Jump to content
Sign in to follow this  
KimiSanton

Ferrari SF16-H

Recommended Posts

 

è un po' difficile fare recuperi in corsa senza test e con lo sviluppo dei motori bloccato. credo che l'ultima rimonta seria che ricordi risalga a ben 10 anni fa ormai

MP 4/24
ma quella era la macchina degli scienziati

 

Che poi deve averli assunti la Honda pensò :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

A sto giro la squadra è tutta nuova. Voglio essere ottimista e pensare che per tutti sbagliare è umano e perseverare diabolico. Avranno imparato qualcosa dalla scoppola 2014 e non rifaranno lo stesso errore.

Edited by Kimired

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

è un po' difficile fare recuperi in corsa senza test e con lo sviluppo dei motori bloccato. credo che l'ultima rimonta seria che ricordi risalga a ben 10 anni fa ormai

MP 4/24

 

 

vabe io parlavo di rimonta per lottare seriamente, nel 2009 la mclaren iniziò male ma perchè fecero le cose a cazz di cane, ma per vincere approfittò più che altro di qualche momentanea debacle di brawn e rb

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Loro avevano circa 8 decimi buoni di vantaggio l'anno scorso.

Facendo praticamente una evoluzione della macchina passata, probabilmente non possono averla migliorata più di tanto, anche perché non gli serviva visto il vantaggio che avevano.

Se la ferrari ha fatto tutto bene, con una macchina completamente nuova, dovrebbe aver migliorato più di loro, ma non é possibile aver annullato gli 8 decimi che avevano,quindi nella migliore delle ipotesi, credo che un distacco medio tra i 4 /5 decimi, sarebbe già un gran risultato.

Ggr

 

La cosa che spaventa tutti, me compreso è questa:

 

E se invece ci fossero riusciti? E come?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Miglioramento Power Unit, specie nel tempo di espressione della potenza massima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

il problema per la ferrari è che nel 2017 cambia tutto

e ce lo prenderemo un'altra volta nel

c*lo :up:

 

 

E se invece glielo mettessimo noi nel cuIo 2 volte di seguito? Una bella doppietta dolorosa e che genera bruciore...

 

Vi esorto tutti a recuperare la calma, sia che la Ferrari sia forte sia che... NO. La Ferrari ha cambiato Alonso (l'eterno secondo fino al 2013) con Vettel (il dominatore fino allo stesso anno. Abbiate quindi fiducia nel dominatore... siamo in una botte di ferro. Se si perde, è colpa del tedesco.

 

 

 

 

 

:whistle:;-)

Edited by crucco

Share this post


Link to post
Share on other sites

sappiate che ogni volta che fate un commento tecnico un ingegnere nel mondo muore (i gestionali non valgono)

 

comunque abbiamo l'arma segreta, il mondiale è nostro

 

CcKeJ-kWoAU-AmO.jpg

 

qui una foto ad alta risoluzione per vederli meglio, li usiamo per grattugiare la testa di hamilton? :lol2:

 

http://www.f1fanatic.co.uk/wp-content/uploads/2016/02/XPB_791342_HiRes.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io da Ferrarista sono tranquillissimo.

Ho vissuto i 20 anni di brutte figure, di nottate a dormire sui gradini della parabolica, per vedere dei terzi o quarti posti quando andava bene. .. figuriamoci se non sopporto il presente.

Ggr

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io concordo con chi vuole una ferrari veloce anche se inaffidabile preferisco lottare con la mercedesper le vittorie e magarirompere perderdendo il mondiale ai punti piuttosto che abbonarmi al terzo posto. Per quanto riguarda il resto la storiainsegnache per avere una macchina damondiale bisogna partire da lontano e visto che la sf14 era un disastro la sf16 potrebbe essere considerata uno step verso la perfezione. Il fatto di aver rivoluzionato la filosofia della vettura ptrebbe essere la base di sviluppo anche per il 2017 perchè anche se le regole cambieranno non saranno rivoluzioni totali. La mercedes ha portato una PU superiore ali altri ma la forza che ha nel telaio e nella meccanica risalgono a prima del 2014.

