Jump to content
Sign in to follow this  
mclarenforever

proposte per le regole dal 2021 in poi

Recommended Posts

Ma proprio Brawn aveva detto qualche giorno fa in un'intervista che le qualifiche non sarebbero state toccate così come non c'era alcuna intenzione di pensare a una gara sprint. E adesso propongono sta roba.. Boh, che brutta piega ha preso la F1.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quella lista mi fa raggelare...prepariamoci a garette da 20 giri...

 

Comunque mi sembra di capire che la FIA vede Halo come la soluione definitiva e non come un punto intermedio per l'introduzione dei cupolini.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fino a quando qualche pezzo piccolo non entra nell'abitacolo e ferisce o ammazza qualcuno lasceranno halo

Share this post


Link to post
Share on other sites

piuttosto bisognerebbe chiedersi se viene prima il regolamento tecnico o il design del rendering

Share this post


Link to post
Share on other sites

Orrore. Con la f1 non ci incastra niente. E poi chi ci sta a guardare non 1 ma ben 2 gare di f1?

Share this post


Link to post
Share on other sites

spettacolo

 

a Monaco trenino al sabato per confermare le posizioni del trenino della domenica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poi mettiamo anche il BoP così dopo le prime 3 gare la quarta se la giocano Williams e McLaren con 100 cavalli in più, 100 chili in meno e aerodinamica maggiorata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel corso di una riunione tenutasi ieri sera a Singapore, Ross Brawn ha svelato un primo concept di vettura per la stagione 2021, spiegando per vie sommarie tutte le novità che Liberty Media e le squadre stanno studiando per il futuro della Formula 1.

Il disegno, trapelato da un seminario a porte chiuse chiamato “Tech Talk”, segue fedelmente le linee guida tracciate dall’organizzazione statunitense per il 2021 e presenta alcune grosse novità che si vanno ad allineare ai concept presentati da altre categorie per il futuro. Le nuove vetture, infatti, monteranno i cerchi da 18 pollici e delle ali anteriori più semplici, questo per aiutare i piloti in fase di scia e sorpasso.

Saranno inoltre inseriti i para ruota posteriori, mossa ovviamente finalizzata al non decollo in caso di contatto, e un sistema Halo più evoluto rispetto alla versione attualmente in uso. Interessante anche il disegno delle pance e del cofano motore, con quest’ultimo che appare estremamente semplice e lineare. Stesso discorso per i sidepods.

Da notare che nel corso della riunione, Ross Brawn ha sottolineato come i discorsi tra Liberty Media e le squadre siano attualmente in corso e che questo bozzetto potrebbe subire delle variazioni nel corso delle prossime settimane.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel corso di una riunione tenutasi ieri sera a Singapore, Ross Brawn ha svelato un primo concept di vettura per la stagione 2021, spiegando per vie sommarie tutte le novità che Liberty Media e le squadre stanno studiando per il futuro della Formula 1.

Il disegno, trapelato da un seminario a porte chiuse chiamato “Tech Talk”, segue fedelmente le linee guida tracciate dall’organizzazione statunitense per il 2021 e presenta alcune grosse novità che si vanno ad allineare ai concept presentati da altre categorie per il futuro. Le nuove vetture, infatti, monteranno i cerchi da 18 pollici e delle ali anteriori più semplici, questo per aiutare i piloti in fase di scia e sorpasso.

Saranno inoltre inseriti i para ruota posteriori, mossa ovviamente finalizzata al non decollo in caso di contatto, e un sistema Halo più evoluto rispetto alla versione attualmente in uso. Interessante anche il disegno delle pance e del cofano motore, con quest’ultimo che appare estremamente semplice e lineare. Stesso discorso per i sidepods.

Da notare che nel corso della riunione, Ross Brawn ha sottolineato come i discorsi tra Liberty Media e le squadre siano attualmente in corso e che questo bozzetto potrebbe subire delle variazioni nel corso delle prossime settimane.

 

 

totalmente inutili, vedasi indycar

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

In caso di tamponamento a forte velocità, ma per esempio durante un sorpasso possono servire. Per me è meglio averli che non averli. Tanto per capirsi: credo che se ci fossero stati Kubica nel 2007 in Canada non avrebbe avuto l'incidente che ha avuto

Share this post


Link to post
Share on other sites

I cerchi da 18 pollici mi sembrano oggettivamente una cosa necessaria. Ormai i cerchi da 13 solo totalmente anacronistici e fanno riferimento ad un mercato automobilistico che non esiste più. Per quanto riguarda i passaruota, ci può stare, attenti però a non farli diventare appendici aerodinamiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I pararuota posteriori aiuteranno molto anche in caso di pioggia. Così almeno si correrà di più senza mortificanti neutralizzazioni

Edited by Antonio91

Share this post


Link to post
Share on other sites

In IndyCar hanno semplificato l'aerodinamica dalle ali e lavorato per fare in modo che sia più facile per le vetture dietro stare in scia senza perdere carico, e standardizzando e congelando più parti rispetto al passato le vetture sono diventate più economiche.

 

Risultato? Le gare sono piene di sorpassi e gli organizzatori si trovano di fronte ad un problema importante: pare che il prossimo anno ci saranno più vetture (28 pare) che box in pit lane in alcuni circuiti.

 

https://www.autosport.com/indycar/news/138661/indycar-set-for-28car-2019-entries

 

 

 

Sinceramente viste le condizioni attuali della griglia in F1 mi viene difficile sostenere che il piano di Liberty sia sbagliato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque se hanno mostrato dei rendering sulla Ferrari, significa che dal 2021 è già in programma il dominio rosso per qualche stagione.

 

Però quella macchina ha ancora il numero 5, il che vuol dire che o Vettel ci è affezionato (come Hamilton al 44) o fino ad allora non si vince. :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

In IndyCar hanno semplificato l'aerodinamica dalle ali e lavorato per fare in modo che sia più facile per le vetture dietro stare in scia senza perdere carico, e standardizzando e congelando più parti rispetto al passato le vetture sono diventate più economiche.

 

Risultato? Le gare sono piene di sorpassi e gli organizzatori si trovano di fronte ad un problema importante: pare che il prossimo anno ci saranno più vetture (28 pare) che box in pit lane in alcuni circuiti.

 

https://www.autosport.com/indycar/news/138661/indycar-set-for-28car-2019-entries

 

 

 

Sinceramente viste le condizioni attuali della griglia in F1 mi viene difficile sostenere che il piano di Liberty sia sbagliato.

 

Presumo che i budget rispetto ad una F1 siano diversi, ma forse mi sbaglio non li conosco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Presumo che i budget rispetto ad una F1 siano diversi, ma forse mi sbaglio non li conosco.

Ovviamente son diversi, si parla di 20 milioni a stagione per un team tipo Andretti o Penske, ma il punto è che le modifiche che Liberty intende fare sono già state prese in quell'ambiente e i risultati sono stati ottimi. Si tratta solo di uno dei tanti esempi poi, da quando hanno standardizzato la classe LMP2 in endurance la popolarità ne è esplosa ad esempio.

 

L'era del motorsport come evoluzione e ricerca è finita, è evidente guardando il motorsport da una prospettiva più generale. Gli ultimi baluardi della ricerca sono F1 e LMP1-H, e lo stato in cui sono è francamente pessimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, la indycar è monomarca (telai). Non ricordo però la storia degli aerokit

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono completamente d'accordo con le regole tecniche proposte. Basta non fare cavolate con regole sportive con gare corte e griglie rovesciate.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×