Jump to content
Sign in to follow this  
ClaudioMuse

Situazione motori F1

Recommended Posts

Apro con una lettera di François Castaing alla FIA:

 

 

Formula 1 should not go bankrupt.

In recent months, Formula 1 stakeholders and teams have talked publicly about the serious problems the sport faces. They have revealed their lack of progress in their attempts to bring the programme back on track. The two ideas expressed here could help their efforts.

1: Power units

F1 stakeholders and the current power unit suppliers must accept that, while well intentioned, the 2014 move to a complex hybrid turbocharged V6 has had unforeseen negative consequences.

Paying fans have been complaining about the exhaust noise of the V6, saying that it is both reduced in level and quality. This is actually an unsolvable issue because, by design, in the hybrid V6 the maximum of exhaust gas energy is captured into electricity at the expense of the noise. The problem is compounded by the V6's low maximum RPM imposed by the fuel metering regulations.

Managing fuel consumption has visibly killed all-out racing to the flag: another complaint from the paying spectators.

Hybrid technology has been in development for passenger car production as far back as the 1990's, especially at Toyota, GM, Chrysler, Daimler/Mercedes, BMW and VAG. Only Mercedes, among the initial three power unit suppliers for F1, has been intensively developing hybrid technologies in anticipation of worldwide CO2 regulations. In 2012, Mercedes was in the position to assign hundreds of hybrid technology engineers to help design the new F1 power unit, while Renault Nissan provided none and FIAT very few.

Hence the superiority of Mercedes since the first day of practice in 2014, superiority likely to last until major changes if any are put in place in 2017. The power units' performance disparity, cause of the "processional Grands Prix" that the paying public is not happy about, is mostly due to the hybrid systems' efficiency and integration, rather than the difference in power output of the V6s themselves.

Privately and publicly chastised by their own teams for the hopeless lack of competitiveness of their power units, Renault and Honda might decide to give up and leave Formula 1. Why in the world would any other car manufacturer want to jump in to replace them?

Not only are the spectators disappointed, but the teams are disappointed too. Despite all the talk about containing costs through inscrutable regulations imposed on the power unit suppliers, annual budgets have sky-rocketed. With Honda involved now, it is probable that the F1 annual power units' overall expense budget will reach 1.5 billion Euros this year.

Last but not least, the new V6 hybrid regulations were about displaying "greenness." Saving 50 kilos of fuel per car at each Grand Prix was the advertised grand benefit for the planet. Let's candidly put this in a broader context, as transporting the show around the world burns fuel too:

1. Including the practice sessions over 20 Grand Prix, the 22 hybrid power units could save up to 6 tons of fuel per year.

2. The logistics for the 12 overseas events require about 1,200 flight hours of Boeing 747 cargo jet and 1,500 flight hours of Boeing 777 (or equivalent) for the personnel. In total, these flights will burn about 22,000 tons of fuel this year.

3. For Europe's 7 events, 200 tractor-trailers will burn 1,770 tons of fuel to transport the same material. Regular airlines will fly 1,500 Formula 1 personnel burning another 525 tons of fuel.

Without counting the fuel used by a large number of business jets shuttling stakeholders and VIPs to the 20 events, Formula 1 will burn at least 24,000 tons of fuel this season but, thank God, the new engine regulations will save 6 tons!

In view of these facts, Formula 1 and probably most car manufacturers and sponsors involved should agree to bring back the racing engines that fans have been clamouring for as soon as possible, while seeking more effective ways to show environmental responsibility.

2: Telemetry

From the drivers themselves to the fans, many question why more and more responsibilities are taken away from the athlete behind the steering wheel. This situation is the result of the never-ending invasion of telemetry sensors in the cars. The sensors, hundreds of them for top teams, monitor absolutely everything in each subsystem of the car.

The data collected in real time in the pit allow the team to enhance their driver's performance on the track. But at a growing cost: as an example, for the power units alone the manufacturers bring to each Grand Prix at least 10 engineers per car, each with a screen or two, to monitor a specific set of parameters when the car is running.

Hundreds of engineers are travelling to each event to watch those screens. While probably of great interest for engineers, it is not clear how this costly activity helps bring better racing to the paying spectators' eyes, even when good TV broadcasters attempt to display the telemetry to at-home viewers. It was not like that in the days when Formula 1 was very competitive with epic races from Senna, Prost and the like.

Telemetry in F1 costs a lot of money in capital, head count and transport. It should be banned completely starting with the 2017 season with the exception of a half dozen sensors warning of developing brake failure.

This drastic but simple change will permit talented drivers to shine and bring more uncertainty to every race as demanded by TV advertising sponsors and the paying public.

F1 as a whole not only will save money after paying all their drivers fairly, but it should take credit for seriously reducing its carbon footprint. If 500 engineers/technicians and their equipment were no longer needed at the events, the savings in fuel burned could be as high as 6,000 to 7,000 tons per year.