Poi vorrei fare un'altra considerazione (sperando di non far morire un ingegnere di domenica :asd: ) se hai tanti cavalli li devi mettere a terra in qualche modo e penso ci sia un limite fisico di stress che le gomme possono sopportare quindi resta sempre l'incognita usura pneumatici che potrebbe mescolare le carte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo, non ha più senso bacchettare la Ferrari per la mancanza di affidabilità, come stanno facendo alcuni giornali (dimenticando tra l'altro che si tratta di una vettura rivoluzionata). Avere tutto dalla vita in questo momento è un lusso che si può permettere solo Mercedes. Se si deve perdere per cambi esplosi o surriscaldamenti dei radiatori a V, che si perda così, perlomeno si ha la prestazione per divertirsi ai GP... Che l'affidabilità prima o poi la si raggiunge.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sappiate che ogni volta che fate un commento tecnico un ingegnere nel mondo muore (i gestionali non valgono)

 

 

quindi dovremmo fare più commenti tecnici

Share this post


Link to post
Share on other sites

Copio-incollo da F1 Analisi Tecnica:

 

FERRARI: la velocità c'è, ma senza la giusta affidabilità......
Anche in questa stagione, a quanto sembra dopo i primi quattro giorni di test, l'unico team che potrà dare "fastidio" alla Mercedes sarà sicuramente la Scuderia di Maranello.
Bisogna sicuramente partire con il dire che la Ferrari non poteva di certo imporsi una tabella di marcia come quella seguita dai tedeschi, date le numerose nuove soluzioni introdotte sulla SF16-H. E' stato svolto un programma che potremmo definire solitamente standard nel primo vero test di un pre stagione: si sono ricavati moltissimi dati che verranno presto elaborati poi in fabbrica verificando le giuste correlazioni tra pista e elementi di progettazione, noto problema di Ferrari fino a qualche mese fa.
Tra le numerose nuove soluzioni introdotte dagli ingegneri della casa di Maranello, già analizzate negli articoli precedenti, quella che forse più ha stupito è l’ingegnosa soluzione a doppio intercooler per il raffreddamento dell’aria compressa inviata al motore (LINK analisi tecnica). Proprio su questo circuito, in particolare sul primo scambiatore aria aria, sono stati effettuati interventi durante l’ultima giornata di test che hanno costretto al fermo Kimi per buona parte della mattinata.
La vettura sembra nata bene anche se ha sofferto di qualche problema di affidabilità che ne ha limitato il chilometraggio in pista. Problemi normali (e che Ferrari aveva messo in conto) visto che durante l'inverno, la Power Unit è stata completamente stravolta.
La vettura vista nei punti cruciali del circuito di Montmelo sembra abbastanza neutra anche se l'inserimento in curva ancora non ci ha convinto, quindi sicuramente da migliorare; era piuttosto evidente come i piloti in rosso, non riuscivano ad effettuare le linee strette che facevano quelli Mercedes, dovendo allargare le linee soprattutto nella parte centrale delle curve.
Il Team di F1AnalisiTecnica ha cercato di dare una spiegazione a questo "problema": oltre ovviamente al fatto che, modificando la tipologia della sospensione anteriore, non è cosi immediata la corretta taratura della stessa , c'è sicuramente da dire che avendo modificando filosofia aerodinamica all'anteriore (naso corto), e portando molta più aria ora al posteriore, grazie anche ad una ottima rastremazione della pance, la SF16-H potrebbe risultare una macchina piuttosto sbilanciata al posteriore. Che cosa si sta dicendo? Che il carico aerodinamico non è correttamente distribuito tra anteriore e posteriore della nuova vettura italiana, cosa che quindi crea un certo scompenso all'anteriore, il quale genera quei problemi di inserimento giustamente notati da noi in pista.
Le soluzioni, oltre ad un affinamento dei settaggi meccanici della sospensione anteriore, potranno essere quelle di scaricare il posteriore, utilizzando magari ali meno cariche, o portare in pista un'ala anteriore che riuscirà a generare il giusto carico all'anteriore, cosa che l'ala introdotta nel GP di Austin 2015, quella utilizzata nei primi quattro giorni di test non sembra fare.
La rossa è stata una delle pochissime scuderie ha testare quasi tutti i compound portati in pista dalla Pirelli. Sia Vettel che Raikkonen infatti hanno provato UltraSoft, SuperSoft, Soft e Medium, lasciando invece perdere le gomme più dure che in realtà hanno creato moltissimi problemi alla rossa nella passata stagione.
Sia Vettel che Raikkonen hanno avuto un buon feeling con le gomme "purple", le ormai famose UltraSoft, apprezzando il fatto che la SF16-H sembra riuscire a portaregli pneumatici nel giusto range di temperatura più velocemente rispetto alla SF15-T del 2015. Il giro di Vettel con le UltraSoft, che secondo molti è stato piuttosto negativo visto il cronometro, è stato in realtà percorso con molti chilogrammi di benzina, circa 50, nel serbatoio e con una potenza della Power Unit non al 100%.
Concludendo l'analisi della Ferrari che abbiamo visto a Barcellona, le velocità massime non sono state ottime a dimostrazione che la Power Unit non è stata sfruttata al massimo delle prestazioni. Nei prossimi test si proverà senza ombra di dubbio a spingere più al limite le prestazioni della Power Unit oltre ad iniziare a lavorare seriamente anche sui long run. Per ora, per quel che si è potuto vedere sia dalla pista che da alcune immagini prese dopo alcuni long run effettuati da Vettel, è che la SF16-H soffra di blistering, fenomeno anomalo viste le basse temperature dell'asfalto del Montmelo.
Secondo informazioni raccolte da F1AnalisiTecnica, il distacco tra Mercedes e Ferrari per ora sarebbe intorno ai quattro decimi, quindi molto simile a quello della passata stagione. A quanto ci è anche stato detto, da qui all'Australia, salvo grossi problemi di affidabilità, non dovrebbero esserci delle evoluzioni per quanto riguarda la Power Unit.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se davvero vettel aveva 50 kg allora è stato un ottimo giro

