuso. 

 

 

Sì ma dobbiamo essere realisti, inutile proporre un accorciamento del calendario che è anacronistico per questioni di introiti.

Il weekend su due giorni ci potrebbe stare, se studiato bene. Mi dispiacerebbe perché il venerdì ha il suo fascino, soprattutto per i tifosi che vogliono vedere un po' di F1 senza spendere cifre folli, però renderebbe tutto più denso nelle poche ore di prove e darebbe più ritmo.

Inoltre essendo 22 Gran Premi mi sembra giusto ridurre le ore di lavoro di tutta la baracca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La fia ha gia' dichiarato che il week-end non cambia, ci sara' solo una leggera ristrotturazione del venerdi'...ma la pole il sabato e la gara la domenica rimangono cosi' come sono...contro la riduzione del week end a due giorni ha giocato per prima il minor introio che i i circuiti avrebbero ricevuto ma anche il fatto che con la pole e la gara la domenica non ci sarebbe stato spazio  per le gare delle categorie minori...

 

Inoltre e' di qualche giorno fa' la notizia che 6 team su 10 si oppongono al nuovo regolamento tecnico e dei 4 team che lo appoggiano (williams, mclaren in primis) 2 avrebbero suggerito delle modifiche.

 

I vari team si oppongono perche' ritengono che i cambiamenti sono cosi' vasti dal 2020 al 21 che ci vorrebbero una montagnia di soldi e visto che il budget cup non entra in vigore che nel 2021 questo significherebbe un vantaggio assicurato per i team con le tasche profonde cioe' i primi 3!

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, L.Costigan ha scritto:

Se di gente che vorrebbe accorciare il weekend, piloti compresi. Ma fare

 

Sabato

mattina: FP1
pranzo: FP2

pomeriggio: qualifiche

 

Domenica

mattina: FP3 (o warm up)
pomeriggio: gara

 

Vi farebbe schifo?

 

Non c'è spazio per le gare delle categorie minori in questo caso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 hours ago, mclarenforever said:

introio

 

ecco un buon riassunto del topic

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attenzione, facciamo un riepilogo.

 

La Formula 1 adesso ha esigenze contrastanti e trovare un optimum è molto difficile:

 

1) gli sponsor ormai non esistono più, tutto viene pagato dalle case stesse oppure da partner tecnici. Quindi per incassare servono sempre più gare, per avere il gettone di presenza degli organizzatore (minimo 25M a gara) oltre che per poter chiedere sempre di più alle TV.

 

2) quindi con più gare, ci sono più costi (inutile guadagnare di più se si spende di più), allora bisogna contenerli magari riducendo il weekend, ma così facendo non c'è spazio per categorie di supporto e soprattutto il pubblico vede poca roba.

 

3) lo stesso dicasi con il format di gara. Televisivamente tutti vorrebbero gare più brevi ma per il pubblico sugli spalti sarebbe una truffa (lo è già ad esempio a Monza con la gara lunga 75 minuti)

 

4) visto quanto detto sopra, la logica sarebbe imporre un regolamento per ottenere vetture tecnologicamente più semplici, quindi meno costose, ma i top team si oppongono perchè da una parte non vogliono vanificare i grossi investimenti fatti finora e dall'altra per immagine non vogliono rischiare di perdere contro dei nuovi entrati (in teoria, con macchine semplici, un nuovo costruttore sarebbe più facilmente competitivo).

 

Come vedete, è un'equazione senza soluzione. Liberty Media ha però una grossa paura: per l'automobile si preannunciano tempi duri, con poche vendite, quindi il rischio di Mercedes, Honda e Renault fuori dalla notte alla mattina è potenzialmente alto, quindi bisogna essere pronti a parare il colpo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcosa deve collassare prima o poi e allora ci si vedrà costretti a fare entrare nuovi partner

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 15/10/2019 Alle 16:36, L.Costigan ha scritto:

Se di gente che vorrebbe accorciare il weekend, piloti compresi. Ma fare

 

Sabato

mattina: FP1
pranzo: FP2

pomeriggio: qualifiche

 

Domenica

mattina: FP3 (o warm up)
pomeriggio: gara

 

Vi farebbe schifo?