Suggestions:

Formula 1's next engine could be a 1,000 HP 2.8 litre turbocharged V8, with capped boost pressure, rev limited at 17,000 RPM and burning exclusively one brand of 110 octane gasoline.

Alternatively the famous 3.5 litre V10 from the mid-2000s period could and should be brought back to life.

Either alternative would cost the manufacturers and the teams only a fraction of what the current hybrid V6 costs.

The original KERS system should be reinstated.

Last, burning an ethanol based racing fuel should be considered: its usage does not require much invention. Ethanol would make the option of refuelling during races affordable for the teams and thus possible. And it is renewable fuel!

Francois Castaing
Renault Sport Technical Director 1975-1979

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutti consigli sacrosanti e giusti...

Peccato che l'attuale utilizzo delle PU ibride giri intorno ad interessi maggiori che fanno muovere parecchi ma parecchi soldi...

E' politica ragazzi, mettetevi l'anima in pace, la logica c'entra ben poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

molto favorevole alla drastica riduzione della telemetria, dei mille manettini e impostazioni da cambiare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

1 - non aveva più voglia di scrivere o esiste un motivo per il quale non ha menzionato il problema gomme?

2 - numeri impressionanti e buone soluzioni a parte dei problemi

3 - il KERS? Se l'utilizzo fosse più libero, come la possibilità di ricavare più energia dal sistema SI, altrimenti non vedo perchè dovrebbe tornare.

4 - stesso discorso per i rifornimenti: non ne sento la mancanza.

 

Tutto sommato, una buona lettera.

 

Edit: non ha menzionato nemmeno le squadre di ingegneri "strateghi" a casa, in collegamento continuo con il muretto durante la corsa, i quali analizzano una quantità enorme di dati per fare la scelta giusta. E poi sbagliano pure... (:asd:)

Edited by crucco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eliminare le comunicazioni radio. Si può solo avvertire si sc nandiere rosse. Basta con i team radio tipo :hai il freno anteriore sinistro caldo, ti manca un po di carico sull'anteriore, ricoldati questo quello gira il manettino ecc ecc. Il pilota è in macchina, deve essere bravo lui a sentire cosa succede, e decidere da solo come gestirle.

Sembrano tutti bimbi mimk

 

Ia radiocomandati.

Ggr

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti l'ingerenza degli ingegneri alle volte è cosi' oppressiva ed invadente che persino i piloti chiedono di tacere alle volte.

Questo la dice lunga sui reali interessi in gioco: si vuole la vettura in pista, a tutti i costi, nemmeno tanto per vincere ma per sfilare, secondo me, perchè gli sponsor pagano perchè quella macchina stia in pista e tutti i parametri devono essere controllati minuziosamente affinchè questo avvenga.

 

Il pilota non può azzardare, non può fare nulla senza il nulla aosta dell'ingegnere.

Ma questa è la mentalità della F1 attuale: un grande business.

 

Se questo sistema non crolla continueremo su questa strada.

Share this post


Link to post
Share on other sites

se il regolamento non fosse scritto col cu...ehm coi piedi la Ferrari f1, lasciata in piena libertà progettuale, avrebbe (secondo me) questo suono e questi motori oggi

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se il regolamento fosse stato scritto con la parte del corpo che corrisponde alla fortuna probabilmente sarebbe venuto migliore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un commento di Umberto Zapelloni (gazzetta.it), condito di proposta provocatoria (ma non così campata in aria, conoscendo Marchionne potrebbe pure realizzarsi, se il regolamento lo consente):

 

http://topspeed.gazzetta.it/2015/10/08/ma-perche-non-chiamare-alfa-romeo-i-motori-haas-o-red-bull/?refresh_ce-cp

 

08 ottobre 2015
Ma perché non chiamare Alfa Romeo i motori Haas o Red Bull?
2015-10-07T021405Z_2306527_GF10000234696

Il Cavallino Rampante, simbolo della Ferrari

L’anno prossimo la Ferrari fornirà i suoi motori a Sauber, Haas e molto probabilmente a Red Bull e Toro Rosso. Haas e Red Bull avranno le specifiche 2016 (si tratta sugli aggiornamenti), Sauber e Toro Rosso quelle di fine 2015. Per fronteggiare la concorrenza mercedes a Maranello hanno deciso così. D’altra parte la Red Bull porterà denari importanti e servirà a rendere ancora più popolare il marchio tra i giovani.

La mia provocazione a questo punto è la seguente: perché non chiamare Alfa Romeola fornitura dei motori a un team? Il 2016 sarà l’anno dello sbarco Giulia sui mercati, del grande ritorno sulle strade americane dove un certo tipo di concorrenza (Audi) avrà dei problemi per via del dieselgate, perché non spingere ancora di più con Alfa Romeo. In fin dei conti Renault aveva chiamato Infinity i suoi motori per Red Bull. E poi non scordiamo che i motori più sportivi della giulia sono di stretta derivazioneFerrari.

