Jump to content
Sign in to follow this  
ClaudioMuse

La favola del piccolo samurai immenso

Recommended Posts

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.



Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti


Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta,

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.



Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.


Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla


Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

 

 

 

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

 

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×