 

facciamo direttamente la gara di 15 giri con griglia estratta a sorte, però 52 GP così è tutto più rapido ma c'è tutte le domeniche :sisi: 

Edited by JLP

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me la lunghezza di queste gare non dispiace.

Certamente ci sono GP lunghi come Singapore che sfiorano le due ore, ma quelli che voglioni i GP più corti sono i classici nostalgici della vecchia F1 che al bar senti dire "questi non sono piloti".

Share this post


Link to post
Share on other sites
39 minuti fa, Giovy_1006 ha scritto:

A me la lunghezza di queste gare non dispiace.

Certamente ci sono GP lunghi come Singapore che sfiorano le due ore, ma quelli che voglioni i GP più corti sono i classici nostalgici della vecchia F1 che al bar senti dire "questi non sono piloti".

 

Eh? Mai sentito alcun "nostalgico" (come li chiami con disprezzo) desiderare gare più corte.

  • Trottolino 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Basta guardare il telespettatore medio che "seguiva" la Formula 1. Ti dirà che le gare sono noiose e che sono un ottimo rimedio contro l'insonnia.

 

I nostalgici che disprezzo io (come dici tu) non sono quelle persone che ricordano con piacere gli avvenimenti del passato come il titolo di Schumi nel 2000, ma sono quelle persone che in un modo o nell'altro fanno paragoni con il passato.

 

Poi vabbè quello è un altro discorso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minuti fa, Giovy_1006 ha scritto:

Basta guardare il telespettatore medio che "seguiva" la Formula 1. Ti dirà che le gare sono noiose e che sono un ottimo rimedio contro l'insonnia.

 

I nostalgici che disprezzo io (come dici tu) non sono quelle persone che ricordano con piacere gli avvenimenti del passato come il titolo di Schumi nel 2000, ma sono quelle persone che in un modo o nell'altro fanno paragoni con il passato.

 

Poi vabbè quello è un altro discorso.

 

Continuo a non capire il nesso con la lunghezza delle gare. Per quanto mi è sempre parso di capire, si torna ciclicamente a parlare di accorciare i GP per venire incontro al pubblico giovane e ovviamente a quello occasionale, categorie che tendono facilmente a stancarsi e a cambiare canale, o che non pagherebbero mai per vedere un po' di azione diluita lungo un'ora e tre quarti di gara. Con un bacino di appassionati in continua contrazione (anche a causa del sempre minor fascino esercitato dall'auto e dalla velocità), con grande dispendio di energie si è cercato negli anni di riposizionare il prodotto nella stessa fetta di mercato occupata dai telefilm. Ma quegli spettatori hanno bisogno di qualcosa che duri un'ora e non conosca pause, altrimenti le alternative su Netflix sono innumerevoli - e altrettanto plasticose.

 

P.S. La definizione di nostalgico come colui che fa paragoni col passato è puro nonsense.

Share this post


Link to post
Share on other sites

la lunghezza dei 300 km va bene.

sono a favore invece della riduzione a 2 giorni: più comodo per gli spettatori, più comodo per le squadre, si eliminerebbero ore in cui si gira sostanzialmente poco a favore di sessioni brevi ma intense.

sabato mattina le libere di 1h, dopo pranzo un'altra ora e poi qualifiche.

domenica tutta riservata alle gare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, S. Bellof ha scritto:

 

Eh? Mai sentito alcun "nostalgico" (come li chiami con disprezzo) desiderare gare più corte.

 

Quelli sono scemi (o geni?), più che nostalgici. Credo che non si possa avere nostalgia di qualcosa che non si ha conosciuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono nostalgico e voglio tornare a 17 gare, il weekend deve restare su 3 giorni e la domenica mattina deve tornare il warm up.

Share this post


Link to post
Share on other sites
55 minuti fa, ForzaFerrari88 ha scritto:

Io sono nostalgico e voglio tornare a 17 gare, il weekend deve restare su 3 giorni e la domenica mattina deve tornare il warm up.

motori termici V8, V10 e V12 a piacere, più fornitori di gomme e carburante, cambio manuale e freni in acciaio :sisi: 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×