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi domando dove prendano certe informazioni. Per carità, i 50 kg possono anche essere verosimili, ma chi glielo assicura non si sa

Share this post


Link to post
Share on other sites

qui c'è un articolo (abbastanza poco rassicurante) in tedesco, con dei dati velocisti presi su un tratto di 400 metri tra speed trap e traguardo...
http://www.auto-motor-und-sport.de/formel-1/top-speed-f1-test-barcelona-2016-10576806.html


Questi hanno scavato il fondo del barile delle prestazioni della pu, hanno trovato ancora più potenza...
L'unica cosa che possiamo sperare è che la Ferrari abbia girato realmente castrata.

Edited by Kimired

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi domando dove prendano certe informazioni. Per carità, i 50 kg possono anche essere verosimili, ma chi glielo assicura non si sa

Considera che qualche voce esce sempre

Share this post


Link to post
Share on other sites

Figo. Hanno misurato la differenza tra la velocità sulla linea del traguardo e la velocità prima della staccata. Mercedes aumenta di circa 50 di media, mentre Ferrari era sui 40.

 

Ma anche l'articolo dice che sono dati che vanno presi con le pinze...

Edited by Froome

Share this post


Link to post
Share on other sites

regà a 'sto punto aspettiamo i prossimi giorni e vediamo gli ultimi test, lì si dovrebbe capire qualcosa di più, tra gli aggiornamenti aerodinamici della Ferrari e la Mercedes che dovrebbe spingere di più



Figo. Hanno misurato la differenza tra la velocità sulla linea del traguardo e la velocità prima della staccata. Mercedes aumenta di circa 50 di media, mentre Ferrari era sui 40.

 

secondo me comunque è un dato che vale poco, essendo una differenza di velocità dipende da come arrivi sul traguardo e questo dipende a sua volta da come percorri l'ultima curva, quindi c'è di mezzo aerodinamica, meccanica delle sospensioni, ecc...non è un dato significativo della sola potenza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo ma tranquillo che la Ferrari non ha fatto un giro con 5 litri di carburante

Share this post


Link to post
Share on other sites

La ferrari doveva anche confermare la correlazione dei dati pista-simulatore forse è per questo che ha provato tutte le gomme. se questa correlazione fosse confermata non avrebbero bisogno di spingere sulla prestazione pura perchè la vedono già al simulatore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×