Jump to content
Sign in to follow this  
ClaudioMuse

La favola del piccolo samurai immenso

Recommended Posts

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: < あなたの陰茎が小さいで !!!!!! >. Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: . Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità.

Fine della storia.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: < あなたの陰茎が小さいで !!!!!! >. Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità.

Fine della storia.

Inizio della storiella:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: . Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità.

Fine della storia.

Inizio della storiella: finita la storiella.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: < あなたの陰茎が小さいで !!!!!! >. Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità.

Fine della storia.

Inizio della storiella: finita la storiella.

 

Beyond è co****e.

Edited by ema00

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: . Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità.

Fine della storia.

Inizio della storiella: finita la storiella.

 

Beyond è co****e. Ma gran figaccione.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: < あなたの陰茎が小さいで !!!!!! >. Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità.

Fine della storia.

Inizio della storiella: finita la storiella.

Beyond è co****e. Ma gran figaccione. Ma anche frocione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: < あなたの陰茎が小さいで !!!!!! >. Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità.

Fine della storia.

Inizio della storiella: finita la storiella.

Beyond è co****e. Ma gran figaccione. Ma anche frocione. E pure professoreh.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'era una volta un piccolo samurai cresciuto giocando con un dildo siliconico rotante. Partito dalle Asturie, guidando l'Apecar, giunse in Giappone, in affitto a Fukushima, dove conobbe Hitomi, immensa come l'immensità, soprattutto per il buco del cuore detto amore. Sconfisse ogni nemico a suon di bigliettoni e mail sospette, ma non era soddisfatto. Dopo anni di digiuno si rivolse al sommo Briatore, che per consolarlo gli regalò un bellissimo kimono color dell'oro. Tuttavia aveva un nemico, Kamui, che lo derideva, forte della propria bellezza. Kamui era un tipo del quale non ci si poteva fidare, perchè non andava mai su Youporn. Un giorno Fernando incontrò un uomo in rosso, di nome Bertinotti. "Chi è Fernando?" chiese Bertinotti. E lui, irritato, rispose: "GP2 Engine! WHOAAA!" sedendosi su una sdraio. Ecco un giorno un crucco che lo ammazza a Call of Duty e Beyond il finocchio nell'insalata non lo metteva mai, piuttosto preferiva metterlo tutto nel cucinare gustose lasagne vegane.

Ma il piccolo samurai non si perse d'animo e, alzandosi di scatto, salì sul podio. Questa era una cosa che sognava di fare già da bambino, l'aveva visto fare tante volte dal suo idolo con il mascellone impertinente. Litigò con Massa perché lui aveva ricevuto l'ordine di essere il preferito di Briatore: "Prova a imparare!" gli diceva il piccolo brasiliano. Sopravvissuto alla fine prese una macchinina e la mise in un tornado per vedere se il Vento poteva essergli amico, ma non funzionò. Quindi tornò da Hitomi perchè aveva sete di latte; ma San Ganchao voleva installare Dos 6.22 nel suo iWatch. "Non hai capito un caspio, devi aggiungere 3 parole non 300" gli disse; 300 Spartani morirono. "Siete dei geni" con una passione a 300 gradi, pensò il samurai, ricordando Pippo Baudo con cui corse il gran premio di Mexico City superiore, lottando contro tutti, mostrando un talento nascosto molto bene agli addetti ai lavori.

Come una catapulta, partendo dal fondo tinta per arrivare al lucida labbra fucsia, Rio nero si traveste da Ronaldo, superò ogni ostacolo grazie alla fede nella Madonna,ed Il Ferrarista fece la cacca sul bidet di James Hetfield. Il nemico Todt tifava per Higuain, antijuventino per natura, che sbagliò il rigore per la Juventus, calciando come una catapulta.

Nel frattempo Finn che la barca va, chiude la parentesi grazie ai fagioli, navigando verso le asturie con grandi flatulenze, che davano una spinta enorme, come una catapulta.