Insomma in attesa di un programma tutto suo per Alfa Romeo si sarebbe potuto puntare a qualcosa di questo tipo….

---

 

Io non sapevo che l'accordo con Red Bull Racing e Scuderia Toro Rosso fosse praticamente "fatto" (soprattutto con RBR)... è proprio così?

Share this post


Link to post
Share on other sites

. In fin dei conti Renault aveva chiamato Infinity i suoi motori per Red Bull.

 

Se l'è inventata questa ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti, chi l'ha inventata questa cagata? :asd: Infiniti era semplicemente main sponsor e appariva nella denominazione ufficiale della scuderia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

chissenefrega di fare pubblicità alla giulia, questo continuo rimpasto di marchi gloriosi porta solo all'inflazione dei marchi stessi, per strada faccio fatica a distinguere le maserati dalle ferrari

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quella è la presbiopia che avanza :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

chissenefrega di fare pubblicità alla giulia, questo continuo rimpasto di marchi gloriosi porta solo all'inflazione dei marchi stessi, per strada faccio fatica a distinguere le maserati dalle ferrari

 

min**ia, dove abiti?

Share this post


Link to post
Share on other sites

non ha proprio tutti i torti, in lontananza un occhio esperto non distinguerebbe molto quella di destra da quella sinistra se fossero entrambe argentate... Anzi volendo qualche occhio inesperto direbbe anche che quella di destra, vista da davanti così in 3/4 come nella foto "sembra quasi una porsche"... e non avrebbe proprio tutti i torti (Sottilineo: occhio inesperto, sulle orecchie invece dovrei dire orecchie foderate di prosciutto... visto che il suono delle due è diametralmente opposto :asd:):

 

5320666276_f7b17ac626_b.jpg

 

 

ma, lo stesso vale con le varie Jaguar e Aston Martin e Mclaren, se le prendiamo tutte dello stesso colore, volendo tutte hanno parecchia roba in comune nel design.

Ma sarebbe un grosso errore pensare che si copiano a vicenda. D'altronde però le forme non sono mica infinite. E quindi il "classico"/"morbido" sommato allo "sportivo"/"lussuoso", da come risultato quelle forme là.

C'è da dire però che invece Lamborghini,Bugatti e soprattutto Pagani le riconosci lontano un miglio, ma infatti hanno un rapporto tra classico e sportivo molto più sbilanciato. Per molti una lamborghini è una volgare nave spaziale adatta ad un calciatore/rock-star, mentre una Ferrari nera è (effettivamente) adatta anche come macchina da dirigente aziendale. Questioni relative ai gusti delle singole persone.

 

Rimane il fatto che dovessi spendere i soldi per una bella macchina io mi comprerei proprio una Maserati (magari in futuro visto che non ho un budget del genere in tasca, ma quindi sarà proprio futuro futuro futuro futuro, tipo quando sarà già superata la 4 guerra mondiale :asd:) , perchè la Maserati ha un design morbido tipo Ferrari e i motori sono montati a Maranello, ma al tempo stesso non costa proprio tantissimo, anche se non te la regalano, comunque costa sui 70000 che è meno di un terzo dei prezzi base della Rossa.

Anche perchè poi... una Pagani mi costerebbe quanto 4 x Ferrari e a questo punto preferirei avere 4 Ferrari in garage se proprio potessi scegliere. Non parliamo della Bugatti, per me (opinione personale) ha prezzi che fanno ridere, per quanto è vero che vada a 400 km/h e bla bla bla...

Edited by Pneumatico Usurato

Share this post


Link to post
Share on other sites

bravo Pneumà, stavo postando anch'io un paio di foto altro che presbite -_- (è vero che avanza ma le macchine non le incontri a 2 cm dal naso :asd:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me le etichette sopra il motore o chassis di altri non mi piacciono. Se la Lotus che fa macchine (quella inglese di proprietà malese) volesse entrare in F1 con il nome Lotus va bene. Se invece il team Arden comprato da Fernandes si chiama Lotus e poi la Renol (ex Toleman, Benetton) fa causa e si chiama allo stesso modo non mi va bene (tra l'altro colorando la macchina con i colori di uno sponsor che non è il loro sponsor).

Se il motore Red Bull fosse ALFA Romeo, quello Haas Maserati e quello Sauber Abarth, saremmo di fronte a dei falsissimi storici. Si tratta di un motore Ferrari e basta. A me piacerebbe che ci fosse un motore indipendente, fatto veramente ad Arese come la Porsche e Audi che si battagliano in WEC in modo indipendente pur dipendendo dallo stesso gruppo.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine Lotus al momento è name sponsor del team attuale. Potrebbe restarlo anche con Renault, per dire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine Lotus al momento è name sponsor del team attuale. Potrebbe restarlo anche con Renault, per dire.

 

Beh l'ha già fatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appunto :up:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×