Intanto Fisichella diede una cazzata alla randa per non trovare traffico alle falde del Kilimangiaro in quanto l'epurazione di Licia Colò causava al samurai assenza di gravità permanente, con perdita di memoria che lo fece tornare al 1995 senza DRS. Intervenne Ezechiele Lupo che, come una catapulta, ridiede la virilità alle Formule giocando con automobiline senza rollbar e protezioni usate dallo shogun Kamui, che intanto, secondi o ultimi, rivelò al Samurai: . Umiliato, il piccolo samurai dalle piccole doti, andò in Bahrain con le coste incrinate ma i cattivoni della fia glielo misero in un tritarifiuti, poiché l'ecologia è importante, più di un colpo di vento e di rio nero. Dopo questa decisione il samurai dichiarò guerra al fast food quindi prese il pane ed ai suoi compagni disse: "Fernando is faster than food".

Fisichella e Kamui rubarono la Gioconda, dipinta da Alonso, comprata da Briatore, che al mercato @Kimisanton incontrò.

Venne il macellaio dai taglienti deflettori, eccitando Alba Parietti, evirando rio nero con un bordo di halo, 'chè non ci vuole molto, secondo la Molla di Massa impersonificata. Il samurai scazzatissimo, frustrato per il Tamagotchi senza batteria, picchiò Cicciolina, gran amica di ciccia pasticcia e dei cavalli rampanti su sfondo giallo, noti come Rubereki, e pianse lacrime sulla sua sdraio. Sfidò il vento e perse miseramente, sfidò Herbert Ballerina e fallì inesorabilmente, folle d'amore per Sebastian rapinatore in metropolitana.

Come ogni favola non può mancare,in un certo senso, il caciocavallo podolico di nome Herbert. Alonso lo smerdò da World Champion battendolo a scopone e scopandosi la Masolin, con KimiSanton, crucco e asturias; chiamò il figlio che chiamò il vate retro, noto indovino finlandese, pilota a tempo perso e gelataio ubriacone. Quindi Alonso munito dei propri bicipiti sollevò una polemica sulla filosofia kantiana, kantando una kanzone su Michael Schumacher da lui idolatrato come dio supremo. Jarno intanto udiva un urlo disumano proveniente dalla stanza, era Alonso eccitato: "WHOAAA! I'm excited!". Spruzzava ovunque, conscio che la mclaren diventerà la più forte e vincente del secolo ma consumando un sacco di pasticche avariate prese per via anale. Prendeva il sole al polo nord leccando le bolas dell'orso polare in letargo per mangiare papere arrosto.

Mentre su New York un forte vento uccise il samurai. Ma non Alonso, il piccolo samurai, slinguazzatore di ani inzuppati nel tamarindo, che stravinse nel büs del sgnao buttando fuori Fisichella,in mutande per prendere aria lì dove non batte Svetlana la bottana. Sotto la panca la capra crepa col piccolo samurai che se la ride. Alonso suicida impiccato risorge il terzo giorno ma viene decapitato da Beyond, che portò la testa sotto il braccio, come trofeo immenso, a casa Briatore; la testa parlava a bocca chiusa dei mondiali persi. "Vacca Boia, che sfiga!", esclamò il povero Flavio. Gli riattaccarono tutto con salame e prosciutto. Tutto? Non direi... Infatti dimenticarono il pizzetto, che indossò Hamilton ad una sfilata di rapper truzzissimi troppo matti in cuIo alla balena MobyDick con collanone dorate e micro perizoma. Ecco Jarod il camaleonte che inghiottì Alonso, salvo risputarlo verde di rabbia Hulkiana. "Force India!" esclamò l'asturiano. Ormai anziano, scelse di appendere il casco al chiodo, ma Briatore lo convinse a lavorare al Billionaire come tronista muscoloso e parcheggiatore abusivo, accompagnato da effe con uno spritz fatto di lacrime; ma la voglia di vincere gare e mondiali era troppa, e scese in strada nudo col solo volante incastonato di rubini simile alla Dreamcast gridando intensamente "ah noooo oooo aa,capito mi hai?!

Lottò col mondo, andando contro il muro del pianto, morendo dopo il titolo morale. Insieme a Morata ed a Moggi, questo proprio oggi e non domani, cari miei napoletani emigranti in Germania, la solita "lania" è la vostra merdapoletanità.

Fine della storia.

Inizio della storiella: finita la storiella.

Beyond è co****e. Ma gran figaccione. Ma anche frocione. E pure professoreh. Bandisce lestofanti molesti

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×